MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 22 luglio 2016

    DANIELA

    E’ vero, sto scrivendo poco qui, sul mio blog. Questo posto è un po’ come un vecchio signore (ha ben 13 anni! e voi sapete che nei blog c’è la stessa regola dei cani: ogni anno sono 7. quindi il mio blog ha ben 91 anni!!! ben portati, dai, perché è stato sempre ben in movimento…) e come tale va trattato con calma e attenzione, cercando di non fargli fare troppi sforzi. Soprattutto inutili. In effetti negli ultimi tempi il ruolo del diario quotidiano è stato sostituito, per quello che mi riguarda, da Facebook. Ma per le cose veramente importanti mi piace tornare qui, il mio vero luogo. Tra l’altro sto preparando un racconto dettagliato e completo su #settimiodecompostela, la camminata da Imperia a Milano.

    Ma torniamo a noi, e all’oggi.

    Allora: più vado avanti e più (veramente!) non so cosa sia la Fotografia. Cosa voglia dire fotografare. Cosa voglia dire fare il Fotografo. Non lo so. Click click con degli oggetti di ferro e vetro, prima con la pellicola, adesso con dei sensori digitali. Riproducendo la realtà. O l’idea che se ne ha. Boh! Chi lo sa. Copiamo o inventiamo? Non lo so. Più vado avanti e più è tutto confuso. Veramente non lo so. Più conosco e frequento la Fotografia meno la conosco e la capisco.

    Però forse una (peraltro debole) certezza ce l’ho: la Fotografia serve per entrare in relazione con un altro, fuori da me, attraverso me. Oppure entrare in relazione con me attraverso un altro, fuori da me. Ecco vedete, già di nuovo confusione. Diciamo una cosa, per semplificare, Fotografare vuol dire attivare una Relazione. Ecco, questo mi sembra abbia senso. Relazione con le persone, con i luoghi, con tutto.

    Questa mattina ho attivato una relazione molto forte, molto vera e molto intima con una persona, Daniela. L’ho vista alla Stazione Centrale di Milano e fin da subito mi ha molto incuriosito. Moltissimo. La vedevo in sbattimento per non so quali ragioni, con le due figlie dietro che non la perdevano d’occhio un attimo. E non si capiva se fossero le figlie ad aver cura della madre o il contrario.

    Le ho seguite e ho attaccato discorso. In questi casi mi viene facile. #parloconchiunquediqualsiasicosa

    Ho scoperto che lei si chiama Daniela e i figli, un maschio (!) e una femmina Davide e Isabella. Daniela è laureata in Fisica teorica a Genova e lavora all’università di Stanford (esatto, quella del celeberrimo discorso di Steve Jobs) dove fa la “negra” (forse meglio dire ghost-writer) su un argomento molto specifico e ovviamene a me molto misterioso, le “non località”: da quello che ho capito quelle zone che non sono visibili e studiabili ma lo sono attraverso le zone a loro vicine e da loro influenzate (l’esempio più pertinente, mi diceva Daniela, i buchi neri). Daniela e i suoi due figli erano di ritorno da Ancona dove erano andate (maschile, femminile, faccio un po’ di casino…) per visitare il Museo Tattile. I figli non vanno a scuola, ma studiano a casa. Lei dice che è una cosa legale, basta dare gli esami. Vivono a Albenga, quando non sono in giro per il mondo per il lavoro della mamma. Daniela è di origini ebree sefardite. Ci sarebbe anche un padre (fisico anche lui), di cui però, mi pare, si sono perse le tracce. Isabella e Davide sono molto uniti, sembrano gemelli: mangiano sempre cibo identico, affinché se qualcosa fa male a uno l’altro prova le stesse cose. Davide (13 anni) sta leggendo “La freccia del tempo”. Isabella (16 anni) sta leggendo “Cosa rende felice il tuo cervello”. Anche i figli vorrebbero studiare Fisica da grandi.

    Una famiglia veramente molto particolare, che emanava intelligenza e originalità da tutti i pori. Tutte e tre molto intelligenti e emozionali, in una maniera quasi irreale: li avrò immaginati o veramente incontrati?

    Ecco, qui arriva la Fotografia. Che è il motivo che mi ha spinto a parlare per quasi due ore con Daniela e i suoi figli.

    Attivare attraverso la Fotografia una relazione.

    E così è successo.

    Prima li ho fotografati tutti e tre.

    Poi solo Daniela quando ha visto la fotografia che ho fatto a loro tre e il breve testo che ho scritto.

    Ecco, forse la Fotografia serve a questo.

    IMG_7354

    IMG_7375

    5 Commenti »