WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 3 Ottobre 2014

    IL FOTOGRAFO

    Tutti noi esseri umani siamo pieni di difetti. Alcuni pregi e tanti difetti mischiati e distribuiti, forse senza alcun criterio. Chissà per quale bislacca ragione il top dei peggiori difetti si concentrano in una figura di essere umano un po’ particolare: il fotografo.

    Una sorta di tempesta perfetta convoglia tutte le peggiori energie e sinergie all’interno di un solo e specifico bipede con macchina fotografica al collo.

    Le varie figure sono:

    -IL TECNOCRATE. Esemplare solo ed unicamente interessato all’aspetto tecnico, solo al COME e mai al PERCHÉ. Come quelli che, nella musica, si fanno pippe infinite sugli amplificatori valvolari ma non sanno chi è Chet Baker. Discussioni infinite sulla risoluzione di obiettivi e sensori: tutte robe assolutamente inutili alla buona Fotografia.

    -IL MALATO DI FIGA. La bellezza femminile, diciamolo, piace a tutti, ma esiste una categoria di umani che vive la vicinanza e la frequentazione di una bella ragazza (è un eufemismo) come una propria valorizzazione. Un po’ come essere seduto su una super macchina o quelle cazzate lì: valgo perchè a fianco ho una cosa figa.

    -IL POTENTE. Il potere piace a tutti. In Sicilia si dice “meglio comandare che fottere”. Quando uno ha una macchina fotografica in mano si sente subito un po’ più potente: giá solo per fare una foto ricordo il “fotografo” si sente autorizzato a dire “tu fai così, tu mettiti lì” anche se fino a poco prima era lo sfigato del gruppo.

    -QUELLO CON IL PASS. A molti piace avere appesa una roba al collo, anche solo che ti identifichi. È il celebre “lei non sa chi sono io” al contrario, che poi è molto meglio: “lei adesso sa chi sono io”. Se poi la cosa al collo è un pass qualsiasi allora lì è puro godimento.

    -LO STRANO. “Io non sono come voi” ognuno di voi ama dire. Ognuno non vuole essere come tutti gli altri, pur essendo, ovviamente, esattamente come tutti gli altri.

    -LO SBORONE. Sono il più ricco e più figo di tutti: infatti guarda, ho la Leica con il 300 2,8!

    -IL MILANESE DEL MAGICO MONDO DELLA MODA. Se uno proprio non fa il falegname in Trentino o il pescatore a Mazara del Vallo vorrebbe essere a Milano e far parte del rutilante mondo della moda: feste, show-room, modelle e vip. Il fotografo anche se sta a Roma o Napoli (ho casi precisi!) comunque è milanesedelmagicomondodellamoda dentro. O almeno vorrebbe.

    -L’IGNORANTE. L’ignoranza è oramai una caratteristica di cui non ci si deve vergognare, ma della quale andare orgogliosi. “Non so nulla e nulla voglio sapere”. L’ignoranza come stile di vita. Ignorare persino di essere ignorante: il vero nulla assoluto. “Avedon chi?!?”

    Ecco, quando la tempesta perfetta indirizza le proprie energie verso un solo punto, ecco che un ignorante sborone pseudo milanese modaiolo che fa lo strano senza esserlo, con il pass al collo che si illude di essere potente, figaiolo e tecnocrate diventa un umano molto facilmente identificabile, anche da lontano: lo riconoscete perché ha la macchina fotografica appesa al collo.

    1. alle bonicalzi ha detto:

      Ciao, arrivo tardi su queste pagine ma vorrei dire la mia: secondo me un conto è FARE delle fotografie e un conto è prendere delle immagini.
      Nell’un caso si È fotografi (buoni, cattivi, belli, brutti, amatoriali, professionisti…) nell’altro no, si HA una macchina fotografica e la si fa funzionare. Che è diverso.
      (Come progettare e realizzare un pasto o fare da mangiare.)
      Poi uno può pagare le bollette con quest’ultima pratica e morir di fame con l’altra, ma questo è un altro discorso.
      Secondo me.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *