WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • november 2018
  • september 2018
  • august 2018
  • june 2018
  • april 2018
  • febrary 2018
  • january 2018
  • december 2017
  • november 2017
  • september 2017
  • august 2017
  • july 2017
  • may 2017
  • april 2017
  • march 2017
  • febrary 2017
  • december 2016
  • november 2016
  • october 2016
  • september 2016
  • july 2016
  • may 2016
  • april 2016
  • march 2016
  • febrary 2016
  • january 2016
  • december 2015
  • november 2015
  • october 2015
  • september 2015
  • august 2015
  • july 2015
  • june 2015
  • may 2015
  • april 2015
  • march 2015
  • febrary 2015
  • january 2015
  • december 2014
  • november 2014
  • october 2014
  • september 2014
  • august 2014
  • july 2014
  • june 2014
  • may 2014
  • april 2014
  • march 2014
  • febrary 2014
  • january 2014
  • december 2013
  • november 2013
  • october 2013
  • september 2013
  • august 2013
  • july 2013
  • june 2013
  • may 2013
  • april 2013
  • march 2013
  • febrary 2013
  • january 2013
  • december 2012
  • november 2012
  • october 2012
  • september 2012
  • august 2012
  • july 2012
  • june 2012
  • may 2012
  • april 2012
  • march 2012
  • febrary 2012
  • january 2012
  • december 2011
  • november 2011
  • october 2011
  • september 2011
  • august 2011
  • july 2011
  • june 2011
  • may 2011
  • april 2011
  • march 2011
  • febrary 2011
  • january 2011
  • december 2010
  • november 2010
  • october 2010
  • september 2010
  • august 2010
  • july 2010
  • june 2010
  • may 2010
  • april 2010
  • march 2010
  • febrary 2010
  • january 2010
  • december 2009
  • november 2009
  • october 2009
  • september 2009
  • august 2009
  • july 2009
  • june 2009
  • may 2009
  • april 2009
  • march 2009
  • febrary 2009
  • january 2009
  • december 2008
  • november 2008
  • october 2008
  • september 2008
  • august 2008
  • july 2008
  • june 2008
  • may 2008
  • april 2008
  • march 2008
  • febrary 2008
  • january 2008
  • december 2007
  • november 2007
  • october 2007
  • september 2007
  • august 2007
  • july 2007
  • june 2007
  • may 2007
  • april 2007
  • march 2007
  • febrary 2007
  • january 2007
  • december 2006
  • november 2006
  • october 2006
  • september 2006
  • august 2006
  • july 2006
  • june 2006
  • may 2006
  • april 2006
  • march 2006
  • febrary 2006
  • january 2006
  • december 2005
  • november 2005
  • october 2005
  • september 2005
  • august 2005
  • july 2005
  • june 2005
  • may 2005
  • april 2005
  • march 2005
  • febrary 2005
  • january 2005
  • december 2004
  • november 2004
  • october 2004
  • september 2004
  • august 2004
  • july 2004
  • june 2004
  • may 2004
  • april 2004
  • march 2004
  • febrary 2004
  • january 2004
  • december 2003
  • november 2003
  • october 2003
  • september 2003
  • august 2003
  • july 2003
  • june 2003
  • may 2003
  • april 2003
  • march 2003
  • 29 aprile 2012

    STOP

    20120429-122130.jpg

    STOP, says the sign here in cape town, where I am still.

    Stop because I have finished the job and for a day and a half I am doing what it is very difficult to do: nothing!

    I rest, watch a movie on the ipad and read. This week I read: WALTER ED IO by simone annichiarico (bio/memories of walter chiari written by his son, sweet, I’ve always loved him and now more than ever!), DOPO LA FOTOGRAFIA by quentin bajac (very interesting) and TRE ATTI E DUE TEMPI by giorgio faletti (ok, he might be commercial but I like the way he writes. But I liked more APPUNTI DI UN..). Now I have started reading IL TEMPO É UN BASTARDO by egan: they talk highly about it.

    I wanted, in the right time, say a few words on the topic that has been whirling in my mind for sometime and, by writing about it, I would like to talk more in depth about it: BEAUTY.

    It is odd, given what I do, but beauty (that of human adults…) it is not an asset for me.

    I am aware that the topic is better left in the hands of those who have written more in depth about the subject but I would like to have my say, intimate and personal opinion.

    Beauty (I reiterate, of human adults) in my opinion is not an asset because within itself it often has a lack of truth.

    It is a fiction.

    It is a sham.

    It often is the wanting to be something else.

    To be beautiful you often have to change: from something little (the colour of your hair, the nails…) to medium (makeup, hair extensions…) to big (transplants, botox…).

    Beauty, often enough, is not what one is (which in any case is always perfect and unique) but what you aspire to be ( which is always and inevitably imperfect and shared): I am not beautiful but is beautiful what the others decree to be as such.

    Not by chance the people that are used by fashion photographers (…!) are called models: they are aspirational models, they are references, mock-ups, paradigms … that give reference to proclaim themselves as beautiful.

    Do you want to be beautiful? You need to change! You must leave yourself to be another. It is necessary to deny yourself in order to be.

    I do not like all of this!

    It might be bizarre for what I do, but that’s it.

    In my opinion models are not a model for anything!

    Is it bizarre said by me? Perhaps, but for me the model is the medium that allows us to tell a story. It is a mean, not an end.

    (which I think this also increases the dignity of a model, taken away by a false iconic pedestal to be placed where she should be: in the real world).

    I certainly do not mean to say that the ugly is beautiful (weird oxymoron), but I maintain that beauty is only in the truth: but of truth here there’s nothing…

    1. Antonella ha detto:

      Ciao, Settimio. Ho notato questo tuo post da Twitter e mi ha colpito leggerlo. Ti amo per quello che dici, al di là dell’argomento incentrato sulla bellezza, mi ha colpito in vero il fatto che esista un uomo così intelligente a cui non piaccia che l’essere venga negato per essere. Mi hai fatto ricordare un aneddoto. Nel mio caso personale, il mio più che un “problema” di bellezza, era di sensualità. Una persona che stimavo per la sua intelligenza e dedizione al lavoro si sentiva attratto da me, anch’io verso lui, e al tempo stesso spaventato. Un giorno arrivò a dirmi, io ci rimasi malissimo ma decisi che era tempo di lasciarlo perdere, che per essere e avere successo nella società ipocrita in cui ci troviamo dovrei essere meno sensuale (non inteso a livello esteriore, indossando abiti particolari, ma si riferiva più intimamente al mio essere). Appresi tutto il senso d’inadeguatezza che può avere un uomo verso una donna e mi chiesi perché una persona dovrebbe cambiare se piace in partenza proprio per quella sua caratteristica? Cosa si vince veramente e per chi dovrei farlo? Per colui che mi chiede di cambiare?

    2. georgia ha detto:

      allora non mi rifaccio le tette 🙂

    3. luca ha detto:

      Caro Settimio
      letto il tuo post mi domando perchè ci viene naturale associare la bellezza al piacere?
      Tu dici che la vera bellezza è nella verità, ma la verità non fa sempre piacere, a volte è fantastica a volte molto dura perchè è differente da come la vorremmo.
      Nel senso comune di bellezza noto che è sempre presente il senso di piacere, quasi che si definisce il bello dalle sensazioni di piacevolezza fisica o emozionale che il soggetto osservatore prova alla visione.
      In particolare mi sembra che sempre più di moda sia l’EMOZIONE, il parlare di emozioni.
      Se il piacere fisico è ancora oggetto di ipocrisia, il piacere dell’emozione, banalmente legata ad una profondità di sentire ed a un valore di pienezza del vivere, è comunemente accettato da tutti fino alla fusione di emozione con senso estetico e perciò moda nelle sue più svariate forme (moda dell’immagine, del vestire, dell’arredare).

      Certo cercare la bellezza nella verità è darsi una strada: un tentativo di ordine, di fare pulizia dall’inutile e un mettersi in discussione.

      Questa è la mia opinione, che cosa ne pensi?

      Sto iniziando a fotografare con una reflex digitale prestatami da un’amica. Sono in quella fase in cui mi sento imbrigliato della macchinosità dell’attrezzo. Vale la pena imparare a lasciarsi addomesticare da una reflex?

    4. luca ha detto:

      Cara Antonella
      non so se posso permettermi un commento al tuo, ma visto che è pubblico vorrei trasmettermi una mia impressione.
      Credo, è una mia opinione, che l’essere sensuali sia una qualità interiore che spesso sia accompagnata ad un piacersi in maniera profonda. E’ una bella qualità, perchè dargli una veste di negatività con una proibizione?
      Forse, dico forse, se la sensualità viene esposta in maniera troppo disinvolta senza pudore può apparire come provocazione, come l’esposizione di un’arma.
      Se vado in giro con la pistola alla cintura in modo che tutti la vedano, tutti pensano che potrei sparare da un momento all’altro e pensano di me che sono un mafioso, un malvivente o un violento (un poliziotto in borghese tiene nascosta la pistola).
      Il tuo essere sensuale nessuno lo può cancellare, solo tu, ma poichè è legato al tuo essere, ha forse bisogno di continue conferme dagli altri?
      La rosa rossa e profumata ha le spine.

    5. Eli ha detto:

      Ciao! bell’ intervento, l avevo capito che eri una persona profonda quando ti ho incontrato (e quando mi hai parlato delle brigate rosse :D) hai ragione, però purtroppo c è da farsi una domanda come mai ci spingiamo ad essere qualcun altro? non faccio riferimenti a niente, ma di vero c è veramente poco in giro.
      Rispondo alla domanda, personalmente chi cerca la perfezione non mi dice niente anche se da piccola la cosa mi ha cambiata perchè il parere degli altri per quanto non mi possa importare mi ha comunque spinto a cambiare me stessa. forse è una mancata fiducia in sè che gli altri ti fanno credere ma è sbagliato perche bisogna resistere e essere semplicemente se stessi anche se non tutti ti apprezzano per quello che sei, veramente! un bacio

    6. settimio ha detto:

      @luca sarà un mio limite, ma non ho capito nulla di ciò che hai scritto. cosa vuoi dire?
      un po’ come l’ultima frase: che significa “lasciarsi addomesticare da una reflex”?
      ricorda, vale sempre una regola di Ludwig Mies van der Rohe: less is more!

    7. Antonella ha detto:

      @Luca: no, non si intendeva sensualità come provocazione al mio primo discorso. Il significato di essere sensuali è molto più sottile. Il mio amico probabilmente si sentiva attratto da questa, ma al tempo stesso come se mi consigliasse di nasconderla agli altri, facendomi credere che lo facesse per il mio bene, per migliorarmi. In realtà, lui credo lo facesse più per il suo ego, per dimostrare a sé che poteva avere masochisticamente controllo su una donna sensuale che gli piace ma verso cui si sente inferiore e inadeguato.
      Per fortuna non siamo tutti uguali. Io ho deciso di essere amica solo di chi mi apprezza, non di chi prima lo fa e poi lo nega. Uomini gentili, onesti ed intelligenti ce ne sono davvero pochi pochi, ormai, ma meritano il meglio dalle donne, e in genere molto amati da queste. Non è un caso!

    8. Stefano ha detto:

      Posso dire con piacere che rileggo in questo post il pensiero di Settimio sulla fotografia in generale, ma ancora più in generale sulla vita.
      PS grazie anche di postare i libri che leggi, alcuni sono davvero belli, come “Glenn Gould e ricerca del pianoforte perfetto”, oltre ai cosidetti testi sacri sulla fotografia, che mi hanno aperto un mondo, anche se mentre ne leggi uno, scopri che ne devi leggere altri per comprendere meglio e fai molto in fretta a superare i 50 del famoso fotometro… 🙂

    9. Giacomo ha detto:

      “Ho cercato la bellezza e l’ho trovata in fondo alla semplicità.”

    10. stebau ha detto:

      caro Settimio più o meno fù questo il periodo che ci vide testimoni del viaggio a joannesburg solo qualche anno fà.
      Non dimenticheremo l’uso di quei colori intensi di giallo sullo sfondo di un cielo profondo che quasi ci volesse parlare.
      Sei un grande, un bacio, stefano bau Pescara.

    11. Simone ha detto:

      Domanda a freddo dopo aver letto il post:
      Mai pensato che ora come ora la fotografia di moda ti stia limitando?
      Arrivato dove sei, maturati i veri concetti della fotografia, mai considerato il fatto che questo mondo di moda ti comincia a stare stretto e che ti stia limitando le tue reali potenzialità ?
      Commento di un Mr. Nessuno…

    12. Ross ha detto:

      Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace! P&L

    13. lucia ha detto:

      La sembianza è importante ma la bellezza è un’altra cosa. Chi è brutto dentro è brutto anche fuori indipendentemente da come appare., fosse anche esteticamente il più bello o la più bella del pianeta. La sembianza e il linguaggio si leggono e si ascoltano e chi ha orecchie per intendere intenda. La fotografia ha bisogno della materia prima, la bellezza, appunto……

    14. Paolo ha detto:

      la fotografia puo immortalare anche cose brutte, nn esiste solo quella di moda a cui serve fotografare la bellezza

    15. porcoiod ha detto:

      io penso che la foto dello stop fatta da settimio, pure lei ha bisogno di ritocchi per essere bella, senza la saturazione così rimarcata e il contrasto a 1000 sarebbe una foto scialba… e no ndire che è così che si vedeva realmente!

    16. Luca ha detto:

      @Settimio
      Rileggendomi, ti do ragione. Era più un pensare ad alta voce… sono poco abituato a scrivere nei blog e perciò non ho curato ad essere più semplice e chiaro.
      Volevo dire che trovo ancora complicato scattare foto in manuale con una reflex. con una compatta automatica ero abituato a scattare velocemente quello che volevo, con la reflex invece sono ancora troppo lento.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *