WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 15 Settembre 2016

    BEBE VIO ROCKSTAR

    img_2825

    img_2827

     

    Arriviamo a Pisa, io e Claudio Arrigoni (il giornalista di Sportweek specialista in discipline paralimpiche), in una torrida giornata di luglio: veramente caldissimo.

    Incontriamo subito Beatrice Bebe Vio, che si sta allenando con Emanuele Labertini in una palestra ancora più calda, ancora più torrida, ovviamente senza aria condizionata. Nel fioretto, la disciplina olimpica di Bebe, ci si veste molto, noi siamo, ovviamente, leggerissimi, mentre invece loro hanno tute, copri tute e protezioni varie: quando incomincio a fotografarla è già madida di sudore.

    Non si lamenta, anzi. Si mette a disposizione con una generosità che mi imbarazza e responsabilizza: mi rendo conto che potrei chiederle qualsiasi cosa. Proprio per questo non le chiedo nulla, o quasi nulla: voglio solo guardare la sua arte, fotografare il suo carisma.

    Finisce l’allenamento, si spoglia per indossare gli abiti normali e indossare le protesi che le permettono di camminare e usare le “mani”. Le chiedo se posso continuare a fotografarla e di fermarmi quando non vuole più sentire più la mia macchina fotografica che scatta: mi risponde che non ci sono problemi, di fotografare tutto ciò che voglio.

    Poi andiamo al mare, con tutto il gruppo, a mangiare gli spaghetti sulla spiaggia.

    E’ allegra, positiva, fantastica.

    Le faccio una domanda cretina “sei fidanzata?” lei invece di mandarmi a cagare sorridendo mi risponde “me lo chiedono tutti!”.

    Quando poi, qualche giorno dopo, rientro a Milano e comincio a scegliere e a ritoccare le fotografie mi succede una cosa particolare, che non mi è successa spesso. Tutti conosciamo bene le potenzialità di un ritocco potente. Anche chi non fa il fotografo di professione oramai conosce perfettamente come una fotografia può migliorare: se adesso fate una fotografia qualsiasi con il vostro telefonino e la pastrugnate per bene con i filtri di Instagram vedrete che quella banalissima fotografia diventerà, come per magia, bella. E’ quello che si fa normalmente in fotografia: migliorare il reale, come se non fosse già abbastanza bello. Ho cominciato quindi a farlo anche con le fotografie di Bebe. Ma qualcosa non funzionava. Era sempre troppo. E allora ho incominciato a togliere. E togliere. E togliere. Fino a quando ho capito che non c’era proprio nulla da fare, nulla da migliorare. Le fotografie di Bebe erano perfette così, e certo non per merito mio.

    Cosa altro dire, nulla, non c’è nulla da aggiungere. Se non guardare il momento in cui Beatrice Bebe Vio vince la medaglia d’oro alle paralimpiadi di fioretto:

     

    bi3u3674

    bi3u3988

    img_7564

    1. Max ha detto:

      Indipendentemente dagli occhi di chi guarda, stavolta la bellezza è negli occhi suoi! Grande Bebe

    2. Ruben ha detto:

      Ho guardato a lungo queste foto e mi sono commosso. In un mondo in cui si è più attenti a come togliere le imperfezioni della pelle con Photoshop qui la straordinaria bellezza della persona emerge senza bisogno di ritocchi. Grazie Settimio.

    3. Era da un po’ che non passavo sul tuo blog. Incuriosito dalla diretta FB odierna sono venuto a leggere i post che mi ero perso. E’ emblematico che questo post che racconta qualcosa ATTRAVERSO la fotografia abbia 3 commenti, mentre l’ultimo, provocatorio, che parla DI fotografia, sia così commentato, discusso, criticato…

      Non è per fare il leccaculo, ma queste foto sono profonde e penetranti, la chiara dimostrazione di cosa significhi saper usare il linguaggio appropriato alla storia che si racconta.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *