WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Settembre 2019
  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 14 Marzo 2012

    FEW DAYS IN NEW YORK

    I just came back from New York, and I would like to make use of this blog for what it was meant to be at the beginning, so, like the daily diary in primary school, to remind myself in the future some things that I would be sorry if I forgot.

    So, you that are reading this blog, I suggest you not to go ahead.

    I said that it won’t be of any interest to you!

    Oh well…

    I flew Alitalia. Milan-Fiumicino. Fiumicino-Jfk. During the trip the map shows an aeroplane with enormous wings leaping over the ocean:

    In New York I take a taxi to go towards Manhattan. The taxi driver is a dick head that keeps on hooting all the time, fights with everyone and doesn’t know how to drive at all: on the other hand he listens to some kind of Radio Maria, where they alternate religious chants and psalm readings.

    I arrive at the hotel, where I begin taking pictures from my window. A thing that I will do everyday, at different times. Although I am on the tenth floor it still feels like I am in the basement:

    The first night they took me to a place that I feel I absolutely have to recommend, a korean whose speciality is fried chicken. There are no signs on the street, you have to know the place. You go up some dilapidated stairs, but you arrive in quite a decent place with fashionable koreans (!) where I ate the best fried chicken of my life. This is the place:

    The same night I took a photograph of the full moon amongst the skyscrapers:

    The day after I go to the Industria Superstudio, the place where the job will take place. I meet up with Fabrizio Ferri, the owner, and I have a chat, and I sincerely think he is faking that he has met me before…

    Done with the job I begin to wonder about the city.

    Bookshop in Soho where there was an original signed copy of the time of THE AMERICANS by Robert Frank, on sale for $500. I didn’t buy it.

    But I bought this:

    I keep on wondering about the city:

    Unfortunately I didn’t manage to cut my hair at the beautiful FSC barber

    That night the client kindly invited me to dinner at an impeccable japanese, BOND. (thank you!). Nearby I took this:

    The day after there is a little bit more work and then the weegee show at the ICP. Amazing and he is great!

    Around the ICP:

    That night I meet up with Saturnino and Riccardo Onori, whom are in town with Lorenzo Jovanotti Cherubini for some concerts. A beautiful casualty!

    They took me to TOMOE another japanese, not as chic as the one from the night before but as (if not more) perfect. You cannot book in this place so you have to cue. We where there for more than an hour! Which flew by, fucking around, playing music and taking pictures… these are my two photos to Satu and Riccardo:

    Did I say playing music, right? Yes! I was shooting with the iPhone, and they where playing music with the iPhone! Amazing!!!

    The day after the job was finished, and I have time to go to the MOMA. Too much stuff. I fear I am hit by the Stendhal syndrome. Picasso, Warhol, Pollock, Fontana, Weston (the photographer), the sunflowers by Van Gogh… and so on to infinity… seriously too much.

    Two things particularly excite me, because besides the piece in itself they connect me to the Master, to Ugo Mulas. I venture to photograph them and to have a picture taken thinking about him.

    Duchamp:

    pistoletto:

    I darted out completely bewildered I throw myself in the subway towards Brooklyn where I have the honour to attend the sound check of Jovanotti and his amazing band will be holding that evening. I just want to say that outside the beautiful theatre there are people waiting for the event and who came specially from Italy!

    After too little time I have to leave, to the airport.

    On the plane I meet and have a few words with Nicolò Cardi, owner of the art gallery black box

    The day after I land in Malpensa and I get picked up immediately and taken to Venice. It is quite an emotive shock to move from the most beautiful city of the modern world to the most beautiful city of the ancient world.

    I would like to conclude with two sentences that could make this story that could make it an unwelcome experience. Of course it is not like that! It was great! I cannot help but think that:

    “We must be careful to choose desires, it may happen that they come true”

    And in the words of  my dear eponymous of ancient Rome

    “I have become everything I wanted. And I realise that it was not worth the trouble”

    PS: of course all the pictures where taken and retouched with the iPhone.

    1. Stefano ha detto:

      cit.“sono diventato tutto quello che ho voluto. e mi accorgo che non ne valeva la pena”. Perchè?

    2. Raffaele ha detto:

      back to the roots…I like it!

    3. Rosamagda ha detto:

      Da New York a Venezia . . e dopodichè mentalmente farai fatica ad uscirne per i prossimi 6 mesi penso 😀 😉

    4. Antonio ha detto:

      Anche “bisogna stare attenti a scegliersi i desideri, può capitare anche che si avverino” crea domande, però una cosa mi incuriosisce: la storia del tuo viasggio è resa affascinante, come tutto ciò che fai infondo, ma mi ha colpito il fatto che tu non abbia acquistato “The Americans”, a favore di “Nothing personal”, perché? Scusa la curiosità.

    5. Cristina Insinga ha detto:

      Salve, signor Benedusi, splendide foto quelle che ha fatto con il suo iphone (molti snobbano la fotocamera di questo telefono, perché non è una reflex, ma capirai a cosa serve una reflex se poi la usano in modalità automatica)!
      Comunque complimenti per gli scatti, e complimenti per i suoi lavori, la seguo ormai da diverso tempo, ma fino ad ora non avevo mai lasciato un commento. Sappia che il suo modo di fotografare mi piace moltissimo, e spero (appena sarà possibile) di seguire un suo Workshop.
      Arrivederci.

    6. Mena ha detto:

      Settimio! Sei Unico. Che fantastica idea! Spero di rivederti presto. 🙂

    7. Roberto Rapetti ha detto:

      Al contrario di quello che scrivi personalmente apprezzo molto questo tipo di post, emozioni di viaggio piuttosto che resoconti di shooting fotografici.
      Grazie per le dritte, la prossima volta a New York vedrò di seguire qualche tappa del Benedusi tour!

    8. lorenzo prodezza ha detto:

      grande Settimio noto con piacere che pure tu, ogni tanto fai foto da turista con iphone e tutto questo, ovviamente con ottimi risultati ricordandoci che la miglior fotocamera e’ quella che si porta sempre con se e che permette di incatenare il momento… me sento un po’ poeta oggi 🙂

    9. Paolo ha detto:

      infatti basta con le reflex adesso ci sono le così chiamate mirrorless per seguire la tendenza io fossi il signor benedusi prenderei una leicamp col 50 f 0.95 e una delta o t max 3200

    10. settimio ha detto:

      @antonio: semplicemente costava molto meno… 😉

    11. Luca ha detto:

      che dire: belle foto, bel viaggio e bella gente incontrata, tanta invidia lo posso dire con tranquillità

    12. Antonio Cinti ha detto:

      Grande risposta in semplici parole, sei sempre grande :))) Ho il brutto vizio di cercare sempre troppo lontano ciò che invece ho davanti. Gracias 😉

    13. GIULIA MAKE UP ha detto:

      Complimenti… bellissime foto!!!! mi fanno solo venir voglia di tornare a NY….

    14. Laura ha detto:

      gran bei momenti da ricordare e una vita decisamente piena di colori ed emozioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *