MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 29 giugno 2010

    BLOG NEW DESIGN

    …e dopo il restying del sito eccoci a quello del blog cercando di far prevalere, anche qui, pulizia ed essenzialità, grazie all’intelligenza creativa dell’art director massimo pitis.

    come ho voluto far mettere (orgogliosamente!) sulla testata questo blog esiste fin dal 2003, per internet equivalente al paleolitico. un po’ tempo di bilanci: da quando ho messo le statistiche (nel settembre 2005) questo luogo è stato visto da 369.359 persone diverse, che hanno visto 3.371.881 pagine e che sono state qui, mediamente, per 2 minuti e 59 secondi e che hanno lasciato 6.786 commenti (questi presenti solo negli ultimi anni, prima non c’era la tecnologia).

    non so bene cosa rappresentino questi numeri, ma so bene che questo mio spazio (nato da un’intuizione del mio ex assistente alessio gianni) ha rappresentato e rappresenta una realtà per me molto importante e preziosa, uno spazio dove ci sono i miei ricordi, la mia vita e il tentativo di condividere ciò che faccio. uno spazio dove mi proietto, penso, in maniera molto sincera, come un adolescente che scrive nel suo diario segreto, pensando che nessuno lo leggerà. uno spazio che, forse, mi ha fatto conoscere ma sicuramente mi ha fatto conoscere un sacco di persone geniali, divertenti, rompicoglioni, maleducate, gentilissime, arroganti…e via così all’infinito. uno spazio dove ci sono le mie riflessioni, le mie incazzature, la mia rabbia, la mia gioia, insomma, semplicemente la mia vita.

    adesso in una nuova veste grafica!

    9 Commenti »

    19 giugno 2010

    SHADOWS

    da wikipedia

    “L’ombra è l’area scura proiettata su una superficie da un corpo che, interponendosi tra la superficie stessa e una sorgente luminosa, impedisce il passaggio della luce.

    L’aspetto dell’ombra può variare di molto a seconda delle condizioni ambientali e osservative: in assenza di atmosfera (come nello spazio) e di altre fonti luminose dirette o indirette, la quantità di luce che raggiunge la superficie in ombra è esattamente zero, per cui l’ombra è completamente nera. Nell’atmosfera terrestre, invece, la superficie in ombra riceve comunque una certa quantità di luce diffusa (variabile a seconda delle condizioni meteorologiche), per cui appare scura ma non completamente nera. Negli ambienti chiusi o con cielo nuvoloso o nebbia, poi, la luce diffusa costituisce la componente luminosa predominante: in questo caso le ombre sono molto sfumate o addirittura non osservabili del tutto.

    Nel caso di una sorgente luminosa puntiforme, l’ombra ha contorni netti: ogni punto della superficie o è illuminato dalla sorgente o non lo è. Nel caso invece di una sorgente luminosa estesa (come il sole che, visto dalla terra, ha un diametro angolare di circa mezzo grado), il contorno dell’ombra è sfumato, in quanto vi è una regione intermedia in cui la sorgente luminosa è occultata solo parzialmente, e quindi si ha un passaggio graduale tra luce e ombra.

    In molte culture l’ombra, l’oscurità e la tenebra vengono spesso associate al male, in contrapposizione alla luce che simboleggia il bene. Così ad esempio gli angeli sono solitamente ritratti vestiti di bianco, mentre i diavoli di nero (oppure di rosso, a simboleggiare il fuoco infernale). “Oscuro” o “tenebroso” vengono spesso usati come sinonimi di “malvagio” o di “misterioso”. “Nascondersi nell’ombra” è un modo di dire che si applica solitamente a chi ha cattive intenzioni.”

    pochi minuti (dopo un lavoro), per un’idea che avevo da tempo: fotografare un cosa che non esiste in sè. un qualcosa che è solo la testimonianza di una presenza al di fuori di se stessa.

    per fotografare ciò che è la certificazione di una presenza/assenza.

    per fotografare il “nulla” che non esisterebbe se non esistesse il “qualcosa”.

    per fotografare solo ombre:

    tutte le immagini sono clickabili ed ingrandibili 

    9 Commenti »

    15 giugno 2010

    AMNIOS #02

    circa un anno fa feci una mostra singolare, si chiamava AMNIOS, esposta in una “camera obscura”, e cioe’ in una stanza completamente al buio.

    racconti di quello che avvenne qui e quo e anche qua

    questa mostra oggi viene esportata, con il medesimo allestimento, all’interno del festival dolce vitaj, dedicato all’eccellenza italiana.

    se qualcuno si trovasse a passare dalla slovacchia ecco l’invito (con tanto di ambasciatore!):

    2 Commenti »

    13 giugno 2010

    FOTOGRAFICA VIDEO ON VIMEO

    una cosina di qualche mese fa, ma che solo adesso abbiamo montato e caricato:

    le riprese, la regia e il montaggio sono di sperimenti

    5 Commenti »

    11 giugno 2010

    COVER 3D

    in edicola oggi su FIRST, l’allegato mensile di panorama, la prima copertina uscita in italia in 3D, con una mia immagine.

    7 Commenti »

    10 giugno 2010

    WORKSHOP

    chissà perchè, ma è tutto un proliferare di workshop. non c’è fotografo che non ne faccia uno. mai viste tante offerte di workshop fotografici.

    vogliamo dire le cose come stanno, però? fotografi senza arte ne’ parte che per due lire mettono due tette di pseudo modelle in pasto a fotoamatori che solo a quelle sono interessati.

    il solito stronzetto arrogantello! però questa è la realtà.

    l’ho già scritto altre volte, però merita riscriverlo, perchè in una giungla di dilettanti allo sbaraglio va fortemente difeso e tutelato chi fa le cose fatte bene: l’unica realtà in italia e una delle poche al mondo che si distingue per serietà e completezza è quella del TPW, toscana photographic workshop. appena fatto il restyling del sito, con informazioni complete ed esaurienti.

    ok, faccio anche io una settimana a fine luglio, ma da me non venite, non merita, è una noia mortale…ci sono grandi fotografi che vale veramente la pena seguire…

    13 Commenti »

    6 giugno 2010

    CICCIONI ALL’ACQUA GYM

    ovviamente non ho ancora capito come io sia: molto spesso mi sento come un cocainomane che si fa le canne, e cioè indeciso se essere superattivo oppure un fancazzista totale. (hei, sto scherzando, non mi faccio ne l’una ne le altre!)

    questo preambolo inutile serve comunque a dire che tanto mi piace fare un sacco di cose, tanto quanto mi piace non fare un beato caxxo.

    professionalmente parlando l’indecisione si sbilancia inevitabilmente per l’iperattivismo (tanto per dire adesso, domenica pomeriggio, sono in studio a lavorare, mentre voi, tranquilli e beati state tornando dallo sciabattamento in amene località di mare…), anche se a volte riesco a trovare la maniera di far agli altri ciò che dovrei fare io: ma sono sempre piccoli e miseri espedienti, di massima mal riusciti.

    è ben riuscito invece ciò che ho fatto/non ho fatto durante un recente viaggio di lavoro, in egitto: eravamo a fotografare costumi da bagno, ospiti (paganti!) all’interno di un villaggio turistico, a marsa alam. questi villaggi, nell’egitto del mar rosso, sono la più spaventosa, terrificante, squallida invenzione del turismo moderno. difficile, impossibile spiegarlo a parole. pieni di ciccioni tatuati che stanno tutto il tempo in piscina a bere birra. io capisco anche che durante l’inverno andare sul mar rosso sia la soluzione più semplice ed indolore per starsene una settimana al caldo, ma la realtà è assolutamente questa che sto cercando di descrivere.

    appunto, “cercando”: è assolutamente la classica realtà che è molto meglio descrivere con la fotografia, piuttosto che con le parole.

    quando ero lì avrei tanto voluto prendere la macchina fotografica ed andare in giro e raccontare ciò che avevo davanti agli occhi. ma ecco che subito le canne (che non mi faccio!) prendevano il posto alla coca (che non mi faccio!)…

    cosa ho fatto allora? quello che farò da grande: il produttore! ho preso il mio assistente e gli ho dato l’incarico. gli ho spiegato bene cosa mi sarebbe piaciuto vedere, come farlo e come realizzarlo. lui è andato e ha fatto.

    la storia eccola qui. l’ha scattata il mio assistente giorgio serinelli. a me piace molto.

    bravo giorgio!

    55 Commenti »

    3 giugno 2010

    IPAD ON SETTE MAGAZINE

    su SETTE, l’allegato del corriere della sera di oggi una mia doppia pagina dedicata alla novità tecnologica del momento: l’ipad.

    ecco qui beatrice mentre guarda la rivista con beatrice che posa con l’ipad in mano nella stessa location:

    PS: non so cosa, ma vince qualcosa chi fa una foto a beatrice nello stesso posto che, con un ipad in mano, legge questo post dove c’è la fotografia di beatrice che ha il giornale in mano dove c’è la foto di beatrice che sfoglia il corriere della sera con l’ipad…

    8 Commenti »

    3 giugno 2010

    GECKO ADVERTISING PHOTO FESTIVAL

    sono appena tornato da apricale, il bellissimo paesino della liguria dove si è svolta la prima edizione del gecko advertising photo festival.

    le intrepidi organizzatrici del festival, sabrina e susanna, hanno dato sfogo alle mie follie, costruendomi una casetta rossa, sulla quale ho fatto scrivere “parlo con chiunque di qualsiasi cosa“, per poter parlare di fotografia con chi era lì.

    foto di Gaetano Mendola

    ho fatto anche altre cosine, tipo fotografare fotografi morti circondati da vedove sexy, oppure fotografare io stesso come in un bellissimo libro di saramago, “cecità”…tutte cose che però si sono perse, perse come lacrime nella pioggia… 😉

    11 Commenti »