17 febbraio 2014

UGO MULAS

mi accorgo, leggendo qui e lì, di quanto manchi cultura fotografica.

è la solita storia, che ci siamo già abbondantemente stancati di ascoltare, di tutti quelli che si comprano la reflex, vanno in giro con la macchina al collo a scattare delle fotografie e pensano che la fotografia sia tutta lì…

ovviamente non è così, perché la Fotografia, come d’altronde qualsiasi altra attività umana, ha bisogno di conoscenza e cultura per essere praticata: senza andare troppo in alto anche per fare le torte uno prima legge e si informa, mica apre il frigo a caso, sbatte tutto in una pentola e cuoce! 😉

secondo il mio punto di vista (che peraltro è anche quello di tantissimi altri)  il caposaldo della fotografia italiana e mondiale è Ugo Mulas. grandissimo, immenso. se lui non ci fosse stato nessuno di noi fotografi sarebbe ciò che è.

il suo libro LA FOTOGRAFIA edito da Einaudi nel 1973 è la Bibbia di chiunque si voglia poter definire Fotografo.

è ancora in vendita, rieditato, qui.

all’interno di questo libro una parte fondamentale è rappresentata dalla VERIFICHE. ho pensato di fare una cosa: riprodurre questo progetto, sperando così che venga la voglia di comprare questo libro fondamentale.

signore e signori, standing ovation, le Verifiche di Ugo Mulas, realizzate a Milano nel 1971 e 1972, che metto belle grandi in maniera si possano leggere e guardare per bene:

CZ8Q0653 CZ8Q0654 CZ8Q0655 CZ8Q0656 CZ8Q0657 CZ8Q0658 CZ8Q0659 CZ8Q0660 CZ8Q0661 CZ8Q0662 CZ8Q0663 CZ8Q0664 CZ8Q0665 CZ8Q0666 CZ8Q0667 CZ8Q0668

 

(suppongo sia illegale tutto ciò: rischio pure la galera per la cultura fotografica!) 😉

  1. Tommy ha detto:

    un libro fondamentale, un ritrattista eccellente. Io ho la versione del ’73 e ogni tanto me lo rileggo

  2. Domenico ha detto:

    Grazie.

  3. Ovidiu ha detto:

    Manette _ Spank _ Spank

  4. Alessandro ha detto:

    Quando apri un blog, leggi il titolo di un post, e senza aver ancora finito di leggere hai ordinato il libro (più raro di quel che sembra) che viene consigliato, sai di essere davanti ad una cosa che, a seconda dello scrivente, si può chiamare karma, zen, congiuntura astrale ecc. Io, più semplicemente, la chiamo botta di culo.

  5. Francesco Francia ha detto:

    Questo post me lo ero perso..
    Io ho iniziato 20 anni fa con “il Manuale del fotografo” di John Edgecoe ma al Nikon Live hai stimolato un approfondimento. Quindi me lo compro con piacere 🙂

  6. Francesco Francia ha detto:

    Errata corrige: Hedgecoe scusate

  7. Giuliano Corti ha detto:

    Buongiorno Settimio, grazie per questa tuo sfogo, il libro mi sembra di averlo, ma non riescoa trovarlo, lo compro, così non mi sbaglio.
    Torno a ringraziarti infinitamente, per quanto scrivi, non sai, anzi, lo sai moltobene, quante volte mi domandano che macchina compreresti, che vetro ci metto……..e poi diventano tutti fotografi. Una volta pochi anni orsono con una persona che intendeva parlare di Forografia, mi ci sono dedicato, dopo circa una mezz’ora che parlavamo lo vedo assente??? Gli chiedo, scusa ma da quanto stai fotografando, “dall’anno scorso”, mi risponde, io, chissà quanto ti sei documentato, quanti libri? Ma no ho iniziato a scattare, vedo che le mie foto piacciono e così le vendo. sarà una mente eccelsa che non ha bisogno di nulla, ma te lo giuro, mi sono seduto altrimenti svenivo…………..Scusa se mi sono permesso grazie ancora e,.auguri per delle serene giornate G

  8. Zack ha detto:

    Peccato non sia più disponibile…

Leave a Reply