MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 28 aprile 2009

    sharm el sheik

    sono a scattare in uno dei posti peggiori al mondo: sharm el sheik.
    (cliente che eventualmente leggi queste righe, non preoccuparti, per fare foto di costumi da bagno quando in italia viene giù il finimondo e sembra di essere in scozia a novembre è perfetto…).
    diciamo uno dei posti peggiori al mondo per andarci in vacanza.
    ce ne sarebbero da raccontare, o meglio, ci sarebbe da fare un bel servizio fotografico alla martin parr.

    ma non ho il tempo ne’ di scrivere ne’ tanto meno di martinparrare.

    una cosa veloce però la vorrei dire:
    nei confronti degli egiziani in italia, poche balle, tutti, chi più chi meno, siamo un poco razzisti e pensiamo che l’egiziano a milano sia, diciamo così, peggiore di noi. noi mondo occidentale, noi primo mondo, noi moderni, loro l’opposto.
    poi uno vieni qui.
    gli occidentali che ci sono nel posto dove io mi trovo, sono delle bestie. pancioni, pelati, nessuno sa una lingua che non sia il bergamasco, stanno tutto il tempo in piscina a 200 metri dal mare, assaltano il buffet come cavallette impazzite strafogandosi di ogni cosa, leggono (quando va bene) al massimo CHI, hanno bambini viziati e maleducati che urlano o giocano alla playstation, vestiti in maniera terrificante, con gli occhialoni di dolce&gabbana e i pantaloni zebrati di cavalli. ok?!? reso l’idea?

    gli egiziani che abbiamo conosciuto parlano l’italiano meglio di tanti italiani che sono qui, parlano l’inglese, sono educati, sono colti, sono vestiti in maniera morigerata…insomma NOI siamo le bestie, e LORO sono i signori.

    basta, tutto qui
    e poi odio il caldo
    (cliente che eventualmente leggi queste righe, non preoccuparti, tutto benissimo…)

    26 Commenti »

    24 aprile 2009

    fashion vs design

    design 10
    fashion 0

    che imparino quegli stronzi fighetti saputelli della moda: eventi pieni di gente, mille cose democraticamente aperte a tutti, vivacità, ingegno italiano portato alla ribalta del mondo…tutto questo e molto di più è la settimana del design a milano.

    qui sopra la rockstar fabio novembre e l’artista emiliano ponzi durante l’allestimento della mostra di fabio, dove i trabattelli degli operai ricordano la scena finale del film da tutti noi preferito e non a caso riprodotto sui video della mostra di fabio: otto e mezzo di fellini…

    23 Commenti »

    21 aprile 2009

    il fiore di novembre

    si inaugura domani in triennale a milano “il fiore di novembre”, una fantastica mostra di fabio novembre della quale ho avuto la fortuna di vedere questa sera l’allestimento in fieri: tutto è veramente meraviglioso, l’arte di fabio, i disegni di emiliano ponzi, le luci, la musica di giuliano sangiorgi, l’allestimento…

    forse sono un pochino di parte, perchè fabio è anche più di un amico.
    ma datemi retta, se potete andate a vederla.

    qui sopra la copertina di urban, uscita oggi, con un mio ritratto di fabio, dove il disegno di emiliano si proietta sul suo corpo e l’ombra si stacca dalla realtà diventando essa stessa disegno…

    5 Commenti »

    15 aprile 2009

    terremoto

    vorrei scrivere due righe (guarda tu la presunzione!) sul terremoto che ha colpito da pochi giorni l’abruzzo.

    sull’argomento in verità sarebbero da scrivere un sacco di cose, ma vorrei focalizzarmi in particolar modo solo su una: la polemica sulle case che sono crollate al suolo come se fossero di sabbia.

    tutti si sono stupiti, tutti hanno gridato allo scandalo, tutti si sono indignati!

    stupirsi?!?!
    scandalizzarsi?!?!
    indignarsi?!?!

    prima di scrivere questo post avrei voluto andare a fotografare una piazza vicino a casa mia qui a milano che da pochissimi anni (ma potrei dire mesi) è stata fatta completamente nuova, a causa di un parcheggio che è stato costruito sotto di essa.
    avrei voluto fotografare i pezzi di marmo che già cadono a terra, le piastrelle del pavimento già tutte incasinate, le panchine di legno con le assi tutte rotte: un gran casino.
    sono sicuro che chiunque di voi pensando alla vostra città, del nord, del centro e del sud italia avrà mille esempi così nella mente: ho evitato quindi di fare le solite fotine…

    le case dell’abruzzo sono venute giù perchè costruite da geometri ignoranti che alla sera guardano il grande fratello, da architetti ed ingegneri promossi con il sei politico da professori ignoranti più di loro e parenti di chissà chi.
    case costruite contro ogni regolamento e condonate.
    case costruite da manodopera extracomunitaria: nulla ovviamente contro i muratori cingalesi, ma siamo sicuri che siano capaci a tirare su un muro? non è che sono stati “assunti” perchè costano la metà della metà di quelli che il muro sanno farlo?!?

    oggi tutti cercano le mele marce che hanno fatto in maniera tale che le case crollassero, il problemino, il difettuccio: non c’è nessuna mela marcia, non c’è nessun problemino, non c’è alcun difettuccio.
    è semplicemente il sistema che è totalmente ed assolutamente malato.

    tutti si stupiscono che le case siano crollate: forse ci sarebbe stato da stupirsi se fossero rimaste in piedi, no?

    18 Commenti »

    13 aprile 2009

    ma tu pensi che io sia cretino?!!

    se mai dite a qualcuno la classica frase
    “MA-TU-PENSI-CHE-IO-SIA-CRETINO?!?!”

    vi do una bruttissima notizia:
    lui pensa VERAMENTE che voi siate cretini e, peggio ancora, voi in effetti SIETE cretini.

    19 Commenti »

    11 aprile 2009

    un piccolo sfogo

    lungi da me volermi lamentare della meravigliosa professione che mi sono scelto.
    però un problema, costante e frequente, questa professione ce l’ha…

    premessa delle premesse: quello che sto per dire non riguarda gli amici che eventualmente si sentiranno coinvolti dalle righe che sto per scrivere. non ce l’ho assolutamente con voi, e sono felice di aver fatto quello che ho fatto quando l’ho fatto. veramente.

    bando alle ciance: un classico dei classici quando qualcuno scopre il lavoro che faccio è che mi si chieda una fotografia. gratis, ovviamente.
    “fai il fotografo?!?!
    figo!
    mi fai per favore una fotografia al mio bel visino? al mio hotel? alla mia barca? alla mia casa? ”
    vi assicuro, è un classico dei classici degli straclassici.

    non è che se io incontro un notaio scatta il “fai il notaio?!? che bello! mi fai domani un atto gratis? ma dai, che ti costa!”, “fai il dentista?!?!? che figata! domani mi togli un dente? ma dai, che ti costa!”, “fai il pescatore?!?! che bello! mi regali due branzini?!?!”, “hai un ristorante?!?! che figata! posso venire a mangiare gratis per un mese? ma dai! cosa ti costa!!!”……………….
    solamente nella fotografia invece scatta implacabile la questua: “fai il fotografo?!?! bello! ti porto la mia bimba che le fai due foto???…mi fai la foto per il passaporto???”
    penso che la professione di fotografo sia l’unica al mondo che abbia connaturata al suo interno questa caratteristica. più ci penso e più sono convinto che non ce ne sia nessun’altra.
    “fai la mignotta?!? che bello! mi faresti mica un pompino gratis! ma dai! che ti costa!” no, a pensarci bene neanche lì funziona così…

    vorrei quindi dire questo:
    la mia è una cazzo di professione come qualsiasi altra, alla quale do energie che nemmeno potete immaginare, che ho cominciato a studiare e a praticare quando avevo 12 anni e adesso ne ho 46 e non penso a null’altro che a questo tutto il santo giorno, quindi chiedermi la cazzo di foto alla macchina per l’assicurazione è un’offesa a me e a tutto l’infinito culo che mi sono fatto in tutti questi anni, e che mi sto facendo anche in questo preciso momento che voi siete in vacanza mentre io, giorno di pasqua, sto qui a lavorare.
    quindi l’unica risposta sensata è: v-a-f-f-a-n-c-u-l-o.

    ps #01
    se alla richiesta di fotografie vi ho dato un fogliettino con sopra scritto www.benedusi.it/blog 11/aprile/2009, adesso sapere perchè
    ps #02
    per tutti gli altri: sono felice di fare fotografie agli amici, come il pescatore è felice di regalare il suo migliore pesce al suo migliore amico

    36 Commenti »

    7 aprile 2009

    pubblicità regione toscana

    e va bene che io la meno con i fotografi italiani, con la creatività italiana e tutta ‘sta menata autarchica…però comincio a pensare che abbiano ragione loro, che sia necessario andare a parigi, londra, new york…

    lo so bene, non è bello parlare male di fotografi o agenzie pubblicitarie.
    non è bello, è antipatico e pure controproducente per me.
    ma non resisto…

    allora: questa qui sopra è la pubblicità della regione toscana che è uscita poco tempo fa su tutti i giornali.
    debbo dire qualcosa io, o fate da soli?!?!
    stiamo calmi…
    un bel respiro…

    ok, vado:
    noi, italiani, abbiamo la toscana. che il mondo intero ci invidia. con le sue meravigliose colline. con firenze. con il mare. con i piccoli borghi medioevali. insomma, la TOSCANA!
    e per fare la pubblicità della meravigliosa fantastica toscana questi qui si sono inventati:
    una fanciulla (ok, marta cecchetto) vestita con un terrificante vestito da sposa (!?!?!), truccata e pettinata con un terrificante trucco e parruco da sposa, incorniciata da una burinissima cornice d’oro, con lo sfondo di un terrazzo tipo versailles.
    una cosa terrificante.
    potrebbe essere una pubblicità di tantissime cose o posti diversi (ditta di abiti da sposa del salento, della città di san pietroburgo…) ma mai e poi mai della regione toscana!
    o no?!?

    la perfezione però non c’è, stava per essere quasi raggiunta.
    e si sarebbe raggiunta con una bella fanciulla di colore al posto della marta cecchetto.
    e sì!
    perchè in quegli stessi giorni la signora naomi campbell http://www.corriere.it/spettacoli/09_marzo_15/naomi_campbell_paura_invecchiare_4eebe9b6-1170-11de-a75c-00144f02aabc.shtml si lamentava di non essere stata scelta per la campagna pubblicitaria. perchè a lei la toscana tanto piace.

    peccato sarebbe stato veramente il massimo, la fragola sulla torta: una ragazza nera, vestita da sposa pugliese, truccata e pettinata come una sposa cinese, con una cornice rubata a versailles e addobbata come al festival di sanremo, su un terrrazzo di san pietroburgo…ecco questa sarebbe stata una meravigliosa pubblicità della toscana!

    49 Commenti »

    4 aprile 2009

    realtà aumentata

    provate questa cosa qui: è stupefacente!
    http://ge.ecomagination.com/smartgrid/#/augmented_reality

    vi dico subito, serve:
    un computer con telecamera
    una stampante
    non funziona con safari, con firefox sì

    20 Commenti »

    2 aprile 2009

    piove

    Si adagia la sera
    su tetti e lampioni
    e sui vetri appannati dei bar
    e il freddo ci mangia
    la mente e le mani
    e il colore dell’ambra dov’è?
    ripensa alla luce
    e al sole d’Italia
    che Dante d’autunno cantò

    che io sto vicino a te
    e tu sai perché
    stai vicino a me
    questa notte e domani se puoi

    ricordi via Roma
    la luna rideva
    lì ti ho scelto e voluto per me
    mi guardavi e parlavi
    dei volti tuoi strani
    degli occhi a cui hai tolto l’età
    e ora si scioglie la sera
    nei pernod, nei caffè
    nei ricordi che abbiamo di noi
    per amore tradivi
    per esister morivi
    per trovarmi fuggivi fin qua
    perché Livorno dà gloria
    soltanto all’esilio
    e ai morti la celebrità

    ma io sto vicino a te
    in silenzio accanto a te
    stai vicino a me
    questa notte e domani se puoi

    questa notte e altre notti
    verranno anche se
    non sentiremo ancora cantar
    ascolteremo la pioggia
    bagnarci i colori
    e mischiare i miei pensieri nei tuoi
    ormai è l’alba e ho paura
    di stare a restare
    da sola a scordarmi di noi

    e allora sto
    vicino a te
    anche se non vedi che
    io son qui vicino a te
    questa notte e domani
    sarò…

    vinicio capossela
    http://disk.benedusi.it/capossela/01%20Mod%EC.mp3

    photo by settimio benedusi, milano

    6 Commenti »

    1 aprile 2009

    ponte dei sospiri venezia

    io mi arrabbio per il nepotismo nel mondo della moda (quando c’è negli ospedali e nelle università, ben più grave…)
    e l’impacchettamento che fanno a milano della porta romana…ma questa le batte tutte!
    grazie al blog di luca sofri http://www.wittgenstein.it ho scoperto, come potete vedere qui sopra, che il ponte dei sospiri di venezia (che è quella cosina in mezzo alla foto) se la passa ben peggio.

    che vergogna!
    siamo veramente un popolo di stronzi.
    la colpa però è nostra, solo nostra. perchè siamo stronzi, ignoranti e proprio per questo complici.
    cercherei anzi di fare un piccolo passo in avanti: il mondo della moda, degli ospedali e delle università è un trionfo del nepotismo e la cosa pubblica è nel disastro totale per un semplice motivo. perchè io, settimio benedusi, sono uno stronzo ignorante e nepotista, amante del potere ed uso di ogni possibile nefandezza per acquisirne il massimo, alle spese di chiunque.
    che sia un primissimo passo per sperare che le cose cambino?
    il corpo intero è malato perchè ne sono malate le cellule.
    noi non siamo spettori, siamo sempre anche attori.
    e complici. sempre complici…

    12 Commenti »