WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 2 Marzo 2010

    A DAY IN THE LIFE OF A MODEL

    I recently posted on my blog on the corriere della sera website a reportage which I have put together during these past few days at the milanese fashion shows, following a model from the morning to the evening, trying to tell the story, without romanticism or silly infamies, the true life of a model.

    The concept at the core of my job was very simple: everyone sees the models going around milan with a map in their hands, nobody knows anything about them, they see them as martians that landed on these lands and they imagine them in two different ways, drug addicts, anorexic and half prostitutes, or little princesses that travel only in first class. The truth is neither one of them. I simply tried to show the reality.

    And in all truth, I tried to press on the more sad and squalid aspects of their lives. Also because (think about it a little bit!) I wanted this reportage to be relevant to all those young girls that dream about becoming a model, thinking that it is an easy thing to do, quick, lucrative and super cool: it’s not like that. Ok it’s not cool to go to work in a mine either, but nobody thinks it’s not all that cool and fun to go work in a mine, whilst everyone thinks that being a model is cool.

    Here follows, you can click to enlarge, my favourite five images from the reportage:

    1. Stefano ha detto:

      Caro Settimio, tutta la mia ammirazione per le tue foto, ma i commenti che ti hanno lasciato sul Corriere sono ampiamente giustificati. Tra il dire che il lavoro di modella non è luccicante come sembra (le foto parlano da sole), e il dire che è “una gran fatica” “come qualsiasi altro mestiere”, la differenza è abissale. Fai autocritica, a volte scusarsi è meglio che giustificarsi.

    2. Alessandro ha detto:

      Ohibò,

      mi scopro sempre più contraddittorio; “non commento non commento non commento” e poi… 🙂

      Tralascio i complimenti per il servizio, che apprezzo al pari di tanti altri tuoi (questo già lo sai e sai anche come la penso su certi complimenti, quindi andiamo avanti), mentre mi piacerebbe soffermarmi sul risultato ottenuto. Beh, chi ha un minimo di dimestichezza con l’ambiente della moda non può che apprezzare il quadro che offri della “professione modella”; è, nel bene o nel male, vero, reale. Il lato negativo è, credo, che è tanto vero e “semplice” da smuovere coscienze e punti di vista in disaccordo con il concetto, o meglio, con l’idea di moda che c’è oggi.

      Il male è che la percezione del reale, di questi tempi (invero bruttarelli), non ammette lati positivi.

      C’è tanta rabbia, vero. E, purtroppo, non ingiustificata. Perché c’è la paura della terza settimana, perché c’è l’insoddisfazione che deriva dal sentirsi presi costantemente per i fondelli da una classe politica sgangherata, caprona e menefreghista, perché ci sono le difficoltà del quotidiano amplificate dall’incertezza del domani e perché ci sono talmente tante voci e grida di aiuto che si perde la serenità di osservare le cose per quelle che sono, dando importanza maggiore agli aspetti negativi (però, ripeto, di cose realmente negative ce ne sono tante).

      I media si sono specializzati in dolore e lacrime; ormai ci fa star bene vedere chi soffre di più, augurandoci che non tocchi a noi; come si vede qualcosa o qualcuno che “sta meglio” (o realmente o nella nostra testa) è normale che scatti la gara a chi sta peggio o a chi il c**o se lo fa davvero o a chi sapesse signora mia quanto patisco. Che poi mi pare ovvio che in miniera si stia peggio che non in prima fila ad una sfilata di Armani, ma oh, vuoi mettere la soddisfazione di farlo presente. Poi… minatori, malati di cancro, precari, terremotati, extracomunitari… “Uh! Poveri! Un aiuto subito!”. E l’aiuto a volte viene dato, per carità, ma da una percentuale molto più bassa di quella che pensa: “Ca**i loro, ho più problemi io, ma mi raccomando: MAI IN PUBBLICO!”.

      Sorvolo, volutamente, sull’interpretazione che do alla giornata della modella; sarebbe un’altra voce nel mare delle tante e magari sarebbe pure un’opinione sbagliata rispetto a quella vera.

      Alla fine la nuda verità corre il rischio che di essere vestita in tanti modi. Però, per carità, niente abiti firmati! 🙂

      Con stima,

      Alessandro

      P.S. La mia preferita, esteticamente, è questa: http://images.corriereobjects.it/gallery/Spettacoli/2010/03_Marzo/modella-benedusi/1/img_1/benedusi_30_672-458_resize.jpg

    3. Francesco Brunello ha detto:

      che dire ottima idea e non male la gestione degna del tuo nome ma …..hai fatto il bilanciamente della macchina sono tutte rosse le fot :-O……. ciao

    4. Alessandro Avenali ha detto:

      Devo dire che questo rosso trasmette in effetti drammaticità e fatica.

    5. Fra ha detto:

      Sinceramente sono rimasta abbastanza perplessa dalle reazioni sul sito del Corriere. Premetto che ho sempre sostenuto Settimio nei suoi lavori, nelle sue opinioni e nelle sue iniziative, quindi ai suoi o ai vostri occhi posso anche apparire di parte. Però ci tengo a sottolineare che la stima che provo nei suoi confronti non è mai stata e mai sarà miope, quindi anche in questo caso motiverò la mia posizione in proposito.
      Da persona che qualcosina di moda ne sa, perchè anche io ci ho lavorato – e guarda caso, oltre che negli uffici marketing anche nel backstage di sfilate/fitting/casting ecc. – posso dire che quello che Settimio ha illustrato nel suo reportage è assolutamente veritiero. La vita che fanno queste ragazze è fisicamente faticosa. Non è un lager. Ma è faticosa. E molte di loro la fanno con grande professinalità, senza neanche lamentarsi se spesso sono costrette a camminare tutto il santo giorno con scarpe di tre numeri più piccole o a stare raggomitolate in un angolo per terra per passare i tempi (biblici) di selezioni&co. Nessuno, primo fra tutti Settimio, ha inteso in questo servizio/articolo far passare come sante o martiri queste ragazze che, come giustamente qualcuno ha osservato, sono spesso molto giovani e inesperte in termini di vita vissuta fuori casa e lontano dagli affetti o dalla confortante atmosfera domestica nella quale ognuno di noi zitto zitto ha vissuto la propria adolescenza. Se la sono scelta questa vita? Certo! E si vivono tutti i pro e contro della cosa tranquillamente. Non lo fanno gratis, come non lavora gratis nessuno di noi. Ma il punto è: che c… di male c’è nel fatto che un professionista di quel campo RACCONTI tutto ciò senza alcun intento nè celebrativo nè denigratorio nei confronti di situazioni difficili che riguardano altre persone/professioni/congiunture economiche. Settimio ha semplicemente demistificato, con i mezzi e i linguaggi a lui più congeniali e che sono il suo pane quotidiano, un mito falso: quello della modella che se la spassa dalla mattina alla sera. Punto. Non capisco perchè su questo intento, che è di una onestà che a me appare lapalissiana, si debba scagliare la rabbia e la frustrazione di tutti coloro che con tutto questo non hanno a che fare. TUTTI hanno problemi nella vita, moltissimi fanno sacrifici per arrivare a fine mese. Nessuno sta dicendo che la vita di una modella è un calvario. Settimio sta solo dicendo che è diversa da quello che tutti s’immaginano. Tra l’altro, quando uno va sul sito di Benedusi – o sul suo spazio sul Corriere – dovrebbe in teoria farlo per affacciarsi su qualcosa che non conosce e che altrimenti non avrebbe modo di apprezzare o anche criticare. Cosa c’entra dire che se una fa base a New York allora è una scansafatiche che non sa cosa voglia dire lavorare in fabbrica? Allora mettiamo pure di mezzo la fame nel mondo, le guerre, le catastrofi, la pastasciutta e la musica disco. Cosa c’entra?! Si sta parlando di un punto di vista, di un occhio che osserva e di una penna che racconta. Spiegatemi perchè il fatto di metterci davanti alla vita di una modella che viaggia e si fa un mazzo tanto – probabilmente è questo ciò che non arriva pienamente – debba essere condannato. L’invidia è tanta, la delusione nei confronti della classe dirigente anche. Però trovo fuori luogo prendersela con uno che cerca di raccontare una verità che non pretende di essere nulla di più di uno spaccato di vita di molte ragazze che sono poi quelle con le quali ha a che fare tutti i giorni. Perchè, voi non parlate mai dei vostri colleghi? Non vi capita mai di fare confronti tra loro professione e la vostra, o tra la loro e quella di altri? Ditemi perchè se uno la scrive su un blog debba essere additato come uno stronzo arrogante e che debba persino chiedere scusa o giustificarsi! Che ci venite a fare sugli spazi virtuali del Benedusi se è solo per riversare una rabbia che non merita?

    6. PAOLO ha detto:

      @ FRA: Bello vedere che ogni tanto qualcuno qualcosa di intelligente e pertinente ha voglia di scriverlo. E cosi’ stavolta due righe ce le metto anch’io visto che come te sono rimasto abbastanza perplesso delle reazioni… anzi se devo dirla tutta recentemente e lo sono spesso riguardo a ciò che nei commenti leggo, (soprattutto sul sito del Corriere) e questo è il motivo per il quale ultimamente posto molto meno nonostante segua sempre con grande entusiasmo i lavori di Settimio. Spesso, a differenza di qualche tempo fa, neppure riesco a focalizzare veramente la natura di certi interventi.
      Detto questo vorrei solo aggiungere che credo un artista (o cmq un autore di qualche cosa) vada visto e letto conoscendo il contesto in cui lavora e opera .
      Mi “scandalizzerei” certamente di più su ciò che quotidianamente ci si imbatte in tv… anche se tutti son contenti e battono le mani.
      Ma questa è un’altra storia..

    7. Giovanni B. ha detto:

      E’ quello che ho scritto nel mio piccolo blog: finalmente un reportage fotografico degno di questo nome, evento piuttosto raro sui quotidiani on-line.
      Inizio a dire cosa ho apprezzato: la dominante gialla, la ricchezza di fotografie a disposizione, la varietà delle situazioni ritratte, che copre veramente bene le ipotetiche 24 ore della nostra povera (sì, povera, perchè mi sembra una vitaccia) modella.
      Cosa mi è piaciuto meno: alcune didascalie sono un po’ banali (ad esempio: “Una modella professionista non può rinunciare a una quotidiana pulizia della pelle”); a mio parere, inoltre, 4 fotografie per la toilette mattutina sono un po’ troppe, e il racconto fotografico proprio su queste 4 fotografie stenta a prendere ritmo (ritmo che parte alla grande non appena la modella arriva in agenzia).
      La mia preferita? Questa: http://www.corriere.it/gallery/spettacoli/03-2010/modella-benedusi/1/giornata-milanese-karine_599e5338-254e-11df-98c5-00144f02aabe.shtml#38

      Comunque, veramente un ottimo lavoro, di un livello che mi piacerebbe poter vedere più spesso sui nostri quotidiani e sulle nostre riviste.

      Buona serata a tutti
      Giovanni B.

    8. Paolo ha detto:

      Lo trovo un bellissimo e reale reportage sembra bravissimo Settimio!!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *