MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • april 2017
  • march 2017
  • febrary 2017
  • december 2016
  • november 2016
  • october 2016
  • september 2016
  • july 2016
  • may 2016
  • april 2016
  • march 2016
  • febrary 2016
  • january 2016
  • december 2015
  • november 2015
  • october 2015
  • september 2015
  • august 2015
  • july 2015
  • june 2015
  • may 2015
  • april 2015
  • march 2015
  • febrary 2015
  • january 2015
  • december 2014
  • november 2014
  • october 2014
  • september 2014
  • august 2014
  • july 2014
  • june 2014
  • may 2014
  • april 2014
  • march 2014
  • febrary 2014
  • january 2014
  • december 2013
  • november 2013
  • october 2013
  • september 2013
  • august 2013
  • july 2013
  • june 2013
  • may 2013
  • april 2013
  • march 2013
  • febrary 2013
  • january 2013
  • december 2012
  • november 2012
  • october 2012
  • september 2012
  • august 2012
  • july 2012
  • june 2012
  • may 2012
  • april 2012
  • march 2012
  • febrary 2012
  • january 2012
  • december 2011
  • november 2011
  • october 2011
  • september 2011
  • august 2011
  • july 2011
  • june 2011
  • may 2011
  • april 2011
  • march 2011
  • febrary 2011
  • january 2011
  • december 2010
  • november 2010
  • october 2010
  • september 2010
  • august 2010
  • july 2010
  • june 2010
  • may 2010
  • april 2010
  • march 2010
  • febrary 2010
  • january 2010
  • december 2009
  • november 2009
  • october 2009
  • september 2009
  • august 2009
  • july 2009
  • june 2009
  • may 2009
  • april 2009
  • march 2009
  • febrary 2009
  • january 2009
  • december 2008
  • november 2008
  • october 2008
  • september 2008
  • august 2008
  • july 2008
  • june 2008
  • may 2008
  • april 2008
  • march 2008
  • febrary 2008
  • january 2008
  • december 2007
  • november 2007
  • october 2007
  • september 2007
  • august 2007
  • july 2007
  • june 2007
  • may 2007
  • april 2007
  • march 2007
  • febrary 2007
  • january 2007
  • december 2006
  • november 2006
  • october 2006
  • september 2006
  • august 2006
  • july 2006
  • june 2006
  • may 2006
  • april 2006
  • march 2006
  • febrary 2006
  • january 2006
  • december 2005
  • november 2005
  • october 2005
  • september 2005
  • august 2005
  • july 2005
  • june 2005
  • may 2005
  • april 2005
  • march 2005
  • febrary 2005
  • january 2005
  • december 2004
  • november 2004
  • october 2004
  • september 2004
  • august 2004
  • july 2004
  • june 2004
  • may 2004
  • april 2004
  • march 2004
  • febrary 2004
  • january 2004
  • december 2003
  • november 2003
  • october 2003
  • september 2003
  • august 2003
  • july 2003
  • june 2003
  • may 2003
  • april 2003
  • march 2003
  • 28 giugno 2006

    milano back

    eccomi, sono tornato a milano.
    consolatevi, faceva più caldo ed era più umido in indonesia.
    ho scattato veramente tanto. ben 125,53 giga compressi.
    vuol dire non compressi circa 1.000,00 giga, cioè un terabyte.
    cazzo quanta roba, in 7 giorni di scatto!
    tutto questo per tirare fuori circa 20, 25 foto.
    diciamocelo, anche un cretino produce 20 foto decenti se deve tirarle fuori da tutta questa massa di byte…

    No Comments »

    26 giugno 2006

    bali_05

    il lavoro e’ praticamente finito.
    e’ stato bello qui, l’oriente ha sempre una meravigliosa magia. io (purtroppo?) non sono religioso. ma mi piace molto la spiritualita’, perche’ penso sia una cosa molto umana, molto concreta, ma nello stesso tempo emozionante e misteriosa. come piangere.
    c’e’ un meraviglioso tempio qui vicino. si chiama TANAH LOT. e’ bellissimo. costruito su una rocciona sul mare e a seconda della marea e’ un’isola o sulla terraferma. c’e’ sempre una processione di gente che va a visitarlo. ci sono andato anche io, mi sono messo in fila come tutti gli altri. la coda era per fare una specie di benedizione. ho chiesto al “sacerdote” se, nonostante non credessi al loro dio, potessi partecipare. con un sorriso mi ha detto di si’, che non c’erano problemi.
    prima ci si lava e rinfresca da una fonte di acqua dolce che come per magia esce da quelle roccie in mezzo al mare, poi si passa da un primo sacerdote che mi ha benedetto con dell’acqua sulla testa e sul corpo e poi si conclude con un’altro sacerdote che mi ha messo un poco di riso bollito sulla fronte.
    era tramonto. sole infuocato e onde sugli scogli.
    veramente fantastico.
    a questo benessere hanno sicuramente contribuito anche due libri che ho letto in questi giorni, diversi ma simili. entrambi in fondo parlano di come una difficolta’, o addirittura, nel caso specifico dei due libri, la morte possa rimettere tutto in gioco e mostrare le cosa da nuovi punti di vista.
    i due libri sono: “caos calmo” di veronesi e “la fine e’ il mio inizio” di terzani. bellissimi tutti e due.
    non ultimo, ho anche fatto un buon lavoro.
    quale lavoro? che cliente?
    questo qui
    http://www.sasiswimwear.co.za/
    insomma, un bel periodo qui. che il motto dell’albergo riassume bene: “ho gusti semplici, mi accontento del meglio”

    No Comments »

    25 giugno 2006

    bali_merda

    stavo incominciando a scrivere qui di tutte le meraviglie balinesi che sto vivendo, quando sono stato interrotto da uno stimolino mattutino e sono dovuto correre in bagno a, diciamolo, cagare.
    l’argomento non sara’ entusiasmante e avrei veramente di meglio di cui scrivere, pero’ da un lato qui decido io e quindi ho deciso di parlare un po’ di merda, e dell’altro e’ un argomento che non si affronta mai, da nessuna parte. anche nei films, ad esempio, mai uno che ad un certo punto dica “scusate, vado un attimo a cagare e poi continuiamo a salvare il mondo dalla terza guerra nucleare…”.
    l’unica certezza, per chi volesse continuare questa deliziosa lettura e’ che non ne avro’ per molto, non c’e’ poi molto da dire sull’argomento…
    innanzitutto, quando faccio questi miei viaggi, la prima cosa che penso alla mia prima cagata e’ che quello che ho mangiato a milano vado a cagare in un paese lontano migliaia di kilometri. non e’ una bella sensazione. noi primo mondo ricco e tronfio, pieno di supermercati pieni di primizie biologiche e pesci freschi e carni piemontesi meravigliose, veniamo qui, in un terzo mondo povero e spesso con poca roba da mangiare, e cosa facciamo? gli portiamo la nostra merda. non va bene. dovrebbero obbligare a una cura lassativa tutti quelli che partono dall’europa. prima grandi cagate alla malpensa e poi check in!
    un’altra cosa che mi sorprende sempre nel resto del mondo che non sia l’italia e’ la mancanza di bidet. ma come cazzo faranno?!?! tutti quelli che vedo in giro hanno, scusate, il culo sporco di merda? non gli da fastidio? e non mi raccontino la balla che fanno la doccia tutte le volte dopo aver cagato, non ci credo.
    vorrei adesso uscire da qui, fermare un indonesiano, magari bello peloso e chiedergli a bruciapelo “sorry, is your asshole clean?” temo pero’ non sia una buona idea, rimarro sempre nel dubbio…
    non ho molto altro da dire sull’argomento, se siete arrivati a leggere fino a qui il tormento sta per finire.
    questa e’ un’ ultima cosa che volevo dire.
    e’ molto privata, e forse non la sa proprio nessuno, neanche chi mi e’ molto vicino.
    no, tranquilli, niente di pazzesco…ma comunque sto per scrivere qui qualcosa che nessuno sa…forse ci ripenso…non lo dico…o lo dico…ma si che cazzo me ne frega…lo dico…
    quando mi pulisco uso un lungo pezzo di carta igenica, non so come fanno gli altri, magari qualcuno fa come dei piccoli fazzoletti, any way, io faccio un lungo serpente di carta igenica. lo uso a dovere, ma non fino in fondo, lascio un bel pezzo di carta veregine, bella pulita. poi butto il malloppo che ho appena usato per nettarmi nella tazza, lasciando pero’ la parte vergine fuori, per terra. qui viene il bello, tiro l’acqua e mi piace vedere il serpentone bianco che viene trascinato dentro la tazza come da una forza misteriosa. striscia dentro per poi scomparire nell’acqua.
    tutto qui, ecco l’ho detto.
    direi che l’argomento sia esaurito, potrei concludere con una poesia:
    “chi col dito il cul si netta
    presto in bocca se lo metta
    che cosi’ avra’ ben pulito
    carta culo e pure il dito”

    No Comments »

    23 giugno 2006

    bali_04

    …se invece siete vecchi rincoglioniti che nella vita avete gia’ fatto tutto, che avete girato il mondo in lungo e in largo in moto e in barca a vela, avete dormito sugli alberi nella giungla, siete passati come clandestini alla frontiera tra il messico e gli stati uniti, solo per vedere l’effetto che fa, vi siete drogati a katmandu negli anni settanta, a bogota’ negli anni ottanta e ad ibiza negli anni novanta, se avete fatto il cammino di santiago di compostela distruggendovi i piedi, se, insomma, non vi siete negati nulla e adesso finalmente ve ne potete fottere delle cose alternative e avventurose, ecco, allora dovete venire dove sono adesso.
    questo qui:
    http://www.starwoodhotels.com/lemeridien/search/hotel_detail.html?propertyID=1836&EM=VTY_LM_bali.lemeridien.com_1836
    e’ veramente un paradiso.
    piscine grandi come campi da calcio.
    cascate. giochi d’acqua. di tutto e di piu’.
    ne dico solo una: c’e’ un bellissimo campo da golf.
    le caddies sono graziose indonesiane tutte ben vestite alla indonesiana che coprono di carinerie infinite chi gioca. ad esempio hanno una specie di frigorifero dietro con dei panni freschi. quando il bianco ciccione ha fatto il suo sforzo pazzesco a lanciare la pallina, loro vanno li’ e gli rinfrascano collo e fronte con la spugnetta fresca e profumata!
    forse era meglio se schiantavate di eroina a katmandu negli anni settanta…

    No Comments »

    21 giugno 2006

    bali_03

    No Comments »

    21 giugno 2006

    bali_02

    No Comments »

    18 giugno 2006

    bali

    eccomi, sono a bali, indonesia. non bari, puglia.
    dove per altro forse era meglio, appena esco dall’italia mi manca il cibo italiano.
    qui però non è male. pesce, verdure, noodles, piccante.
    c’è un gran caldo e soprattutto un gran umido.
    starò qui più o meno un settimana, si scattano costumi da bagno.
    stay tuned for updated…

    No Comments »

    17 giugno 2006

    bankok

    altre giornate frenetiche sono passate.
    sono appena tornato da scattare a venezia e mi ritrovo a bankok.
    non ci capisco piu’ un cazzo.
    sali, scendi, carica, scarica, autostrade, aeroporti…
    della trasferta veneziana ricordo questo fatterello: ci fermiamo, di ritorno appunto da venezia, a scattare a sirmione. in un hotel super lussuoso da svariate stelle. arriviamo e subito mi chiedono di aiutare un cliente che aveva lasciato le luci accese e quindi era rimasto senza batteria. la mercedes del cliente tedesco era grande e grossa e ci voleva una macchina altrettanto grande e grossa: la mia volvo xc90 fiammante era quello che ci voleva. scusate l’atteggiamento sborone, ma e’ funzionale alla storia…
    un casino trovare la batteria, dove cazzo e’ la batteria della volvo xc90? non e’ davanti come tutte le altre macchine, ma dietro, incastrata sotto il bagagliaio e pure imbullonata. prima di scoprirlo ci abbiamo messo un bel po’. con il libretto di istruzioni in mano.
    e allora scarica tutta la macchina dei flash, le borse varie. indeciso se mandare a cagare il tedesco con i suoi problemi con la sua cazzo di macchina tedesca (ma era troppa la voglia di far vedere come puo’ essere gentile e carino un italiano, mica spaghetti e mafia…) o continuare a non cagare la cliente russa che mi guardava con sufficenza pensando che cazzo stara’ facendo questo italiano sconclusionato, insomma un casino. e d’altronde il tedesco mica sapeva che io stavo lavorando e che le mie cazzo di foto stavano cambiando il destino dell’umanita’ salvandola dal baratro del cattivo gusto e dell’ignoranza (questo almeno e’ quello che il cliente russo sicuramente pensava di me e del mio alvoro…), insomma, lo ribadisco, un casino.
    due ragazzi marocchini portabagagli dell’hotel che si erano presi a cuore la cosa e mi “aiutavano”. smonta le viti, perdi le viti nella ghiaia, “no problema signor”, tira di qui, tira di la’.
    il casino aumenta, la russa mi guarda torva, la macchina del tedesco non parte.
    cazzo!
    alla fine dai e ridai, prova e riprova, la macchina parte.
    il tedesco esce dalla sua mercedes, si avvicina alla mia fiammante volvo xc90 3000 benzina da 272 cavalli, mi guarda, stiracchia un “thank you”, e mi tende la mano.
    gli stringo la mano.
    sento nel palmo della mano uno strano effetto.
    carta.
    ritiro la mano.
    apro il palmo.
    20 euro.
    mi ha lasciato la mancia.
    adesso il problema e':
    -non mi merito la macchina che possiedo
    -non sono all’altezza della macchina che possiedo
    -sono molto piu’ sfigato della macchina che possiedo
    non vedo alternative…
    :(
    ma adesso, alla faccia del tedesco, mi sono appena fatto fare un massaggio ai piedi nell’aeroporto di bankok.
    meraviglioso. aspetto un altro aereo e riparto.
    direzione…

    No Comments »

    10 giugno 2006

    il re è nudo #02

    sono allibito.
    leggo sul corriere della sera, giornale ovviamente estremamente autorevole che suppongo verifichi le sue fonti, che la signora franca sozzani, direttore di vogue italia dichiara che “quando è fattibile, scattiamo i redazionali in Italia”
    il tutto qui http://www.corriere.it/Primo_Piano/Spettacoli/2006/05_Maggio/17/ppollo.shtml
    e nessuno dice niente?!?
    “quando possibile scattiamo redazionali in italia”?!?!
    DA QUANDO LA SIGNORA FRANCA SOZZANI E’ DIRETTRICE DI VOGUE ITALIA, E CIOE’ DAL 1989, E QUINDI NON DA UN GIORNO MA DA BEN 17 ANNI, NON E’ MAI STATO FATTO UNA VOLTA, DICO SOLO UNA VOLTA UN REDAZIONALE SU VOGUE ITALIA CON FOTOGRAFI E CREATIVI E STRUTTURE ITALIANI.
    MAI UNA SOLA CAZZO DI VOLTA.
    nessuno ha i coglioni per dirlo?
    nessuno ha il coraggio di scriverlo?
    deve farlo un cretino come il sottoscritto?

    No Comments »

    5 giugno 2006

    redazionali italiani

    …e intanto qualcuno in italia pubblica i miei redazionali:
    -sul maxim in edicola c’è questo servizio
    http://www.benedusi.it/portfolio/?Form_Album=73&Form_Group=&Form_Photo=791
    -è uscito il nuovo numero della rivista “uovo”, che è una realtà editoriale meravigliosa. tanto clandestina e poco nota quanto raffinata e fatta bene.
    la vera prova che anche in italia (sì, proprio qui! nella lontana provincia dell’impero!) sia possibile fare cose belle.
    potete trovare notizie su uovo qui http://www.uovo.tv/
    su questo numero appena uscito c’è un mio redazionale.
    il concetto delle fotografie è quello di mettere una stessa modella (è una sola modella, non sono due gemelle…) contemporaneamente nella stessa immagine nuda e vestita: qual’è la realtà? qual’è la verità? dove lei è più bella?
    le immagini qui http://www.benedusi.it/portfolio/?Form_Album=72

    No Comments »