MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 28 luglio 2014

    ARTIGIANI

    non per fare il vecchio cinico ma adesso dico una cosa che potrebbe sembrare triste, ma che io non  reputo tale: sono molto, ma molto poche le cose che mi interessano e mi emozionano adesso, alla mia età. a parte gli affetti consolidati, ovviamente. ma intendo le cose nuove.

    o forse, per dirla meglio, non ho interesse per le cose che mi sembrano interessino alla maggior parte della gente.

    ad esempio ho ben poco interesse per il denaro: non ho desiderio di super macchine e di super cose costose, le cose che mi piacciono (film, libri…) costano poco.

    ho ben poco interesse per il potere: non me ne è mai importato nulla e meno che mai me ne importa ora. (e poi potere e fotografia sono un’enorme ossimoro)

    non mi interessa nulla fare viaggi in posti esotici o fighi: sono stato dappertutto e tutto ho visto.

    in questo cinismo totale c’è però una cosa che sicuramente mi interessa e mi emoziona: sono le cose fatte bene, con cura, sapienza e cultura. in un mondo che premia il nulla assoluto (confortato e sostenuto dall’ignoranza dilagante) il vedere delle cose realizzate con maestria, cultura e sapienza mi emoziona profondamente e intensamente.

    in questa incertezza assoluta, dove non si capisce più nulla, dove tutto è mischiato, dove il planning del marketing della scienza della comunicazione di ‘sto belino vengono realizzati da capre ignoranti che nulla sanno…ecco in tutto questo marasma a me una persona che realizza del Pane impastato con lievito madre, fatto riposare tot ore, cotto a legna…e chi più ne ha più ne metta, ecco a me questa cosa veramente allarga il cuore!

    quando quindi il Corriere della Sera mi ha chiesto come “riempire” lo spazio dedicato alla fotografia in una pagina molto bella dedicata ai racconti ho pensato potesse essere bello “premiare” e dare visibilità a quegli artigiani che hanno deciso di iniziare, per passione e non semplicemente per tradizione familiare, una mestiere antico dandogli modernità e contemporaneità.

    è un’avventura meravigliosa che sto ancora realizzando.

    nel mentre però sono già usciti due ritratti: prima Jacopo, che in tempi di foto con il telefonino ha deciso di aprire un laboratorio di sviluppo e stampa bianco e nero, e poi Paolo e Gian, che, dopo la laurea al politecnico, hanno deciso di avventurarsi nella costruzione artigianalissima e su misura di telai per biciclette.

    la cosa interessante è che le persone che sto fotografando sono tutte assolutamente intercambiabili: chi realizza pagnotte potrebbe fare biciclette, chi lavora il legno potrebbe lavorare il ferro. perché sono uniti da una profonda progettualità e passione, che li rende tutti simili per quanto tutti diversi.

    bellissimo!

    ogni giorno week end esclusi sul Corriere della Sera (cartaceo!) di questo agosto.

    ecco i due usciti finora.

    Jacopo:

    foto 1[1]

    FWCWCWEC

    JACOPO_ANTI

     

    Paolo e Gian, con anche foto backstage:

     

    foto 2[2]

     

    CZ8Q1671

    IMG_9912

     

    PS: se conoscete artigiani su milano che pensate possano essere giusti per il progetto segnalatemeli!

    con una mail a: casting@benedusi.it

    1. Gabriele ha detto:

      Un progetto interessante, che sicuramente rende merito e dona visibilità a ottimi artigiani! Una curiosità Settimio: come mai li ritrai in posa, statici, senza sottolineare le grandi abilità manuali e la dinamicità che li rende ideali per la rubrica che stai gestendo? Un gesto, un’azione non racconterebbero ancora più ricca la storia?

    2. valerio ha detto:

      Il mio fornaio ogni volta che gli dico panettiere si offende e di rimando mi dice con tono piccato:
      “Io non sono un fornaio…io sono un artista!”

    3. settimio ha detto:

      @Gabriele perchè volevo fare a quelle persone un Ritratto, cioè una fotografia dove non facessero finta di fare qualcosa o reportage. No. Volevo fare un’immagine dove fossero in “posa” per me. Guardando con orgoglio in macchina, come a dire: “sono qui e sono orgoglioso di quello che sto facendo”. E dando tanto peso a loro quanto all’ambiente.
      D’altronde August Sander insegna… 😉

    4. Andrea ha detto:

      Grazie per la pedata alla pigrizia mentale che mi dai (spesso) con i temi e soprattutto con i commenti. Avanti cosi’ che forse ne svegli ancora qualcuno.

      P.S. Il Lavoro, quello che non e’ fine solo a se’ stesso, sembra in una fase di (ri)scoperta, per fortuna. Ma chi e’ che lo aveva coperto?

    5. Herbert ha detto:

      Quando parli con qualcuno su un argomento di cui è innamorato, riesce sempre ad appssionarti.
      Sia argomento viaggi, libri, sport … Tu quando scrivi o parli di fotografia, appassioni e tanto 🙂

    6. flavio ha detto:

      Ciao Settimio,
      1° agosto… che libro ci consigli da portare in vacanza?
      grazie.

    7. settimio ha detto:

      @flavio: un consiglio forse un po’ particolare. un romanzo (anzi, semi/romanzo, perché sia il personaggio principale che gli avvenimenti) sono realmente esistiti) ambientato nel medioevo.
      la vita, tutta la vita intera, di un uomo molto interessante.
      http://www.ibs.it/code/9788866321934/rufin-jean-christophe/uomo-dei-sogni.html

      bellissimo.

    8. Marco ha detto:

      questi sono i soggetti tipici dei fotoamatori ( a parte l’eccezione,oggi chi paga per foto del genere?)..quindi caro Settimio anche tu in fondo sei un fottutissimo fotomamatore 😉

    9. Settimio ha detto:

      @marco “soggetti tipici dei fotoamatori”?!?!? Ahahah questa è bellissima! Tu sostieni che il tipico fotoamatore non è vero che fotografa gattini, tramonti e donne nude nelle fabbriche ma invece fa una ricerca di settimane dei migliori e più particolari artigiani della propria zona, li contatta, li fotografa all’interno del loro spazio facendogli pure un’intervista.
      Tu sei convinto che il tipico fotoamatore fa questa cosa. E certo! 😉

    10. Marco ha detto:

      a parte il senso volutamente ironico e scherzoso…chi fa fotografia senza odore di pecunia è più libero di chi lo fa per professione.E non tutti i fotoamatori sono fotografi di patonze a basso o alto costo,mi ricordo grandissimi/e fotografi/e che non hanno mai trasformato la loro passione in professione,non fare l’errore di accumunare tutto e tutti nello stesso fascio.D’altronde quanti professionisti campano facendo foto alle patonze e non fanno (forse perché non sanno fare) altro?La fotografia antropologica è piena di questi esempi,se non sbaglio a Treviso(ma forse trento o trieste)c’è un grande che sta facendo da anni fotografie alle umanae genti che popolano quei posti.Di casi così ce ne sono molti in giro per lo stivale e non…seguo un giovane giapponese che sta facendo più o meno la stessa cosa a Tokio e dintorni( e lo fanno in modo egregio).Hai ragione a sparare sul fotoamatore arrogante che usa la macchina come fosse un vibratore,ma non tutti sono uguali.
      Ps. non sono un fotoamatore,perchè ho la partita iva e per le foto che faccio solo su commissione,ma lo sono per quelle che faccio seguendo miei progetti che nessuno, propabilmente, mi pagherà mai.
      Hem..non fotografo nemmeno gattini nei calzini e fighette che arrotondano mostrando la gnocca al primo coglione che è disposto a pagarle, pur di potersi fregiare della parola artista, quando esercita la più bassa attività, di guardone.

    11. Marco ha detto:

      l’etichetta fotoamatore non è una parolaccia

    12. cry ha detto:

      Non fa schifo essere un fotoamatore,dipende da come lo si fa e basta,solitamente quasi tutti siamo partiti a fare foto a fiori,gatti,primi piani di vecchi con rughe ecc.Sono cose che servono per imparare ad usare la macchina che si ha ,tutto li,poi,ovviamente ci dovrebbe essere lo step successivo dove si vuole dare un senso alla foto che si ha idealizzato,tutto li.
      Ci sono fotoamatori che fanno ricerche perchè vogliono dire qualcosa con la fotografia (io per esempio come tanti altri ovviamente).Sulla questione fotografia professionale e fotografare donnine per i giornali e riviste, bhè quello secondo me è marketing usato per mangiare,lavorare punto ,semplicemente

    13. Siempre tratarán de buscar la mejor solución para ti.

    Lascia il tuo commento