WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archivio

  • novembre 2018
  • settembre 2018
  • agosto 2018
  • giugno 2018
  • aprile 2018
  • febbraio 2018
  • gennaio 2018
  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 28 aprile 2009

    sharm el sheik

    sono a scattare in uno dei posti peggiori al mondo: sharm el sheik.
    (cliente che eventualmente leggi queste righe, non preoccuparti, per fare foto di costumi da bagno quando in italia viene giù il finimondo e sembra di essere in scozia a novembre è perfetto…).
    diciamo uno dei posti peggiori al mondo per andarci in vacanza.
    ce ne sarebbero da raccontare, o meglio, ci sarebbe da fare un bel servizio fotografico alla martin parr.

    ma non ho il tempo ne’ di scrivere ne’ tanto meno di martinparrare.

    una cosa veloce però la vorrei dire:
    nei confronti degli egiziani in italia, poche balle, tutti, chi più chi meno, siamo un poco razzisti e pensiamo che l’egiziano a milano sia, diciamo così, peggiore di noi. noi mondo occidentale, noi primo mondo, noi moderni, loro l’opposto.
    poi uno vieni qui.
    gli occidentali che ci sono nel posto dove io mi trovo, sono delle bestie. pancioni, pelati, nessuno sa una lingua che non sia il bergamasco, stanno tutto il tempo in piscina a 200 metri dal mare, assaltano il buffet come cavallette impazzite strafogandosi di ogni cosa, leggono (quando va bene) al massimo CHI, hanno bambini viziati e maleducati che urlano o giocano alla playstation, vestiti in maniera terrificante, con gli occhialoni di dolce&gabbana e i pantaloni zebrati di cavalli. ok?!? reso l’idea?

    gli egiziani che abbiamo conosciuto parlano l’italiano meglio di tanti italiani che sono qui, parlano l’inglese, sono educati, sono colti, sono vestiti in maniera morigerata…insomma NOI siamo le bestie, e LORO sono i signori.

    basta, tutto qui
    e poi odio il caldo
    (cliente che eventualmente leggi queste righe, non preoccuparti, tutto benissimo…)

    26 Commenti »

    24 aprile 2009

    fashion vs design

    design 10
    fashion 0

    che imparino quegli stronzi fighetti saputelli della moda: eventi pieni di gente, mille cose democraticamente aperte a tutti, vivacità, ingegno italiano portato alla ribalta del mondo…tutto questo e molto di più è la settimana del design a milano.

    qui sopra la rockstar fabio novembre e l’artista emiliano ponzi durante l’allestimento della mostra di fabio, dove i trabattelli degli operai ricordano la scena finale del film da tutti noi preferito e non a caso riprodotto sui video della mostra di fabio: otto e mezzo di fellini…

    23 Commenti »

    21 aprile 2009

    il fiore di novembre

    si inaugura domani in triennale a milano “il fiore di novembre”, una fantastica mostra di fabio novembre della quale ho avuto la fortuna di vedere questa sera l’allestimento in fieri: tutto è veramente meraviglioso, l’arte di fabio, i disegni di emiliano ponzi, le luci, la musica di giuliano sangiorgi, l’allestimento…

    forse sono un pochino di parte, perchè fabio è anche più di un amico.
    ma datemi retta, se potete andate a vederla.

    qui sopra la copertina di urban, uscita oggi, con un mio ritratto di fabio, dove il disegno di emiliano si proietta sul suo corpo e l’ombra si stacca dalla realtà diventando essa stessa disegno…

    5 Commenti »

    15 aprile 2009

    terremoto

    vorrei scrivere due righe (guarda tu la presunzione!) sul terremoto che ha colpito da pochi giorni l’abruzzo.

    sull’argomento in verità sarebbero da scrivere un sacco di cose, ma vorrei focalizzarmi in particolar modo solo su una: la polemica sulle case che sono crollate al suolo come se fossero di sabbia.

    tutti si sono stupiti, tutti hanno gridato allo scandalo, tutti si sono indignati!

    stupirsi?!?!
    scandalizzarsi?!?!
    indignarsi?!?!

    prima di scrivere questo post avrei voluto andare a fotografare una piazza vicino a casa mia qui a milano che da pochissimi anni (ma potrei dire mesi) è stata fatta completamente nuova, a causa di un parcheggio che è stato costruito sotto di essa.
    avrei voluto fotografare i pezzi di marmo che già cadono a terra, le piastrelle del pavimento già tutte incasinate, le panchine di legno con le assi tutte rotte: un gran casino.
    sono sicuro che chiunque di voi pensando alla vostra città, del nord, del centro e del sud italia avrà mille esempi così nella mente: ho evitato quindi di fare le solite fotine…

    le case dell’abruzzo sono venute giù perchè costruite da geometri ignoranti che alla sera guardano il grande fratello, da architetti ed ingegneri promossi con il sei politico da professori ignoranti più di loro e parenti di chissà chi.
    case costruite contro ogni regolamento e condonate.
    case costruite da manodopera extracomunitaria: nulla ovviamente contro i muratori cingalesi, ma siamo sicuri che siano capaci a tirare su un muro? non è che sono stati “assunti” perchè costano la metà della metà di quelli che il muro sanno farlo?!?

    oggi tutti cercano le mele marce che hanno fatto in maniera tale che le case crollassero, il problemino, il difettuccio: non c’è nessuna mela marcia, non c’è nessun problemino, non c’è alcun difettuccio.
    è semplicemente il sistema che è totalmente ed assolutamente malato.

    tutti si stupiscono che le case siano crollate: forse ci sarebbe stato da stupirsi se fossero rimaste in piedi, no?

    18 Commenti »

    13 aprile 2009

    ma tu pensi che io sia cretino?!!

    se mai dite a qualcuno la classica frase
    “MA-TU-PENSI-CHE-IO-SIA-CRETINO?!?!”

    vi do una bruttissima notizia:
    lui pensa VERAMENTE che voi siate cretini e, peggio ancora, voi in effetti SIETE cretini.

    19 Commenti »