MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • september 2017
  • august 2017
  • july 2017
  • may 2017
  • april 2017
  • march 2017
  • febrary 2017
  • december 2016
  • november 2016
  • october 2016
  • september 2016
  • july 2016
  • may 2016
  • april 2016
  • march 2016
  • febrary 2016
  • january 2016
  • december 2015
  • november 2015
  • october 2015
  • september 2015
  • august 2015
  • july 2015
  • june 2015
  • may 2015
  • april 2015
  • march 2015
  • febrary 2015
  • january 2015
  • december 2014
  • november 2014
  • october 2014
  • september 2014
  • august 2014
  • july 2014
  • june 2014
  • may 2014
  • april 2014
  • march 2014
  • febrary 2014
  • january 2014
  • december 2013
  • november 2013
  • october 2013
  • september 2013
  • august 2013
  • july 2013
  • june 2013
  • may 2013
  • april 2013
  • march 2013
  • febrary 2013
  • january 2013
  • december 2012
  • november 2012
  • october 2012
  • september 2012
  • august 2012
  • july 2012
  • june 2012
  • may 2012
  • april 2012
  • march 2012
  • febrary 2012
  • january 2012
  • december 2011
  • november 2011
  • october 2011
  • september 2011
  • august 2011
  • july 2011
  • june 2011
  • may 2011
  • april 2011
  • march 2011
  • febrary 2011
  • january 2011
  • december 2010
  • november 2010
  • october 2010
  • september 2010
  • august 2010
  • july 2010
  • june 2010
  • may 2010
  • april 2010
  • march 2010
  • febrary 2010
  • january 2010
  • december 2009
  • november 2009
  • october 2009
  • september 2009
  • august 2009
  • july 2009
  • june 2009
  • may 2009
  • april 2009
  • march 2009
  • febrary 2009
  • january 2009
  • december 2008
  • november 2008
  • october 2008
  • september 2008
  • august 2008
  • july 2008
  • june 2008
  • may 2008
  • april 2008
  • march 2008
  • febrary 2008
  • january 2008
  • december 2007
  • november 2007
  • october 2007
  • september 2007
  • august 2007
  • july 2007
  • june 2007
  • may 2007
  • april 2007
  • march 2007
  • febrary 2007
  • january 2007
  • december 2006
  • november 2006
  • october 2006
  • september 2006
  • august 2006
  • july 2006
  • june 2006
  • may 2006
  • april 2006
  • march 2006
  • febrary 2006
  • january 2006
  • december 2005
  • november 2005
  • october 2005
  • september 2005
  • august 2005
  • july 2005
  • june 2005
  • may 2005
  • april 2005
  • march 2005
  • febrary 2005
  • january 2005
  • december 2004
  • november 2004
  • october 2004
  • september 2004
  • august 2004
  • july 2004
  • june 2004
  • may 2004
  • april 2004
  • march 2004
  • febrary 2004
  • january 2004
  • december 2003
  • november 2003
  • october 2003
  • september 2003
  • august 2003
  • july 2003
  • june 2003
  • may 2003
  • april 2003
  • march 2003
  • 20 agosto 2012

    TEN RULES TO BECOME A PROFESSIONAL PHOTOGRAPHER AND STAY ONE.

    About a year ago I wrote a post that was titled THE PHOTOMETER, maybe someone remembers it. Might it be that the holiday brings me to be more meditative and write a little less of the usual bullshit – I did this, I did that, I published here and there – I’d like once again to make a further contribution to that discussion. Trying to (as far as I can…) be less of an asshole.

    If last year’s photometer indicated the negative (don’t do this and don’t do that) this year I would like to do exactly the opposite, giving ten rules of what to do and how to become and above all remain (which is most difficult) a professional photographer. Some things I’ve said in the past, forgive me if I repeat them. Anyhow we know repetita iuvant.

    One last thing before I begin: not for false modesty, but it is not far from clear that I have ever applied or that I strictly apply all the points I’m about to make. If I did I might have become a better photographer that what I am now. But I am a professional photographer, and I live only and solely on this job: necessary quality and sufficient enough to know how things should work…

    Here are my ten rules to become and stay a professional photographer:

    –  Be yourself. Its simple! Be yourself. Become your story. To take pictures like Terry Richardson its not enough to take photos while a girl gives you a blowjob: everyone knows how to take those! You have to first LIVE like Terry, you have to have a mother that gets her picture taken with her tits out at 80 years of age while smoking a joint. The photographs have to tell who you are: if you are a nerd it is better to take photos like a nerd, you will never be good at taking the rockstar ones.

    –  Photograph what the client wants like you want it. I wonder why most beginners do exactly the opposite, namely photographing what they want in the way the client wants it. Let me explain myself: every client has its needs. And they are HOLY. He is paying, he looks for a solution to his problem and your job is to solve THAT problem. I love culinary metaphors: if you are running late for your train you want a simple sandwich, tasty and economic. If someone offers you orange duck, it might be the best duck in the world but it is not suitable to eat it while running for the train. So one will bust his back to get the duck to fit on the train. Nobody wants your fucking duck! Make that sandwich that they are asking for, but use the recipe that your mother taught you. Simple, right?

    –  Shoot a lot. If for ALL the things in the world the concept is that by doing it often and many times you improve I wonder why it should not apply also to photography. If you have done a thousand omelettes it is very likely that you are very good at making omelettes. I assure you, it also applies to photography: shoot!

    –  Photograph what you know. The well known and presumed ease of photography leads us to think that we can photograph everything, like that, bullshit. No! You want to go and photograph a boat race? You must know everything about boats and winds! If someone gave you a piece of paper and a pen and asked you to write something about the city of Ulan Bator what would you write?!? NOTHING! Because you’d know nothing of this city in Mongolia! And for what reason would you feel able to go to that city and photograph it?!? What could you tell about something that you know nothing about?!?

    –  Be contemporary. You often hear: I used to do that thing ten years ago!!! Well done asshole! You are wrong of exactly ten years! All expressions and not only artistic, but let’s say creative, must have a great quality: being the story of the time in which they are made.

    //////////////////////////////

    For now the first 5 rules: the others will follow.

    PS: I wrote everything on my iPad, so then all the caps where autocorrected, which are normally banned from my blog: for once you get them…

    Tag:

    1. Sara Lando ha detto:

      Sei ancora a dieta di quotidiani? Sara’ quello che ti rende positivo nei confronti del mondo?
      Sottoscrivo tutto con il sangue, comunque, e attendo la seconda parte.

      (Ulan Bator per me = Mongol Rally. Se non sai cos’e’ il Mongol Rally, vai su google o youtube. Tra qualche anno mi piacerebbe prendere un camion dei pompieri e caricarlo di fotografi -e un meccanico- e partecipare: se vuoi ti tengo un posto)

    2. Andrea Rossi ha detto:

      Sara, io sono meccanico-elettrauto e mi diletto con la fotografia, inoltre mi piace viaggiare in asia…hai un posto libero? 😀
      Settimio, sarebbe bello unire alle parole anche la voce…che parte mogia mogia per continuare in un crescendo andante veloce e finisce roboante come punteggiatura. Sarebbe bello, ma per ora attendiamo la seconda parte scritta. E’ un blog. 🙂

    3. Roberto ha detto:

      Quotointoto.

    4. vince paolo gerace ha detto:

      mi piacciono le 5 regole, e sono d’accordo…ne avrei anch’io ma sarebbero una serie di cazzatte contro quelli che comprano una mark 2 e te li trovi al tuo fianco a scattare tutto, tutto senza sapere perchè..

    5. Lorenzolofoto ha detto:

      Ammirevole Benedusi, che stavolta visto il clima cerca di non scaldare troppo l’animo sensibilissimo dei fotografi come si deve :p
      Sara, ho il meccanico, poi ti racconto. Cerchiamo il camion :p
      Ma il reportage della cosa te lo scatto alla mia maniera, come voglio io, ovviamente. Ordini.

    6. Gabriele malagoli ha detto:

      Ti stimo sempre di piu…

    7. Gabriele malagoli ha detto:

      Tuttavia sullo scattare tanto non sono d’accordissimo… O meglio sono d’accordo a metà! Conosco gente che scatta tantissimo e non migliora su nulla.. Credo che bisogna scattare tanto ma con criterio e cognizione… Meglio scattare meno ma sapendo cosa si fa a mio avviso!

    8. Lorenzo ha detto:

      A quanto pare, sono stato bannato da questo blog, se utilizzo il mio nome e cognome i miei messaggi non vengon pubblicati, eppure non penso di aver mai detto o fatto qualcosa di scorretto :\

    9. Settimio Benedusi ha detto:

      @Lorenzo: non ho MAI bannato nessuno.

      @Sara: temo di essere un po’ troppo fighetto per quelle cose. Ma ho un amico che quando si parla di moto ed avventura non si tira certo indietro: mando lui… 😉

    10. Francesco Rossi ha detto:

      Bello questo articolo Settimio! E finalmente un po’ giù dallo scranno! Assolutamente condivisibile questo contributo! Sono un giovane fotografo (professionista da quasi 3 anni) e tutto quello che scrive qui Settimio l’ho sperimentato sulla mia pelle, di solito con errori in prima persona pagati tutti con lo scotto.

      Se scatti con in testa quel che il cliente si aspetta finirai per farlo alla meglio come voleva lui, e quindi lui lo considererà poco per aver chiamato un professionista ed investitoci soldi.

      Se non conosci una materia è inutile cimentarvisi, e così ho smesso di fotografare certe cose di cui non so una mazza (paesaggi, natura, molti tipi di reportage, band di musica elettronica o “anni 2000” in generale ecc, ad esempio) concentrandomi su altro.
      La scorsa settimana ero vicino Matera per un lavoro, e una persona mi ha consigliato di partecipare ad un concorso sulla Basilicata, con alcuni temi. Dopo averli letti ho deciso di non farlo, perché non potrei mai arrogarmi la presunzione di descrivere le radici di un popolo con quale non ho niente a che fare semplicemente prendendo due libricini del cazzo o leggendo pagine di Wikipedia. Non è così che funziona.

      Se non sei una certa “persona” alla greca (maschera) non potrai parlare di certe cose: se vuoi fotografare gli zingari perché sono “poetici” o vai a vivere con loro e ne assorbi il mondo o sei un coglione presuntuoso, e lo stesso con la moda, il reportage, qualsiasi genere! L’esempio di Richardson è perfetto, perché la sua fotografia è un corpus, non si possono prendere scatti singoli, che di per sé sono spesso semplicissimi, immediati, replicabili. Se scatta Lindsay Lohan che fa vedere le tette ad una festa con una flashata in bianco e nero assurda e la foto sembra assolutamente perfetta non è perché capitava di lì ed è bravo a fare foto, ma è perché vive da 40 anni immerso nel mondo dell’alternative-radical-hypster-fake-punkrock-system alto borghese east coast, ed è questo ad avergli permesso di sviluppare uno stile ed un mondo linguistico che ritrovi negli scatti. Un altro esempio che si potrebbe fare è per le foto di concerti, che io detesto, non in sé, ma perché quasi sempre sono di una vuotezza esasperante. Se fotografate jazz o hip-hop non è la stessa cosa, e non solo per i colori più sparati e quei maledetti fish-eye, ma perché per poter fotografare un genere musicale lo si deve comprendere, vivere: conoscere i brani, conoscere le biografie dei musicisti, conoscere il sottobosco che si muove attorno a quel genere, eccetera. Tempo fa un bravo fotografo pubblicitario di lungo corso mi parlava di foto di beauty, e mi ha detto una cosa assolutamente vera: “se non conosci il sapore del rossetto sulle labbra, quale consistenza ha, come si scioglie con la saliva, come fai a sapere davvero come farlo mettere da una truccatrice ad una modella per uno scatto? Te lo devi mangiare quel rossetto, per sapere di che parli!”

      E così allo stesso modo vale la cosa di fare tante, tantissime foto, e guardarne altrettante. Se fotografi soprammobili, fosse anche un posacenere di plastica, come fai a non conoscere a memoria il lavoro dello studio Ballo, se fotografi il catalogo di magliette del negozio del tuo paese, come fai a non avere divorato Avedon o Demarchelier, o quella befana della Leibovitz?

      Ma se anche anche questi concetti non vi convincessero, fate una semplice indagine: vedrete che TUTTI i fotografi che sono riusciti e riescono nel loro lavoro rispondono a questi requisiti. Conosco fotografi che si occupano di foto sportive e quando non lavorano partono per una gara di mountain bike dall’altra parte del mondo o un Iron man, fotografi di reportage naturalistico a cui frega più dei prodotti Quechua che dei prodotti Canon, e così via.

      Ecco, finito il pippone. Non so perché ho scritto così tanto, mi ha preso bene!! Adesso che mi sono sfogato mi mangio un ghiacciolo.

    11. Mirko Merchiori ha detto:

      Se Il Fotometro dell’anno addietro mi appariva come un manuale scritto da un filosofo pret-à-penser, le regole di questo post le trovo, invece, molto interessanti e costruttive: finalmente Benedusi ha tolto il mantello (e in questo quoto Francesco).

    12. FAbio Tommasi ha detto:

      Condivisibile alla grande..!
      Però per chi campa di reportage commissionati,
      non è facile raccontare cose già sperimentate e approfondite.
      Quando una testata ti contatta con un anticipo di quattro/cinque giorni per spedirti non si sa bene dove,
      la cosa migliore che puoi fare è studiare una mappa del posto,
      guardare qualche foto sul web e abbandonarsi al destino…
      Mi spiego?

      Buone vacanze, domani parto per le CInque Terre…
      ..non in vacanza, non ci sono mai stato prima.

      Giuro.

    13. Stefano ha detto:

      uh, mi sta invecchiando, diventa buono

    14. Rod ha detto:

      Come già premesso nel post del 3 agosto, non sono fotografo, neppure amatoriale (ovviamente nel senso di poter fornire quel minimo di qualità alle foto per distinguermi dal turista della domenica in gita fuori porta), pur essendo attratto dal mondo della fotografia artistica.
      Credo che queste prime 5 “regole” enunciate siano doverosamente frutto e conseguenza di saggezza ed esperienza (tanta), e, sebbene quasi ovvie, è bene che vengano ricordate e spiegate.
      In particolare mi ha colpito la prima, su Terry Richardson. Verissimo, ma nel caso di Richardson aggiungerei che farebbe comodo vantare nel porfolio anche una foto in cui stringi la mano ad un giovane presidente USA di colore … ma anche una forte dose di carisma personale che porta famose top model e nota gente dello spettacolo ad accettarne lo stile piuttosto disinvolto in quanto a sesso e nudità, fino a diventarne complici. Allegramente, come nei migliori provini di Tinto Brass.
      Alla prossima.

      Rod

    15. umberto ha detto:

      … sei sicuro che ne servano altre cinque???

    16. Giuseppe ha detto:

      Quoto tutto, è come se m’avessi letto nel cervello. E poi anche Cartier-Bresson diceva che le prime 10000 foto sono una merda (devo continuare ancora per molto, sono solo a 7000)

    17. Daniele Calpentras ha detto:

      Molti “fotografers”,
      Pochi Fotografi.

      Manca proprio la cultura..

      🙁

    18. Beppe ha detto:

      Ottimo articolo, fotografare ciò che si conosce è fondamentale sopratutto per la fotografia specialistica o quella sportiva.
      Se non conosci le regole difficile che potrai fare belle foto a qualche evento sportivo, anche se vedo sempre più dilettanti allo sbaraglio. Il che non sarebbe una brutta cosa se poi non ci fossero i media che le prendono perché sono gratis.
      Per il resto quoto tutto.

      @Fabio cosa vuoi sapere sulle 5 terre?

    19. Hilda ha detto:

      E’ davvero un piacere leggerti.
      Grazie.

    20. Luca ha detto:

      Come non quotare Francesco 😉

    21. Alessandro ha detto:

      Decisamente daccordo….anche se il fotometro mer me resta qualcosa di stupendamente in’arrivabile! Una delle più grandi genialità mai scritte su questo blog. Per questo ha fatto incavolare parecchia gente !!! Grande Settimio!!

    22. Luca Giustozzi ha detto:

      Tanti lo odiano, tanti lo ammirano, io adoro il Benedusi per questi articoli. Sacrosante verità, gran bell’articolo.

    23. Stefano ha detto:

      a me viene una domanda, un po’ critica (o stronza), apprezzo molto alcume fotografie di Benedusi fatte a bambini/e e alcune modelle, la domanda é: rispetto al punto “fotografa ciò che conosci”, mi domando quanti fotografi hanno la possibilità di conoscere l’ambiente delle modelle e contemporaneamente quello dei bambini?
      Probabilmente non riceverò risposta da Benedusi, ma è una domanda che mi sono posto e che ha una risposta, altrimenti l’autore sarebbe disoccupato.

    24. Settimio Benedusi ha detto:

      @Stefano: sai che non ho capito la domanda? Cosa vuol dire “l’ambiente delle modelle e contemporaneamente dei bambini”?!? Quello che bisogna conoscere quando si realizza una campagna pubblicitaria è cosa vuole comunicare il brand di cui si sta facendo l’ ADV e comunicarlo efficacemente: l’ambiente delle modelle e dei bambini (!!!) non ha nulla a che fare…

    25. Francesco Rossi ha detto:

      Di nuovo concordo con Settimio. Conoscere la materia non significa conoscere i misteriosi segreti del mondo dei bambini, ma avere ben chiaro in mente il tipo di comunicazione del cliente: come amerebbe venissero veicolati i suoi messaggi (anche secondo la sua “storia editoriale” ed il suo brand), a che pubblico di acquirenti si rivolge (ci sono mamme e mamme a seconda delle marche di abbigliamento per bambini, Benetton non ha le stesse “mamme” di Blumarine), con che modalità ama che vengano fatti i lavori, e così via. Toscani poteva fare le foto in quello stile anche perché dietro aveva il vecchio che lo appoggiava.

      Col tempo, chi fotografa generi ad indirizzo mirato svilupperà anche strutture, skills e conoscenze conseguenti, che vanno dai contatti d’agenzia (anche i bimbi le hanno di solito) a quelli con uffici stampa e via dicendo, non ultimo lo stile.
      Nel mio piccolissimo sto investendo in tecnologie ibride foto e video e set fotografici “to go”, dato che i miei clienti sono sempre più attratti dalla comunicazione via web, e quindi anche filmati eccetera, e spesso hanno bisogno che fotografi in sede anziché da me. E’ quello che avevo in mente aperta la PI? Non del tutto, ma il mercato, una mia inclinazione personale (unita a passione per il montaggio e ingordigia verso il cinema), e il caso mi stanno portando in quella direzione. Ma davvero, sono l’ultimo di un milione (per ora), ne parlo solo per dare la campana opposta a quella di Settimio, cioè del giovane che deve ancora emergere e non del fotografo importante, anche se i meccanismi base sono gli stessi credo.

      Chi fotografa food ha una cucina attrezzata con uno chef in studio, e se l’è costruita con anni di lavoro e contatti d’agenzia in quel senso, fatturazioni e iperspecializzazione, banco ottico, basculabili ecc. Chi fotografa quadri usa luci diverse da chi fotografa fighe, chi fotografa cucine Scavolini ha bisogno di grossi spazi e bank che non servono a reportagisti, chi fa book per agenzie e modelle magari non ha bisogno di dorsi digitali e può investire ad esempio in una “officina da falegname” vera e propria per farsi da sé gli sfondi e le scenografie, e così via all’infinito. Insomma, conscenze, competenze e specializzazione.

      Benedusi è un bravo fotografo commerciale che potrebbe fare un po’ di tutto, ma non per questo fotografa indiscriminatamente lirica alla Scala e il giorno dopo gare di ciclismo al Tour de France: ha sviluppato, immagino al 50% per attitudine/interessi e al 50% per dove la vita l’ha portato, un suo stile che riguarda la fotografia pubblicitaria legata al ritratto, ed in quello è efficace ed affidabile (le due cose che interessano ai clienti) ovvero fa il lavoro bene e non rompe le palle a chi paga, anzi gli risolve i problemi, il che non è per niente scontato. La differenza non è tanto tra “professionista” e “amatore”, ma tra “fotografo che verrà richiamato dal cliente” e “fotografo che invece no” ;-).

      Conoscere una materia non significa sapere dove vanno a bere le modelle la sera (non sono tutte in Brera purtroppo), ma magari che per fare un determinato lavoro non devi affittare un dorso digitale per una settimana facendolo pagare al cliente (perché lo possiedi già), o affittare una sala di posa.

      E detto ciò mi taccio di nuovo. Chiedo scusa a Settimio se gli ingolfo di messaggi lunghissimi questo articolo, ma mi ha pigliato bene e quando mi piglia bene divento loquace!

      😀

      Buon fine agosto a tutti!

    26. Stefano ha detto:

      @Settimio ti ringrazio innanzi tutto per la risposta e mi scuso per il ritardo nella mia replica, ma il lavoro mi sta uccidendo.
      Mi sono reso conto di un paio di cose, la prima semplice semplice, Settimio Benedusi è nato al mare che ama e che spesso è presente nelle sue foto, prima cosa che conosce. Probabilmente ha avuto a che fare con i bambini, se non sbaglio ha un figlio…
      Poi la tua risposta è stata, giustamente, comunque fatta dal fotografo professionista, che deve saper fare le cose che hai spiegato.
      E’ molto più semplice che non avessi compreso io il significato della “regola”, infatti credo che Francesco Rossi abbia “interpretato” la mia domanda e questo conferma che non ho capito io, però mi fa piacere, perchè è comunque motivo di crescita. Per dire, prima di “trovare” Benedusi e il suo blog avevo intenzione di fare foto a una modella in perizoma in fabbrica abbandonata, non l’ho fatto, è trascorso un anno, sto studiando e cercando di capire la fotografia, ma probabilmente non vivendola come lavoro, alcume cose mi sfuggono.
      Grazie ancora per la disponibilità e pure per il “servizio pubblico” 🙂

    27. Luciano ha detto:

      Quanto siete ruffiani tutti quanti !!!

    28. Filippo ha detto:

      Ciao Settimio, hai ragione su tutto ma però……io sto muovendo i primi passi da professionista in un settore che è quello della fotografia di reportage (settore sfigato vista la crisi dell’editoria come ben sai) e, quando si ha commissionati, almeno quel che è capitato a me, ti dicono cosa fotografare (giustamente) e spesso anche in che modo fotografare!
      Insomma io ho un modo di esprimermi che sto costruendo, è in evoluzione ( e spero non si fermi) poi…. mi devo quasi estraniare da me stesso x soddisfare il cliente e fare foto nello stile che vuole il cliente. Finito il lavoro, mi dedico ai miei progetti e mi trovo in uno stato di schizofrenia…chi sono? Sono quello che ha fatto le foto nello stile del cliente o sono quello che fa le foto secondo il mio stile. Se poi il cliente mi richiama significa che ho fatto un buon lavoro ma allora quello che sperimento per conto mio? Non so…..scusa se sono stato un po’ caotico nelle mie riflessioni…..

    29. Viola ha detto:

      Credo che tu abbia detto sante verità… le 10 regole in negativo che avevi scritto a suo tempo mi avevano lasciata un pò perplessa. Leggendo questo post mi trovo completamente in linea. Ti ho visto a San Felice in due occasioni.. ti ho un “pochettino-poco” vissuto a San Felice.. e mi sono trovata in armonia con te, la settimana scorsa, cosa che non è successa la volta prima. Ruffiana? mai.. proprio per DNA.
      Credo proprio che tu abbia scritto 5 sante verità.

    30. bielizna koronkowa ha detto:

      Hi, I read your blogs regularly. Your story-telling style
      is awesome, keep it up!

    31. 101 ha detto:

      Interessante. Bisognerebbe prendere tutte le cose che dice Settimio e cercare di metterle assieme e chiedergli “come la metti assieme questa che hai detto qui con quest’altra che hai detto qui in questo altro posto ed entrambe date come REGOLE, quindi cose oggettive, obiettive, non discutibili, ma che sono in conflitto tra loro?”

      Ad esempio la cosa dell’atarassia con tutto questo 🙂

      Hahahahahah amici 🙂

      La prendo per buona: leggo con piacere le tue OPINIONI, con altrettanto piacere spero di apprendere qualcosa che mi faccia guadagnare un pacco di soldi (ma sono convinto che non ce lo dirai mai, perché non credo che tu sia scemo) … e però faccio come dici “sii te stesso”. Figurati se Benedusi avesse trovato un Benedusi e lo avesse ascoltato e seguito le sue regolette a menadito 🙂

      Quindi grazie per il tuo contributo!
      Sarò felicissimo se continuerai a darne. Sarebbe bello che tu qualche volta considerassi “ho sparato cazzate? può essere! E allora come faccio ad essere così serio e convinto?”.

      Perché sei te stesso e te ne fotti 🙂 E fai bene 😉

    32. Mary ha detto:

      Ciao,
      volevo segnalarti questa pagina in cui ho parlato della mia esperienza relativa a come diventare fotografa di sport a livello professionistico.

      Ho trovato alcuni punti in comune con questo tuo articolo: ti va di leggerla e farmi sapere?
      Grazie in anticipo!
      Mary

    Leave a Reply