19 maggio 2015

YAMAMAY SPRING 2015

Già uscita su giornali da un po’, ma qui, mi rendo conto, di non averla mai messa: la campagna primaverile di Yamamay.

IMG_9400

La location, nuda e cruda.

Shooting realizzato in una grigia giornata di pioggia: un sacco di luci (queste solo una parte) per rendere primaverile il tutto...

Shooting realizzato in una grigia giornata di pioggia: un sacco di luci (queste solo una parte) per rendere luminoso e primaverile il tutto…

10352910_676123422495944_8462561126926940115_n

Giusto io e lei, belli tranquilli… 😉

DSC05637

clamorosi effetti speciali…

incredibili effetti speciali...

gli incredibili effetti speciali in dettaglio: per attivarli con photoshop bisogna pigiare mela+F (che sta per flowers)

DSC05665

maiuscolo+mela+f se gli effetti speciali li volete dall’altro lato

DSC05648

si verifica che tutto funzioni…

 

"polaroid"

“polaroid”

e infine la campagna:

Schermata 2015-05-19 alle 13.28.37

Schermata 2015-05-19 alle 13.28.05

Schermata 2015-05-19 alle 13.28.50

Schermata 2015-05-19 alle 13.29.09

Schermata 2015-05-19 alle 13.30.35

Schermata 2015-05-19 alle 13.30.45

e alla fine di tutto ‘sto marasma avere una bella lettura sul Corriere quando si va dal barbiere…

IMG_5497

 

trucco: Jessica Nedza @ Close Up

capelli: Franco Gobbi @ Streeters

styling: Bettina Casanova

17 Commenti »

15 maggio 2015

SìAMO IMPERIA

DOPO IL PRIMO CAPITOLO, DOPO IL SECONDO CAPITOLO E SOPRATTUTTO DOPO IL TERZO CAPITOLO IO E L’AMICO STEFANO SENARDI ABBIAMO DECISO DI FARE QUALCOSA.

E’ TUTTO SCRITTO QUI SOTTO. VI ASPETTIAMO! PEACE AND LOVE.

sìamo_imperia_ok

2 Commenti »

4 maggio 2015

CRISI

Quando noi usiamo la parola crisi, lo sappiamo bene, è sempre in una accezione negativa. Ma sappiamo altrettanto bene che l’etimologia di questa parolina (sempre importante l’etimo!) nasconde dentro di sé significati più complessi:

266632

 

Semplificando molto diciamo che il significato più allargato della parola crisi possa essere cambiamento.

Ecco, diciamo che sono in crisi.

Mi sono un po’ stancato di servizi fotografici dove ci sono ore di trucco, ore di capelli, luci, styling, ore di photoshop…e alla fine quello che esce è una sorta di illustrazione che con la Fotografia ha poco a che fare. Ha anche poco a che fare non tanto con la Verità assoluta (che sappiamo bene essere lontana parente della fotografia, nonostante si pensi il contrario) ma anche con una sorta di verità approssimativa e soggettiva.

Il fatto è che per giocare a questo gioco è necessario, inevitabilmente, passare attraverso ore di trucco, ore di capelli, ore di styling e ore di photoshop.

Ho voluto allora a provare a cambiare gioco. Ho tirato fuori dall’armadio la Rolleiflex di mio papà, le pellicole in bianco&nero scadute da 10 anni, ho chiesto a una modella normale (Francesca Matisse) di posare per me, alla sola luce di una finestra rivolta a nord: così come facevo a 18 anni, con i miei amici. Dieci minuti, tre rullini da 120. Nessuna idea precostruita, nessuna struttura, nessuna intelaiatura da rispettare.

Ho poi mandato tutto a sviluppare e a stampare su carta baritata a Jacopo.

Ecco, questo il risultato:

IMG_9233

 

PS:

-è incredibile come una fotografia realizzata con questi ingredienti non voglia nella maniera assoluta l’intervento di photoshop: non cambierei proprio nulla, digitalmente, in questa stampa.

-lo scattare in analogico non è certo un’incredibile eccezione di questi tempi, vedo in molti farlo. permettetemi di dire una cosa, sull’argomento: non è che si scatta in analogico per fare una foto di merda, piena di peli, sporca, mal esposta e mal stampata. capisco che l’errore abbia una sorta di fascino, in tempi di perfezione digitale, ma non è una valida ragione per produrre un prodotto schifoso. vi dò una notizia: una foto di merda, piena di peli, sporca, mal esposta e mal stampata è semplicemente e nulla di più che una foto di merda, piena di peli, sporca, mal esposta e mal stampata. E quella la sanno fare tutti, ma proprio tutti.

-anche scattando in analogico con la macchina fotografica degli anni ’50, con pellicola scaduta da 10 anni rimango sempre lo stesso stronzo di sempre. e, a voi photographers che strapazzate photoshop con le vostre insulse fotografie vi dico: baciatemi il culo!

28 Commenti »