GECKO ADVERTISING PHOTO FESTIVAL

postato in: Senza categoria | 11

 I just came back from apricale, the beautiful little town in ligury where the first edition of gecko advertising photo festival took place.

The intrepid festival organizers, sabrina and susanna, gave way to my foolish ways, building a little red house for me, on which I made them write “I’ll speak to anyone about anything”, to speak about photography with whoever was there.

ho fatto anche altre cosine, tipo fotografare fotografi morti circondati da vedove sexy, oppure fotografare io stesso come in un bellissimo libro di saramago, “cecità”…tutte cose che però si sono perse, perse come lacrime nella pioggia… 😉

11 risposte

  1. Maria

    bellissima immagine verbale “tutte cose che però si sono perse, perse come lacrime nella pioggia… ;)”
    quasi poetico…bello

  2. Beppe

    Sei un idolo come sempre! …un saluto anche a Gaetano che ti ha fatto la foto!

  3. Sabrina

    Cosa dire… che ti adoriamo lo sai già, per averti con noi costruiremmo grattacieli altro che casette!!
    La serata è stata una delle più interessanti e stimolanti degli ultimi anni.

  4. Gaetano Mendola

    Grazie per i credits peccato che ero troppo indaffarato x poter fare una chiacchierata affacciato alla casetta!

  5. Matteo Oriani

    @ Maria: forse sono io che non ho capito se tu hai capito la citazione di Settimio. “Come lacrime nella pioggia-Like tears in rain”. Ma, se ho capito bene che tu non hai capito, ti suggerisco di guardare un film di Ridley Scott, Blade Runner, del 1982. Il film è ispirato ad un romanzo di uno scrittore americano, Philip Kindred Dick, precursore del cyberpunk. Sarebbe meglio. se puoi, guardarlo in lingua originale. E dovresti guardarlo più volte. Poi, già che ci sono e sono in vena di petulanza, vorrei consigliare ai giovani che seguono il blog di Settimio, di guardare altri film. Il primo che si dovrebbe guardare a ruota di Blade Runner è “Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera”, un film di Kim Ki-duk. Poi ci sarebbe Kurosawa, che ha avuto una produzione enorme. Potresti cominciare con Barbarossa, dove il bianco e nero ha una magia unica, poi “Anatomia di un rapimento”, ambientato tutto in un appartamento e l’ultimo dei suio film che vale la pena di vedere “Dersu Uzala”. Mi sembra di essere stato abbastanza pedante per oggi. Un saluto a Settimio che è sempre un piacere trovare sul suo blog.

  6. Maria

    mille grazie Matteo… come dice Settimio sei speciale …. c’é una parte di te molto dolce e morbida se dovessi rappresentarti senza averti mai visto… per me sei un gattino bianco morbido… gentilissimo seguiro’ le tue indicazioni grazie ciao…

  7. settimio

    @ matteo: ma tu SEI un gattino bianco e pure morbido! 😉

    PS: ovviamente il riferimento era a blade runner (anche se non ero su un tetto battuto dalla pioggia…).
    e grazie per gli ottimi consigli cinematografici. faremo primo o poi un post solo su questo argomento…

  8. Fra

    Confermo… l’unica volta che ti vidi, a Modena alla mostra di Toni, eri in bianco da capo a piedi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *