WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 8 Agosto 2011

    TPW 2011

    And so also the TPW 2011 has gone by! And how did it go?!? Well! Every year it gets more intense and focused, perhaps it is because I put a bit more of myself each time, often finding myself dangerously at ease in the unexplored areas of research and experimentation: I don’t know what I am looking for, but I know how to find it!

    What is for sure is that the purely photographic aspect is more and more neglected: not for a second do we speak about light/shutter speed/diaphragms/flash… more often we speak about… life!

    In comparison with the past years I’ve introduced two new elements, which I think they have been useful.

    –  The first theme was the self portrait: I invited all my students to somehow introduce themselves within their work. I think it was a good thing, it surely strengthened the awareness of the fact that the photographer has to be strongly present in its own photographs, with its own experiences, with its own story… in short with its own life.

    –  The second was to “force” all works to be done in one limited space, the room where our class was. All the work was done without ever leaving it, from those few square meters. I think also this turned out to be very useful, to help us understand that it is not necessary to go who knows where to do nice things (the Maldives! The Caribbean!) but the one to find is always very close…

    The students where excellent, especially in letting themselves go towards something which was completely new: the work which was executed was really marvellous.

    Here is the video at the end of the course:

    Niccolò, one of the students, made a reportage of the weekend, really sweet: questo

    And my assistant Pasquale has filled a TPW! Filled with his backstage pictures during these days! Here:

    I made a little something myself: when I gave the assignment to create the first self-portrait, I also made one, this:

    And when we started speaking about identity I made this:

    Here, this is all.

    Thanks to Luca, Alam (from Indonesia!), Francesco, Francesca, Niccolò, Chiara, Luigi, Matteo

    Thanks to Laura, assistant for the course

    Thanks to Pasquale, my assistant

    Thanks to Arianna, Gemma and Martina the models

    THANK YOU EVERYONE

    1. Raffa ha detto:

      Bello e interessante!

    2. Salvatore ha detto:

      Stupendo, mi auguro un giorno di poterci essere

    3. Mena ha detto:

      Che peccato non esserci! Ho seguito un workshop con Settimio ed è stato il più bello, interessante, emozionante … che avessi mai fatto!!! Grazie Benedusi!

    4. Francesco Francia ha detto:

      Mamma mia.. il video è un concentrato di emozioni. Più vai avanti e più ti sorprende. Scusate se scrivo un po’ su una cosa così vostra, ma quando una cosa così strutturata riesce a dare questo impatto, forse è lecito da spettatore condividerne gli “effetti”.
      Siete stati fantastici ed è percettibile l’ anima con cui avete realizzato questi lavori. Ho rivisto una “fotografia” che avevo perso un po’ nella memoria.. e ho ritrovato dei sapori sedimentati in fondo… un’emotività che vorrei tanto RI-portare anche nella mia fotografia.
      Geniale Settimio per come hai stimolato i partecipanti mai complimenti sento di farli proprio a loro: sono rimasto impressionato da tutti i lavori ma soprattutto dalla loro capacità di aprirsi fino a questo punto e di mettersi “a nudo” ( che è più difficile che mettersi nudi). Mi viene da chiamarli per nome solo già dopo la prima visione del video…
      Tutti i lavori hanno anche nel loro insieme un filo conduttore, che è chiarissimo a livello comunicativo quanto difficile da descrivere ( c’è un crescendo in ogni sequenza, e un punctum… e quel qualcosa che rompe gli schemi e solletica la sfera emotiva).
      Tutti i lavori mi sono piaciuti, TUTTI. Ho ritrovato moltissimi elementi di comunicazione visiva che ho visto solo in scatti di grandi artisti come Francesca Woodman (il lavoro di Niccolò mi ha fatto pensare a lei in certi momenti).
      Straordinaria Chiara con le proiezioni, Francesca e Francesco che ha interpretato in modo straordinario il suo autoritratto.
      Luca non so come ha fatto, e Hakalam è quello che ha sofferto un pò di meno (scherzo.. ). Un po’ narcisista quasi Luigi molto a suo agio e inquietante anche il duetto con mosso di Matteo.
      Ma quello che mi ha toccato nel profondo è proprio quello di Niccolò. Mi sradica via, mi coinvolge… senza descrivere ogni scatto o dettaglio che mi ha catturato , semplicmente non me lo scorderò!
      E Settimio se posso: che spettacolo di autoritratto che ti sei fatto. E non è una facile battuta sulla straordinaria Arianna

    5. Francesco Francia ha detto:

      non c’èra dubbio…

      (citi Ansel Adams che poi mi sta a cuore perché da lui ha attinto il nome la scuola dove ho studiato fotografia anni orsono (CSF adams)… che fonda le sue basi proprio nel sistema zonale. )

    6. Nicola ha detto:

      partecipo ai ringraziamenti di Settimio e dico GRAZIE a tutti, pur da spettatore vivo tutto ciò come una grande scuola.

    7. tiziano ha detto:

      Mah, sono perplesso, e trovo i lavori alcuni di vecchio stile anni 70 (proiezioni) e alcuni di buona fattura e di intensità emotiva. Settimio sa il fatto suo, sa fare e conosce i grandi fotografi, e con calma prende per mano gli allievi e li dirige su dei binari che poi permettono di far scorrere il treno da solo…

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *