MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 24 novembre 2010

    MARTINA COLOMBARI IN-VISIBILE

    Martina Colombari l’in-visibile

    Martina Colombari non è una fotografa.

    Sembrerebbe quindi assurdo che un centro serio come lo spazio Forma (e all’interno di una manifestazione prestigiosa come Fotografica!) possa ospitare una sua mostra fotografica.

    Lo volete veramente sapere? Sì, è assurdo.

    Ci sono qui fuori decine di fotografi che scattano fotografie da anni e meriterebbero di esporre qui. E’ assurdo e anche un po’ ingiusto.

    Ma ha un suo preciso senso, che può esserci d’aiuto per capire come, cosa e perché fotografare. Per capire insomma cosa voglia dire essere fotografo oggi, nel 2010.

    Fotografare in questi anni vuol dire avere a disposizione macchine fotografiche meravigliose, che fanno fotografie tecnicamente perfette. Software raffinatissimi permettono di correggere eventuali errori, sia del fotografo che della realtà.  Qualsiasi fotografia può essere resa perfetta.

    Trovo quindi che sia necessario, per chi vuole ben fotografare, dimenticarsi di saper fotografare. Dimenticare i tecnicismi. Dimenticare i virtuosismi. Riappropriarsi di uno sguardo puro.

    Estremizzando tutto ciò qualche mese fa abbiamo chiesto a Martina di incominciare a fotografarsi. Non le ho insegnato nulla, ho impostato la macchina su P,  e le ho solo chiesto di fare le inquadrature sempre orizzontali, per avere se non altro questa minima uniformità stilistica.

    Le ho chiesto di dimenticarsi della macchina fotografica, le ho parlato di varie fotografe (in primis Francesca Woodman…), le ho chiesto di essere semplicemente vera e sincera.

    E soprattutto le ho chiesto di usare la macchina fotografica per esplorare sé stessa, di far diventare quella scatoletta di ferro e vetro uno strumento per conoscersi.

    Martina è stata straordinaria. Veramente. In pochi giorni questa operazione è diventata “una vera ossessione”, e il fotografarsi è stata “la prima cosa da fare appena sveglia, e l’ultima prima di addormentarsi” (il virgolettato sono parole sue).

    E’ accaduta quindi una magia, inevitabilmente: nonostante in questi anni Martina Colombari sia stata fotografata dai migliori fotografi professionisti, lei è riuscita, fotografando sé stessa, a realizzare delle immagini così vere, così profonde e così sensuali (senza alcun uso di Photoshop!) come mai nessuno di questi era mai riuscito a fare!

    Ecco quindi il senso di ospitare le sue immagini in questi spazi, ecco cosa ci può insegnare una non-fotografa: che la fotografia non è solo tecnica, non è solo usare bene dei raffinati software, non è solo mega obiettivi. La fotografia deve essere verità e sincerità, come vera e sincera è stata Martina Colombari.

    Così vera e sincera da diventare addirittura in-visibile…

    Settimio Benedusi

    1. martina scrive:

      26 novembre 2010 alle 23:40
      Perfetto, ora ne avete dette veramente tante!
      E credo che se non mi fossi chiamata Martina Colombari, tutto sarebbe filato liscio…
      Questo è il punto: il non voler accettare la mia normalità !
      Infatti, come può essere normale una ragazza di Riccione che vince miss italia 20 anni fà , poi fa la modella, lavora in televisione, diventa attrice, inizia a guadagnare, sposa un uomo bello, ricco e famoso, e fanno pure un figlio bello, di nome Achille.
      Che fa la volontaria NPH ad Haiti già da tre anni e prima ancora del terremoto raccoglieva cadaveri putrefatti in mezzo a vermi e topi in celle frigorifere senza corrente.
      Che un bel giorno gli viene anche regalata una macchina fotografica e gli si chiede di “raccontarsi” attraverso quello strumento, attenzione! non di fotografarsi.
      Cosi inizia a giocare, sperimentare, piangere, ridere, sbuffare, odiare, pensare…ma anche non pensare.
      Non pensare a cosa dirà la gente, non pensare a dare alla gente quelle solite immagini che la gente si aspetta da me.
      E’ un giù la maschera inaspettato però, non deciso…..è avvenuto da solo, in questo percorso di due mesi, in questa auto-seduta psicologica, e il mettermi in discussione che tanto mi spaventava, nella vita , con gli altri , stava avvenendo.
      Non c è presunzione in questi miei momenti, attimi di vita appesi sui muri dello Spazio Forma .
      Non c’è fine commerciale con Canon, nè un rimborso spese, nè un foglio di carta sul quale viene richiesta questa mia prestazione.

      Per la prima volta sono riuscita a togliermi quella divisa che tanto mi infastidiva per potervi dire: ”Guardatemi così!”
      Un GUARDATEMI COSI’ che parte dalla pancia, un vomito per tutti quelli che per una volta hanno voglia di ascoltarmi.
      Perchè anche la fotografia, brutta o bella che sia, amatoriale o prefessionale che sia, comunica, parla, smuove…
      Tutto ciò che mi smuove mi emoziona, mi fa godere, mi fa vivere…… buonanotte!

    2. Mirko Merchiori scrive:

      Signora Martina (leggendo il post direi Colombari), qui non si discute la persona ma il progetto: nessuno si è permesso di mettere in discussione la buona fede di chi ha effettuato gli autoritratti, bensì il tentativo di spacciare tutto questo per un ‘progetto fotografico’.
      Ancor più, l’elencazione sopra riportata ed inerente alcuni aspetti od avvenimenti della vita di una persona (alcuni dei quali definibili ‘nobili’ per la portata) non credo possano far mutare il giudizio complessivo sull’operazione.

      (l’elencazione delle attività benefiche, per quanto da applaudire, me la sarei risparmiata)

    3. Corrado A. scrive:

      Con l’ultimo tram, arrivo a dire qualcosa sul nulla che ho visto, perchè non sono stato a Milano nell’ultima settimana.
      Siccome non faccio sconti al Benedusi, quando scivo qualcosa qui a casa sua, anche stavolta dirò cinico-ironicamente la mia.
      1- l’amplificazione mediatica canoniana deve aver attirato qui a casa Benedusi una schiera di incazzati che si sono sfogati e secondo me il 90 percento usano Nikon (hi hi hi l’ho detta !!!)
      2- cosa penso del far passare certe immagini come “modo nuovo”, “novità”, nella fotografia di oggi, l’ho già espresso in occasione del servizio autorealizzato dalla modella nel/col box fototessere della metropolitana http://www.benedusi.it/blog/max-casting-2/
      3- che i nomi famosi contino, mi pare ovvio, normale, scontato. Fa parte del meccanismo mediatico che trascina tutto il resto (oggi direi il mondo). La prova è il putiferio scatenato. Indignarsi, scandalizzarsi ci può stare, ma comunicativamente, Settimio ha già vinto.
      4- Martina Colombari è bellissima, più bella di quando era Miss. Non c’entra nulla ma volevo dirlo.
      5- Alla fine, il messaggio che Settimio vuol far passare (e che ha martellato anche in periodo TPW), forse non tutti l’hanno capito. Mettersi a nudo per essere ciò che siamo, oltre i mezzi e gli strumenti. Lo ha proposto all’amica Martina che lo ha fatto penso senza calcoli, non ne ha bisogno e se lo può permettere, soprattutto fotofisicamente.
      Diciamo che ha una visione grandefratellizzata ma molto matura, lui è già arrivato. E’ così.
      Io pubblicamente non riuscirei mai a farlo, son fatto così.
      6- Ho già scritto troppo per non saper cosa dire.
      ciao

    4. PAOLO scrive:

      @Settimio @Martina: F I N A L M E N T E ! ! !
      Era da veramente tanto tempo che speravo di vedere ad una manifestazione di livello un/una italiano/a che facesse qualcosa privo di clonazioni e banali remake visti e stravisti di grandi fotografi.
      Figuriamoci se la cosa non poteva creare queste reazioni visto quanti fino a ieri hanno campato con questi sistemi!!!
      Lavoro fantastico!
      Stupendo!
      Che sa di vero.
      E per di più esteticamente valido!
      Grande Martina Colombari!

    5. mirko scrive:

      E che palle in questo paese non va mai bene niente!

    6. Orlando scrive:

      Il progetto sarebbe bello se ad interpretarlo ci fosse
      un’icona o una figura di spicco del mondo del cinema
      o cmqe dell’arte, qualcuno insomma di importante e magari
      non ritoccato

    7. Lophe scrive:

      Benedusi: ma ci faccia il piacere.

    8. silva scrive:

      …ma signor Benedusi perchè nn lascia la sua preziosa macchina fotografica in mano a dieci..cento ..mille.. sconosciuti che incontra per strada..?

    9. Carlo scrive:

      A me tutta questa operazione è piaciuta abbastanza anche se, purtroppo, non sono potuto venire a vedere la mostra dal vivo. Le immagini sono tutto sommato molto piacevoli. Tutti noi sappiamo quanto è difficile fare qualcosa di veramente nuovo, non solo in fotografia. L’unico appunto che mi sembra di poter fare è sul fatto di mostrarsi in un modo inaspettato. Martina dice di aver dato alla gente quello che meno si aspettava, non ne sono molto convinto. Indiscutibile la bellezza, anzi mi prenoto per farti un ritratto quando sarai una bellissima vecchietta.
      Ahahahahahahahah
      Non scherzo!

    10. paolo balestra scrive:

      Mi congratulo con la Sig.ra Colombari per il coraggio e l’autenticità di questo progetto certamente fuori dall’ordinario.
      Non entro nel merito della discussione di quanti bravi fotografi siano in fila per esporre qua o la, desidero semplicemente riconoscere al Sig. Benedusi l’originalità della Sua idea e l’apprezzamento per la persona quotidianamente celata dietro alla modella.

    11. tiziano scrive:

      Ritorno a bomba… Martina dichiara che nn è una scrittrice, dopo aver presentato il suo libro a capalbio insomma non è fotografa non è attrice, non è scrittrice… intanto ce prova..
      e brava la colombari…

    12. Maurizio P. scrive:

      Con tutto il rispetto ma di scatti “auto-esplorativi” su facebook se ne trovano a bizeffe, se ci mettiamo a fare mostre su questo tipo di foto possiamo anche arrivare a dire che la tecnica che un fotografo studia per anni non vale come un bel fondoschiena, la ricerca dell’ambientazione, la luce, gli (ahimè) costosi obiettivi, insomma chi è steve mccurry, annie leibovitz ecc? Basta dare una fotocamera punta e scatta alle modelle e farle divertire a casa, anzi, potremmo anche risparmiare tempo, molte di loro fanno le stesse foto col cellulare… Mah, io proprio non lo capisco il senso di questa mostra e la trovo un insulto a tutti quei fotografi che economicamente si svenano, si impegnano e occupano il loro tempo rincorrendo lo scatto che potrebbe fare la differenza. Se il fine era creare scalpore ci siete riusciti alla grande (il classico effetto gatto spiaccicato sulla strada, sai che non devi guardarlo ma l’occhio alla fine ci va)… Mah…

    13. federico scrive:

      io ho conosciuto martina quasi 20 anni fa e l’ho trovata una persona simpatica e gentile se escludiamo che a quell’epoca era un tormentone visto che era miss italia. reputo che se una persona ha voglia di mostrare la sua vita senza trucco faccia pure e nessuno deve rompergli l’anima. Domanda ma non esistono miglioni di foto di martina in tutte le salse? bene questa è una versione nuova . E sono pure io un fotografo che si svena per ruscire a fare il proprio lavoro, non sono Bnedusi o helmut newton ma almeno tento di fare cose nuove e creative. se martina ha voluto fare una cosa diversa si lascia fare tanto a voi che vi cambia? se non vi piace girate pagina e stop.

    14. ma come ho fatto? scrive:

      dico solo a corrado a. che qui vengono i leccapiedi di settimio quindi è pieno di gente che usa canon… per il resto l’unica regola è che quello che fa settimio e i suoi amici va bene e il resto no, mie sembra ovvio. Da qualche parte ci sarà scritto che le foto della colombari sono migliori di quelle di tanti fotgorafi professionisti i quali non hanno un’anicma e non raccontano una storia… bisogna raccontare una storia… la storia di sto paro di palle che si sono rotte! ADDIO!

    15. Steve scrive:

      Martina, io la adoro: nella prossima vita, la corteggerò sino alla fine del mondo :) – Avanti tutta…

    16. oretta scrive:

      La Signora prima di imparare a fotografare dovrebbe imparare l’italiano. Quello che dice è trito e retorico e “comunicato al mondo” in un italiano stentato (a voler essere gentili).

    17. vittorio scrive:

      Scusate se vado a riprendere dalla cantina questo vecchio post,ma ho letto tutti i commenti e mi hanno divertito un tot!
      Poi ho letto l’intervento di Matteo Oriani,che non conosco ma che condivido pienamente,ho la netta sensazione che Oriani di fotografia ne capisca davvero…complimenti.
      Personalmente penso che Benedusi abbia avuto 2 palle cosi’ per aver fatto un’operazione del genere!

    Lascia il tuo commento