WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archivio

  • settembre 2018
  • agosto 2018
  • giugno 2018
  • aprile 2018
  • febbraio 2018
  • gennaio 2018
  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 26 giugno 2011

    THE SAME PLACE BUT NOT THE SAME PHOTOGRAPHER

    spesso si sente dire “se avessi avuto io quella supermodella!”, “se avessi fatto le foto alle maldive piuttosto che all’idroscalo” il tutto ovviamente riferito ad un’altro fotografo che tutte quelle fortune ha avuto facendo un lavoro (speriamo!) meraviglioso.

    poi ovvimente non funziona così perchè anche alle maldive piove e anche la super top model ha le occhiaie e le palle girate.

    ho pensato spesso che sarebbe molto interessante mettere diversi fotografi nella stessa identica situazione e vedere cosa di diverso verrebbe fuori filtrato dalle diverse sensibilità e capacità.

    questa introduzione in verità però c’entra solo marginalmente con l’argomento di questo post.

    andando al sodo: qualche giorno fa io e l’amico toni siamo stati gentilmente invitati ad andare in cima alla torre branca, qui a milano. spettacolo meraviglioso, con una milano che al tramonto e dall’alto dava il meglio di sè.

    tutti ovviamente si sono messi a fotografare il panorama, ed ovviamente anche io e toni, tutti e due con l’iphone.

    questa la mia fotografia:

    questa quella di toni thorimbert:

    due immagini più diverse non potrebbero essere!

    io ho fatto la “bella cartolina”, arrivando addirittura ad usare l’HDR (so benissimo che questo procedimento è stato dichiarato illegale dall’unesco, mi prendo le mie responsibiltà con questa ammissione di grave colpevolezza. prometto di non farlo più…). toni ha rivolto il suo obiettivo esattamente dalla parte opposta, cercando il buio più che la luce.

    non voglio andare oltre nell’analisi, e (ovviamente!) lungi da me il voler cercare un meglio o peggio nelle scelte.

    volevo solo ed unicamente far vedere come la stessa cosa può essere vista e fotografata in maniere completamente diverse.

    (mi perdonino i miei venticinque lettori, ma, lo ammetto,  questo post è pensato e scritto ad uso e consumo di mr. matteo oriani: matteo dacci dentro! ;-))

    1. beba ha detto:

      l’ho ammetto??! = )

    2. settimio ha detto:

      @beba: corretto! 🙁
      grazie!

    3. Steve ha detto:

      Aggiungo i miei 2c.

      Qui: http://www.flickr.com/photos/nobusama/4871547917/in/set-72157624679786900/ c’è la mia foto dalla cima della torre branca. Sono piu’ simile a Benedusi che a Thorimbert, me ne bullerò per il resto della mia vita 😀

    4. Antonio ha detto:

      “so benissimo che questo procedimento è stato dichiarato illegale dall’unesco”.

      Settimio sei un mito! ahahahah! 😀

    5. E’ proprio la fase di ACTION in cui avviene lo scatto che si incrociano la creatività, lo stile, il risultato dello studio, della ricerca, la psicologia, lo stato d’animo, l’esperienza, la sensibilità, … Questo post mi ha fatto pensare a quando c’è chi ha paura a fare vedere come lavora pensando che qualcuno lo possa copiare… Chi pensa questo sta ignorando tutte le componenti elencate prima e crede che la modella o il posto o la marca della fotocamera fanno il risultato… in soldoni, non è un fotografo.

    6. Stefano ha detto:

      Bhe visto che il Sig. Benedusi ha citato una parola vietata dal buon gusto oltre che procedimento dichiarato illegale dall’unesco, io ci aggiungo il carico da 100 (o da 10, non ricordo): nel suo post ha descritto quello che mi è accaduto nel week end appena passato, ho partecipato ad un WORKSHOP, dove in effetti ci sono 20 persone che fanno foto alla povera modella di turno tutte assieme, tutte dallo stesso punto di vista. Sarebbe bello vedere tutte le foto di tutti, tutte assieme e capire se ci sono differenze… Non fosse che ho avuto la possibilità di conoscere un fotografo che amo, probabilmente troverei inutile il WORKSHOP. Ma alla fine ho fatto tre foto carine, una uguale ad uno dei fotografi e tanto mi basta.

      W HDR
      W WORKSHOP
      W BENEDUSI

    7. Alessandro bianchi ha detto:

      Matteoooooo dove seiiiiiiiiii???
      Ti pace farti desiderare?
      😉

    8. Matteo Oriani ha detto:

      Prima di tutto qualche nota. La Torre Branca è un’opera di Giò Ponti (Milano 18 novembre 1891-Milano 16 settembre 1979) e fu costruita nel 1933 di fianco al palazzo della Triennale a Milano, nel parco Sempione. È alta 108,6 metri. Giò Ponti ha prodotto favolose opere di architettura e design tutt’ora esempi spettacolari di genialità creativa. Ha cominciato la sua carriera alla Richard Ginori come designer, ha fondato la rivista Domus, ha disegnato Palazzo Montecatini all’angolo tra Via della Moscova e Via Turati, e molte case a Milano tra cui casa Rasini all’angolo tra corso Venezia e i basitioni di Porta Venezia.
      Adesso le vostre foto. Hai ragione, Settimio, sembra che tu abbia fatto una bella cartolina. Tra tutte le inquadrature possibili da lassù, questa è forse la più scontata, la più “giusta”, quasi da fotoamatore evoluto. Ma perchè e cosa la rende diversa da tutte le altre? Di solito, quando sei in giro a fotografare donne biotte, le tue fotine extracurricolari non sono mai banali. Sei un tipo curioso e non ti stanchi di andare in giro a scoprire. Allora vuol dire che c’è qualcos’altro, oltre all’inquadratura scontata. Ecco: questa è una foto sexy. Sei riuscito a tirare fuori da Milano, che proprio sexy non è, un’immagine sensuale. Sará quel filtro comesichiama, saranno i riferimenti fallici a cui hai dato risalto, sarà la luce morbida, sarà quel vedo e non vedo, sarà quel che sará che viene fuori una sensazione di rassicurante erotismo. Io vedo una Milano che accoglie dentro di sè un atto d’amore. Tu sei un uomo di mare, ma Milano è la cittá che si è offerta a te per diventare quello che sei diventato: un fotografo di successo. Io credo che quella foto sia un atto di amore che hai voluto regalare a Milano. Una foto sensuale, con una forte componente affettiva. Quella inquadratura è stata fatta da migliaia di turisti, fotoamatori e fotografi. Credo che nessuno di loro abbia colto la sensualità di quel panorama. Io credo che la tua sia stata una sfida: datemi una scopa, una top model, una casalinga, una città e io vi faccio una foto erotica. Non ti smentisci: sei il solito sbruffone!
      La foto di Thorimbert, invece, non è proprio una cartolina. E non è neanche buia. Cioè Toni cercava una spiegazione, una chiave di lettura per una certa questione e l’ha trovata. Forse non è ancora consapevole, ma l’ha trovata. Cerco di spiegarmi senza spingermi in un campo troppo intimo. Ogni tanto Toni fa delle foto “buie”. È successo con un certo suo autoritratto in occasione di un suo compleanno. Non capiva bene come fosse saltato fuori un ritratto così tenebroso e poi ha scoperto che c’era di mezzo una incazzatura che lo condizionava. Ultimamente ha fatto un servizio di moda maschile per Style molto “buio”, pubblicato anche sul suo blog. Forse è stato ispirato da qualche stato d’animo. Anche quando ha fatto il ritratto alla premiata ditta Oriani Origone ero sorpreso dalla mancanza di luce (in quel caso ero forse io a condizionare la scelta!). Adesso eccolo lì. Può sembrare una foto buia ma non lo è. Lui ha cercato buio. Ed ecco cosa ha trovato. C’è un palazzo alto, che non mi sento di chiamare grattacielo ma, lì in mezzo, ha una forte personalitá (e Thorimbert ha, diciamo, una forte “personalità”). È al centro dell’inquadratura. Osservate come si stacca dalla penombra, come ha una luce propria. Al suo fianco c’è una strada illuminata che riscalda la scena. La strada, in realtá, per un effetto prospettico, non sembra “andare” ma sembra piuttosto appoggiarsi al grattacielo creando con esso una bella simbiosi. Per leggere meglio questa visione, consiglio di sfocare  gli occhi o togliere gli occhiali da lettura se avete più di 40 anni. Ai lati dell’inquadratura ci sono due lucine, una più alta dell’altra. Adesso ci interessa la lucina più alta. Dalla lucina partono due raggi: uno, il più lungo, indica il grattacielo e l’altra va in direzione opposta.  È una bellissima luce, dritta e alta. Nella composizione assume una notevole rilevanza. Davanti alla casa alta, alla strada illuminata e alle lucine, c’è una linea retta che corre da una parte all’altra dell’inquadratura: è una ferrovia (Ferrovie Nord Milano per chi non conosce Milano) che collega tutti gli elementi. Ai bordi della ferrovia ci sono dei segni grafici moto netti. Non capisco molto bene se sono ringhiere, graffiti o altro. Poco importa. A una mente fanatica e visionaria potrebbe sembrare la scritta del logo Porsche (un’auto di elevate prestazioni n.d.r.) che è formata da lettere in stampatello maiuscolo piuttosto schiacciate. Ferrovia+Porsche = movimento e velocitá. Questa, come tutte le foto di Thorimbert, non è una fotografia statica.
      Queste mie riflessioni sono, come sempre, per gioco. Un gioco che prendo seriamente come é giusto che sia. 

    9. Antonino ha detto:

      “Te vorria bassar” – Piccolo capolavoro per quelli che ancora credono (e purtroppo ce ne sono tanti) che :” mi faccia lei la foto che ha una fotocamera professionale che viene meglio”. Grande lezione. Grazie. Già condiviso sul mio circolo fotografico.

    10. settimio ha detto:

      È ufficiale: mr.Matteo Oriani è un genio.

    11. Alessandro bianchi ha detto:

      @ Settimio. Su questo non ci piove!

    12. Io riporto un’esempio, alla zingarata dell’anno scorso con Chico a Savignano, te, tony e benassi che avete fotografato la ragazza, tornando al discorso della diversità di fotografare e di stile fotografico, quella giornata mi ha fatto accapponare la pelle è fatto capire un sacco di cose!! 😉

    13. vittorio ha detto:

      Mah,quando leggo certi voli pindarici a supporto delle fotografie rimango sempre basito,sono sempre cose soggettive che invece un qualunque fruitore dell’immagine non trova poi riscontro,se devo fare un’analisi distaccata delle 2 foto evinco solo il modus operandi dei 2 fotografi che e’ diametralmente opposto,uno hauna visione positiva quasi poetica,l’altro piu’ cupa intimistica,quasi negativa.

    14. christian ha detto:

      Sono immagini diverse ed è normale,sono due persone diverse con modi di vedere diversi.
      Non potranno mai vedere la stessa immagine ne produrre la stessa immagine,siamo condizionati dalla cultura personale,la nostra personalità,il vissuto personale,anzi menomale se no le immagini sarebbero tutte perfettamente uguali

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *