WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Settembre 2019
  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 24 Dicembre 2012

    ON THE ROAD

    sometimes reality needs to be seen, and photography can help: we all know that there are those who (still in 2012!) are sleeping on the streets, even during the cold nights of christmas, perhaps facing the harsh reality can help us not to forget who is less fortunate than us. I didn’t want to judge, neither them (who knows what kind of responsibilities they have for their own fate) nor us (who do very little so that things are different), I just wanted to use photography for what it does best: show a reality which I find it should nod stay hidden.

    marcello: “I am 47 years old and I am separated. I am an industrial electrician, but unfortunately since I’ve been in this situation, also because of the separation, it is not easy to find work. nobody trusts someone who sleeps in a sleeping bag on the streets. I receive great help, both material and moral, from the many volunteers that come by at night. it is not easy to be here, because you always have to be careful, it happens for example that they steal my belongings. my dream would be to have a stable job, I am sure that my problems would be solved”

    ahmad: “I am 34 years old and I am egyptian. I emigrated to italy when I was 21 years old. I am a mason, but its hard to find work, many issues to do with regular employment or work for cash. I know very well that there is the possibility of going to sleep in the dorms, but I don’t feel like it, too much confusion, too many people: I prefer to stay here in the quiet. the friars help me enough, not making me feel bad at all about being muslim: they treat all the same here.”

    antonio: “I am 50 years old from puglia. I am a cook, and when it is good season I make my meals with my little stove on the street, with the same quality and passion as if I was in a big kitchen. my specialty is baked grouper with potatoes and olives. I live on the streets since 4 years, because it is extremely difficult to find a job, even for those who are as qualified as I am. I am pessimistic about my future. I would love to have a house, for security as well as psychological safety that it gives. the young people from the red cross often lend me a hand, and it is very important to me.”

    francesco: “I am 40 years old and I am from milan. I have with me in my tent my dog yuk. I am a mason, but it is extremely difficult to find a job, because the foreigners are favoured as they are paid very little. the help is little, they occasionally bring us a few things: I have to say that the boys from MIA are wonderful. I am very pessimistic about my future. I am sorry but I do not want to see my face, but you can see the tent where I live.”

    giorgio: “I am 47 years old and I come from near cagliari. I’ve done thousands of jobs: house painter, plumber, mechanic, pizza maker.. But since 5 years I’ve been on the street because there is no more work. the friars give me clothes and food, I have the card for the san francesco shelter. even the red cross comes now and again to help us. I see no future for myself, I have no possibility of improvement.”

    stefano: “I am 48 years old and I am from bulgaria. I am on the road since two years, always with my beloved dog gina, I got her from a kennel where I worked for a while: she is super intelligent. I am a mason, but it is not easy to find work. in italy I am fine, the people here are very kind and nice, not like in other countries in europe where I’ve been and I was treated really badly. I will never get tired of saying that italians are not people but angels. all in all I am content with my situation, things are going the way they are supposed to and they go well for me: life is beautiful!”

    ||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

    all this on the corriere della sera from two days ago

    some shots backstage:

    merry christmas. settimio

    1. Giuseppe Pagano ha detto:

      “mostrare una realtà che trovo giusto non sia nascosta”

      Come non condividere…
      Grazie e Buon Natale anche a te.

    2. matteo zannoni ha detto:

      ciao settimio, ho visto su fb le tue foto e mi sno andato a comprare il corriere della sera, ho letto con attenzione le didascalie prima di vedere le foto cosa che solitamente faccio dopo aver visto le fot, ma questa volta mi è presa cosi, perche questo argomento è un argomento difficile, difficile da capire perche per quelli che stanno in comeode case davanti a una tv o seduti dentro a lussuose automobili, ho visto splendide foto di persone per strada disagiate che venivano massacrate dal genio di turno, vorrei sapere quanto di questi geni passando lungo una strada magari di notte si sono fermati anche solo a rivolgere un pensiero a queste persone, ebbene le tue foto danno dignità a queste persone, i loro occhi hahho la dignita di queste persone, bravo settimio, davvero bravo……..

    3. rossano ha detto:

      Dopo queste foto chissà se c’è ancora qualcuno che si lamenta !!!

    4. Jennifer ha detto:

      Antonio, il pugliese, lo conosco di vista. Era sempre sulla mia strada quando andavo in università in San Babila. I primi giorni che lo vedevo non mi ero nemmeno accorta che chiedeva qualche moneta, perchè in realtà non la chiedeva affatto…
      In un angolo c’era il piattino con qualche moneta, ma lui non chiedevo nulla e non diceva nulla. Di fronte a lui la sua bicicletta che giorno per giorno cresceva come volume con valigie e accessori vari. Credo di aver assistito proprio al suo battesimo della strada sin dal suo primo giorno. Non giudico queste persone ne chi, come me, passa e non fa nulla per aiutare queste persone, però è davvero tutto molto triste!

    5. corrado A. ha detto:

      Bravo Settimio, buon Natale anche se è passato.

    6. Kevin ha detto:

      Non fotografare
      “Non fotografare gli straccioni, i senza lavoro, gli affamati.
      Non fotografare le prostitute, i mendicanti sui gradini delle chiese,
      i pensionati sulle panchine solitarie che aspettano la morte come un treno nella notte.
      Non fotografare i neri umiliati, i giovani vittime delle droga, gli alcolizzati che dormono i loro orribili sogni. La società gli ha già preso tutto, non prendergli anche la fotografia.
      Non fotografare chi ha le manette ai polsi, quelli messi con le spalle al muro, quelli con le braccia alzate, perchè non possono respingerti. Non fotografare la suicida, l’omicida e la sua vittima.
      Non fotografare l’imputato dietro le sbarre, chi entra o esce di prigione, il condannato che va verso il patibolo.
      Non fotografare il carceriere, il giudice e nessuno che indossi una toga o una divisa. Hanno già soppportato la violenza non aggiungere la tua. Loro debbono usare violenza, tu puoi farne a meno.
      Non fotografare il malato di mente, il paralitico, i gobbi e gli storpi. Lascia in pace chi arranca con le stampelle e chi si ostina a salutare militarmente con l’eroico moncherino.
      Non ritrarre un uomo solo perchè la sua testa è troppo grossa, o troppo piccola, o in qualche modo deforme. Non perseguitare con i flash la ragazza sfigurata dall’incidente, la vecchia mascherata dalle rughe, l’attrice imbruttita dal tempo. Per loro gli specchi sono un incubo, non aggiungere le tue fotografie. Non fotografare la madre dell’assassino e nemmeno quella della vittima. Non fotografare i figli di chi ha ucciso l’amante, e nemmeno gli orfani dell’amante. Non fotografare chi subì ingiuria: la ragazza violentata, il bambino percosso. Le peggiori infamie fotografiche si commettono in nome del diritto all’informazione. Se è davvero l’umana solidarietà quella che ti conduce a visitare l’ospizio dei vecchi, il manicomio, il carcere, provalo lasciando a casa la macchina fotografica. Non fotografare chi fotografa; può darsi che soddisfi solo un bisogno naturale.
      Come giudicheremmo un pittore in costume bohémien seduto con pennelli, tavolozza e cavalletto a fare un bel quadro davanti alla gabbia del condannato all’ergastolo, all’impiccato che dondola, alla puttana che trema di freddo, ad un corpo lacerato che affiora dalle rovine?? Perchè presumi che il costume da free-lance, una borsa di accessori, tre macchine appesa al collo e un flash sparato possano giustificarti?”
      Ando Gilardi

    7. Giuseppe Pagano ha detto:

      @Kevin

      In effetti è facile scivolare nel patetico, nel pseudoartistico, nel melodramma fine a sé stesso. Come pure è facile varcare i limiti della privacy con chi non può protestare.
      In questo caso, però, mi sembrano foto semplici e innocenti, i visi sono di chi è consapevole di essere fotografato, la mission (solo ricordare che qui, in mezzo a noi, succede anche questo) mi sembra rispettata.
      Anche ignorare sempre e comunque è violenza. Credo faccia bene a tutti – ogni tanto – leggere queste storie.
      Saluti.

    8. Umberto ha detto:

      Grazie Benedusi,
      un bel post, complimenti, leggendo e guardando ho ripensato a Vasco Rossi:
      “perché la vita è un brivido che vola via è tutt’un equilibrio sopra la follia…. ”

      buon Natale in ritardo.

    9. emanuele ha detto:

      se volete aiutare queste persone veramente
      comunità di sant’egidio di milano
      http://www.to.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=243420

    10. Fabrizio ha detto:

      Ho visto e rivisto queste foto molte volte, anzi mi correggo ho ammirato e rimirato queste foto. Ho sempre sorvolato l’idea di lasciare un commento, ma stavolta non ce l’ho fatta, devo dire la mia. Ho molta ammirazione per queste persone, non perdono la dignità di vivere quotidianamente una vita difficile, Spero in un futuro migliore, in una società migliore, spero o sogno. Oramai non lo so più nemmeno io.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *