MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 29 gennaio 2011

    CONCORSO FASHION TALENTS

    non ho guardato il mio oroscopo recentemente ma se lo avessi fatto penso che sicuramente sarebbero state presenti le parole giuria/premio/fotografico/concorso (balle, leggo sempre l’oroscopo dell’internazionale, ma non diceva nulla a proposito…): dopo il concorso benedusi #02, con relativi vincitori e dopo il concorso canon, è stato il turno del concorso fashion talents.

    tra le molte proposte arrivate, noi della giuria ci siamo concentrati su due lavori, entrambi molto belli. alla fine l’ha spuntata, sul filo di lana, il progetto “we are our fears” realizzato da: i fotografi alessia campostrini e biagio fontana, il trucco mary cesardi, la modella leigh martin e la stylist linda calugi.

    vincono la possibilità di realizzare un servizio per style.it

    ecco alcune immagini dal loro bel servizio:

    una menzione anche per i “secondi” arrivati, con il lavoro “superstars” (fotografa alice pavesi, stylist federica caggiati, capelli martina bernini, trucco beatrice savi, modella elisa spina).

    tre immagini dal loro bel progetto:


    ok, per adesso è finita, ma non per molto, dato che nelle prossime settimane mi aspetta un’altra giuria, questa volta addirittura all’estero…

    giustamente i ragazzi del mio studio mi hanno fatto questo:

    cliccando sulla fotina qui sopra…

    13 Commenti »

    22 gennaio 2011

    WHITE MAGAZINE

    fotografare abiti da sposa non è assolutamente cosa facile. essendo abiti (al di là dell’uso per il quale sono stati creati…) d’alta moda, sarebbero da fotografare come tali: e così accade nel 99% delle volte, con un trionfo di super location, modelle raffinatissime con colli lunghissimi, auto lussuose e tutte quelle cose lì. tutto ciò a me piace poco, cercando di fare una fotografia (per quanto mia sia possibile…) il più possibile realista piuttosto che aspirazionale (voi che volete fare i fotografi, imparate questo vocabolo, è molto usato e piaciuto nell’ambiente…).

    la rivista white è la più bella rivista, oserei dire del mondo, di moda di abiti da sposa: grande ricerca, ottima grafica e stampa fantastica.

    ho fatto per loro due servizi, usciti negli ultimi due numeri.

    nel primo servizio avevo un concetto molto preciso in testa: volevo fotografare la modella in un atteggiamento e in un contesto assolutamente normale e quotidiano. come se lei fosse vestita in jeans e maglietta. anzi diciamo che lei era vestita in jeans e maglietta, e quindi ovviamente lei si sentiva, e la gente la vedeva, assolutamente e totalmente normale. però io avevo in mano un mezzo potentissimo, capace di vedere ben oltre la realtà: di vedere addirittura i suoi sogni!

    la macchina fotografica quindi vede ciò che nessuno intorno a lei riesce a vedere.

    queste le due immagini, una fatta in tram e l’altra in metropolitana:

    per non farci mancare nulla ecco anche un video backstage, dove si potrà notare l’uso incredibile di pannelli, luci, flash e quant’altro:

    l’altro servizio nasce invece dalla voglia di fare dei ritratti a ragazze sia con abiti normali che con abiti da sposa, per cercare di trovare quella linea che divide la quotidianità dall’eccezione, per andare a trovare che, forse, questa linea e quantomai indefinita e indefinibile: dove finisce la fantasia e dove incomincia la realtà?

    queste le immagini:

    scattate in luce naturale, ho una fotina dal backstage:

    tutte le immagini sono cliccabili ed ingrandibili

    16 Commenti »

    21 gennaio 2011

    PUNTI DI VISTA

    fabio by saturnino

    fabio e saturnino by settimio

    settimio, fabio e saturnino by lisa

    tutti by fabio

    3 Commenti »

    20 gennaio 2011

    ISTRUZIONI PER UNA FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA

    NO

    YES

    12 Commenti »

    15 gennaio 2011

    CONCORSO BENEDUSI #02: THE WINNER IS… AGGIORNATO!

    qualche mese fa ho indetto il concorso benedusi #02.

    quest’anno il livello è stato molto alto, per cui non c’è un solo vincitore, ma ben tre. non sto qui a motivare le mie scelte, che ovviamente sono molto personali. loro mi hanno colpito, interessato, raccontato più di altri. tutto qui…

    ecco allora i tre vincitori!

    -sul podio david elden. di lui non ho alcuna notizia, ne’ web site, ne’ niente. solo tre immagini:

    secondo, simone fratti. questo il suo sito e questo il suo flickr

    una sola l’immagine che mi ha mandato:

    terzo, riccardo stocco, che adesso ho scoperto che ha un sito, con queste tre immagini:

    i tre vincitori potranno venire un giorno da me in studio, a guardare, domandare, mostrare…insomma a fare ciò che vogliono…

    complimenti!

    e ringrazio tutti coloro che mi hanno mandato le loro immagini: vi aspetto per il concorso benedusi #03!

    21 Commenti »

    13 gennaio 2011

    MAX CASTING ED AUTORITRATTI

    alla parola “autoritratti” temo che si vada immediatamente alla famigerata vicenda della mostra di MC per lo spazio FORMA. lasciamola per un momento stare.

    è uscito però, sul sito di MAX, un “mio” servizio che prosegue quel discorso, e soprattutto, cosa alla quale tengo maggiormente, rende quella vituperata vicenda non un caso isolato tanto per creare scandalo, ma una tappa di un mio preciso percorso.

    ho già raccontato, forse fin troppe volte, che per i miei servizi fatti per  MAX CASTING mi piace che ci sia maggiore partecipazione della modella possibile, per fare in maniera che lei abbia il pieno “possesso” e la piena consapevolezza di ciò che sta facendo.

    convinto che la maniera di porsi davanti ad una macchina fotografica si possa se non insegnare almeno trasmettere ho pensato che potesse essere interessante fare un ulteriore passo in avanti nel coinvolgimento della modella: far fare tutto a lei, non esserci! partecipare, per quello che mi riguarda, in maniera molto profonda ed intensa nella “formula”, nella “ricetta”, ma lasciare la modella assolutamente libera ed indipendente.

    magari a questo punto uno si chiede quale sia la “formula” e la “ricetta”… temo però che sia impossibile da spiegare qui, su due piedi: fossi capace non avrei problemi a farlo. temo si debba o scattare con me oppure partecipare ad un mio workshop… 😉

    ho chiesto quindi ad una modella, magena, di fotografarsi, addirittura senza la mia presenza, solo usando la mia formula.

    comunque, vuoi la mia formulina magica, vuoi la bravura della modella, fatto sta che le immagini prodotte io le trovo fantastiche: intime, sensuali, vere.

    e fatte con macchine pazzesche?!?! raw, canon, nikon, pellicola/digitale?!?!? web-cam del mac, come da video! e senza alcun ritocco!

    ecco quindi le fotografie della bravissima non/fotografa erica magena:

    e quindi?

    e quindi quello che cerco ostinatamente di far capire è che, in questi tempi di digitali e photoshop, non è importante fare semplicemente una bella fotografia (troppo semplice), è molto più importante avere la voglia, il piacere, la necessità, l’ossessione…di raccontare in maniera sincera ed intima noi stessi e ciò che fotografiamo. tutto qui.

    dato che tutto ciò, almeno nella mia testa e nelle mie progettualità, è strettamente collegato alla vicenda MC allo spazio FORMA, vorrei qui cercare di scrivere la parola FINE su quella mostra, grazie ad un editoriale del grande maurizio rebuzzini:

    16 Commenti »

    10 gennaio 2011

    BUS JEANS PREVIEW

    un’anteprima dello shooting fatto in dicembre in portogallo per bus jeans.

    è sempre un piacere fare questo lavoro: art director creativi e bravi (farò un post sicuramente in futuro dedicato a questa importantissima figura…) che, come i bravi art director dovrebbero sempre fare, ottengono esattamente quello che vogliono pur lasciando grande libertà, cliente disponibile ed aperto, bei casting, bravi trucco/capelli/styling…insomma tutte le condizioni per fare un buon lavoro.

    io cerco poi di metterci del mio: sarà che il “format” prevede modelli maschi e modelle femmine insieme, sarà che quando si mettono insieme un uomo e una donna è inevitabile che le cose prendano una certa piega, sarà che l’argomento mi piace, sarà quello che sarà…comunque va sempre a finire che le storie che mi piace raccontare per questo cliente siano storie di un amore combattuto, vissuto, respinto…con grande energia e passione.

    ho scattato su un tetto di oporto, invaso dalla nebbia di tre macchine del fumo. mi piaceva creare un ambiente/non ambiente, un luogo più dell’immaginazione che della realtà.

    qui di seguito alcuni scatti in anteprima e un video backstage.

    PS: ho scelto i vincitori (tre!) del concorso benedusi #02, a presto il responso…

    6 Commenti »

    3 gennaio 2011

    STRANGE MAILS

    non mi ricordo se l’ho già scritto qui in passato, ad ogni modo dovete sapere che sul mio programmino di posta elettronica sul mio MAC ho creato, oramai parecchi anni fa, una cartella chiamata STRANEZZE.

    tra le due o tre ragioni per invecchiare (e fregarmene di tutto e di tutti…) sicuramente una delle prime è quella di rendere pubbliche le 588 mail (ad oggi) che sono in essa contenute: messaggi ricevuti da conosciuti o sconosciuti personaggi, con le richieste o domande più bizzarre, assurde o particolari.

    se non avete pazienza (come io non ho!) di aspettare i miei novant’anni ecco qui tre meravigliose anticipazioni, copiate ed incollate.

    la prima, ricevuta da poche settimane:

    Hello,
    I am a dreamer of many passions. Among them are fashion and volcanoes.
    Beautiful models wearing elegant, creative and fashionable clothes are a joy to watch. A visual feast to behold. Erupting volcanoes are similarly magnificient in its devastating glory. Even quiet ones are majestic and mysterious.I have a crazy idea of modelling photo session. It should be done at the summit of the volcano. Among the flows of basaltic lavas. Near active fumaroles and tourquoise lakes. On the crater rim.

    Please make such photoshot session. Make my dream come true.

    My suggestions of places in Italy: Etna, Stromboli, Vesuvius, Vulcano, Panarea, Monte Cristo

    Fashionable Volcanologist 🙂

    la seconda, una delle primissime mai ricevute:

    bellissimo sito
    e bellisime foot
    magari a lavoare con te e a vedere come alvori
    io sono un footgrafo aquilano che sat morendo nelal sua citta’  anche eprceh senxza un lavoro 33 anni ho
    adesso vorrei eralizzare una mostar footgrafica di nudo in bianco e enro ma le modelel poche
    chissa se tu mi potessi aiutare…..
    ciao alesandro

    e la terza, ultima per adesso, una vera perla:

    Ciao Settimo intanto ti faccio i complimenti per il tuo lavoro e la tua produzione.
    Poi volevo chiederti una curiosità. E’ vero che spesso nelle campagne pubblicitarie che riguardano l’intimo femminile vengono utilizzati corpi maschili? In particolar modo mi riferisco ai glutei.

    Ciao e buon lavoro”

    così, tanto per cominciare in allegria il nuovo anno…

    😉

    10 Commenti »