MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 27 dicembre 2014

    L’ASTRONAUTA

    È difficile che mi venga in mente di realizzare uno scatto singolo, slegato da una sequenza e che possa vivere da solo.

    Qualche giorno fa, invece, è successo: ho sentito la necessità di realizzare un’immagine che si era intrufolata nella mia testa, e da lì voleva uscire solo grazie alla mia macchina fotografica.

    È Natale (c’è l’albero) e in centro (piazza del Duomo) all’ora dell’imbrunire (il cielo è ancora chiaro, ma le luci dei lampioni sono già accese) è pieno di gente.
    Tutti in giro, chissà poi a fare cosa.
    Non so voi, ma io in quel marasma mi sento non semplicemente solo ma estraniato da tutto, come se guardassi quel tutto da dentro la tuta di un astronauta, ospite di un pianeta che non è il mio.

    Ho realizzato l’immagine, pochi giorni fa, con l’aiuto di un modello (!) bravo e simpatico, Giovanni.

    Altra cosa più unica che rara, nessuno mi ha commissionato questo progetto: come ho già detto era per me una necessità realizzarlo, senza pensare se e dove sarebbe stato utilizzato.
    Un desiderio però sì, ce l’avevo: mi sarebbe piaciuto fosse pubblicato il giorno prima di Natale sulla prima del Corriere della Sera, portando irrealtà e surrealismo lì dove ci sono notizie e realtà.
    Ho proposto l’immagine.
    Oggi è in prima sul Corriere della Sera, sulla pagina di Milano.

    Eccola:

    BI3U9559

     

    se siete curiosi di vedere com’era la vera realtà, e non la realtà dentro la mia testa, ecco tre scatti backstage realizzati da Francesca Di Gregorio:

    20141215_170345

    20141215_170107

    20141215_170143

     

    e infine ecco il Corriere:

    IMG_3254

     

     

    21 Commenti »

    25 dicembre 2014

    LETTERINA A BABBO NATALE

    IMG_3397-0.JPG

    Letterina di Natale di Settimio Benedusi.

    Caro Babbo Natale, ti prometto che farò di tutto per essere, nel nuovo anno, più cattivo:

    -a quelli che chiamano al telefono 10 volte al giorno offrendo mille fantastiche offerte fantasmagoriche per telefono/luce/gas li manderò direttamente a fare in culo dicendo loro, senze mezze parole, di smetterla di rompere i coglioni.

    -agli stessi qui sopra, si ostinassero nelle loro offerte, chiederei di darmi il loro telefono di casa. Nel caso, molto probabile, che non volessero darmelo domanderei loro: “cioè, lei vuole dire che non desidera ricevere telefonate da rompicoglioni che le rompano il cazzo su argomenti che non le interessano?!?” (sempre comunque con una certa eleganza, dando del Lei).

    -a chi posteggia il suo cazzo di Suv di merda sulle strisce pedonali piegherò i tergicristalli.

    -a chi posteggia la sua scatola di ferraglia (automobile) sulle piste ciclabili righerò la suddetta scatola con le mie chiavi.

    -a chi posteggia la Ferrari davanti al ristorante Giannino di Milano, sulla pista ciclabile, darò fuoco la suddetta Ferrari.

    -a chi mi rompe il cazzo, qui su FB, trovando il pelo nell’uovo in ogni cazzo di foto che faccio dirò di non rompere i coglioni e porre tutta la sua raffinata critica su quelle orrende, spaventose, inutili fotografie che fa a delle disgraziate mezze nude nella fabbrica abbandonata.

    -al politico che mi dice che quando governerà lui sarà tutto diverso, gli chiederò dove cazzo fosse nei vent’anni in cui ha governato.

    -a chi dice che fotografa per “esprimere le proprie emozioni” dirò: ciccio, delle tue emozioni non gliene frega un beato cazzo a nessuno!

    -a chi mi chiede di guardare e valutare il suo portfolio risponderò: ciccio, due notizie una buona e una cattiva, la buona è che non ho tempo da perdere con il tuo cazzo di portfolio, la cattiva è che ho trovato il tempo, e il tuo portfolio è spaventoso.

    Per adesso tutto qui.
    Che bello essere più buoni, nel giorno di Natale!

    9 Commenti »

    23 dicembre 2014

    GUARDAMI NEGLI OCCHI

    Ieri è uscita la mia pagina di Natale sul Corriere della Sera, dove vengo lasciato libero di raccontare come meglio credo questo momento dell’anno. Voglio subito approfittare per ringraziare Antonio Bozzo, del Corriere, che con coraggio ed intelligenza, da un po’ di anni, mi lascia questa libertà e questo privilegio. Grazie Antonio! ❤️

    Tornando al lavoro.

    Anche questa volta ho voluto raccontare (dopo il carcere di Bollate dell’anno scorso) come passano il Natale (normalmente associato ad allegria, divertimento, regali) chi ha poca allegria, poco divertimento e pochi regali.

    Siamo andati allora a trovare Pane Quotidiano.

    Questo il mio testo:

    “Gli italiani, probabilmente, non sono campioni mondiali di senso civico e buona educazione sociale, ma sono sicuramente tra i migliori al mondo nel volontariato”: non è italiana la persona che ci dice questa frase, ma il francese Jean-Pierre, che da due anni è il responsabile operativo di Pane Quotidiano, la struttura che, dal 1898, si occupa di distribuire pane, latte e generi di prima necessità a chiunque si presenti nei due centri di Milano.

    Appena all’ingresso della sede storica di Viale Toscana ci accoglie un cartello, con scritto “Sorella, fratello, nessuno qui ti domanderà chi sei, ne’ perché hai bisogno, ne’ quali sono le tue opinioni.” E infatti nulla viene chiesto alle migliaia di persone che ogni mattina, fin dalle 6, si mettono in coda per avere qualcosa da mangiare. Ci sono stranieri, italiani (sempre di più), mamme con bambini piccoli, anziani, persone con difficoltà anche a camminare: a nessuno viene chiesto nulla, solo dato.

    Ce lo conferma Angelo, di nome e di fatto, che da 15 anni è il responsabile dei volontari e passa tutto il tempo dalle 9 alle 11 (quello a disposizione per la distribuzione dei beni) a fare in maniera che tutto si svolga con ordine ed equità, affinchè tutti le 3.000 e più persone abbiano lo stesso.

    Luigi Rossi, il consigliere delegato, ci racconta che Pane Quotidiano nasce dalla buona borghesia milanese ed è sempre stato e continua ad essere non legato ad alcun partito politico o alcuna organizzazione religiosa. Si sentono e sono completamente autonomi e liberi, vivendo solo ed esclusivamente delle (generose!) donazioni che arrivano soprattutto da aziende.

    Incontriamo tra i volontari Clio, che distribuisce cavolfiori: ha 25 anni e tre volte alla settimana sottrae tempo ed energie ai suoi studi universitari per venire ad aiutare.

    Il 25 dicembre, sia il centro di Viale Toscana 28 che quello di Viale Monza 335 sono aperti dalle 9 alle 11, con però un evento speciale dedicato ai bambini: la distribuzione dei giocattoli. Se qualche lettore del Corriere avesse voglia di portare qualche gioco farà sicuramente felice non solo un bambino ma anche se’ stesso.

    Pane Quotidiano vi aspetta.

    Questa la pagina sul Corriere:

     

    15 TEMPOLIBERO1

    Questo il mio testo sul servizio:

    Li vediamo tutti, in giro per Milano. A volte ci fermano, chiedendoci qualche monetina. Spesso elemosinano per fame. Capita a me, come penso capiti a tutti di sfuggire alle richieste, neanche degnando di uno sguardo chi ci tende la mano. Più che altro, forse, quello di cui abbiamo paura è guardarli negli occhi.

    Ho pensato quindi che la cosa migliore per raccontare la meravigliosa e meritevole organizzazione Pane Quotidiano, fosse farlo attraverso i visi e soprattutto gli occhi di chi è lì dalle 6 del mattino, al freddo e al gelo, per un pezzo di pane e un litro di latte. Per una volta non possiamo aiutarli, non possiamo dargli da mangiare, ma possiamo fare una cosa che, probabilmente, è ancora più importante: possiamo guardarli dritti negli occhi.

     

    Queste le immagini singole:

    BI3U8465

    Sabatino

    BI3U8473

    Carmelo

    BI3U8485

    Maria Rosa

    BI3U8501

    Domenico

    BI3U8523

    Ivano

    BI3U8571

    Marcello

    BI3U8604

    Franco

    BI3U8626

    Tina

    BI3U8636

    Francesco

    BI3U8644

    Maria Giuseppina

    BI3U8660

    Ali

    BI3U8674

    Enrico

    BI3U8712

    Angelo

    BI3U8726

    Emilio

    BI3U8816

    Mariana

    BI3U8824

    Djamel

    BI3U8832

    Marco

     

    Lei è Clio, una volontaria, che era lì a distribuire cavolfiori:

    BI3U8808

    Clio

    Qualche immagine backstage, scattata da Pasquale Ettorre:

    DSC07776

    DSC07829

     

    DSC07835

    DSC07873_B&W

    DSC07985_B&W

    e infine un video dove racconto e spiego delle cose, tra cui anche questo lavoro.

     

    9 Commenti »

    13 dicembre 2014

    TODAY

    IMG_2380.JPG

    Oggi sabato 13 dicembre 2014 presso lo IED Via Bezzecca 5 Milano alle ore 15:30 mio intervento all’interno dell’evento Canon.

    Nessun Commento »

    12 dicembre 2014

    SETTIMIO BENEDUSI CHEF

    IMG_2360

    Questa mia ricetta è stata realizzata con una pentola di alluminio dallo spessore di 7mm, con un manico dalle prestazioni straordinarie in plastica pura.
    Da notare che i rivetti per collegare il manico con la pentola sono del 2 e non del 4: quelli del 2 riescono a dare prestazioni migliori alle alte temperature.
    Il gas per cuocere il tutto è puro gas metano della Gazprom, con certificato all’origine di purezza del 99%.
    L’uovo è rigorosamente di gallina.
    Sto cercando di vendere il prodotto di questa incredibile ricetta, ma finora non ho ancora trovato nessuno che vuole comprarlo: ho deciso quindi di regalarlo davanti a dei posti dove sto notando che la gente va in massa (pagando!) per mangiare, chiamati ristoranti.

    Ho dato un nome a questa mia ricetta, ho pensata di chiamarla così: uovo fritto.

    PS: se qualche appassionato di cucina si vuole unire domani pomeriggio alle 15:30 farò tante uova fritte. Sarebbe divertente friggerle tutte insieme!

    PS_02: presto le date del mio primo workshop, di cui ho già il titolo! Eccolo: COME FARE UN UOVO FRITTO GLAMOUR FRIGGENDO NUDI.

     

    MI RACCOMANDO METTETE MI PIACE ALLA MIA NUOVA PAGINA FACEBOOK!

    https://www.facebook.com/pages/Settimio-Benedusi-Chef/521990754607625?ref=hl

    14 Commenti »