WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 11 Febbraio 2012

    TWO BOOKS

    Often enough I receive emails by people asking me things like what to do to become a photographer and how to do it like I do.

    Every time I scribble a few things banal things (take nice photographs!) and I have gotten away with it like that: as if its that easy to give out recipes via email!

    Today though I would like to give you a recipe to do my job: read books. Right! I find that a human culture is based on whoever wants to do a job in which there is storytelling, and the stories are always better and richer if fuelled by other stories.

    In truth, there is also a more practical reason: to write well is extremely important, and you get to write well only and exclusively if you have read a lot of books. I want to give you absolute certainty: when I receive emails that read “mister Benedusi I kno dat deep inside of me there is a gr8 passion that wants to xpress my emotions and I want 2 be a photographer. How do I do that?” I am inevitably led to think that the gentleman takes really shit pictures. Of course! And unfortunately I have to confess to you that I am not the only one to have that feeling, but also newspapers editors, art directors and related…

    Do I also blunder? Unfortunately yes. Unfortunately I have not read enough, I could have done more and better. And dis is the consequence…

    All this preamble to talk about two books that I liked lately. I talk about it on this blog because both of them, more or less directly, have to do with photography:

    Meditation and Photography by Diego Mormorio. Edition Contrasto

    I am going to tell the truth: to talk or read about photography is, in most of the cases, unbearable. They are either staggering banalities (black and white photography is so beautiful!) or things I read thirty years ago written by Susan Sontag. Therefore it is rare that I find original a write up about photography. Instead I have found this book very interesting. One of the most banal platitude for example is when you say that “I like to steal the portrait, to capture the naturalness of the subject!” what bullshit! And murmur explains well why this is bullshit:

    “With the term “instant portrait” usually indicates a “portrait” in which the subject has been photographed accidentally, ie an image in which the latter is not posing, it is believed that this kind of “portrait” is more natural, because those who where photographed did not assume a particular attitude, a pose.

    In fact, in this case, the will of the photographer may cancel that of the photograph, which remains at the mercy of those who believe make a creative act, while indeed often it accomplishes an overwhelming and narcissistic action, thinking of themselves as the real protagonist of the picture. In fact, in portraits, the protagonist is never who photographs, but what is being photographed.

    In our age of rampant individualism, this may be unacceptable to many: limiting the creativity of the author. But, whatever they might think, above all creativity is the fact that the other, as Kant clearly stated, can never be reduced to a mean of arriving at some end by someone else’s.

    The image is an integral part of a person. Nobody can make it look different from what it tries to appear. And the only real way that a person who is being photographed will feel to appear as themselves will be through the pose.

    Faced with the knowledge of being in front of the camera -posing!- the photographed holds his breath, he turns serious or smiles. In that moment he tries to make visible with his face what he believes is his own being, his inner life.

    The posing time is perceived by him as an extended time, symbolic, within which he searches for himself”

    I don’t know if I can truthfully agree, but giving a viewpoint beyond the banality already seems very interesting. The whole book is very nice, I highly recommend it.

    =========================================

    Glenn Gould by Katie Hafner. Einaudi

    Glenn Gould was a great canadian pianist, for many the best of them all. This sort of biography is very interesting, with long passages which may include anyone involved in photography:

    “If you were asking him how he knew that a FA was a FA, he’d reply: ”Well, it’s blue!” The DO was a yellowish green. The RE was the colour of sand, the MI was a rose yellow, the LA white, the SOL orange, and the SI is dark green”

    “…although he was a seasoned, well gifted pianist, often made it clear to friends, technicians, interviewers and clerks of Steinway that he did care much for the piano as a tool in itself. For Gould, making music was more a mental matter than physical, it transcended the limits of any instrument – in his case the piano -, and was actually limited to mediate the conflict between the music played and the music that existed in the mind. “You know, the piano is not an instrument for which I nourished a great love”, he once told a reporter, “I played it all my life and it is the best medium I have to express my ideas”

    “Gould never beat, he preferred to spend the minimum possible energy while playing. As he once said to Edquist (his tuner) Glenn Gould would have been happy if the piano was able to play by itself in his place”

    1. Stefano ha detto:

      grazie

    2. Daniele Colombi ha detto:

      Ciao, ti seguo da un po’ ma è il primo commento che scrivo.
      I due libri sembrano molto interessanti, accetto il consiglio.
      Complimenti per tutto.

    3. Antonio Cinti ha detto:

      Grazie Settimio, ottimi ingredienti, mi immergerò in quei testi con piacere. Alla prossima.

    4. Francesca Stella ha detto:

      Fare un buon ritratto significa intanto avere molto interesse e molta empatia per l’altro; e poi bisogna che l’altro dialoghi con te. Mentre la fotografia che io amo, secondo un clima bressoniano, implica quasi una certa invisibilità di fronte agli accadimenti del mondo, il ritratto no: il ritratto implica consapevolezza, implica “io ti sto facendo il ritratto e tu sai che io te lo sto facendo.” (F. Scianna)

      Al di là della condivisibile distinzione fra istantanea e ritratto, nemmeno io sono del tutto d’accordo con quello che hai riportato, in particolare in questo passaggio: “Di fatto, nel ritratto e non solo, il protagonista non è mai chi fotografa, ma ciò che viene fotografato.” Inutile stare qui a versare fiumi d’inchiostro sul lungo dibattito che ha riguardato nel tempo questo tema, ma in generale non si può negare che in un ritratto il soggetto sia solo una parte della rappresentazione. La personalità del fotografo, il suo immaginario, il suo mondo interiore, il suo approccio: tutto emerge in una foto, che sia di ritratto o meno. Nel ritratto c’è ovviamente una forte componente esogena rispetto al fotografo, perché si trova ad avere davanti un’altra persona che può avere altrettanta forza (problema: come lo argino? come lo porto dove voglio io?) oppure trovarsi davanti a un muro impenetrabile, di timidezza o persino ostilità. Il fotografo deve in ogni caso saper gestire la situazione e lo fa solo e unicamente affermando la propria personalità nello scatto: entrandoci insieme al soggetto. Non a caso, la riconoscibilità di un autore fa capo proprio a questo.
      Sai che recentemente ho lavorato su un progetto in cui ho volutamente cambiato l’approccio del fotografo nello scatto (lo linko solo per far capire a chi legge di cosa parlo: http://www.francescastella.com/within-dentro), esplorando la comunicazione non verbale. Si potrebbero fare molte considerazioni, ma m’indirizzerei su quella di cui stiamo parlando: quanto di me c’è in queste foto? E quanto del soggetto? Al di là del fatto, palese, che ogni persona ritratta mostra il suo “dentro”, che è sempre differente, notavo insieme a uno dei miei ultimi soggetti che questi ritratti per certi versi si somigliano: oltre all’atmosfera, sempre abbastanza carica e un po’ cupa, con il soggetto che spesso emerge da una semioscurità, io ricerco spesso un certo tipo di sguardo. Una sorta di inquietudine, d’incertezza, di paura ad affidarsi. Certo, ci sono delle eccezioni sulle quali non apro altre parentesi, ma di fatto in quelle foto ci sono tanto io – o meglio, il mio io di adesso – quanto (se non di più di) quello dei miei soggetti.

      Sul secondo libro, mi trovi a casa… L’ho amato di brutto 😉

    5. Gilberto ha detto:

      Ottimo post, grazie

    6. cuesto ha detto:

      e cuesta ne è la conseguenza…

    7. a8enga ha detto:

      mi permetto anch’io di intervenire per la prima volta su questo blog perché trovo questo post molto interessante ed opportuno
      lo sport (prendiamo il tennis) mi ha insegnato che per avere risultati importanti il talento da solo non basta; servono la perfezione del gesto, l’allenamento, la perseveranza fisica e mentale, la concentrazione – insomma serve un LAVORO enorme affinché il “talento” possa esprimersi al meglio e rappresentare quel “valore aggiunto” che ti consenta di raggiungere un obiettivo…
      allo stesso modo, credo che nella fotografia sia importante costruire il proprio “stile” (il proprio modo di vedere le cose) ovvero il proprio percorso fotografico su una solida e mai paga base culturale (curiosità intellettuale), soprattutto in questo particolarissimo momento storico…
      ormai credo che siamo tutti d’accordo nel riconoscere che le belle (sic!) immagini sono in grado di farle tutti e che il mercato sta reagendo in modo piuttosto disordinato (ma chiaro) a questa “novità”; non voglio entrare in una discussione che va al di là delle mie competenze, ma di fronte all’aumentare esponenziale di immagini in circolazione così come di fotografi improvvisati/occasionali/part-time ecc (che incidono – e molto – sulla professione e sul mercato di riferimento), personalmente ritengo che conoscere la storia della fotografia e alimentare il proprio quotidiano con stimoli culturali come quelli suggeriti da Benedusi sia decisivo non solo per i Fotografi (professionisti/artisti) ma anche – e forse soprattutto – per chi guarda (e spesso si permette di criticare) i loro lavori
      quindi, condivido l’invito di Benedusi, leggiamo libri!!

    8. corrado a. ha detto:

      L’immagine è parte integrante della persona. Nessuno può farla apparire diversamente da come questa vuole apparire. E l’unico vero modo che ha una persona che viene fotografata di apparire come ritiene giusto per sé è attraverso la posa.

      è per questo che tutte le fotocamere hanno l’autoscatto?

      Vabbeh… grazie per le recensioni.

      ciao

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *