MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 30 aprile 2007

    diane arbus

    ho visto con ingiustificabile ritardo il film FUR, liberamente tratto dalla biografia della fotografa diane arbus.
    regia di steven shainberg, con nicole kidman e robert downey.
    la storia che racconta non è vera, ma verosimile.
    è un bellissimo film, che ha tra l’altro il grande merito di focalizzare la nostra attenzione e soprattutto di quelli che non la conoscono, sulla grandissima fotografa americana, che nasce a new york nel 1923 e muore suicida nel 1971.
    il film ci racconta della meravigliosa infatuazione che abbiano noi che amiamo la “dark side of the moon”.
    la stessa che aveva la grandissima fotografa americana, che da una lato guardava con occhio spietato la realtà, dall’altro trovava nella realtà stessa quel diverso, quell'”altro”, quel mistero che fa in maniera tale che la realtà stessa ci parli del lato oscuro e misterioso delle cose.
    gli altri, siamo noi.
    qui sopra, finalmente una bellissima fotografia nel mio sito: una fotografia della grandissima diane arbus.

    Nessun Commento »

    24 aprile 2007

    new pin up advertising

    in giro sui giornali ora…

    Nessun Commento »

    22 aprile 2007

    milano, adesso

    la realtà, non esiste.

    Nessun Commento »

    18 aprile 2007

    flying back

    lo ammetto mi sento una merda: decido di finire la biografia di robert capa e mi ritrovo a leggere proprio mentre sono bello spaparazzato in aereo di quando lui, temerario fotoreporter mica un fighetto fotografo di moda, senza aver fatto mai una prova, viene letteralmente buttato giù da un aereo e paracadutato durante lo sbarco in sicilia.
    io ho pure lo schermo della televisioncina privata che mi mi fa vedere in diretta l’aereo mentre solca i cieli africani.
    e la copertina contro il freddino dell’aereo.
    e l’Ipod.
    e i cioccolatini.
    merda merda merda. sono una merda.

    Nessun Commento »

    18 aprile 2007

    south africa_05

    allora: uno viene via dall’italia e soprattutto dalla fighetta milano per andare nella maschia e sportivissima sud africa.
    una volta lì decide di andare a scattare nel selvaggissimo capo di buona speranza, landa desolata lontana da tutto e da tutti.
    uno fa tutta questa strada e cosa trova?!?
    il bar che ho fotografato e che trovate qui sopra.
    voglio tornare a milano!!!!

    Nessun Commento »

    16 aprile 2007

    south africa #04_libri

    due libri letti in questa trasferta africana:
    il primo “i barbari” di baricco, edizioni fandango.
    molto interessante, un trattato riguardo a dove sta andando il mondo.
    tratto da questo libro:
    “contemplando i musi dei cavalli e le facce della gente, tutta questa viva corrente sollevata dalla mia volontà e che corre a precipizio verso il nulla nella steppa purpurea al tramonto, spesso penso: dove sono io, in questa corrente?” citando gengis khan

    l’altro libro il sempre grandissimo simenon, con “il piccolo libraio di archangelsk”, edizioni adelphi.

    Nessun Commento »

    15 aprile 2007

    south africa #03

    evaporato in una nuvola rossa
    in una delle molte feritoie della notte
    con un bisogno d’attenzione e d’amore
    troppo, “se mi vuoi bene piangi ”
    per essere corrisposti,
    valeva la pena divertirvi le serate estive
    con un semplicissimo “mi ricordo”:
    per osservarvi affittare un chilo d’erba
    ai contadini in pensione e alle loro donne
    e regalare a piene mani oceani
    ed altre ed altre onde ai marinai in servizio,
    fino a scoprire ad uno ad uno i vostri nascondigli
    senza rimpiangere la mia credulità:
    perché già dalla prima trincea
    ero più curioso di voi,
    ero molto più curioso di voi.

    E poi sorpreso dai vostri “come sta”
    meravigliato da luoghi meno comuni e più feroci,
    tipo “come ti senti amico, amico fragile,
    se vuoi potrò occuparmi un’ora al mese di te”
    “lo sa che io ho perduto due figli”
    “signora lei è una donna piuttosto distratta.”
    e ancora ucciso dalla vostra cortesia
    nell’ora in cui un mio sogno
    ballerina di seconda fila,
    agitava per chissà quale avvenire
    il suo presente di seni enormi
    e il suo cesareo fresco,
    pensavo è bello che dove finiscono le mie dita
    debba in qualche modo incominciare una chitarra.

    e poi seduto in mezzo ai vostri arrivederci,
    mi sentivo meno stanco di voi
    ero molto meno stanco di voi.

    potevo stuzzicare i pantaloni della sconosciuta
    fino a farle spalancare la bocca.
    potevo chiedere ad uno qualunque dei miei figli
    di parlare ancora male e ad alta voce di me.
    potevo barattare la mia chitarra e il suo elmo
    con una scatola di legno che dicesse perderemo.
    potevo chiedere come si chiama il vostro cane
    Il mio è un po’ di tempo che si chiama Libero.
    potevo assumere un cannibale al giorno
    per farmi insegnare la mia distanza dalle stelle.
    potevo attraversare litri e litri di corallo
    per raggiungere un posto che si chiamasse arrivederci.

    e mai che mi sia venuto in mente,
    di essere più ubriaco di voi
    di essere molto più ubriaco di voi.

    fabrizio de andrè
    amico fragile

    Nessun Commento »

    13 aprile 2007

    south africa #02

    e mentre io spreco energie e tempo a ricordare fattarelli insignificanti di cui non interessa niente a nessuno (vedi post precedente…) succedono le tragedie vere: mentre io scattavo con la mia canon pure attrezzata con un voluminoso ring flash, il nostro amato teddy bear si trovava incautamente a passare sotto di me.
    una mia infelice distrazione portava la macchina fotografica a scivolarmi dalle dita e a schiantarsi sul povero pupazzo.
    non c’è stato nulla da fare.
    🙁

    Nessun Commento »

    13 aprile 2007

    south africa #01

    delle cose che tutti noi facciamo prevale spesso il tentativo di ricordane quelle più importanti, quelle che hanno provocato effetti più dirompenti o semplicemente quelle più macroscopicamente più significative.
    quando si chiede a qualcuno di ricordare i fatti più importanti della propria vita normalmente lui ricorderà la laurea, il primo bacio, la nascita del primo figlio, il matrimonio…cose così.
    anche i fatti e i personaggi storici sono ricordati per un certo evento accaduto un certo giorno, chessò cristoforo colombo trova il top della propria vita il 12 ottobre del 1492, allorchè non solo scopre l’america ma anche si trova a dividere il medioevo dall’era moderna.
    chissà però quel giorno il povero cristo_foro come si sentiva, come stava, come si è svegliato quella mattina.
    insomma, i dettagli.
    i dettagli della vita che rendono spesso la vita speciale, ma che spesso, da tutti noi, vengono inesorabilmente dimenticati.
    vorrei allora, soprattutto per me e per mia futura memoria, cercare di fissare il ricordo del dopo pranzo di ieri, qui in south africa dove sto lavorando.
    c’era una bella temperatura, che è una cosa molto importante. quella temperatura che fa in maniera tale che all’ombra sia fresco, ma caldo al sole.
    ho pranzato dopo aver scattato tutta la mattinata.
    un pranzo semplice e, se vogliamo, quello pur dimenticabile…in ogni caso, per essere precisi, due panini “caprese” e due coca cole. però il pane era buono, con i semini fuori, la mozzarella certo non era granchè, ma il pomodoro e soprattutto il basilico niente male.
    ok, ho pranzato e mi sono diretto verso la sedia di legno che vedete qui sopra. strategicamente rivolta verso il sole.
    mi sono sdraiato lì e mentre i miei amici parlavano mi sono lentamente addormentato. insomma mi sono tirato un gran bel pisolino.
    ‘na pennica!
    al sole.
    caldo ma non fastidioso.
    questo accadeva ieri, 12 aprile del 2007, intorno all’una.
    tutto qui.

    Nessun Commento »

    11 aprile 2007

    fashion internet magazine

    se andate qui
    http://www.fashion-ph.it/
    tovate il secondo numero di una rivista che esiste solo su internet e che due intraprendenti ventenni hanno fondato solo qualche mese fa.
    la rivista si chiama fashion ph.
    elisa e valentina, questo il nome delle coraggiose fanciulle, mi hanno scritto tempo fa, e, nonostante non le abbia neanche mai viste in faccia e neanche ci abbia mai parlato al telefono, mi è sembrato giusto premiare l’amore verso la fotografia di moda che le due ragazze hanno dimostrato buttandosi in questa avventura.
    sicuramente il loro progetto è embrionale e va perfezionato in mille cose, ma è ammirevole che qualcuno faccia qualcosa non per un immediato e concreto riscontro economico, ma solo per passione.
    tutto questo va, appunto, premiato.
    e io, nel mio piccolo piccolo, ho cercato di dar loro una mano, e quando mi hanno chiesto un’intervista glielo subito fatta avere.
    ragazze, buona fortuna.

    Nessun Commento »