WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 14 Gennaio 2015

    FOTOGRAFO DI HAITI AGGIORNATO!!!

    Sono appena tornato da Haiti, per raccontare con la mia macchina fotografica l’anniversario dei 5 anni dal terribile terremoto.

    Scriverò più avanti in maniera approfondita di tutto ciò.

    C’è una cosa però che mi preme e di cui vorrei parlare subito: un pomeriggio siamo stati in una tendopoli (tendopoli, esatto, moltissima gente vive ancora nelle tende dopo 1.825 giorni, senza acqua corrente, senza elettricità e senza fognature) e ad un certo punto ho visto questa tenda con questa insegna:

    BI3U5114

    BI3U5117

     

    ovviamente mi sono intrufolato dentro.

    ho conosciuto il collega (termine che ho sempre trovato orrendo, ma almeno oggi/qui evitiamo polemiche!) Wilfild, che è il fotografo ufficiale della tendopoli, realizzando di tutto e di più.

    Come è un gran classico in questi casi (uguale ad esempio in Africa) dentro alla tenda, nel sul “””studio””” ha vari fondali dipinti dove mettere i suoi soggetti, regalando, almeno nella finzione della fotografia, un background da sogno.

    Ecco, lui è Wilfild, davanti ad uno dei suoi fondali, con due lucine tipo campeggio che sono alimentate da una sorta di generatore che è fuori:

    BI3U5102

    E fin qui ci siamo.

    Mi sono messo a chiacchierare, addentrandomi anche, curioso, su questioni tecniche. Molto basic, ad esempio volevo sapere con quale macchina facesse le fotografie. E lì è cascato tutto: va bene la tenda, va bene il fondale dipinto, va bene le luci tipo campeggio, va bene tutto…ma la macchina fotografica proprio non si poteva guardare. Una compattina di quelle piccole piccole, digitale certo, ma di tantissimi anni fa, tenuta insieme con lo nastro adesivo e proprio mal ridotta: non era molto diversa da quella famosa di Giacomelli.

    Il collega guardava la mia super Canon con la bava alla bocca.

    Ha un po’ esitato e poi è partita la domandona: non hai una macchina fotografica decente per me? Purtroppo no, lì non l’avevo.

    Comunque, facciamola corta: vogliamo noi fotografi teste di cazzo per una volta fare una cosa buona, semplice e concreta? Regaliamo una macchina fotografica a Wilfild! E dai, cazzo!

    Raccogliamo il grano, poi magari io chiedo alla Canon se ci fanno uno sconticino, compriamo una bella reflex e io mi impegno a mandarla al nostro nuovo amico: ho indirizzo e tutto.

    Basta poco, molto poco: tipo 10 euro a testa. Se in tanti mettiamo poco facciamo presto ad arrivare ad una cifra decente.

    Questo il mio IBAN:

    IT 88 Z 02008 01612 000005491370 intestato a Settimio Benedusi e con motivazione Fotografo Haiti. Giuro che non scappo con il malloppo.

    Io ci metto 50 euro, a voi il resto. Dai!

    Per non sapere ne’ leggere ne’ scrivere il buon Wilfild già ringrazia:

    BI3U5134

     

     

    AGGIORNAMENTO:

     

    IMG_20150310_164824

    20150310_171659

    20150310_172235

     

    IMG_7869

    IMG_7872

     

    I QUASI 5 KG DI MATERIALE (DUE CORPI MACCHINA, 4 OBIETTIVI E VARIE SCHEDE) SONO STATI SPEDITI ANCHE GRAZIE ALLE VOSTRE GENEROSE DONAZIONI.

    COME VEDETE QUI SOPRA IL PACCO E’ STATO CONSEGNATO DALL’AMICO ENZONE DIRETTAMENTE NELLE MANI DI WILFRID.

    GRAZIE VERAMENTE A TUTTI!

    🙂

     

     

     

     

     

    1. Edo ha detto:

      Bravo Settimio, una bella iniziativa!

    2. Matteo Oriani ha detto:

      Ma Wilfild ha un computer atto alla bisogna? Dischi di back up e ammennicoli vari per poter usare al meglio un apparecchio professionale?

    3. fabio nicolaci ha detto:

      Settimio.. io ho una canon eos 400 con obiettivo 18-55 – batteria- carica batteria -scheda da 2gb- la regalo io la reflex se sei d’accordo…. per le spese di spedizione ad haiti ci pensi tu pero’. io te la mando a Milano… Ciaooooo.

    4. Francesco ha detto:

      Ciao Settimio, bellissima iniziativa. Io sono responsabile di un punto vendita di una catena di elettronica a Milano (non so se posso scrivere qui il nome!), nel mio piccolo qualche sconto su materiale fotografico lo posso fare… A disposizione!

    5. Francesco Forbino ha detto:

      In questo momento non posso farlo, ma stasera, non appena arriverò a casa, ti invierò 20 euro.

    6. fabio ha detto:

      Sì! Partecipo.

    7. Umberto ha detto:

      ciao settimio, grande iniziativa!
      Ti faccio una domanda, anche se suppongo tu abbia già verificato sul posto; ma una volta che la canon da 2X mpx, ha poi un computer in grado di gestire questi file? Se così non fosse ho una proposta da farti. Contattami in privato però.

      Umberto

    8. Diego ha detto:

      Fatto! Bellissima iniziativa!

    9. christian ha detto:

      Ma davvero serve una macchina fotografica ad Haiti? no,servono case vere non tende,questa di donare una reflex è una cosa senza senso,totalmente inutile,è un parere personale chiaramente,niente guerre sul niente ,grazie

    10. Gio ha detto:

      @Christian, credo che il ricominciare a vivere sia anche una macchina fotografica, alla stessa stregua di un pennello ed una tavolozza, piuttosto che di una casa, un’automobile, un diario, un libro, una bambola, una bicicletta, medicine e chi più ne ha più ne metta.
      Ho partecipato istantaneamente alla raccolta con tutto il mio cuore; sono convinto che positività generi positività, soprattutto se proveniente dalle piccole cose, quelle sostenibili. A garanzia della sostenibilità c’è proprio il coraggioso Wilfild. Non ha infatti dimostrato con il suo studio-tenda di voler rinascere? Sì, te lo dico io.
      Stai certo che restituirà il favore a chi gli sta vicino con altre forme di positività, una sorta di catalizzatore di un processo positivo.
      Credo anche che aiuti più consistenti siano già organizzati da chi lo fa (perdonami il termine) “di mestiere”.
      Penso che l’idea sia nata di getto, un po’ sanguigna, cruda, forse non conforme ai “canoni” degli aiuti umanitari, ma sincera e vera.
      Io ci credo.
      Non vedo l’ora di leggere aggiornamenti in merito.
      Ah, peace!
      E’ solo il mio punto di vista.
      Gio

    11. PaoloBernardi ha detto:

      settimio, siamo poi riusciti ad omaggiare la fotocamera? Aggionamenti?

    12. Gennaro ha detto:

      Sei un grande 🙂

    13. Francesco Forbino ha detto:

      Perfetto!!
      Ho letto il tuo aggiornamento 🙂

    14. Diego ha detto:

      Ciao Settimio. Felicissimo per l’esito dell’iniziativa. Potrei sapere, a titolo di curiosità, che attrezzatura ha ricevuto? Grazie.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *