MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 2 maggio 2017

    MEDITERRANEA COSMETICS

    VANITY FAIR_6x6_ESEC

     

     

    L’estetica senza etica è solo est, un’inutile indicazione geografica.

    L’estetica DEVE essere unita all’etica, perché è vero che la bellezza salva il mondo, ma è anche vero che solo perseguire bellezza è, a mio avviso, estremamente superficiale.

    Non per avventurarmi in territori nei quali sono profondamente ignorate (“su ciò di cui non si è in grado di parlare, si deve tacere” cit.) ma penso veramente che la Bellezza è il risultato, la prova, la cartina di tornasole di un qualcosa che è più in profondità, uno stato meno visibile ma non meno importante.

    La bellezza in generale è un campo molto vasto, adesso ed ora ci limiteremo però alla bellezza femminile: ecco vi debbo confessare una cosa, sopporto sempre meno tutte quegli accorgimenti che le donne a volte usano per apparire più belle. Non sopporto tutto ciò che le donne usano per cercare di assomigliare a dei modelli che sono sempre più distanti da loro. Perché far uso di extension, unghie finte, tatuaggi alle sopracciglia, trucchi, finte abbronzature, tette rifatte, labbra rifatte…e chi più ne ha più ne metta?!? Perché?

    Non è un caso che le Modelle (esatto, quelle che si usano nei servizi fotografici di moda) si chiamino così, perché evidentemente, per alcuni, sono il modello di come si dovrebbe essere. Un’aspirazione. Un desiderio di emulazione.

    Quando Lucio Carli mi ha chiesto di occuparmi della comunicazione dei 20 anni di Mediterranea ho subito pensato che avrei voluto comunicare la cosmetica in maniera diversa rispetto a come viene normalmente fatto: per vari motivi, ma innanzitutto perché Mediterranea è (veramente!) diversa da tutti gli altri. Perché è onesta: ha qualità e prezzi che sono pazzeschi rispetto a tutti i suoi concorrenti. L’ho visto e verificato io, con il miei occhi.

    Quelli di Mediterranea sono seri: non promettono ciò che non possono mantenere. Avrei allora potuto io fare diversamente? Avrei potuto io prendere una super modella, farle fare ore di trucco e capelli, metterla davanti a delle super luci per finire con una super ripassata di photoshop (come fanno tutti gli altri!) per voler dire “se usate questa crema diventerete come lei“?!? Avrei mai potuto?!? Sarebbe stato coerente sia con ciò che penso dell’estetica e sia con ciò che è Mediterranea?!?

    No, assolutamente non avrebbe avuto senso.

    Abbiamo pensato allora, con il pieno (e coraggioso!) appoggio dell’azienda, di realizzare questo progetto:

    -prima cosa, i soldi, che si sarebbero spesi per le modelle, dati in beneficenza, nella fattispecie a Suor Giulia, che per le Suore Comboniane opera in Africa

    -casting aperto, chiunque si fosse presentato nella sede dello store Carli di Milano in via Ponte Vetero 13 (andateci, non solo per i prodotti Mediterranea ma anche per le leccornie alimentari, ad esempio i pazzeschi ravioli di borragine preparati freschi!) sarebbe stato fotografato

    -un minimo di trucco, realizzato dal grande Luca Mannucci, giusto per far sentire più a proprio agio le Modelle, ma nulla di stravolgente

    -set fotografico molto molto semplice, con un semplice flash per illuminare, niente di sofisticato

    -nessun intervento correttivo con photoshop, solo una semplicissima e leggerissima correzione colore e l’inserimento di un po’ di grana: diciamo un nulla per assomigliare il più possibile all’effetto pellicola, non tanto per un obiettivo estetico ma soprattutto per una sorta di approccio ideologico.

    E’ successo così che un week-end dello scorso febbraio abbiamo aperto le danze!

    SHOOTING!

    LA CODA PER FARSI FARE IL RITRATTO!

     

     

    IL GRUPPO DI LAVORO!

    Dopo due giorni abbiamo realizzato più di 300 ritratti, a ragazze dai 7 ai 90 anni!!! E’ stato MERAVIGLIOSO!

    In quell’occasione è stato fatto anche un video, con la regia di Paolo Caspani per OttoDesign. Vi invito a guardarlo con attenzione, perché forse esagero in un impeto di faziosità ma io lo trovo non semplicemente bello ma anche commovente:

     

    E alla fine ecco la campagna pubblicitaria, in questo momento in pianificazione sui giornali! Con tanto di timbro DONNE VERE/FOTOGRAFIE NON RITOCCATE!!!

    Bene!

    E’ finita qui?!?

    NO!!!

    Presto nuovi aggiornamenti, non solo su questo blog ma anche sulla pagina Instagram e sulla pagina Facebook di Mediterranea!

    STAY TUNED!

     

     

     

    1. Antonio Cinti ha detto:

      Lo credo sia stato meraviglioso 😀 Bellezza vera in uno spazio quasi infinito. Se ci pensi, trecento sono un’inezia pensando a ciò che la donna può fare solo con un sorriso, qualcosa di semplice che le fa risaltare come questa cosmesi e qualcuno come te, che da loro la giusta fiducia. Il mondo è bello 😀 Grande, Settimio 🙂

    Lascia il tuo commento