CALENDARIO PALAGINI 2019

postato in: Senza categoria | 2

E’ stato appena stampato il calendario Palagini, un progetto che seguo oramai da un po’ di anni. Grazie all’intelligenza del grande capo penso di essere quasi sempre di essere riuscito a realizzare un buon lavoro… 🙂

Quest’anno ho cercato di realizzare qualcosa sempre nel linguaggio del calendario ma cercando di andare verso ciò che, adesso, mi interessa maggiormente: il ritratto.

Abbiamo voluto 6 ragazze di diversi tipi, diverse età, diverse tipologie; ma tutte senza nulla di finto. No seni finti, no ritocchi di alcun tipo, no tatuaggi…

Ho fotografato in luce naturale, senza usare pannelli o quant’altro. Non c’era trucco/capelli (o meglio c’era per togliere qualcosa se fosse stato necessario: alla fine la nostra Carmen non ha fatto nulla) e abbiamo chiesto alle ragazze di venire assolutamente naturali.

Non è stato fatto alcun lavoro di Photoshop, solo la conversione in bianco e nero.

Abbiamo inoltre chiesto alle ragazze di portare un libro, il loro libro preferito: è stato inserito nel secondo scatto, quello a figura intera.

Sul set era presente questo, come una sorta di manifesto programmatico del lavoro:

Queste le pagine, con Tanya, Amanda, Margherita, Medea, Benedetta e Claudia.

 

 

 

 

 

 

 

Il prodotto finale è stato stampato dalla Opero Italia di Verona, con una qualità pazzesca.

Ecco, tutto ciò è la premessa, il vero punto è questo: metto all’asta una copia del calendario, firmato da me.

L’asta si tiene sul mio profilo Instagram.

Basta scrivere nei commenti la cifra che si vuole spendere. Si parte ad offerta libera: anche 1 euro va bene.

Io non prenderò un euro, consegnerò il calendario a chi offrirà di più e si presenterà in studio da me con la corrispondente ricevuta versata a Pane Quotidiano.

Olè! â™¥

 

2 risposte

  1. Nicola

    Se uno dovesse rompere i coglioni potrebbe dire che la grafica è un po’ datata.
    Bel lavoro. Complimenti anche al committente.

  2. sbabbarox

    Ciao Settimio,
    ammiro i tuoi lavori, ma questo mi lascia perplesso. Perche’ il nudo nella figura intera? I ritratti sono altamente espressivi (sono pazzeschi), ma la figura intera, con il libro, non riesco a cogliere il valore che vuoi dare alle ragazze. Ho come la sensazione che in qualche modo ne perdano.
    Probabilmente non riesco a leggerle con il senso che le volevi dare.

    Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *