WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 27 Settembre 2016

    STEFANO MORTARI ADV

    Quando vengo definito “fotografo di moda” vivo questa definizione con un certo imbarazzo. Per un semplice motivo: non mi sento tale. Ho fatto e faccio tantissima fotografia di moda, ma per essere veramente un fotografo di moda penso si debbano avere delle caratteristiche, delle passioni e delle conoscenze che a me sono in gran parte estranee.

    Mi interessa poco la moda e ancora meno mi interessano i meccanismi (vedi ad esempio il tema del consenso, o quello del conformismo) che sono alla sua base. Ma mi interessa moltissimo la storia del costume, con le sue letture e variabili. Ad esempio un tema verso il quale amerei porre la mia attenzione di fotografo è quello delle uniformi: un punto di vista interessantissimo e privilegiato per raccontare la storia dell’umanità e le sue evoluzioni.

    Per chi desiderasse approfondire questi argomenti al di là dei “COOL!!! ADORO!!! TOOOOOP!!!” consiglio di leggere un testo fondamentale: LE OSCILLAZIONI DEL GUSTO, del grande Gillo Dorfles. Forse dovrei rileggerlo pure io, perché l’ho letto 30 anni fa…

    Comunque, la Fotografia di Moda dicevamo. Una cosa complicata. Che NON è, ovviamente, fotografare un vestito su una modella. E’ qualcosa di MOLTO più complesso e articolato. Quando viene chiesto a me di occuparmene, per cataloghi o redazionali, ammetto che il mio approccio è spesso orientato a uno sviluppo progettuale dove la moda non è al primo posto: proprio per questo mi è difficile definirmi fotografo di moda.

    Diciamo che mi piace usare l’abbigliamento per raccontare altre storie, che attraverso esso riescono ad essere raccontate (e comunque, badate bene, assolutamente sempre in maniera coerente con la moda che fotografo, ovviamente).

    Mi sto incartando nei ragionamenti? Mi seguite?

    Ok, semplifico molto: quando fotografo la moda cerco di raccontare delle storie che l’aderenza coerente dei vestiti che fotografo mi suggerisce di raccontare. Chiaro? No forse no. Facciamo una cosa, abbandoniamo tutto ‘sto inutile preambolo e veniamo al lavoro realizzato per lo stilista Stefano Mortari.

    Mi piace molto Stefano, non solo perché è una bella persona con una bella energia, ma anche perché ha un approccio alla moda forse un po’ simile al mio, dove si bada alla qualità progettuale e stilistica, ad di là dei vari “COOL!!!! ADORO!!! TOOOOP!!! ” Penso di non sbagliare definendo quello che fa (che è veramente bellissimo, a scanso di equivoci) come fantasia e creatività portata nella realtà e concretezza.

    Quando quindi mi ha chiesto di fotografare la sua nuova collezione ho pensato di fare una cosa: fotografare tutti i capi due volte (idee cretine che mi vengono: lavoro raddoppiato!), la prima volta a colori e con il flash, chiedendo alla modella di posare da modella e fare la modella la seconda volta in bianco e nero cercando di farle un ritratto, il più vero e naturale possibile. Insomma, da un lato il personaggio, dall’altro la persona.

    Da un lato il colore (la realtà) dall’altro lato il bianco e nero (la verità).

    Questo il risultato:

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-3

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-8

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-5

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-9

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-7

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-10

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-11

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-13

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-14

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-17

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-18

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-19

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-22

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-21

     

    stefano-mortari_lookbook_18x14-5_hq-23

     

    Un dettaglio dal backstage. Magari uno si immagina chissà quali diavolerie, su un mio set. Però io ho sempre un’idea molto precisa in testa, che non mi interessa come viene ottenuta. Bado sempre di più al risultato, rispetto a come quel risultato viene ottenuto. Mi interessa il cosa, piuttosto che il come. 

    Questo è il fondale per i ritratti in bianco e nero, illuminati solo da una finestra:

    img_7017

    |||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

    Collezione spring summer 2017 Stefano Mortari

    Hair Daniele Falzone per Battaglia

    Make-up Rocco Santamorena per Battaglia

    Stylist Gianna Greco assistita da Stella Romoli

    Models Nathalie Nyrèn e Vilma  Hellström @Next Models 

    1. Antonio ha detto:

      Ciao Settimio,
      disponendo su una colonna sola i vari “ADORO”, “TOP”, “COOL”… devo “dire tra le righe” che questo lavoro mi piace davvero tanto. Tanto, davvero. L’idea poi è meravigliosa, nella sua semplicità.
      Ciao

    2. Ada ha detto:

      Minchia che cagata!

    3. Riccardo ha detto:

      Il reggifondale è un capolavoro di bricolage che manco Muciaccia… 😛 😛 😛

    4. Alessandro Bianchi ha detto:

      lo trovo in servizio veramente attuale e centrato, inteso come obiettivo raggiunto in pieno, ma i tagli stretti in b/n mi sembrano molto più efficaci anche per rappresentare un brand di abbigliamento o uno stile.
      Non sarà che anche nella moda serva più verità che realtà?
      Non sarà che è la verità che rende concreto il senso di realtà?
      Poi che tutto ciò venga percepito solo da “palati raffinati” che conoscono un certo linguaggio o che arrivi anche alle masse non so dirlo, l’unica certezza è che sono concetti che fanno da guida a noi fotografi che cerchiamo di dare un senso al nostro lavoro.
      Quindi fosse anche solo per questo valgono oro!

    5. Cristian ha detto:

      Anche se con intento diverso, nel mio piccolo ambito da fotoamatore, sto portando avanti un progetto simile (se vorrai darci un occhio è qui: https://www.behance.net/gallery/42599727/The-White-Wall ma non è per questo che scrivo), con amiche e “modelline”, e devo dire che fare un ritratto alla “persona” soprattutto per quanto riguarda le modelline, è difficile perché tendono comunque a posare. E temo che un po’ anche nei tuoi ritratti B/N questo succeda, insomma anche quei bellissimi ritratti, sono foto di moda.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *