10 agosto 2010

A LOVE STORY

una bellissima ragazza

e un bellissimo ragazzo

si incontrano

si sfiorano

si baciano

si stringono

scopano

però poi litigano

lei, così com’era, scappa via

lui rimane, solo e disperato

comincia a provare la parrucca di lei e a curiosare nel suo armadio

si prova i vestiti di lei

fino a quando si annulla.

sparisce.

scompare.

e diventa lei

20 Commenti »

8 agosto 2010

VACANZE

non amo le vacanze.

la maggior parte delle persone aspetta le vacanze per riposarsi, per fare ciò che non fa durante l’anno, e forse soprattutto per pensare ad una maniera alternativa alla propria vita quotidiana, al proprio lavoro. cazzate. non c’è una maniera alternativa al nostro lavoro. la nostra vita è ciò che facciamo tutti i giorni.

e volete sapere una cosa? ciò che facciamo della nostra vita è esattamente ciò che abbiamo deciso di fare. lavorate alle poste ma vorreste fare le rockstar? non è vero, quello che volete veramente fare è lavorare alle poste. anche perchè fare la rockstar non è mica così bello e semplice come sembra: essere sempre gggiovani, andare in tournè facendo tutte le sere la stessa cazzo di scaletta, dormire ogni notte in un albergo diverso, l’adrenalina che sale e scende come sulle montagne russe…

il lamentarsi del lavoro, agognando le vacanze, è una comoda e veloce scorciatoia per illudersi di avere un piano B, non avendo la consapevolezza che esiste solo il piano A.

qualche settimana fa ho ascoltato due ragazzi in un bar, che facevano a gara di chi aveva maturato più ferie: “io tre settimane!” “io anche tre settimane, ma se aggiungo quelle dell’anno scorso delle quali non ho goduto arrivo a quattro settimane!!!”. non capendo che più si vantavano più urlavano di quanto fossero insoddisfatti di quello che stavano facendo. non ti piace il tuo lavoro: cambialo! e invece no, tu non vuoi cambiarlo.

spesso penso a quelli che fanno proprio tutte le vacanze precise precise, e che quindi stanno nel traffico durante la settimana, poi si spostano nel traffico nel week end, per andare in posti super trafficati a natale e per finire in sardegna ad agosto facendo code: si spostano sempre, ma in fondo sono sempre nello stesso posto e con la stessa gente.

per me la vacanza è stare sospeso. come in questa immagine che ho scattato questa mattina. mentre voi siete al mare, in viaggio, in barca, in montagna…a me piace volare su milano, assolata e deserta, guardarla da distante, ascoltare il suo silenzio, immergermi nelle sue ombre…

non potendo e non volendo fare la sola vacanza possibile: questa

51 Commenti »