MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • march 2017
  • febrary 2017
  • december 2016
  • november 2016
  • october 2016
  • september 2016
  • july 2016
  • may 2016
  • april 2016
  • march 2016
  • febrary 2016
  • january 2016
  • december 2015
  • november 2015
  • october 2015
  • september 2015
  • august 2015
  • july 2015
  • june 2015
  • may 2015
  • april 2015
  • march 2015
  • febrary 2015
  • january 2015
  • december 2014
  • november 2014
  • october 2014
  • september 2014
  • august 2014
  • july 2014
  • june 2014
  • may 2014
  • april 2014
  • march 2014
  • febrary 2014
  • january 2014
  • december 2013
  • november 2013
  • october 2013
  • september 2013
  • august 2013
  • july 2013
  • june 2013
  • may 2013
  • april 2013
  • march 2013
  • febrary 2013
  • january 2013
  • december 2012
  • november 2012
  • october 2012
  • september 2012
  • august 2012
  • july 2012
  • june 2012
  • may 2012
  • april 2012
  • march 2012
  • febrary 2012
  • january 2012
  • december 2011
  • november 2011
  • october 2011
  • september 2011
  • august 2011
  • july 2011
  • june 2011
  • may 2011
  • april 2011
  • march 2011
  • febrary 2011
  • january 2011
  • december 2010
  • november 2010
  • october 2010
  • september 2010
  • august 2010
  • july 2010
  • june 2010
  • may 2010
  • april 2010
  • march 2010
  • febrary 2010
  • january 2010
  • december 2009
  • november 2009
  • october 2009
  • september 2009
  • august 2009
  • july 2009
  • june 2009
  • may 2009
  • april 2009
  • march 2009
  • febrary 2009
  • january 2009
  • december 2008
  • november 2008
  • october 2008
  • september 2008
  • august 2008
  • july 2008
  • june 2008
  • may 2008
  • april 2008
  • march 2008
  • febrary 2008
  • january 2008
  • december 2007
  • november 2007
  • october 2007
  • september 2007
  • august 2007
  • july 2007
  • june 2007
  • may 2007
  • april 2007
  • march 2007
  • febrary 2007
  • january 2007
  • december 2006
  • november 2006
  • october 2006
  • september 2006
  • august 2006
  • july 2006
  • june 2006
  • may 2006
  • april 2006
  • march 2006
  • febrary 2006
  • january 2006
  • december 2005
  • november 2005
  • october 2005
  • september 2005
  • august 2005
  • july 2005
  • june 2005
  • may 2005
  • april 2005
  • march 2005
  • febrary 2005
  • january 2005
  • december 2004
  • november 2004
  • october 2004
  • september 2004
  • august 2004
  • july 2004
  • june 2004
  • may 2004
  • april 2004
  • march 2004
  • febrary 2004
  • january 2004
  • december 2003
  • november 2003
  • october 2003
  • september 2003
  • august 2003
  • july 2003
  • june 2003
  • may 2003
  • april 2003
  • march 2003
  • 6 dicembre 2016

    SCALO MILANO_02/IL LAVORO E’ SACRO

    Recentemente ho raccontato della realizzazione della campagna pubblicitaria per Scalo Milano.

    Quando scattammo quelle fotografie, che ricordo sono state fatte lì dove costruivano questo nuovissimo centro commerciale, ho scoperto una cosa che, io fighetto milanese circondato da gente che fa marketing/branding/influencing, non immaginavo più esistesse: L’OPERAIO. Cioè colui il quale si sveglia al mattino (spesso prestissimo), va a lavorare, si fa un culo così e poi torna a casa (spesso tardissimo). Ho scoperto che gli operai esistono ancora!

    Ho proposto allora alla proprietà di Scalo di realizzare un progetto: fotografare tutti coloro che in questi anni hanno lì lavorato. Tutti, da quello più importante a quello meno importante, magari sotto l’aspetto gerarchico, ma tutti uguali e tutti ugualmente importanti davanti alla fatica.

    Ho comprato allora una tenda, simile a quella che usavano i fotografi del Far West, per fotografare gli Indiani, e mi sono piazzato nel parcheggio del cantiere: lì l’abbiamo montata, con l’apertura rivolta a nord, e con dentro un bel fondale di carta. Per tre giorni siamo stati lì, a fotografare tutti.

    img_9837

    l1010539

     

    E’ stato bellissimo, come ogni volta che fotografo persone: odio la gente ma amo le persone.

    bi3u0854

    bi3u1341

     

    Ecco due dei ritratti, uno relativo al backstage sopra e l’altro a caso, giusto per far vedere che la formula che ho usato è stata sempre la stessa identica per tutti: un taglio che facesse vedere l’abbigliamento (per identificare la mansione) e la richiesta non tanto di sorridere ma di pensare con orgoglio e soddisfazione al bel lavoro svolto.

    Alla fine abbiamo realizzato più di 200 ritratti.

    A quel punto rimaneva il problema di come e dove esporre tutto questo lavoro: l’area di massima si sapeva quale sarebbe stata (la piazza dedicata al lusso di Scalo) ma non era chiaro come avremmo messo le stampe. Provvidenziale l’intervento dello stampatore di Brescia, che ha realizzato una stampa veramente incredibile. Non so se sia un record mondiale di mostra fotografica, ma italiano penso proprio di sì! Hanno stampato tutte le immagini in un pezzo unico alto 4 metri e lungo ben 68 metri!

    Questo il file originale, dove l’amministratore delegato bresciano è affianco al muratore egiziano, dove l’ingegnere milanese è affianco al carpentiere bergamasco, tutti uguali di fronte alla dignità del lavoro.

    bozza_cantiere_6250x395

    img_0170

    img_0224

    img_0561

     

     

     

    Quando abbiamo scattato molte delle persone fotografate probabilmente pensavano che stavano facendo la nuova foto per il badge: è stato incredibilmente emozionante vedere le stesse persone, venute all’inaugurazione del centro con la mogli e i figli, con le lacrime agli occhi.

    E non è finita.

    Scalo Milano continua…

    1. Stefano scrive:

      Favoloso! L’idea e tutto il resto ;-)

    2. Zack scrive:

      I pescatori locali : ad Imperia = gli operai locali : a Scalo Milano.

    3. Ho aprezzo molto questo lavoro ed il concetto che ne è alla base.
      Mastodontico il lavoro di stampa, davvero incredibile.

    Leave a Reply