WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Settembre 2019
  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 22 Aprile 2010

    MAX CASTING

    Amongst a thousand other things my max casting continues: I myself am not too sure how I do it but every week I manage to create a new shoot. Honestly speaking I didn’t really want to talk about it here anymore, for a thousand and one reasons.

    But I love the shoot that was posted this morning, thus I speak about it willingly: as I said already, probably too many times, max casting was conceived in my head with many “guides”  which I imposed on myself. I don’t know what I really want out of this job, but I know very well what I DO NOT  want: take the classic photos of girls posing against a wall, oiled up wearing a thong showing off their fine ass and sweet tits. Already said a thousand times, but I say it again: I try above all to create something REAL.

    Another thing that stays constant in mind is to CANCEL MYSELF. During the shoots I am there (because I am the “detonator”) but I also don’t want to be there, so that the girls can have maximum autonomy and freedom of possibilities, so that, above all, everything that the girls do comes from them and from their determination.

    Ok, so here we go to soraya’s photographs, that came out this week on max magazine’s website. What I have done is surely not something new and original, but it has it’s own precise meaning inside the project: we went in a photobooth in an underground station here in Milan, I gave her a handful of euros, I closed the curtain and.. The beautiful and clever soraya did everything by herself! I was just outside making sure that she was fine while doing it! Nothing more!

    There is also a video.

    Raw? Mega pixel? Aperture/lightroom? Canon/nikon? Digital back? Film? Photoshop 3/4/5? Photobooth!

    1. ciriminna ha detto:

      Sei geniale ……!!!! complimenti …..

    2. Giacinto ha detto:

      hai ragione forse non sono necessarie ” raw? mega pixel? aperture/lightroom? canon/nikon? dorso? pellicola? photoshop 3/4/5? macchinetta per fototessere! ” bastano solo un NOME e una modella professionista 😀

    3. Francesco Brunello ha detto:

      Se lo facevo io magari mi arrestavano pure per atti osceni in luogo pubblico…. ma B…. B …. Brunello non B… B Benedusi… l’originalità della location merita 10 e lode

    4. Alessandro Avenali ha detto:

      Idea originalissima e molto molto apprezzabile.
      Ho visto anche le altre foto del set. Sembrano esserci due sorgenti di luce, a volte una più morbida dell’altra. Ti sei aiutato con uno speedlight in più, oppure è qualche diavoleria di queste macchinette moderne?

      Keep up the good work!

    5. danilo ha detto:

      Bravo Papi. Certo, l’idea originale è forse il Ready-made di Duchamp, ma tu effettivamente lo hai portato alle ulteriori conseguenze: l’opera “si fa ” da sé. Tu sei il vero “artifex”, non più il “faber”. Bravo. Ed ecco che, coerentemente, non si parla più di megapixel e focali. Ma si dimostra come sia il pensiero a fare la foto. Fotografare senza macchina. Pensiero=foto. Complimenti. Devi però riuscire a farlo sapere senza dirlo. Intrinsecamente all’atto. …fanculo jpg

    6. settimio ha detto:

      @ ciriminna: addirittura!
      @ giacinto: no, basta solo un’idea
      @francesco: non hanno arrestato me come non avrebbero arrestato te
      @alessandro: speedlight?!? cos’è?!?!
      @danilo: 😉

    7. miriam ha detto:

      grande, veramente una bella lezione su cosa sia la fotografia… o semplicemente il mio romanticismo mi porta a pensare ciò… cmq bellissimo calcio alle pippe sulla fotografia (scusa la delicatezza)

    8. daniela ha detto:

      Si, vero… ma se a fare questa cosa fossi stata io, le foto sarebbero andate dritto nel cestino. E’ facile dire che non occorre qualita’ e attrezzatura quando hai un nome… Settimio, credimi, questa e’ solo retorica. Con ammirazione dany

    9. Daniele ha detto:

      Beh, di sicuro è geniale l’idea, tanto semplice quanto geniale, la vera fonte dell’arte! Ma dovrai ammettere che la modella è davvero brava di suo e io noto anche che qualche consiglio sulla ‘Fotografia’ glie l’hai dato. Complimenti avrei così tante cose di cui parlare con te a riguardo…

    10. paolo ha detto:

      Non so se vi è capitato già di leggerlo o probabilmente qualcuno l’ha già postato in qualche altro commento, comunque è la mia massima di base (che tra l’altro ho appeso su un muro di casa).:

      “La visione fotografica comincia dalla convinzione che NON è la macchina fotografica ma il fotografo a creare l’immagine; gli apparecchi che vincono i premi esistono solo nella fantasia dei pubblicitari; nella realtà i premi li vincono i fotografi. Un apparecchio puo’ guastarsi di tanto in tanto, ma non commette errori: i fotografi sì. E ancora: non è l’apparecchio a mentire; se così sembra – se la prospettiva appare distorta e i colori sembrano innaturali – da biasimare è il fotografo, perché ha applicato in modo errato i mezzi a sua disposizione: in sé, l’apparecchio non è più cattivo di un grumo di argilla; ma, come questo, in mani ispirate, puo’ divenire mezzo di creazione.”

      Andreas Feininger

      p.s.: ogni tanto però mi faccio ancora fregare dal marketing!!!

    11. Daniele ha detto:

      E’ dato certo che Eric Clapton suoni alla grande anche pizzicando una corda legata ad un manico di scopa, ma con una buona chitarra è leggermente diverso. Com’è vero che con la sua chitarra io farei piangere tutto il creato!! Bisogna, secondo me ovviamente, fare molta pratica, eccedere in curiosita e tanta tanta umiltà nell’imparare e godere dalle cose che ci circondano senza perderci nessun particolare.

    12. Bruko ha detto:

      ahahahaah dopo le sick girl nei vagoni a soraya nella macchinetta per le fototessere secondo me l’ATM ha la tua faccia appesa dentro ogni baracchino del controllore ^_^

      Questa presa di potere da parte della modella mi piace tantissimo.

    13. rossano ha detto:

      geniale come sempre non finisci mai di stupire…… ciao

    14. Alicevr ha detto:

      Bela l’idea, ma finchè ci sono delle modelle, il “verismo” che millanti è solo un parolone per riempire la pagina. Tutti sappiamo, che queste bellissime ragazze, passano ore in palestra, si sfiniscono con le diete e si fanno pure qualche ritocchino, per fare il lavoro che fanno. Per cui se vuoi fare qualcosa di “vero” prendi una ragazza qualunque, in un giorno qualunque, mentre esce dalla metro.

    15. Federico ha detto:

      Grande idea, ancora una volta stupefacente Settimio!Complimenti!

    16. menterovente ha detto:

      ma nessuno ha il coraggio di dire che sono delle boiate?
      questa non è fotografia
      è una banale rappresentazione di un bel concetto di marketing
      e non vedo nemmeno una idea geniale
      ste robe le facevo quando avevo 12 anni settimio
      ti prego non offendere la vera fotografia
      mica tutto quello che pensi è una idea geniale
      ci sono solo delle persone che te lo fanno credere
      e che pubblicando le banalità
      continuano a far credere a tutti che tu sia qualcosa di più di un semplice scattino
      mi dispiace ma la fotografia è altro
      molto altro
      e tutto quelllo che hai detto che non serve
      purtroppo serve
      eccome se serve
      ma si deve saperlo usare
      come martello e scalplello per lo scultore
      altrimenti si è solo dei semplici muratori
      importanti ovviamente
      ma nulla a che vedere con michelangelo
      e spero che tu ti senta più muratore
      che michelangelo
      ciao a tutti

    17. settimio ha detto:

      @ menterovente: hai assolutamente, completamente, totalmente ragione!

    18. PAOLO ha detto:

      Scrivi, mostri e spieghi fino all’esasperazione per dimostrare con i fatti ciò che controcorrente teorizzi.. e questi non possono certamente vedere in tutto ciò genialità perchè si aspettano che tu suggerisca loro la manovra per realizzare la/le foto che li farà diventare grandi fotografi. Ma forse inizio a pensare che il bello di tutto ciò sia proprio questo 😉

    19. menterovente ha detto:

      settimio: complimenti la tua risposta ti fa onore
      forse non sei cosi male come sembri
      e sono molto onorato che tu mi abbia considerato anche se solo per qualche secondo
      grazie e…..
      se posso,
      forse mi sto allargando,
      vorrei porre altre critiche alle tue foto
      anche se sono solo un semplice cretino
      @ paolo: il genio di settimio è da un’altra parte, e forse un giorno lo capirai se vorrai fare il fotografo
      ciao a tutti

    20. PAOLO ha detto:

      @Menterovente: Se fare il fotografo significa dire di saper vedere e conoscere tutto senza riuscire a dimostrarlo e spiegarlo.. allora no, traquillo.

    21. Daniele ha detto:

      A me sembra geniale l’idea, l’unica cosa che mi dispiace è che assume tutto il suo valore solo se conosci la storia, senza sapere come sono state fatte sono le solite stupende immagini di settimio benedusi. 😀

    22. corrado a. ha detto:

      …per quanto apprezabile possa essere l’idea all’interno dei paletti, i MEZZI sono irritanti e anche arroganti.

    23. marco ha detto:

      Ci voleva una vecchia cabina chimica a 4 scatti!
      In queste ci sono ancora jpeg e mega pixel! (e spesso anche una compatta canon dietro il vetro)

    24. Sandman99 ha detto:

      la foto ruota attorno alla bellezza della modella, se ci fosse stat una perona “brutta” nessuno l’avrebbe filata.
      Anche nel caso l’idea fosse venuta a un fotografo sconosciuto, tutti avrebbero detto :”ehllala, che gnocca di ragazza, peccato che la foto si veda male” il fatto è che a un certo punto di una brillante carriera, sia permesso fare tutto, e tutto viene considerato come oro.

      (p.s. se pensate che non servano fotocamere professionali e volete regalarle, io sono qua 😉 )

    25. giuseppe ha detto:

      … io con gli amici ho fatto un sacco di foto dentro le macchinette per le foto tessere. Questa volta non hai scoperto nulla di particolare … idea banale: fotometro – 20 🙂

      però rimani sempre il numero 1

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *