MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 29 aprile 2006

    cape town_03/alba

    cazzo che sonno.
    sono le 5 e mezzo del mattina, e sono in questo aeroporto gia’ da un’ora. sveglia alle 4.
    ok, c’e’ gente che lo fa tutte le mattine, ma io non sono la gente che lo fa tutte le mattine, e ho veramente troppo sonno. solo soletto, come al solito in un posto che non so dove sia, scrivendo parole senza senso che vanno a depositarsi non so dove e che verranno lette da chi sa chi.
    probabilmente le leggerai tu, ma questa e’ solo una certezza da adesso in poi, che tu le stai leggendo, prima era solo una mia ipotesi. tu chi? ma tu, no!
    questa settimana e’ andata molto bene, ho lavorato bene facendo secondo me belle cose. ho visto, ho parlato, ho vissuto…insomma non sono stati giorni inutili, rischio che a volte si corre vivendo. ho finito una bella biografia di fabrizio de andre’, nella quale , tra l’altro, c’e’ questa frase di fabrizio: “la vita e’ l’unica malattia la cui guarigione e’ certa”.
    fare quello che faccio mi piace sempre, mi emoziona, mi diverte.
    le domande sono sempre le stesse, sempre le stesse consuete domande, come in questa bellissima canzone di francesco guccini:
    “Ancora qui a domandarsi e a far finta di niente come se il tempo per noi non costasse l’uguale,
    come se il tempo passato ed il tempo presente non avessero stessa amarezza di sale.
    Tu non sai le domande, ma non risponderei per non strascinare parole in linguaggio d’azzardo;
    eri bella, lo so, e che bella che sei; dicon tanto un silenzio e uno sguardo.
    Se ci sono non so cosa sono e se vuoi, quel che sono o sarei, quel che sarò domani…
    non parlare non dire più niente se puoi, lascia farlo ai tuoi occhi, alle mani.
    Non andare… vai! Non restare… stai! Non parlare… parlami di te!
    Tu lo sai, io lo so, quanto vanno disperse, trascinate dai giorni come piena di fiume
    tante cose sembrate e credute diverse come un prato coperto a bitume.
    Rimanere così, annaspare nel niente, custodire i ricordi, carezzare le età;
    è uno stallo o un rifiuto crudele e incosciente del diritto alla felicità?
    Se ci sei, cosa sei? Cosa pensi e perché? Non lo so, non lo sai; siamo qui o lontani?
    Esser tutto, un momento, ma dentro di te. Aver tutto, ma non il domani.
    Non andare… vai! Non restare… stai! Non parlare… parlami di te!
    E siamo qui, spogli, in questa stagione che unisce tutto ciò che sta fermo, tutto ciò che si muove;
    non so dire se nasce un periodo o finisce, se dal cielo ora piove o non piove.
    Pronto a dire: “Buongiorno”, a rispondere: “Bene”, a sorridere a “Salve!”, dire anch’io: “Come va?”
    Non c’è vento stasera. Siamo o non siamo assieme? Fuori c’è ancora una città?
    Se c’è ancora balliamoci dentro stasera, con gli amici cantiamo una nuova canzone…
    Tanti anni, e sono qui ad aspettar primavera, tanti anni, ed ancora in pallone.
    Non andare… vai! Non restare… stai! Non parlare… parlami di te!
    Non andare… vai! Non restare… stai! Non parlare… parlami di noi!”

    Nessun Commento »

    25 aprile 2006

    cape town_02/tecnica

    spesso e volentieri mi si chiede di questioni tecniche, di macchine fotografiche, di computer, e quant’altro.
    sono argomenti dei quali non mi importa nulla ma che reputo importantissimi.
    trovo che la tecnica, per un fotografo e per qualsiasi altro creativo, non abbia nessuna rilevante importanza ma nel contempo sia fondamentale.
    è un po’ come per chi deve scrivere, l’uso corretto della grammatica e della sintassi non sono importanti ma diventano fondamentali per scrivere un bel romanzo. importanti sono le idee e le emozioni.
    quindi venendo, una volta per tutte, alla tecnica con la quale io lavoro:
    scatto quasi sempre con una canon eos 1 ds mark 2, che trovo una macchina straordinaria. è veloce, potente, solida, con un autofocus precisissimo e super affidabile. trovo antistorico ed anacronistico non usare il digitale, che reputo meglio della pellicola sotto ogni punto di vista. sicuramente andare in giro con una carrozza trainata da tre cavalli bianchi è più affascinante che non girare per milano con il motorino. ma il motorino è immensamente più comodo, veloce, efficente e, non ultimo, economico. quindi io giro con il motorino e scatto in digitale.
    il sensore della canon è sufficentemente grande per avere dei files da 46 mega, più che sufficenti per la maggior parte delle esigenze. con questa macchina ho fatto anche fotografie poi stampate sei metri per tre: nessun problema.
    non ho mai usato in vita mia un pannello riflettente in esterno.
    nella maggior parte dei casi scatto con un obbiettivo normale, il 50mm.
    mi piace avere un punto di vista “umano”, il “nostro” punto di vista.
    è molto raro che usi il cavalletto.
    insomma scatto in maniera molto molto semplice.
    per semplificare ulteriormente (il semplificare è la mia prima esigenza…) scatto in jepg alla massima qualità. questo mi permette di avere dei file compressi abbastanza leggeri. scarico tutto tramite schede da due giga sul mio portatile MAC. inutile dire che i MAC sono infinitamente meglio dei PC.
    da pochi giorni ho un nuovo macbook pro. mi sembra ottimo e molto veloce. per una prima scelta delle immagini le apro con il programma “iwiev media pro”. è velocissimo ad aprire anche molte fotografie.
    una volte scelte, apro le immagini con, ovviamente, photoshop.
    inutile dire, ma lo dico, che photoshop è l’unico software adatto per il ritocco e l’elaborazione delle fotografie.
    è importante avere molta ram sul MAC, per riuscire a lavorare bene: sul portatile ne ho due giga, sul G5 in studio 8 giga.
    ritocco le immagini mantenendole sempre in RGB, affidando la conversione in quadricromia al fotolitista.
    e poi? e poi basta! io penso che maggiore sia la semplicità, e maggiore sia la sicurezza di un buon risultato.
    come non mi stancherò mai di dire, penso che quello che conti siano le idee e le emozioni che ci sono dietro alle tecniche.
    è fondamentale conoscere perfettamente la tecnica per dimenticarla, per poter far parlare senza intoppi le nostre emozioni, tutto il resto è e resta sterile accademia.

    Nessun Commento »

    24 aprile 2006

    cape town_01/ideologie

    eccomi qui…sono in quel del south africa a scattare e, come promesso, cercerò, almeno fin quando sono qui, di scrivere tutte le sere.
    è sempre una sorpresa venire a cape town, perchè è una sorpresa ribaltare le stagioni. non è solo il fatto del freddocaldo, il fatto è che qui è come settembre da noi, c’è l’uva, fiorisce la lavanda, le giornate cominciano ad essere corte…
    ma non è di questo che volevo parlare.
    da poco abbiamo avuto le elezioni politiche, e sono andate come nessuno di noi ha capito come siano andate. ma non è neanche di questo che volevo parlare. quello che vorrei dire è questo: io penso che ci sia da parte di tutti una eccessiva fiducia nelle ideologie. chi spera vinca la destra, chi spera vinca la sinistra…tutti convinti che con quella vittoria le cose cambieranno, cambiando ovviamente in meglio. il fatto che una precisa ideologia sia sopra e dietro ad un movimento, ad un gruppo di persone, ad un partito, secondo la maggior parte della gente farà in maniera che quel gruppo di persone si comporterà come suggerisce quella stessa ideologia.
    purtroppo io non penso sia così.
    purtroppo io non penso che le ideologie servano a niente.
    la classe politica è sempre e solo la precisa rappresentazione della nazione che la elegge. i nostri politici sono dei ladri egoisti e poco interessati al bene comune perchè così siamo noi. è impossibile che la parte sia diversa dal tutto.
    chiunque vada al potere in svezia (dico per dire) , sarà per bene, morigerato, incorrutibile ed attento al bene comune, chiunque vada al potere in …(non vorrie offendere nessuno, fate voi…) sarà corrotto ed egoista.
    una nuova ideologia non cambia ne’ migliora una nazione.
    in germania erano precisi ed efficenti sotto il nazismo come sotto il governo di sinistra del dopoguerra.
    lo stesso discorso mi sembra pertinente per quello che riguarda la religione, o meglio la chiesa: forse la religione e la chiesa hanno reso l’uomo migliore? io direi proprio di no. chi è una brava persona lo è anche senza chiesa, chi è pedofilo lo è anche da sacerdote.
    le ideologie non ci salvano.
    le ideologie non sono il rimedio.
    e quindi? bisogna che le cose vadano per la loro strada senza alcun rimedio da parte nostra? bisogna prendere il mondo per come è? non si può migliorare?
    io penso si possa.
    io penso si debba.
    con altri mezzi, con altri strumenti.
    con la cultura.
    con l’arte.
    con la musica.
    con la conoscenza.
    solo questo ci può migliorare.
    “fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtude e conoscenza”

    Nessun Commento »

    23 aprile 2006

    traveling

    questa non è male:
    sono in viaggio.
    è l’una e dieci di notte, ho appena finito di cenare, nel mio i pod suona jim white e poco fa suonava isobel canpbell&mark lanegan. tutti e due bellissimi album.
    apro il mio powerbook pro, lo accendo seguo le semplici e veloci istruzioni, e sono collegato.
    il fatto insolito che sono a ottomila metri di altezza, dentro ad un’aereo!
    in questo momento ci troviamo…un attimo che controllo…ecco, sì, sopra l’egitto, dopo essere partiti da francoforte.
    insomma, siamo di nuovo in viaggio. verso nuovi lavori.
    prometto che, nella prossima settimana in south africa, scriverò spesso e volentieri, forse addirittura tutti i giorni…
    stay tuned!

    Nessun Commento »

    18 aprile 2006

    adesso

    è vero, scrivo poco, e mi dispiace, perchè scrivere è sempre un momento piacevole, una pausa, una parentesi per sè stessi.
    ma il problema è che sono sempre troppo incasinato, troppe cose da fare, una gran marasma…
    a testimonianza di ciò, per fare il punto della situazione e per “fotografare” l’oggi, un piccolo elenco di ciò che di mio c’è in questo momento in giro in italia:
    -copertina della rivista “interni” http://www.internimagazine.it/specialemilano/sommario.html
    -10 pagine di redazionale sulla rivista “elle decor”
    -copertina e servizio su di me sulla rivista “pc photo”
    -sei pagine con servizio su fabio volo sulla rivista “max”
    -questa settimana ritratto di giorgio pasotti sulla rivista “grazia”
    -campagna pubblicitaria “pin up stars” in giro, e questa settimana su “vanity fair” http://www.dellamoda.it/hdoc/news.asp?idnews=69129
    -campagna pubblicitaria “veneta cucine” in giro
    -campagna pubblicitaria “lubiam”, in giro e questo mese su gq style
    -campagna pubblicitaria “celyn b” sui mensili moda e qui
    http://www.celynb.it/
    -campagna pubblicitaria “miss blumarine” in giro
    -sei pagine di costumi da bagno su “for men”

    panta rei…

    Nessun Commento »