WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 16 Febbraio 2015

    STAMPATE!

    Nella maggior parte dei casi noi fotografi scattiamo in digitale. E va bene così: è l’inevitabile contemporaneità.

    Ci sarebbero lunghi discorsi su analogico/digitale che però adesso non farò qui…

    Mi limito a una semplice e pratica considerazione: tutte le nostre fotografie sono una sequenza di 0101010101010101010101, di bit che riponiamo dentro a dei supporti che tra un tot di anni (magari 10, mica 1.000) saranno illeggibili. D’altronde sapreste dove mai infilare quei floppy disk che usavate proprio solo 10 anni fa?

    Tutte queste cose le ha scritte, sicuramente meglio, qualcuno infinitamente più competente di me. Qui.

    Insomma, stampare le Fotografie che ci stanno più a cuore è sicuramente una cosa importante. Ma anche lì non è cosa semplice, perché le stampe che facciamo con le nostre getto d’inchiostro (anche se super fighe) sono destinate a sbiadire e poi a sparire in pochi anni.

    E’ questo che vogliamo dalle nostre belle fotografie? Che spariscano?

    Una soluzione, complicata e costosa, esiste, ed arriva direttamente dal secolo scorso, anzi da due secoli fa: la stampa al platino palladio. Una cosa talmente antica da essere modernissima.

    Esiste da poco un servizio attraverso il quale da un file digitale si ottiene un internegativo di grande formato con il quale si va a realizzare una stampa a contatto che è di per sé un esemplare unico e con durata certificata eterna.

    Informazioni maggiori le trovate sulla pagina Facebook, oppure alla mail platinoprints@gmail.com.

    Questa un mio file stampato con questa tecnica:

    IMG_5505

     

    The Platinotypist ”A little African story” from The Platinotypist on Vimeo.

    1. christian ha detto:

      Ciao Settimio,questo lo trovo interessante e sono d’accordo con quello che hai scritto.
      Temo però , aimé , che prima di stampare con una tecnica del genere io debba in primis imparare a sviluppare e stampare i miei negativi in modo autonomo (cosa che voglio imparare a fare ) .
      Colmata la mia ignoranza sulle questioni sviluppo e stampa sicuramente proverò questa tecnica,purtroppo non avendo mai sviluppato ne stampato i miei negativi attualmente questa tecnica per il sottoscritto risulta difficile,comunque ripeto e sottolineo
      bel post questo ! interessante ! buona serata settimio

      christian

    2. settimio ha detto:

      Ciao Christian, probabilmente mi sono spiegato male, nel mio post: infatti non devi assolutamente imparare a sviluppare e stampare un bel nulla! Fanno tutto loro! Tu devi solo, se vuoi delle belle stampe, dare i tuoi files digitali! Spero adesso sia più chiaro…

    3. vittorio ha detto:

      Credo che piu’ per la durata di stampa il processo sia interessante per la fisicita’ del negativo al posto del mucchietto di bit,altrimenti se parliamo solo di stampa,una stampa fine art glicee con i pigmenti di carbone offre caratteristiche importanti di durata,certo non e’ il palladio,ma quanta gente normale puo’ permettersi tale tipo di stampa?
      Personalmente non faccio testo,stampo in chimico i miei negativi,e con un buon viraggio al selenio la durata e’ assicurata.

    4. Stefano ha detto:

      Caro Settimio, leggo sempre con molta attenzione il tuo blog.
      Pur essendo un sostenitore della tecnologia, del digitale ecc ecc. Mi ritrovo nel pensiero di Vint Cerf
      L’evoluzione a volte ti porta irrimediabilmente indietro….
      Le stampe hanno avuto sempre il loro fascino, un accesso immediato ai tuoi occhi.
      Per quanta evoluzione ci sia nel digitale alla fine il passo conclusivo (per me) deve essere una stampa!
      Se pensi che per i piccoli consumatori non esistono più stampanti fotografiche…. questo ti fa riflettere.
      Concludendo, beh molto interessante e da provare questo tipo di stampa 🙂

    5. Zack ha detto:

      Ciao, Settimio…
      Uno dei tuoi post più interessanti…(parere strettamente personale).
      Una solo pensiero mi lascia perplesso in merito alla larga diffusione che questo metodo di stampa meriterebbe di avere, il costo… Puoi anticiparci, seppur in linea di massima il costo…
      Grazie e buona luce… Zack.

    6. Tommaso ha detto:

      oh no…il “buona luce” provocherà un travaso di bile…

    7. angelo dau ha detto:

      “immortalare un istante”, quale incredibile contraddizione in termini. Un bel servizio, prendo nota

    8. Zack ha detto:

      @ Tommaso… In merito al “buona luce”: volevo essere provocatorio, come lo è spesso l’autore del blog.
      Rispondo così in ritardo…dopo essermi ripreso (parzialmente) da uno shock! Il prezzo delle stampe, oggetto di discussione…

    9. Alberto ha detto:

      questa tua affermazione:
      “Mi limito a una semplice e pratica considerazione: tutte le nostre fotografie sono una sequenza di 0101010101010101010101, di bit che riponiamo dentro a dei supporti che tra un tot di anni (magari 10, mica 1.000) saranno illeggibili.”

      è degna della più bieca malainformazione che stiamo vivendo in questi ultimi anni.

      chi scatta in digitale sa che esiste il progresso e quindi occorre di tanto in tanto aggiornare il proprio hardware, ma cosa ben più importante e da te assolutamente sottovalutata è CHE BISOGNA FARE I BACKUP.

      Bisogna farlo anche e soprattutto per gli altri files che on sono fotografici.

      su argomenti così delicati gradirei maggiore informazione e imparzialità

      poi sono d’accordo che le foto più belle vadano stampate, soprattutto per il piacere personale e dei tuoi cari.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *