WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Settembre 2019
  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 25 Maggio 2012

    WORKSHOCK VENICE TRE OCI

    Here I am! I would have liked to write you sooner but these few days have been, how can I say, a bit hectic…

    Last weekend I held a workshock (© Francesca Stella) in Venice, at the wonderful TRE OCI venue, with the honour and the burden of being the very first to open the workshop season. On the same location as well as all around us (as a good omen for our work) the beautiful exhibition by Elliott Erwitt.

    What can I say… unfortunately two days are just not enough.. Is a bit coitus interupptus… furthermore it was chaos because of the Americas Cup, which had upset the venetian life… and I was tired after a thousand trips.. despite all this it was, at least for me, a great weekend! The TRE OCI building is really wonderful, it is situated in a quiet and not extravagant corner of Venice, perfectly run and well organised. I was lucky enough to have “students” who abandoned themselves without complaining much about my madness (like taking pictures with the viewfinder covered or -worst!- not shoot at all: in two days we must have each taken photographs for 5 minutes only, anyhow we weren’t there for that!).

    In short it was very pleasant.

    Here are some backstage shots, kindly taken by Silvia Pasquetto. As you may notice we were all wearing painter overalls: besides the fact that I liked the idea of being all dressed the same it helped me to write with a marker everyone’s name on it…

    When the moment came to take only 36 pictures with the viewfinder covered I thought it was time to pay homage to the famous photo by Elliott Erwitt by making my own version:

    By the end of the two days I thought of not doing the classic group photo, but instead execute a little something I’ve had in mind for quite sometime, which gave me the opportunity to list all the participants: in order of appearance the first photographs the models, the second photographs the first who is photographing the models, the third photographs the second who is photographing the models.. And so on until the end where I photograph the last as well as the models in the front. And all of this at exactly the same time, because we all took our positions and the moment I whistled everyone took the picture!

    Thank you very much to all of you, thanks to Magena and Arianna (our models), thanks to Camilla (our guardian angel), thanks to Emanuela (the big boss) and thank you to all that took part in this! (amongst these a thank you to Valentina for the kind words!)

    See you at the next workshock

    1. gabriele malagoli ha detto:

      per l’ennesima volta mi pento di non essere potuto venire… ma prima o poi ce la farò a venire ad un tuo worksho(p)(ck) !

    2. http://bfox.files.wordpress.com/2010/11/elliott_erwitt_photo06.jpg

      L’ultima foto assomiglia molto a questa di Erwitt. Mio sfondo del desktop per ben 6 mesi. So già con quale sostituirla! 😉

    3. Francesca Stella ha detto:

      Ahahha mi riconosci sempre il copyright!

      E’ bello comunque leggere nelle parole di Valentina le stesse sensazioni che avevo provato io ai tempi del TPW. Su Settimio si può dire (e si dice) di tutto, ma il punto fermo è uno solo: che è un mago a (non) insegnare. Continua così!
      xxx

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *