MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 31 marzo 2011

    WORKSHOP

    le due parole che odio di più nell’ambito fotografico sono workshop e glamour, e non è un caso che spesso e volentieri viaggino unite.

    lasciamo perdere (definitivamente!) il glamour e concentriamoci sui workshop: chissà com’è o come non è ma in italia adesso è tutto un trionfo di workshop! tutti fanno workshop!

    vorrei non essere sempre lo stesso stronzetto spocchioso e fighetto (tutte cose che, lo sappiamo, peraltro sono…), vorrei farmi gli affari miei, vorrei qui e vorrei lì…ma non mi riesce: sappiatelo, quasi tutti (il 99%) dei workshop che vedete in giro sono enormi cazzate, perdite di tempo e di soldi, tenuti da dilettanti allo sbaraglio (se non sanno fare come è possibile che sappiano insegnare?!?)! ecco, l’ho detto.

    uno dei pochi centri seri in italia per insegnare ciò che si può insegnare sulla fotografia è il TPW.

    anche quest’anno ci sarò, a fine luglio: non venite da me! ci sono insegnanti ben migliori di me. veramente!

    nel caso però voleste venire al mio corso (dove l’anno scorso i miei ragazzi hanno realizzato splendidi lavori!), per cercare di farvi capire di cosa si tratta ho chiesto a francesca stella, mia allieva l’anno scorso, di raccontare la sua esperienza. la parola a lei:

    Squadra vincente non si cambia: laddove diversi saranno i contenuti e il docente del workshop che seguirò quest’estate, non ho avuto dubbi nello scegliere di nuovo il TPW per un altro viaggio dentro me stessa attraverso la fotografia. Lo scorso anno, il mio Virgilio fu Settimio, in un workshop sul nudo femminile, genere che esploravo per la prima volta. Lo scenario era quello del monastero di Sant’Anna in Camprena, sperduto nella quiete senza tempo delle colline toscane. Nel ripensarci, la mia mente torna a quella stanzetta bianca con il pavimento in cotto, i mobili di legno e il soffitto a volta, dove ogni notte, nonostante l’ora tarda e la stanchezza, mi ritrovavo a scrivere quelle che ho chiamato le “Lettere dal TPW”: momenti da incidere nella mia memoria, appunti mentali che da allora hanno impresso il loro segno sul mio approccio alla fotografia, nodi che si sono stretti attorno alle persone straordinarie che ho incontrato. Ne riporto qualche stralcio, con l’intento di restituire l’autenticità di alcune tra le sensazioni provate durante quella settimana.

    Giorno 1.

    Sono in trepidante attesa di quello che succederà al mio interno in una settimana che si preannuncia davvero ricca di spunti di riflessione. Cosa mi aspetto? Di portarmi a casa delle foto che abbiano un senso profondo per me, di mettermi fortemente in discussione e di confrontarmi con altre persone con tutte storie diverse tra loro. So che sarà anche molto divertente – già stasera avevamo le lacrime agli occhi per i racconti di Settimio e Giorgio, il suo assistente, sui loro recenti shoot – e sono certa che non dimenticherò mai questi giorni, tutti per me.

    Giorno 2

    La mia testa oggi è stata talmente bombardata che, esausta, ha sganciato a sua volta il peso della stanchezza sulle gambe. E pensare che, a parte la corsa di gruppo di questa mattina, sono stata seduta praticamente tutto il giorno. Settimio è una perla rara, un faro, una scossa di terremoto. Ti infila quei suoi occhi dentro e ti rivolta visceralmente. Rimescola, disfa i nodi, dipana la matassa dei dubbi e dei quesiti che ti sei sempre posto, fornendo una chiave di lettura, una formula universale.

    Il progetto che ho in mente prende forma e si sviluppa ora dopo ora. Devo concentrarmi, chiudere tutto il resto fuori e fare silenzio dentro di me. Quello che è accaduto oggi nella limonaia (la nostra “sede operativa” nel monastero) non è nemmeno lontanamente immaginabile per chi non era presente. Occorre spogliarsi delle sovrastrutture: togliere, togliere e ancora togliere. Mollare gli ormeggi, uscire allo scoperto.

    Giorno 3

    Oggi ho gustato il baratro. L’ho visto da lontano, ho preso la rincorsa e mi sono buttata senza paracadute: ho fatto gli scatti più densi, sentiti e belli di sempre. Il risultato estetico è solo una conseguenza del fatto che esista un senso profondo in ciò che fotografiamo, e non può che essere così. Non sono più qui a usare bene congiuntivi e condizionali, ho finito di fare scatti fine a se stessi e di vagare senza bussola. Ora ho la chiave, il linguaggio e il contatto con me stessa.

    Giorno 4

    Un’ininterrotta giornata di “psicanalisi”. Siamo devastati… Settimio si è davvero consumato fino all’osso. Crisi, riflessioni sul progetto finale, ospiti inattesi, turbamenti, voci amiche, nuovi abbracci.  Il Max Casting al tramonto. E, alla fine della giornata, “La quercia” by night: Vinicio Capossela a tutto volume, un milione di stelle con la luna, una quercia millenaria, erba alta e morbide colline. Indimenticabile.

    Giorno 5

    Ho scattato per circa un’ora e mezza nei campi, alla quercia, e subito dopo sono filata in limonaia a scaricare le foto. Selezione di 14 scatti, postprodotti al volo in bianco e nero. Hanno una potenza incredibile e allo stesso tempo una delicatezza disarmante. Settimio le ha presentate agli altri docenti come il miglior progetto del suo gruppo e io non so contenere la gioia per questo risultato per me del tutto inatteso. Tra qualche ora c’è la proiezione con gli altri 44 partecipanti al TPW e ho già addosso la malinconia per la fine di quest’esperienza indimenticabile.

    Giorno 6

    Sono sul treno Chiusi-Roma, di ritorno dal TPW al mondo XYZ, che ora guardo in modo diverso perché ho dentro una quarta dimensione. Le mie gambe sono piene di graffi, i miei piedi punzecchiati dai rovi, la mia pelle riscaldata dal sole, le mie scarpe ricoperte di briciole di Toscana. I miei vestiti hanno ancora il sapore degli abbracci di un folto gruppo di nuovi amici, il mio computer custodisce gelosamente il frutto del “sangue” scorso in quest’ultima settimana, delle risate e dei turbamenti, delle mille parole condivise almeno venti ore al giorno con i miei compagni di viaggio. Tutto ciò che ho vissuto in Toscana mi risuona dentro con la potenza di un impianto da stadio. Ho visto il bianco della luce e il nero delle ombre, assaporato il dolce di un sorriso e il salato delle lacrime, affondato i piedi nella terra umida e librato le braccia nel cielo.

    Settimio lo conoscevo già, ma ovviamente passarci un’intera settimana insieme, dalla partita di pallavolo la mattina presto fino alle chiacchiere notturne passando attraverso il fitto setaccio delle sue sessioni “didattiche” diurne in limonaia… beh, è un’altra cosa. Adoro il suo essere simpatico e spiritoso ma anche duro e tagliente, il modo in cui ti butta in faccia le cose scuotendoti dalle tue abitudini mentali piene di ragnatele. Si è messo in gioco in modi che lui stesso non aveva mai sperimentato, con l’unico scopo di far arrivare il suo messaggio in maniera efficace.

    La frase con cui ha aperto il workshop è stata “Ho due notizie per voi, una buona e una cattiva. Quella cattiva è che non vi insegnerò nulla. Quella buona è che non avete nulla da imparare”. Abbiamo recepito moltissimo, ma Settimio non ha mai avuto atteggiamenti impositivi o intenti didascalici: tutto è uscito da noi grazie alla sua maieutica. Ci ha offerto la visione di un ribaltamento totale dell’atteggiamento verso la fotografia – sebbene poi il discorso vada anche al di là di quest’ultima – e sono certa che d’ora in poi faremo le cose in modo molto diverso da prima. Il concetto di progettualità e il senso del racconto di una storia sono sicuramente gli elementi che più mi rimarranno di questo percorso. La forza di Settimio sta nell’estrema sincerità del suo modo di proporsi, nella trasparenza dei suoi pensieri, nella capacità di mischiare l’alto e il basso senza mai annoiare. Grazie a quest’affettuosamente severa guida ho oltrepassato il punto di non ritorno, posando un altro importantissimo tassello nella mia formazione di fotografa e non solo.

    14 Commenti »

    27 marzo 2011

    NON HO NULLA DA DIRE, E LO STO DICENDO

    la domenica sera, tradizionalmente, è la serata in cui scrivo un nuovo post per il mio blog, questo.

    oggi però non ho nulla da dire o scrivere.

    da un lato ne avrei anche da raccontare (per fortuna ho una vita ricca di avvenimenti, belli e brutti), ma questa sera no, questa sera “ho voglia di stare spento“.

    ho la tastiera del mio mac che mi guarda, e le mie dita svogliatamente vanno verso quei tasti che vedo più puliti, e quindi consumati, nell’illusione che ciò possa aiutarmi sulla strada del già detto, del già scritto: ma non è così semplice, non è mai semplice.

    tutto qui: non ho niente da dire, e lo sto dicendo.

    (sono piccolo piccolo, ma posso anche diventare grande…) 

    7 Commenti »

    21 marzo 2011

    ASTA

    Fondazione Forma per la Fotografia sostiene la campagna ART FOR HEART promossa da ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi ospedalieri) e dalla Fondazione “Per il tuo cuore” Onlus.

    Forma e l’agenzia Contrasto hanno raccolto le fotografie donate a titolo completamente gratuito da giovani talenti e da autori affermati del campo della fotografia.
    Le opere verranno esposte durante un gala di beneficenza lunedì 21 marzo e saranno visibili a partire dalle ore 18.30; nel corso della serata le foto verranno battute all’asta da Denis Curti.
    I PROVENTI DELLE VENDITE SARANNO INTERAMENTE DEVOLUTI ALLA FONDAZIONE PER IL TUO CUORE ONLUS, affinché possa continuare la sua opera di sensibilizzazione e disporre di nuove risorse per promuovere la ricerca nell’ambito cardiovascolare.

    Fotografi che partecipano all’asta:
    Marco Anelli, Tommaso Ausili, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Shobha Battaglia, Settimio Benedusi, Gianni Berengo Gardin, Carlo Bevilacqua, Beppe Bolchi, Pietro Bologna, Tommaso Bonaventura, Marcello Bonfanti, Carmelo Bongiorno, Luca Campigotto, Giovanna Casotto, Michele Cazzani, Stefano Cerio, Giovanni Chiaramonte, Cesare Cicardini, Lorenzo Cicconi Massi, Elio Ciol, Stefano Ciol, Francesco Cito, Francesco Cocco, Gianluigi Colin, Luigi Corda, Nicola Crivelli, Daniele Dainelli, Mario De Biasi, Alessia De Montis, Carlo Delli, Alessandro Digaetano, Mario Dotti, Albertina D’urso, Elliott Erwitt, Giorgia Fiorio, Franco Fontana, Maurizio Galimberti, Mauro Galligani, Simona Ghizzoni, Giacomo Giannini, Gianni Giansanti, Gaetano Gianzi, Guido Harari, Mimmo Jodice, Andrea Kunkl, Roberto Koch, Cosmo Laera, Giorgio Lotti, Pietro Lucerni, Alex Majoli, Manfredo Manfroi, Malena Mazza, Steve Mc Curry, Andrea Micheli, Nino Migliori, Maurizio Montagna, Davide Monteleone, Antonella Monzoni, Toni Nicolini, Giovanna Nuvoletti, Ivan Olita, Carlo Orsi, Franco Pagetti, Marco Pesaresi, Francesco Radino, Gigi Roccati, Luciano Rossetti, Andrea Rovatti, Marta Sarlo, Ferdinando Scianna, Massimo Siragusa, Angelo Turetta, Marco Vacca, Mauro Vallinotto, Alessandro Vicario, Marco Zanta

    io partecipo con questa immagine, scattata nel sud della spagna:

    3 Commenti »

    17 marzo 2011

    FORZA, ITALIA

    ieri sono andato, finalmente, a visitare il museo del novecento, da poco aperto a milano in piazza del duomo: quello che ho visto penso possa essere una valida sintesi dei problemi sia dell’italia (di cui oggi festeggiamo i 150 anni) e sia della fotografia (italiana!).

    -il museo è un gran casino. sarà che io sono scemo, sarà cosa sarà ma mi sono perso più volte, entrando dall’uscita e uscendo dall’entrata, salendo e scendendo dalle scale mobili come se fosse un centro commerciale, o camminando su e giù in una rampa in salita come se fosse il guggenheim meneghino…insomma, lo ribadisco, un gran casino.

    CONFUSIONE ED APPROSSIMAZIONE

    ============

    -all’ultimo piano c’è un famoso ristorante, con tavolini con vista spettacolare. un foglietto scritto a cazzo di cane ed attaccato con lo scotch dice che quello spazio è riservato solo ed unicamente ai (ricchi) fruitori del ristorante, gli altri che si tolgano dai coglioni.

    CORPORATIVISMO

    ============

    -però è un’esperienza e una visita da fare: lo è perchè la location è meravigliosa e lo scenario, che quasi inconsapevolmente ci accompagna, è bellissimo.

    BELLEZZA

    ============

    -e ne vale la pena per le opere lì esposte, ci sono fontana, boccioni, balla, schifano, morandi, marinetti…insomma tantissimi artisti italiani che, nonostante tutto, sono riusciti a creare un’arte nuova, moderna ed originale. c’è lo straordinario “quarto stato” di pellizza da volpedo, quadro tanto rivoluzionario quanto simbolico. insomma, ci sono grandi artisti e grandi opere.

    FANTASIA ED INTRAPRENDENZA PERSONALE, NONOSTANTE TUTTO

    ============

    -in un museo del novecento è legittimo aspettarsi la presenza di un’ arte che nel novecento ha avuto la sua consacrazione: la fotografia. e non è vero che io lo dico e voi fate così con la testa (su e giù…) perchè siamo fotografi, è così perchè così lo dicono i libri di storia dell’arte! giusto? giusto!

    e infatti ci sono, alla fine dell’esposizione, esposte delle fotografie. 4. esatto: quattro! e nessuna di un italiano: sono di grandi autori (laszlo moholy nagy, robert frank, harry callahan e il quarto non lo ricordo…) ma nessuno italiano! solo per nominarne uno, visto che siamo a milano e visto che ha fotografato tantissimo gli artisti, anche qui esposti: ugo mulas???? NO!!!! non c’è!

    ESTEROFILIA

    ============

    ecco, questo è quanto.

    io però, quando sono in giro per il mondo, penso sempre con grande affetto e tenerezza all’italia e a quegli stronzi (me compreso!) di italiani. e quindi ho voluto mettere la bandiera italiana fuori dal mio studio.

    e, nonostante tutto, voglio dire: forza, italia!

    8 Commenti »

    14 marzo 2011

    FREEDOM

    come nel video di george michael con protagoniste le top model degli anni novanta da qualche mese grido freedom!

    libertà da cosa?!?! dall’automobile! dopo aver avuto, come tutti, macchine varie da quando avevo vent’anni, ho capito, un bel giorno, che l’automobile, almeno per me, era completamente inutile. o meglio, che si può benissimo stare senza automobile.

    senza tutte le menate che un’automobile porta con se: il bollo, l’assicurazione, il box, il posteggio……..basta! tutto finito!

    anche quella cosa maschia di avere la macchina figa e potente: ma vaffanculo!

    non avere l’automobile non solo è possibile, ma molto meglio!

    liberatevi!

    in alternativa? bicicletta, motorino, moto e…automobili a noleggio!

    qui sotto, le macchine che in questi vent’anni ho avuto. RIP!

    fiat 500L

    renault 4

    volvo polar

    volvo 850 gle

    volvo xc90

    13 Commenti »

    11 marzo 2011

    CRASH

    from ash bolland

    Nessun Commento »

    10 marzo 2011

    GENIALE

    le modelline in reggicalze languidamente distese su un letto

    il pescatore rugoso che aggiusta le reti

    la modella ripresa dal basso con un grandangolare e la mano tesa verso l’obiettivo

    la maschera veneziana (adesso il momento perfetto!)

    la modella di quarta categoria fotografata in una fabbrica abbandonata

    le riprese fatte con la canon 5D di notte e il grandangolare

    il paesaggio fatto con HDR

    la modella tatuata fotografata con il grandangolare da molto vicino

    la modella di quartultima categoria fotografata su un letto con il tanga incastrato nel tacco della scarpa tacco 12

    il barbone che chiede l’elemosina fotografato in bianco e nero con l’iphone

    …………

    tutte immense cazzate, di fronte al vero genio:

    15 Commenti »

    9 marzo 2011

    GOOD LUCK

    5 Commenti »

    7 marzo 2011

    TURNÉ

    qualche giorno in giro per l’italia: dalla cortese torino all’elegante firenze fino all’opulenta roma.

    ogni notte in un nuovo hotel.

    dormire di giorno e lavorare la notte.

    sì, sono io: un collaudatore di attimi…

    6 Commenti »

    4 marzo 2011

    DOMENICO #03

    della serie che tutto è bene ció che finisce dusi: ho consegnato il computer che Alessandro ha voluto regalare a Domenico!
    :-)
    (grazie ad ambedue: adesso quando mi chiederanno perchè ho un blog sapró cosa rispondere…)

    4 Commenti »