WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 7 Febbraio 2013

    PHOTOGRAPHY, ELIO E LE STORIE TESE AND THE CATHOLIC CHURCH.

    what a headline right?!? Lets see now how to make sense of it…

    during the last pitti in florence I was having breakfast in my favourite bar (gilli) and I started having an argument (quite heated!) with a florentine lawyer I met there on the spot. basically the theme of the matter was that he stated that to judge something, anything, it was only necessary to like it, while I was more for the argument that in order to judge, and to like, anything, it is important to have the culture and knowledge to be able to first understand.

    the bizarre lawyer (because, I must say, he was quite bizarre, if only to engage in a fierce argument with a stranger..) was adamant: if you like a wine, a novel, a painting, a photograph, a song.. its more than enough. each one of us is the judge of oneself and if he is happy everyone is happy. you like it? ok!

    I was equally adamant: I was and continue to be convinced that without an adequate knowledge of a topic what inevitably happens is that you will appreciate the simplest, most useless, most understandable and in the end inevitably the ugliest.

    obviously everyone remained with their own opinion, we offered each other breakfast and we said goodbye.

    we move from florence to milan, to the (excellent!) pizzeria we we usually go to after the cinema. in this pizzeria there are some posters hung on the wall with photographs. to be correct I removed the authors, but here they are:

    in short, the usual banal useless and taken for granted photographs of some panoramic shot on a tripod, long exposure and HDR. excuse me, I am going to say it in my usual polite manner: its so crap!

    obviously they can be liked but for anyone who knows and studies seriously photography it is obvious what they are: nothing.

    fact is that if ever I had gone to the kind owner of the pizzeria and told her that these photographs were ugly I am sure she would have looked at me as if I was crazy. I am sure of it. “ugly?!? but they are wonderful!” she would have replied, I am sure.

    in short, I am increasingly convinced, in spite of the bizarre florentine lawyer, it is essential to know and understand in order to appreciate: otherwise inevitably, once again, we appreciate the crap.

    here, however, there is a problem: a sort of “elitism”, a sharp line between what is simple/comprehensible/popular/bad and what is complex/complicated/cultured/beautiful.

    there is a risk that only a few know and understand, and many that don’t know and don’t understand. good. actually, bad.

    and here come into play ELIO E LE STORIE TESE and the CATHOLIC CHURCH: the solution (veeeeery hard, not an easy task!) is to send simple messages that everyone understands packaged in simple containers that everyone understands, but that magically hide another level of understanding which is complex and deep.

    most tracks by EELST talk about serious issues which are musically well refined and appeals to everyone (a few idiots cannot comprehend even their simplicity, but lets leave the irreparable chumps).

    the parables of the CC are very simple stories but hide obviously a very deep level of reading on which any theologian can discuss for hours.

    in short, in the end is think the solution is to be able to convey deep things through simple tools: a goal we should all have but that is extremely complicated to be able to accomplish.

    (exactly, not simple, I might have written two simple phrases, not the whole preposterous tell-off!  😉 ) 

    1. Antonio ha detto:

      Sono certo che se tu facessi una mostra con le stesse foto, griderebbero al miracolo!

    2. fabio nicolaci ha detto:

      Settimio…… ma na’ cosa breve di due parole nooooooo… .vero?????? le tue due parole si moltiplicano da sole come una sinfonia che inizia con un …do re mi fa sol la si ….do re mi fa sol la si do re mi fa sol la si do re mi fa sol la si do re mi fa sol la si …e finisce con un …… DU re mi fa sol la si… DU re mi fa sol la si …..DU re mi fa sol la si… DU…..Si.

    3. gabriele malagoli ha detto:

      bel concetto e bel post settimio, su cui si potrebbe parlare per ore 🙂

    4. gabriele malagoli ha detto:

      ps: sarebbe bello avere qualche foto backstage della discussione con l’avvocato 😀

    5. federico ha detto:

      fermo restando che quelle foto fanno cagare anche me, non credi sia un discorso un po’ snob,presuntuoso e pseudo-intellettuale?
      Ma forse mi sbaglio, tra l’altro, a me fa cagare pure Elio.

    6. Kevin © ha detto:

      Se fosse vero quanto affermi, solo Pollini potrebbe “apprezzare” Mozart.

    7. Herbert ha detto:

      Se non si conosce, se non si sa com’è possibile poter giudicare? Se non so, posso dare solo un parere soggettivo, ma non oggettivo. Siamo soliti a giudicare per partito preso, senza documentarci, fa parte dell’essere umano. Spesso parliamo per luoghi comuni, questo perchè tendiamo a semplificare troppo. Lo strumento di comunicazione deve essere di facile comprensione, ma il contenuto deve avere valore, altrimenti non vale la pena comunicare.

    8. no panic ha detto:

      perchè hai scancellato i nomi dei fotografi autori delle foto della pizzeria?…sei geloso?

    9. Tiziano ha detto:

      Leggo spesso, ma non scrivo mai in questo blog, ma l’argomento è veramente interessante. Sposo completamente il concetto che per poter criticare bisogna comunque avere una buona conoscenza dell’argomento trattato, altrimenti si rischia di fare bruttissime figure o peggio scivoloni rovinosi di fornte a chi effettivamente dell’argomento è ferrato.

      Giusto una dozzina di giorni fà, ho avuto una discussione abbastanza simile ma ad un livello inferiore, di quella raccontata tra l’autore e l’avvocato. Si parlava di cinema (dato che dopo Django di Tarantino i numeri di cinefili è aumentato esponenzialmente), dopo una discussione abbastanza scialba su un paio di autori (mi si ripropinavano pezzi rattoppati a destra e sinistra di recensioni varie, non critiche, recensioni), questa persona se ne esce con un concetto interessante che conferma la regola che per parlare di certi argomenti in certi modi non basta una cultura filtrata dell’argomento. tagliando corto dopo questo tra scivoloni ed altro esclama con fare da amicone:
      – “Sai perchè alla fine anche certi film italiani osannti da tutti, non sono realmente capiti, ma non perchè la gente sia stupida, perchè non hanno nulla da raccontare e quindi si preferisce urlare al capolavoro e vivere serenamente senza dover dare spiegazioni”.
      A questo punto incuriosito, chiedo di farmi un esempio ed ecco arrivare il scivolone:
      -” Beh dai non vorrai mica dirmi che “La Vita è bella” di Fellini è questo capolavoro che tutti proclamano, sono tre ore di nulla, o meglio tre ore di un giornalista che non scrive e non fa niente se non incontrare persone”.
      Ripresomi da tale bordata che non meritava nessun tipo di approfondimento dell’argomento gentilmente lo saluto. Qui si conferma che efettivamente esiste quella linea di cui si parla nel post e che è meglio avere una coscenza dell’argomento, prima di miscelare opinioni altrui e farle proprie per sputarle addosso agli altri.

      Il dono della sintesi non lo posseggo neppure io.

    10. settimio ha detto:

      @tiziano: a uno che ti dice “la vita è bella” di Fellini lo devi solo mandare a fare in culo, altro che discussione… 😉

    11. pao ha detto:

      snob? presuntuoso? arrogante? …mmm…

    12. Antonio Cinti ha detto:

      Ho sempre pensato che il problema dell’uomo fossero la svogliatezza e l’ignoranza, dovuta alla svogliatezza stessa. Poi mi accorgo che da questa deriva anche la facilità del capire ciò che è più semplice, anche se assurdo o stupido. A questo si aggiungono i media che rimpinzano di oscenità ogni mezzo di informazione che ci circonda. A me piacciono molto i Simpson, li ho sempre considerati un pò come le canzoni di Elio e del suo gruppo, un’insieme di metafore ed enfatizzazioni della vita reale, visti in chiave comica per rendere più facile la comprensione del concetto. Una mia amica ha sempre negato questo mio punto di vista poiché ha sempre affermato che l’uomo, la sua stessa vita non è così … poi ieri l’ho sentita disguisire su Beautiful e di come sia vicino alla realtà. Adesso sono pronto a sentirmi dire che ho sparato una fesseria, ma ho avuto ragione a sentirmi preso per i fondelli?

    13. corrado a. ha detto:

      Hai rispolverato il dilemma amletico.
      Vanno rispettati i giudizi di tutti, forse l’avvocato partiva da questo sacrosanto punto di vista, a prescindere dalla competenza.
      E’ altrettanto vero che un giudizio dato con o senza la conoscenza dell’argomento, qualifica o squalifica chi lo ha espresso.
      E qui sorgono le millemila questioni, di confini, di livelli, di schieramenti, di conformismo o elite, di fighetti o tamarri, etc.
      Su questi aspetti va avanti anche l’economia… il marketing ci ha schedati !
      ciao

    14. corrado a. ha detto:

      PS: le fotografie della pizzeria sono di soggetti inflazionatissimi, anche vuoti, ma bruttine prima di tutto per la grafica la cornice e la stampa tipografica.

    15. sauro ha detto:

      Direi che le fotografie che il signore del blog dice d’aver visto 5 giorni fa, possomo forse trovare un differente riscontro anche dopo 15 giorni, nel senso che ritengo corretto quel che spiega solo in parte, per il resto ritengo
      che un secondo fine spesso è (in) naturale , ed è percepito da ciascuno a suo modo in un secondo tempo, compreso a volte anche l’artista, che difficilmente è capace di imprimere un significato ineluttabile dell’opera.

    16. ComeSeFosseAntani ha detto:

      Il mio è un modestissimo parere, solitamente non bado troppo a chi passa tanto tempo a criticare. Qualsiasi reazione possa avere il mio commento, non risponderò e tutto tornerà ad una nuvola nel vento appena finirò di scrivere.

      Penso che il bello, il brutto, il buono e il cattivo, siano dettati dalla propria cultura: una qualsiasi immagine fa cagare a te come può piacere a me e questo è dettato, a mio modestissimo avviso, dalla nostra cultura, dal nostro background, da cosa abbiamo visto, letto e vissuto.
      Questo però mi fa pensare a una cosa: potrebbe voler dire che tutte le foto della tua pizzeria preferita, faranno cagare a tutti quelli che hanno la tua stessa cultura, avranno avuto il tuo stesso background e avranno vissuto la loro vita nella stessa e identica tua maniera? Avranno lo stesso effetto su chi sa leggere e su chi non sa leggere? (ovviamente no l’alfabeto). Piaceranno ai lecchini che vorrebbero essere tuoi assistenti? Ai tuoi assistenti piaceranno? Un attimo. le troveranno cagate o semplicemente banali e senza importanza? La titolare della pizzeria come le trova?

      Sai quanti pensano a te come uno che dalla vita ha capito tutto? Non, purtroppo, tanto per i tuoi lavori, quanto perché, pagato, vai a fotografare le più belle fighe nei posti più fighi al mondo. Secondo te chi pensa così, che tipo di cultura può avere? Cosa penerà delle foto appese nella tua mitica pizzeria? Comprerà SportWeek? (almeno fino a quando ci sarà).

      Io sono un PHOTOGRAPHER! Faccio MATRIMONI, ritrattistica, still life e foto di eventi. Ci campo e faccio mangiare anche la mia famiglia e sono sicuro che se anche scrivessi il mio nome, continuerei a mangiarci anche domani e dopodomani. Ringraziando anche chi vorrebbe quelle foto in casa, appese sul divano. Io non ce le metterei MAI, ma rispetto tutte quelle persone alle quali, immagini banali come quelle, danno emozioni. Viviamo di emozioni! Tu stesso scrivi su questo blog per emozionarti, oltre che per marketing e per sfogare un po’ la tua voglia di egocentrismo (diffusissima in un qualsiasi tipo di artista).

      Voglio restare ANONYMOUS, perché a questo genere di critiche, solitamente, partecipano i pipponi da forum, che personalmente non amo. Si è vero, qui sto partecipando… ma non ci cascherò un’altra volta e questo commento vale per tanti altri tuoi post presenti nel tuo sito (e non solo).

      Buon lavoro… anzi (forum style) BUONA LUCE 😉

    17. Silvio ha detto:

      Secondo me confondi il discorso di gusto con il concetto di sgnificato. Le tue affermazioni partono sempre bene, ma poi le spieghi in modo talmente contorto (sia nella forma che nei contenuti) che finisco con il darti torto . Sono daccordo quando fai intendere che è sempre meglio conoscere quello che si fruisce, qualsiasi cosa sia, da un dipinto ad una poesia, ma non è altrettanto vero che se non hai studiato in merito ad essa non puoi gustarla o giudicarla, ha scritto bene Kevin (Se fosse vero quanto affermi, solo Pollini potrebbe “apprezzare” Mozart.) e lo scrivi anche tu quando dici (…qui però si pone un problema: una sorta di “elitarismo”, una decisa linea che divide ciò che è semplice/comprensibile/popolare/brutto e ciò che è complesso/complicato/colto/bello….).
      In merito alla fotografia hai portato un esempio che ti smentisce, perchè quel genere di immagini sono diventate linguaggio da più di un secolo grazie ad Ansel Adams, è strano da parte tua, che conosci bene la fotografia, fare un esempio così sbagliato.
      Che piacciano o non piacciono è una questione di gusto.
      Ciao
      Silvio

    18. Settimio ha detto:

      @silvio:
      -solo capendo e conoscendo una cosa la si può apprezzare. Mozart lo si apprezza se lo si capisce. E non bisogna essere Pollini per capirlo, bisogna essere Pollini per suonarlo! Una bella differenza…
      -Ansel Adams è nella stessa categoria di quelli che piazzano il cavalletto su un tramonto, mettono la posa B e giù di HDR solo perché entrambi fanno fotografia di “paesaggio”?!? Ma non diciamo eresie!

    19. Fabio Boccaletti ha detto:

      Grazie Settimio: sono felice di non essere l’unico a trovare (ormai) sterili le foto di tramonti / palme / mari fotografate da migliaia di persone e.. indistinguibili l’una dalle altre..
      Il Bello («B» maiuscola) è ciò che induce a pensieri nuovi, sveglia il pensiero.

    20. Alessandro Petri ha detto:

      Bel ragionamento, la strategia di “nascondere” significati profondi in un pacchetto allettante anche per la gente comune è qualcosa che cercherò di tenere presente d’ora in poi.

      Grazie per lo spunto!

    21. Alessandra ha detto:

      Settimio, è un peccato che un professionista come te (che non vuol dire necessariamente in grado di fare foto Belle) debba scrivere queste cose. Mi spieghi la bellezza della tua foto venduta con soggetto duomo di Milano e piazza pulita? Perchè se riesci a spiegarmi la bellezza di quella foto sei davvero un mago. Hai la fortuna (ma sai bene anche tu che non è solo fortuna) di avere un nome. Questo dovrebbe portarti ad una certa responsabilità sia in ciò che fotografi che in ciò che scrivi. Ti ho conosciuto personalmente anni fa, preferisco rimanere anonimo in quanto professionista (e quindi non necessariamente autore di foto Belle) come te, presuntuoso e spocchioso eri allora e oggi più che mai. Ti sfugge un concetto, il bello è così vario da cultura a cultura che è stupido ergersi a detentore di verità e conoscenze assolute. Un pò più di umiltà non farebbe che accrescere la tua Bravura come fotografo. Fortuna per te poi vivi in un paese in cui chi più grida e più offende fa successo. Avessi anche avuto due bei seni ed un bel culo avresti sfondato forse ancora di più! Sei sempre in tempo comunque, Ad maiora!!!

    22. Emanuele Fani ha detto:

      Totalmente d’accordo, la fotografia come tutte le arti necessirta di conoscenza , cultura individuale ed esperienza sul campo, cose che costano fatiche , studi e lunghi percorsi individuali.
      Oggi si cercanio scorciatoie per eliminare questi fattori ed il risultato è il pensiero dell’avvocato; non è spocchia è la cultura del prerssapochismo che oggi la fà da padrone confondendo le menti al punto che c’è chi crede che basti fare uscire un’immagine da una macchina per essere un fotografo.
      Come se bastasse usare una Stratocaster per essere Jimi Hendrix…….

    23. Andrea ha detto:

      pienamente d’accordo: la verità è oggettiva altrimenti non esisterebbe alcun fondamento alla conoscenza umana. bisogna fare attenzione però: innanzitutto la corrispondenza estetica è parte della verità, altrimenti si rischia di chiudere la verità in un contenitore chiuso che solo i sapienti possono aprire e invece la gradevolezza, il “mi piace” è un fattore che avvicina e deve essere presente anche in un’opera dal significato profondo… altrimenti rischia di non parlare all’uomo… certe musiche cacofoniche che sono esercizi di stile intorno ad un tema non dicono nulla pur avendo un grado di complessità che per capirle deve essere un musicologo, mi spiego? vorranno dire qualcosa ma se non hanno attrattiva sono semi morti, lo stesso vale per la fotografia o altro. 2) chi capisce questo, come te Settimio, deve evitare la posizione d chiusura e approcciare l’esteta con spirito di condivisione, esempio le fotografie dei panorami del ristorante, uno prende l’avvocato e gli dice: non vedi che sono morte? non c’è una persona dentro, non raccontano nessuna storia, sono lastre di marmo e non un qualcosa di vivo? guarda qui, guarda questa foto invece, guarda cosa raccinta, cosa puoi pensare che ci sia dietro a quella persona che allunga la mano verso qualcosa che non è inquadrato, guarda quella scarpa slacciata e la persona in secondo piano che osserva la scena… non vedi che la composizione è bella e studiata eppure c’è un di più di senso e di valore? analogamente a quanto detto per la verità, se uno si pone con un atteggiamento didascalico comunica, se invece si pone come a dire “spari sentenze ma non ci capisci un cacchio e quindi il tuo giudizio estetico non vale nulla” non viene ascoltato e inoltre sbaglia perché taglia fuori comunque una parte reale del giudizio, che la reazione, la corrispondenza del gusto… che dici?

    24. alessandro ha detto:

      Credo che ogni cosa abbia un contesto. Le foto della pizzeria, per quanto inflazionate (per primo mi ci metto io fotoamatore per carita’) se fatte bene rimangono apprezzabili. Si parla di tecnica, di messaggio, di cosa..bisogna sempre contestualizzare. Quello che ha fatto quelle foto probabilmente non verra’ mai a giudicare le tue foto di sportweek e soprattutto a dire che sono inflazionate (non lo sono?). Ma ognuno il suo e soprattutto ognuno ha il suo fine. Quello delle foto aveva probabilmente lo scopo di venderle. Ok fine raggiunto.
      Quello che piu’ mi infastidisce, come sempre in questo ed altri blog di personaggi popolari, e’ il fatto che dopo che hai scritto che sono cagate, dietro a ruota gente che le ha giudicate cagate.
      No, non sono cagate. Sono gia’ viste.
      Se mi apro una pizzeria a Roma cosa devo mettere il duomo perche’ tutte hanno il colosseo in bianco e nero?
      Oltretutto, per fare un esempio, i lettori di sportweek forse saranno al massimo sportivi, ma magari il 4%, sicuramente non fotografi o appassionati. Almeno non compreranno quella rivista intenzionalmente per le fotografie.
      Dunque l’inflazionato, il gia’ visto, il brutto, il bello..a cosa servono questi discorsi se poi quello che guarda non sei tu..o, meglio ancora quello, che compra..come la signora della pizzeria.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *