WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Settembre 2019
  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 7 Febbraio 2013

    PHOTOGRAPHY, ELIO E LE STORIE TESE AND THE CATHOLIC CHURCH.

    what a headline right?!? Lets see now how to make sense of it…

    during the last pitti in florence I was having breakfast in my favourite bar (gilli) and I started having an argument (quite heated!) with a florentine lawyer I met there on the spot. basically the theme of the matter was that he stated that to judge something, anything, it was only necessary to like it, while I was more for the argument that in order to judge, and to like, anything, it is important to have the culture and knowledge to be able to first understand.

    the bizarre lawyer (because, I must say, he was quite bizarre, if only to engage in a fierce argument with a stranger..) was adamant: if you like a wine, a novel, a painting, a photograph, a song.. its more than enough. each one of us is the judge of oneself and if he is happy everyone is happy. you like it? ok!

    I was equally adamant: I was and continue to be convinced that without an adequate knowledge of a topic what inevitably happens is that you will appreciate the simplest, most useless, most understandable and in the end inevitably the ugliest.

    obviously everyone remained with their own opinion, we offered each other breakfast and we said goodbye.

    we move from florence to milan, to the (excellent!) pizzeria we we usually go to after the cinema. in this pizzeria there are some posters hung on the wall with photographs. to be correct I removed the authors, but here they are:

    in short, the usual banal useless and taken for granted photographs of some panoramic shot on a tripod, long exposure and HDR. excuse me, I am going to say it in my usual polite manner: its so crap!

    obviously they can be liked but for anyone who knows and studies seriously photography it is obvious what they are: nothing.

    fact is that if ever I had gone to the kind owner of the pizzeria and told her that these photographs were ugly I am sure she would have looked at me as if I was crazy. I am sure of it. “ugly?!? but they are wonderful!” she would have replied, I am sure.

    in short, I am increasingly convinced, in spite of the bizarre florentine lawyer, it is essential to know and understand in order to appreciate: otherwise inevitably, once again, we appreciate the crap.

    here, however, there is a problem: a sort of “elitism”, a sharp line between what is simple/comprehensible/popular/bad and what is complex/complicated/cultured/beautiful.

    there is a risk that only a few know and understand, and many that don’t know and don’t understand. good. actually, bad.

    and here come into play ELIO E LE STORIE TESE and the CATHOLIC CHURCH: the solution (veeeeery hard, not an easy task!) is to send simple messages that everyone understands packaged in simple containers that everyone understands, but that magically hide another level of understanding which is complex and deep.

    most tracks by EELST talk about serious issues which are musically well refined and appeals to everyone (a few idiots cannot comprehend even their simplicity, but lets leave the irreparable chumps).

    the parables of the CC are very simple stories but hide obviously a very deep level of reading on which any theologian can discuss for hours.

    in short, in the end is think the solution is to be able to convey deep things through simple tools: a goal we should all have but that is extremely complicated to be able to accomplish.

    (exactly, not simple, I might have written two simple phrases, not the whole preposterous tell-off!  😉 ) 

    24 Comments »

    4 Febbraio 2013

    NADEGE GUEST STAR ON STYLE PICCOLI

    I have to say that I love photographing children. it’s one big mess! and I love mess.

    the STYLE PICCOLI issue with my editorial is still on sale. special guest stylist is the super top model nadege. theme of the editorial “colour”.

    some backstage pictures, taken by pasquale ettorre, where you can see we did everything possible to entertain the kids!

    and finally nadege and I at our best!

    1 Comment »