MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 28 settembre 2011

    TIME LAPSE FASHION SHOW

    l’ho già messo di nei giorni scorsi ma mi piace metterlo anche qui, perchè è una cosa che mi piace parecchio: quattro macchine fotografiche sul backstage e sul frontstage di una sfilata, che hanno scattato una fotografia ogni tre secondi per quattro ore.

    questo il risultato:

    6 Commenti »

    24 settembre 2011

    WHITE MAGAZINE

    fotografare abiti da sposa (non matrimoni, sono due cose molto diverse…) è abbastanza un casino. sono abiti fatti per una sola cosa, però non vengono certo bene se fotografati mentre vengono usati per fare quella cosa lì (sposarsi, of course). normalmente funziona se vengono o sdrammatizzati (sposa che va in bicicletta, ad esempio) oppure se vengono trattati come abiti di alta moda e quindi come tali fotografati.

    per il numero di WHITE in edicola, abbiamo pensato di fare una cosa un poco diversa, e cioè fare una classicissima storia di un matrimonio, con il lui e la lei che si sposano nel classico albergone e fanno tutte le classiche e stereotipatissime cose che due novelli sposi fanno. il tutto però facendo virare la storia, mano a mano che procedeva, verso un qualcosa di rock ed alternativo, ben lontano quindi dal classico matrimonio.

    per fare tutto questo ho pensato potesse funzionare usare una tecnica che fosse in qualche maniera nelle stesse corde della storia che avrei raccontato. ho usato allora il mio iphone con l’applicazione hipstamatic, che all’inizio fa sembrare le immagini fatte con la classica macchina da matrimoni (l’hasselblad) ma poi dà un tocco rock e moderno che mi sembra interessante.

    in un’immagine ho dato al modello la “macchina fotografica” affinchè si fotografasse da solo allo specchio del bagno e rivelasse con quale apparecchio le immagini sono state prodotte.

    la rivista ci ha premiati addirittura con la copertina: vi assicuro che, con quella bella stampa lucida, la fotografia sembra molto più realizzata con l’hasselblad, piuttosto che con l’i-phone…

    ecco il lavoro:

    il backstage, immagini di pasquale ettorre:

    47 Commenti »

    19 settembre 2011

    FERRARI ADV

    con la creatività dell’art director andrea bandiera dell’agenzia robilant ecco la nuova campagna internazionale dello spumante ferrari della famiglia lunelli.

    ecco il video backstage:

    PS: meraviglioso essere alle 4:30 del mattino in piazza san marco a venezia per fotografare all’alba. un po’ meno accorgersi dopo 3 (tre) scatti che le luci dei lampioni venivano spente per il sopraggiunto giorno. è stato altrettanto meraviglioso godere dell’alba nella piazza più bella del mondo il giorno dopo, ma alle 4…

    PS#02: ok, sono miei clienti e quindi forse non sono obiettivo, ma ho conosciuto in lungo e in largo l’azienda ferrari (vendemmia compresa…) e vi posso assicurare che il loro prodotto è realizzato con una incredibile e scrupolosa serietà: bevete (responsabilmente, ovviamente) spumante ferrari!

    59 Commenti »

    13 settembre 2011

    GIORGIA ON MAX

    sul MAX in edicola un mio servizio su giorgia.

    è stato molto divertente (e anche stancante!) fare queste foto: ho pensato potesse essere giusto per lei ambientare il servizio all’interno di un club, simulando l’atmosfera di un evento live. quindi molta grinta, molto movimento, molto fumo, molte luci colorate…insomma un gran casino!

    mi sono tanto divertito anche a mettere la musica (essendo la location dotata di un impianto bello potente), pensando così di influenzare sia la mia maniera di scattare che quella di giorgia di posare…non semplicemente “mettiamo la musichetta carina per fare le foto”…ma il tentativo di “fotografare” mettendo semplicemente la musica… è una cosa che ci ha fatto venire in mente altre cose, delle quali quest’inverno probabilmente sentirete parlare…

    ma torniamo a giorgia!

    questa l’apertura del servizio:

    queste altre immagini, alcune pubblicate altre no, che a me non dispiacciono…

    ed ecco un po’ di immagini di backstage, realizzate da pasquale ettorre.

    io nel mio ruolo più importante, il deejay:

    con giorgia a verificare gli scatti:

    giorgia con una delle prime “polaroid” del servizio:

    l’odio/amore che c’è e che ci deve sempre essere con il soggetto fotografato:

    e per finire un video backstage, girato e montato direttamente dalla redazione di MAX:

    25 Commenti »

    9 settembre 2011

    PARLO CON CHIUNQUE DI QUALSIASI COSA

    domani pomeriggio, sabato 10 settembre, sarò al SI festival di savignano sul rubicone, ospite dello NO PANIC di chico de luigi con un puro “PARLO CON CHIUNQUE DI QUALSIASI COSA”!

    5 Commenti »

    7 settembre 2011

    FOTOMETRO #03

    22 Commenti »

    5 settembre 2011

    IL FOTOMETRO #02

    l’unica cosa di cui mi pento è il titolo del post: il FOTOMETRO (noi lo dovremmo ben sapere!) sarebbe uno strumento che misura la luce, mentre ciò che avrebbe dovuto misurare lo strumentino empirico era altro…e quindi forse sarebbe stato più appropriato chiamarlo FOTOGRAFOMETRO…ma oramai è e rimane FOTOMETRO!

    e comunque: che marasma! erano così scoperti i nervi?

    ho letto ovviamente tutti i commenti, sia qui che su FB e sui vari forum che hanno riproposto il mio post. da un lato penso che non ci sia nulla da parte mia da spiegare, dato che tutto mi sembrava estremamente chiaro nel mio post, ma forse, dato le infinite interpretazioni che sono state fornite, è il caso che io provi a fare un po’ di chiarezza.

    intanto voglio ribadire che amo il fatto che esista internet e ci sia la possibilità per migliaia di giovani fotografi di mostrare il proprio lavoro. una volta i punti di riferimento erano 5 o 6, adesso sono centinaia, e questo è un bene per tutti. ribadisco in maniera ancora più chiara e forte che il mio non è un discorso corporativista: più fotografi ci sono e più bravi sono, più contento io sono. ok?

    ho un sacco di “fotoamatori” (mi scusino quelli che adesso citerò e che non si riconoscono in questa dizione) che sono nel mio database e che vado a guardare volentieri: ad esempio trovo interessante questa giovane ragazza, questa, lui è tutt’altro che un “fotoamatore”, trovo luca molto bravo, mi piace matteo, trovo interessante questo lavoro, lui bravissimo, molto interessante questo…bravissima francesca…insomma mi piace guardare bei lavori e sono felice quando riesco, come in questo caso a diffonderli: sono veramente convinto che noi si viva in un universo in espansione e che quindi ci sia posto per tutti e più e meglio siamo meglio sia per tutti. se la qualità della fotografia aumenta, aumenta per tutti!

    fin qui ci siamo? bene!

    se avete voglia di ascoltare adesso vorrei fare un piccolo discorso sulla fotografia, che ho già fatto altre volte in vari contesti, ma che è  indispensabile fare per capire il senso del tutto. soprattutto adesso, nel 2011, fare una fotografia bella non ha più alcun senso. nessuno! zero! nada de nada! una volta, e più si va indietro nel tempo e più era così, già realizzare una fotografia corretta era un’impresa: adesso ci riescono tutti! spesso racconto questa cosa che sembra un paradosso ma non lo è assolutamente: se diamo una bella digitale ad una scimmia, le insegniamo a schiacciare il bottoncino, la mandiamo in giro per milano al mattino e la ricatturiamo alla sera, scarichiamo i files, facciamo un bel editing, un bel ritocco delle immagini scelte, le mettiamo in bianco e nero e le stampiamo un metro per tre…possiamo fare una mostra meravigliosa! ma veramente! non è un paradosso!!!

    è fondamentale quindi avvicinarsi alla fotografia tenendo ben presente questa realtà. fare belle fotografie non è mai bastato e basta meno che mai adesso.

    adesso, come d’altronde sempre ma ora più che mai, è fondamentale che le fotografie raccontino qualcosa. dietro ad una fotografia ci deve essere qualcosa.

    dietro ad una fotografia ci deve essere un perchè! ecco, questo è sempre un ottimo “termometro” per valutare le immagini, se dietro hanno una motivazione che ha portato a farle.

    la fotografia del vecchio pescatore con le rughe non è bella o brutta, anzi magari è pure bella ma sapete una cosa? è inutile!

    un altro esempio che faccio spesso e che penso possa aiutare a spiegarmi. tu che leggi sei mai stato a…diciamo…trieste? facciamo che no, non ci sei mai stato. se ti dessi dieci fogli di carta e una penna e ti chiedessi di scrivere su trieste tu cosa faresti? esatto, niente, scriveresti al massimo tre righe. e invece se ti mandassi a trieste con la tua canon al collo gireresti e faresti un sacco di belle foto, tanto carine…la piazza, il mare e il vento. ma non racconteresti niente di trieste! saresti come la scimmia che fa le foto così, tanto per fare! un servizio su trieste ha senso se sai di cosa stai parlando e lo vuoi raccontare, altrimenti è completamente inutile, che, lo ribadisco, è ben peggio di una foto brutta.

    meglio un miliardo di volte un foto brutta ma che racconti qualcosa piuttosto che una fotografia bella che non racconti nulla.

    andiamo adesso caso per caso dei punti del fotometro:

    -le foto firmate fanno proprio pittore della domenica. vi voglio dare una notizia: sono anni che gli artisti non firmano le proprie opere, fotografi/artisti compresi. temete che ve le rubino?!?! visto che sul web ci sono le foto di avedon senza firma secondo me se proprio devono rubare rubano prima quelle…

    -l’HDR è una enorme scorciatoia per arrivare in grande velocità in un posto dove non si voleva andare. (fuor di metafora: fa venire bene qualsiasi cosa, aumentando a dismisura la sensazione di aver fatto qualcosa di figo)

    -volete la musica sul sito? perfetto, non ci sono problemi: sappiate però che il 90% degli utenti che andranno a visitarlo (me compreso) usciranno appena sentiranno le prime note

    -foto di donne nude nella fabbrica: avere un nuovo ed originale punto di vista è fondamentale per chi faccia il fotografo. se una cosa la fanno tutti è probabile che faccia cagare. le foto di donne nude nella fabbrica sono il simbolo del conformismo e della banalità. insomma, fanno cagare

    -il fatto dei mille euro non è per fare lo sborone, i mille euro sono un simbolo preciso di qualcosa: che le vostre fotografie siano servite a qualcosa. come ho già accennato prima, la buona fotografia è tale se serve a qualcosa. se è utile. se ha risolto, producendola, dei problemi a qualcuno. è un po’ come un bicchiere d’acqua, che non ha valore e qualità in assoluto: sotto le cascate del niagara non vale nulla, nel deserto tantissimo. la fotografia è uguale, deve risolvere problemi! e il fatto che sia pagata vuol dire non che sia bella o brutta ma che, cosa molto più importante, ha risolto il problema di qualcuno…

    -tramonti, gattini, maschere…tutte cagate, inutili e banali

    -i cinquanta libri: può uno fare non dico l’avvocato o il medico ma anche l’idraulico o il pescatore senza sapere il più e meglio possibile di tubi o pesci?!? andreste voi a mettere le mani in un quadro elettrico senza sapere nulla di quadri elettrici?!? ovviamente no. per fare le fotografie è esattamente uguale: prima di fare bisogna conoscere. il più possibile…

    -spesso i fotografi sono ammalati di una grave malattia, che è il tecnicismo, l’ossessione per inutili dettagli di natura tecnica, che nulla hanno a che fare con la fotografia. scrivere che una certa foto è stata fatta con 50 mm canon 1,4 a diaframma 8 e tempo 1/250 è assolutamente inutile. dimmi cosa pensavi quando l’hai fatta, questo sì che è utile

    -fare finti editoriali sul proprio sito è il peggio, è il voglio ma non posso. e poi perchè darsi dei paletti che io ho ma tu magari non hai e hai la fortuna di non avere?!?!

    -i workshop li possono fare coloro che sanno fare. se non sai fare come è possibile che tu sappia insegnare?!?!

    comunque, lo ribadisco, il tutto si può riassumere in una parolina semplice semplice, che è indispensabile usare per valutare il proprio lavoro.

    questa parolina magica è: PERCHE’? bisogna sempre domandarsi: perchè? perchè ho fatto la tal foto? perchè ho fatto il tal servizio? se la risposta è “mi piace” “mi emoziona”, vi devo dare una triste notizia: di ciò che piace ed emoziona voi non frega un cazzo a nessuno! se c’è un racconto, se dietro ad una certa vostra foto potete parlare per mezz’ora è molto probabile che sia una buona foto. se avete fatto una foto di un bel tramonto perchè vi piace…beh sapete già la risposta.

    l’elenco qui sopra indica la luna, se vi fermate a guardare il dito non serve a nulla.

    potete fare una fotografia di una donna nuda in una fabbrica con la maschera veneziana e un gattino in mano, con affianco un vecchio pescatore rugoso, dietro un tramonto e il tutto trattato in HDR…e questa immagine sarebbe fantatica, meravigliosa e perfetta…lo sarebbe se questa immagine avesse un perchè!

    spero di essere stato abbastanza chiaro. l’argomento, evidentemente, stimola un sacco, ed era importante spiegare meglio possibile il fotometro.

    se tutto ciò non è stato abbastanza c’è però una ulteriore possibilità! sabato prossimo, 10 settembre, sarò al SI FESTIVAL ospite del NO PANIC di mr. ©hico per un valutazione personalizzata e sartoriale del FOTOMETRO: vi aspetto!

    87 Commenti »