WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • november 2018
  • september 2018
  • august 2018
  • june 2018
  • april 2018
  • febrary 2018
  • january 2018
  • december 2017
  • november 2017
  • september 2017
  • august 2017
  • july 2017
  • may 2017
  • april 2017
  • march 2017
  • febrary 2017
  • december 2016
  • november 2016
  • october 2016
  • september 2016
  • july 2016
  • may 2016
  • april 2016
  • march 2016
  • febrary 2016
  • january 2016
  • december 2015
  • november 2015
  • october 2015
  • september 2015
  • august 2015
  • july 2015
  • june 2015
  • may 2015
  • april 2015
  • march 2015
  • febrary 2015
  • january 2015
  • december 2014
  • november 2014
  • october 2014
  • september 2014
  • august 2014
  • july 2014
  • june 2014
  • may 2014
  • april 2014
  • march 2014
  • febrary 2014
  • january 2014
  • december 2013
  • november 2013
  • october 2013
  • september 2013
  • august 2013
  • july 2013
  • june 2013
  • may 2013
  • april 2013
  • march 2013
  • febrary 2013
  • january 2013
  • december 2012
  • november 2012
  • october 2012
  • september 2012
  • august 2012
  • july 2012
  • june 2012
  • may 2012
  • april 2012
  • march 2012
  • febrary 2012
  • january 2012
  • december 2011
  • november 2011
  • october 2011
  • september 2011
  • august 2011
  • july 2011
  • june 2011
  • may 2011
  • april 2011
  • march 2011
  • febrary 2011
  • january 2011
  • december 2010
  • november 2010
  • october 2010
  • september 2010
  • august 2010
  • july 2010
  • june 2010
  • may 2010
  • april 2010
  • march 2010
  • febrary 2010
  • january 2010
  • december 2009
  • november 2009
  • october 2009
  • september 2009
  • august 2009
  • july 2009
  • june 2009
  • may 2009
  • april 2009
  • march 2009
  • febrary 2009
  • january 2009
  • december 2008
  • november 2008
  • october 2008
  • september 2008
  • august 2008
  • july 2008
  • june 2008
  • may 2008
  • april 2008
  • march 2008
  • febrary 2008
  • january 2008
  • december 2007
  • november 2007
  • october 2007
  • september 2007
  • august 2007
  • july 2007
  • june 2007
  • may 2007
  • april 2007
  • march 2007
  • febrary 2007
  • january 2007
  • december 2006
  • november 2006
  • october 2006
  • september 2006
  • august 2006
  • july 2006
  • june 2006
  • may 2006
  • april 2006
  • march 2006
  • febrary 2006
  • january 2006
  • december 2005
  • november 2005
  • october 2005
  • september 2005
  • august 2005
  • july 2005
  • june 2005
  • may 2005
  • april 2005
  • march 2005
  • febrary 2005
  • january 2005
  • december 2004
  • november 2004
  • october 2004
  • september 2004
  • august 2004
  • july 2004
  • june 2004
  • may 2004
  • april 2004
  • march 2004
  • febrary 2004
  • january 2004
  • december 2003
  • november 2003
  • october 2003
  • september 2003
  • august 2003
  • july 2003
  • june 2003
  • may 2003
  • april 2003
  • march 2003
  • 22 agosto 2011

    PHOTOMETER

    It is a triumph, especially on the internet and the various social networks, of people defining themselves PHOTOGRAPHERS, with a website, portfolio, blogand all those things…

    It is something which, and I say it without any irony, I like very much: far be it from me every aspiration of corporatism… and then the wonderful strength of the network that allows everyone to get on a stage to show their work and show they are worth it.

    There, maybe the problem starts right here: how much are you worth?

    On the one side there is the “de gustibus”, where its ok to publish anything and if you like it its more than enough, on the other there must be some sort of parameters to be able (objectively) to judge the work of a photographer.

    And this is where I intervene!

    With my usual arrogance and presumption I want to give you a precious instrument to value your work!

    It works like this: you start with 100 points, those that the generosity of the Web makes available to everyone, by default.

    From these 100 points you subtract 10 points for each affirmative answer to these questions.

    At the end you will know (with mathematical exactitude!) your photographic value.

    Here we go:

    –  You sign your photographs in limestone with your name and surname.

    –  You have photographs in HDR on your website.

    –  Your website has music.

    –  You have taken photographs of naked women or in underwear in an abandoned factory.

    –  You have never sold one of your photographs for more than €1.000.

    –  In your portfolio you have photographs of sunsets and/or masks in Venice and/or kittens and/or fishermen with wrinkles in black and white.

    –  You have less than 50 books on photography.

    –  You have written under each photograph which camera and lens you have used to take the picture.

    –  You publish fake editorials, with title, credits and captions (the others don’t know that they are fake, but you do: c’mon, down by 10 points!)

    –  If you have answered YES to the nine questions above and if you have held or have been thinking of holding a workshop you lose not 10 but 20 points, goign directly to minus 10.

    Here, this is all.

    Its absolutely not a joke.

    You finally have a fundamental instrument to be able to value your work: the PHOTOMETER!

    Tag:

    1. Giacomo ha detto:

      premessa: ciò che segue riguarda anche la seconda parte e alcune precisazioni apparse su altri siti dove recentemente la discussione è divenuta d’attualità.
      ho fatto 80. cado su remunerazione e tramonto, forse ho perfino un gattino! il problema è che speravo di fare zero, perché non mi sono mai sognato di definirmi fotografo! faccio delle foto perché mi sento più a mio agio dietro un obiettivo che non davanti… ultimamente ho perfino pianificato, progettato per dei mesi una foto… il risultato non mi ha appagato del tutto, almeno non tecnicamente, però sono foto che sento veramente mie, come non era mai capitato. è grave? sto diventando un fotografo? non credo, piuttosto temo che sia il fotometro ad essere un po’ starato! suvvia, chi non odia la musichetta nei siti? è insopportabile pure nel sito del proprio gruppo musicale preferito!
      però volevo complimentarmi per il concetto di fondo e l’esposizione: eccellenti!
      G.
      ps: credo che chiunque possa parlare per mezz’ora di una propria foto, almeno io ne ho molte su cui potrei dilungarmi, il vero problema è fare una foto su cui altri trovino da parlare per delle mezz’ore!
      pps: se mai avesse bisogno di un aiutante moderatamente curioso… beh, sono un fotografo all’80%! in calo. ho troppa voglia di un pescatore… ma non la faccia rugosa. la mani, le mani (se leva le reti a mano) quelle si che hanno delle storie da raccontare!

    2. Giacomo ha detto:

      dimenticavo: i libri basta possederli o bisogna anche averli letti? nel secondo caso potrei precipitare a 70… forse potrei riguadagnare qualche punto con la regola dell’abbigliamento (altro post), oddio, non so quanto io la metta realmente in pratica ma è sacrosanta! condivido in pieno, vale in ogni settore!
      beh, se prima mi ero offerto come aiutante rettifico: non credo di essere in grado di apprezzare realmente le sue foto ma mi piace molto quello che scrive; forse più che seguirla nel fare foto mi piacerebbe incontrarla per due chiacchiere, anche non di fotografia.

    3. massimo rivenci ha detto:

      Ciao Set, ottimo post e, soprattutto le tue gattine! ^_^

    4. Nando ha detto:

      e’ il progetto che edifica l’immagine! Sono daccordo con te ….grande SETTIMIO

    5. Luca ha detto:

      Scusate ma a me pare tutta una rosicata..

      Non capisco il motivo di tutta questa rabbia contro chi inizia a fotografare, non capisco perché prendersela con chi firma le sue foto o le pubblica su internet, non capisco perché l’hdr o la musica siano sinonimi di nubbio.. perché pubblicare su Max vuol dire essere un Fotografo?!?
      Ma per piacere.. tante volte si farebbe più bella figura a stare muti.

      Scommetto che dal tuo test risulti un fotografo da 100 punti caro Settimio, mi complimento con te.

    6. settimio ha detto:

      ma perché, perché, PERCHE’, i commenti di critica a me e al mio blog sono SEMPRE anonimi?!?!
      faccio così paura?
      è così mettere la faccia in quello che si dice?!?
      io lo faccio SEMPRE.
      Settimio Benedusi

    7. Luca ha detto:

      Allora altri 10 punti per te!

    8. makis ha detto:

      …who sets the measure to value a photo?
      …how long is a piece of string…?
      every photo is second of life captured – we are just given the chance to memorize this second with a camera,
      so let it be just a second in life….

      why must it have any further value!?
      each second is as valuable as another – which second is more or less worth?!

      …thanks for taking the “seconds” to read my comment

    9. luca_dega ha detto:

      cacchio…sono a 90 !!!!!!!!!!!!! Ma allora sono un vero PHOTOGRAPHER : D Adesso corro subito ad iscrivermi da qualche parte. Che siti ci sono per i photographer come me ? c’è quello li famoso, come si chiama ? flicker ? mò ci penso.

    10. sandro ha detto:

      80;
      per essere un amatore non mi lamento, anche se il nome sulla fotografia e’ giusto per rompere le scatole se qualcuno le copia…, non ho mai venduto una mia foto a € 1.000,00 perche’ non sono un professionista… se dovessero offrirmi quella cifra apro subito partita iva e divento un professionista…
      ciao

    11. Matteo ha detto:

      Cavolo 70! Quando ho letto del fotometro pensavo peggio… meno male va 😀

    12. Federico ha detto:

      Cristo che ridere. Come ho fatto a scoprire il fotometro solo ora? Mannaggia. Caro Benedusi io lo copyrighterrei.
      E’ esattamente come dice lei. Finalmente i migliaia di “sono-fotografo-perchè-ho-2-corpi-macchina-5-obiettivi-e-2-flash”
      avranno qualcosa su cui meditare.
      Un saluto

    13. Erick ha detto:

      Orgoglioso di un bel 90… Almeno ora so di essere rispettoso di una disciplina calpestata da tutti (soprattutto in itàlia).

    14. Leonora ha detto:

      Sempre attualissimo. Grazie per la tirata d’orecchie. Comunque ho preso 90.
      La vuoi una mia foto a euro 1001? Posso anche fatturarla. 😉

    15. Valentina ha detto:

      Preoccupante

    16. 101 ha detto:

      “Obiettivamente” scritto da un soggetto … non è obiettivo. E’ solo l’opinione di uno che guadagna più di 1000 euro a foto 🙂
      Però ci sono tante belle personcine che guadagnano molto meno a foto… ma complessivamente si comprano te, casa tua, lo studio e tutto il tuo lavoro venduto e poi lo bruciano per sfregio, perché tanto hanno guadagnato di più.

      Ecco un bel fotometro del cavolo, il mio. Che vale proprio tanto come il tuo: zero.

    17. Michelangelo ha detto:

      Mi piace e mi diverte fotografare ma passo lunghissimi periodi di inattività perché non ho idee e alla fine penso di appendere la macchina fotografica al chiodo. Poi mi collego al tuo blog, leggo il fotometro ed altri post e la vita torna a sorridermi. Continua così, ti prego

    18. Cortigno ha detto:

      Interessante, ma inesatto. Io ho ottenuto un bel 80 ma ahimè come fotografo penso di non meritare più di un 50. E’ da rivedere.

    19. Fabio ha detto:

      Ho scoperto da poco questo blog e lo trovo interessante, davvero.
      Però questa cosa sul fotometro e la continua avversione/critica verso persone che si firmano photographer, proprio non la capisco.
      L’ho fatto anche io, lo ammetto. Errore. Poi ho ragionato e quindi niente più Flickr, sito personale, ecc…ma non mi sale nessun acido quando vedo chi lo fa. La fotografia è così bella, anche se fai le foto dei tramonti o della squadra di calcetto del paese. Se non mi piacciono le foto di qualcuno che lo fa, guardo oltre e basta, non mi incazzo mica.
      Io, che non sono un fotografo in quanto vivo facendo altro, quando esco scatto, torno a casa, mi riguardo le mie foto e sono felice. Sono felice di aver fatto due passi, felice del mio nuovo obiettivo comprato usato su Subito (anche se per i “guru” dei blog è “troppo morbido ai lati”, felice di sceglierne una e metterla su Instagram, felice che piaccia a qualcuno che nel 99% dei casi mi mette un cuoricino perché ne vuole uno in cambio, felice di tenerla lì e rivederla dopo qualche mese pensando alla giornata passata.
      Ma cosa ci deve importare del resto. Che mi importa se c’è qualcuno che fa le foto come le mie e si firma photographer o se va a fare i battesimi per 200€. Nessuno di questi mi ruba il lavoro,visto che ne faccio un altro e comunque non fotograferei un battesimo neanche se fosse dei miei figli, e nessuno lo ruba lei Settimio, visto che per esperienza/formazione/talento è nettamente superiore a queste persone. Non se ne faccia un cruccio e continui con articoli in cui ci consiglia fotografi, libri, spunti di riflessione interessanti come molti ce ne sono in questo blog.
      Il mercato fa la selezione, il tempo fredda gli entusiasmi di chi parte subito troppo caldo e le delusioni insegnano alle aspiranti modelle come si fa il mestiere.
      Lasci che le persone sbaglino e capiscano da sole. Dia a loro consigli, spunti di riflessione. Non li faccia sentire dei coglioni ogni volta che leggono un post.
      Se c’è qualcuno a cui piace dare gratis la foto al “corriere del paraponzipò” in cambio di una pubblicazione con il nome scritto sotto…amen. Lo terrà lì vantandosene con gli amici o lo butterà via fra qualche anno quando avrà capito che era una cosa che era meglio non fare.
      Io faccio delle foto gratis per una squadra di basket con dirigenti che lavorano gratis e che vengono pubblicate da un ragazzo che cura i social gratis. Siamo tutti contenti, io guardo le partite a scrocco, mi diverto a scattare, il tipo al bar mi incontra e mi dice che gli sono piaciute le mie foto….cosa c’è di male? Non mi firmo photographer e non propongo a nessuna modella incontri di dubbio gusto in capannoni abbandonati. Mi diverto. E chi se ne frega se qualcuno molto più bravo di me mi critica. Avrà qualche problema suo.
      Faccio il musicista di professione e non mi importa se qualche ragazzo si registra con il telefonino mentre suona le cover e le mette su Youtube creandosi un seguito di 100.000 follower anche se ha un audio pessimo ed ha dei grossi problemi (probabilmente irrisolvibili) con il tempo. Problema suo e di tutti quelli che non se ne accorgono.
      Poi, come succederà a lei, chi vuole un prodotto con più qualità chiama me e spende di più. Funziona così. Il mercato molto spesso è meritocratico.
      Continuerò a leggerla, grazie dei post e delle foto che ci regala!
      Buona guarigione!

    20. Aman ha detto:

      Grazie per i post. Questo è come un lingotto d’oro.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *