WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 4 Maggio 2014

    VIVIAN MAIER

    Nei miei incontri e workshop racconto spesso che in un servizio fotografico deve succedere qualcosa.
    E che la fotografia deve essere la prova, la testimonianza, la evidence, che quella cosa è successa.

    Ovviamente non parlo di un accadimento fisico e della capacità della fotografia di riuscire a documentarlo. No.
    Parlo del fatto che in un servizio fotografico deve accadere qualcosa in chi sta fotografando e/o in chi viene fotografato.

    Il complicato, e soprattutto ciò che deve essere cercato, è che quel qualcosa accada.
    Se qualcosa accade la fotografia ne sarà la evidence (preferisco questa parola da film giallo americano).

    Rimanendo sulla metafora da film giallo americano, una sigaretta in un portacenere in sè non ha alcuna importanza, ma se è la prova risolutiva della presenza sul luogo del delitto di un sospettato è fondamentale.

    In un servizio fotografico temo che la maggior parte delle persone che fanno click click si occupino di mettere per bene la sigaretta nel portacenere, senza anteporre ad essa alcun fatto che possa giustificarne la presenza.

    Fuor di metafora quando si scatta bisognerebbe, secondo me, preoccuparsi di far accadere qualcosa: se ciò succede la fotografia sarà lí a testimoniare che quella cosa è successa.

    È anche vero che non tutti sono Simenon e risolvono il delitto, cosí come non tutti sanno decifrare una fotografia per capire cosa racconta. Ma chi se ne frega! L’importante è che (l’ho già detto?!?) succeda qualcosa!

    A tutte queste cose pensavo guardando il bellissimo documentario sulla fotografa Vivian Maier, che ha saputo, tramite la sua Fotografia, disseminare una quantità meravigliosa di indizi per raccontare sè stessa e i suoi misteri.
    Per fortuna in questo caso c’è stato uno ancora più bravo di Simenon per capire tutto.

    Bellissimo.
    Guardatelo!

    20140504-235938.jpg

    1. Vilma ha detto:

      Benedusi, mettiamo che nelle foto della Maier qualcosa accada, che le foto ne siano la prova provata (espressione poco da film giallo, più da commedia napoletana), mettiamo che quelle foto servano a risolvere il ‘delitto’ e mettiamoci infine che la fotografia è un linguaggio (com’è ormai noto anche alle casalinghe di Voghera). Mi chiedo: che senso ha che una fotografa scatti più di 100.000 foto e le tenga segrete? non la pensava come te? aveva un qualche disturbo della personalità? non si rendeva conto di quello che faceva?

    2. Damiano ha detto:

      Postava su Vogue?

    3. Alessandro ha detto:

      O, molto più semplicemente, scattava per se.

    4. Vilma ha detto:

      @ Alessandro
      Credo che chi dice che dipinge per sé, che scrive per sé o fotografa per sé sia un bugiardo, anche se in buona fede.
      Perché se ogni cosa che facciamo, anche gli scarabocchi mentre telefoniamo, è comunque un linguaggio e come tale parla di noi, io credo che nessuno faccia consapevolmente un discorso chiedendo a chi ascolta di tapparsi le orecchie.
      Forse la Maier ha aspettato tutta la vita che qualcuno la ascoltasse o forse non ha mai avuto il coraggio di farsi ascoltare, volevo sottolineare l’anomalia della situazione.

    5. damiano ha detto:

      Credo che lo scatto, inteso come atto-klick, a volte possa essere appagante come tale; tanto che tutto quanto ne segue ne è una conseguenza forse non più desiderata.

      Cosa che i Photographers, quelli veri e quelli no, spesso non riescono a concepire.

    6. Guido Giudici ha detto:

      Prossimamente una mostra con fotografie di Vivian Maier

      http://www.consarc.ch/e-inviti/2014/invitoVivianMaier.htm

    7. Luca Nicoletti ha detto:

      Ho visitato la mostra di Nuoro. Non conoscevo Vivian Mayer, e guardare il documentario che descriveva la sua vita, era come assistere alla lavorazione di un diamante grezzo fino ad avere tra le mani una pietra preziosa. Il documentario mi ha commosso, e solo grazie all’intuito di un ragazzo molto sveglio e intraprendente (John Maloof) oggi conosciamo una grande fotografa, rimasta nascosta, lei e le sue foto, per una intera esistenza tra le pieghe del destino. (Luca Nicoletti – Rimini)

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *