MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 30 giugno 2004

    mauritius #04

    tarda mattinata.
    mare caldo e meraviglioso.
    tutti gli ospiti dell’albergo in acqua a godersela.
    tre ragazzini, solo loro, sguazzano in piscina.
    urlano.
    si buttano dentro e fuori.
    schizzano.
    fanno un gran casino.
    fottendosene di tutti e di tutto.
    guardati con disprezzo da silenzioni inglesi, da discreti tedeschi, da riservati francesi.
    guardo il tutto da lontano, mi avvicino.
    sento le loro voci:
    “‘A FRANCE’, E BUTTA ‘STA PALLA! ‘A CARLE’ E TUFFATE!”
    italiani.
    viaziati bambini italiani…

    Nessun Commento »

    30 giugno 2004

    mauritius #03

    sono ancora qui, in quel delle mauritius.
    ad onor del vero e’ tutto meraviglioso, tempo splendido, mare cristallino, spiagge bianche, cielo terso con nuvole bianche che passano veloci, acqua del mare calda…

    “ah benedusi, ma rivaffanculo!!!”

    Nessun Commento »

    27 giugno 2004

    mauritius #02

    sono ancora qui, o li’ a seconda dei punti di pista.
    i punti di vista sono importanti.
    relativizzano le cose.
    in ogni caso sono ancora alle mauritius.
    in questa riserva per ricchi.
    uguale a mille altre dovo sono stato.
    la gente non esce mai di qui.
    viene qui solo per il caldo e il mare, ma non hanno la piu’ vaga idea di dove si trovino.
    potrebbe essere giamaica, tailandia, cuba.
    tutto uguale.
    cibo italiano.
    tiramisu’.

    piove…

    Nessun Commento »

    24 giugno 2004

    per portarmi a…

    alle mauritius!
    per dieci giorni fotografo costumi da bagno per sport illustrated s.a.
    se qualcuno vuole venire a trovarmi sono qui:
    www.paradis-hotel.com

    “ah benedusi, ma vaffanculo!”

    Nessun Commento »

    23 giugno 2004

    si riparte

    dopo un periodo milanese di super lavoro, sabato, domenica, giorno, notte, sono tornato a linate per prendere l’ennesimo aereo.
    adesso sono a parigi.
    camera d’albergo.
    il mio mac è sul tavolino, il cavo dell’ethernet collegato, e in un attimo sono su internet…
    oggi pomeriggio un nuovo aereo mi aspetta.
    per portarmi a…

    Nessun Commento »

    20 giugno 2004

    ecologia

    non so bene com’è, ma mentre nella vita di tutti giorni penso di essere una persona tollerante, chissà perchè quando mi metto a scrivere qui mi viene spesso e volentieri da scrivere su cose che mi fanno girare le palle:
    a milano io ascolto la maggior parte del tempo una radio che si chiama life gate
    http://www.lifegate.it/statico/homepage.html
    è un’ottima radio perchè non parlano mai e mettono solo bella musica.
    e fin qui ci siamo.
    i ragazzi di life gate sono molto presi dalla questione ecologica.
    e anche fin qui ci siamo.
    il problemino è che si sono inventati una cosa che si chiama “impatto zero”.
    funziona che loro calcolano l’impatto ambientale che le nostre azioni di occidentali primomondisti tecnologici inquinatori provocano, noi diamo loro del denaro e loro con questo denaro piantano degli alberi dall’altra parte del mondo, mi sembra in nicaragua, abbastanza per “ripagare” la natura dell’inquinamente da noi provocato.
    e teoricamente ci siamo.
    però poi ci penso un attimo…
    ma come?
    noi inquiniamo qui, e ci puliamo soprattutto la coscienza piantando alberi dall’altra parte del mondo?
    ha aderito a questa cosa vasco rossi.
    che a me tra l’altro tanto piace, e sono anche andato a vedere a san siro l’anno scorso.
    nonosante la mia faziosità non posso non avere comprensione per gli abitanti intorno allo stadio, che ad ogni concerto si lamentano per la musica sparata al massimo e per le vibrazioni che, dicono, fanno muovere i lampadari.
    io mi godo vasco rossi dentro allo stadio, ma se affianco a casa mia suonasse un gruppazzo heavy metal mi incazzerei come una bestia…
    e cosa si può dire agli abitanti intorno a san siro?
    a quelli che hanno un bambino piccolo che non riesce a dormire?
    a quelli che hanno un mal di testa da morire e vorrebbero stare nel silenzio?
    a quelli che hanno 90 anni e il sonno leggero?
    a tutti questi gli si dice e si consolino con la notiziona che vasco rossi ha piantato 1000 alberi in nicaragua!
    olè!

    Nessun Commento »

    20 giugno 2004

    shooting

    ieri ennesima giornata di shooting.
    ero qui.
    cava di marmo a carrara.
    posto meraviglioso.
    la cava è in attività da duemila anni.
    il puntino colorato è la modella…

    Nessun Commento »

    11 giugno 2004

    beneficenza #?

    torno ancora una volta, spero io per primo sia l’ultima, sull’argomento della beneficenza.
    in questi giorni a milano si apre una manifestazione che si chiama convivio.
    famosi stilisti e case di moda danno i loro capi che vengono venduti scontati; il ricavato viene dato in beneficenza.
    allora…
    debbo stare calmo, che mi prudono le dita…
    mi sento come la “sposa” in “kill bill”. pronto a sguainare la raffinatissima spada giapponese, e tagliare la testa a tutti gli ipocriti del cazzo del mondo della moda.
    cominciamo, facendo il conto della serva.
    si vantano, lor signori, che l’anno scorso sono stati incassati, parlo in lire che mi viene più facile, circa 5 miliardi. che in effetti è una bella cifra. si da il caso però che i partecipanti a tutto l’amabaradam sono stati circa 150.
    5 miliardi diviso 150 fa 34 milioni.
    siamo alle solite: noi poveracci tiriamo fuori i soldi per comprare i fondi del magazzino dei miliardari, i miliardari si pavoneggiano come salvatori della patria, e tutto questo per cosa? per miseri 35 milioni ogni cazzo di stilista!
    ma sapete quanto costa una pagina pubblicitaria?
    ma sapete quanto vale un’uscita sul corriere della sera che parla di te?
    decine e decine di milioni. e loro se la cavano con 35 milioni a testa.
    alcuni di loro sono le persone più ricche d’italia.
    stramegamiliardari.
    aprezzerò la loro beneficenza quando:
    apriranno i loro mega negozi con le collezioni dell’ultima ora a tutti. tutti. tutti possono entrare e prendere quello che vogliono.
    fanno un assegno di 35 miliardi a testa.
    i soldi li distribuiscono a pioggia, un po’ di qui un po’ di lì, non solo per la cura dell’aids. e sì perchè questa è la ciliegina: tutto ‘sto ambaradam per supportare le cure dell’aids. ma tu pensa! ma tu guarda!
    ne ignoro la ragione ma ho come idea che la tremenda malattia sia una malattia proprio della categoria.
    insomma con i nostri soldi aiutiamo dei miliardari a curare se stessi.
    a stilisti! ma andate affanculo!

    Nessun Commento »

    8 giugno 2004

    de andrè 02

    Quei giorni perduti a rincorrere il vento
    a chiederci un bacio e volerne altri cento
    un giorno qualunque li ricorderai
    amore che fuggi da me tornerai
    un giorno qualunque ti ricorderai
    amore che fuggi da me tornerai
    e tu che con gli occhi di un altro colore
    mi dici le stesse parole d’amore
    fra un mese fra un anno scordate le avrai
    amore che vieni da me fuggirai
    fra un mese fra un anno scordate le avrai
    amore che vieni da me fuggirai
    venuto dal sole o da spiagge gelate
    venuto in novembre o col vento d’estate
    io t’ho amato sempre, non t’ho amato mai
    amore che vieni, amore che vai
    io t’ho amato sempre, non t’ho amato mai
    amore che vieni, amore che vai

    amore che vieni amore che vai
    fabrizio de andrè

    Nessun Commento »

    1 giugno 2004

    welcome back to italy

    sul taxi dalla malpensa verso milano.
    il taxista, con FORTE accento milanese, si gira verso di me:
    “scusi se mi permetto, la sentivo parlare al telefono, ma da dove arriva?”
    ora come ora arrivo dall’olanda, ma ero a cape town, in sud africa”
    “in sud africa? ma come faceva con tutti qui NEGRI???”

    Nessun Commento »