WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archivio

  • novembre 2018
  • settembre 2018
  • agosto 2018
  • giugno 2018
  • aprile 2018
  • febbraio 2018
  • gennaio 2018
  • dicembre 2017
  • novembre 2017
  • settembre 2017
  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 10 giugno 2010

    WORKSHOP

    chissà perchè, ma è tutto un proliferare di workshop. non c’è fotografo che non ne faccia uno. mai viste tante offerte di workshop fotografici.

    vogliamo dire le cose come stanno, però? fotografi senza arte ne’ parte che per due lire mettono due tette di pseudo modelle in pasto a fotoamatori che solo a quelle sono interessati.

    il solito stronzetto arrogantello! però questa è la realtà.

    l’ho già scritto altre volte, però merita riscriverlo, perchè in una giungla di dilettanti allo sbaraglio va fortemente difeso e tutelato chi fa le cose fatte bene: l’unica realtà in italia e una delle poche al mondo che si distingue per serietà e completezza è quella del TPW, toscana photographic workshop. appena fatto il restyling del sito, con informazioni complete ed esaurienti.

    ok, faccio anche io una settimana a fine luglio, ma da me non venite, non merita, è una noia mortale…ci sono grandi fotografi che vale veramente la pena seguire…

    1. PAOLO ha detto:

      Non sei assolutamente arrogante.. Sei uno dei pochi che non va verso una direzione solo per il fatto che ci vanno tutti.
      Ed è anche per questo che, oltre che per la capacità che hai nel tuo lavoro, ti trovo un grande!
      Quello che dici sui W.S. è verissimo! 2 righe di perfetta realtà. Mancano le immagini ma l’introduzione fa già l’articolo.
      Credo anche che nei W.S. in generale la qualità sia proporzionale al prezzo. Tuttavia non sono convintissimo che non possano esistere vie di mezzo tra la “birra a fiumi per tutti” e il “rosso d’annata francese”.

    2. Fra ha detto:

      Tra poco ci siamo… non vedo l’ora di cominciare!!! Perchè, se posso citarti, dopo quella settimana nulla sarà più come prima 🙂

    3. Maria ha detto:

      Ci sono workshop interessanti e curati bene a Londra?

    4. adolfo ha detto:

      ma va a cagare…
      costano come non so cosa, ho avuto un’esperienza anni fa con un grande dal banco ottico e della polaroid che evito di citare (è milanese) e non ha fatto altro che farsi i cazzi suoi, lasciando che ognuno scattasse e alle domande se la menava anche e con sottigliezza prendeva anche per il culo…

      E gli anni successivi non sono certo migliorati.
      Vola un po più basso che quando caghi puzzi anche tu…

    5. Maria ha detto:

      Non colgo il tuo linguaggio Adolfo….esprimersi senza essere volgari comprendo che per te sia molto difficile e non sto a spiegare a te perché ho chiesto un corso a Londra…a differenza di voi fotoamatori evoluti e tra questi ci metto Matteo…

      a cui dedico Matthew, Matthew

      you are so wonderfull … to me
      don t be angry

      cari ragazzi potrei farvi da nonnina e quando ero una giovincella o una sbarbatella vissi a short time but not too short in london thats why ho chiesto un corso a Londra…. Londra per me a livello affettivo, é come un po’ tornare a casa, allontanarmi da tutto per non pensare ed utilizzare quel tempo perché no per un workshop….
      non sono nata come fotografa mi ci sono trovata a farlo e cerco un mio percorso che é completamente diverso dal vostro…il mio percorso nasce dalla parola….

    6. adolfo ha detto:

      Maria, mi esprimo con il linguaggio attuale che si sente in giro dato che alla lunga che ti piaccia o no è cosi che si parla oggigiorno.
      quanto ho detto era riferito a Settimio, e non sicuramente te.
      Tu sarai una nonnina e magari dato che non ti conosco, può essere ma sono ben lontano dal essere un fotoamatore evoluto, dato che il WS vinto nel 98 a un concorso fotografico è stata una delle tappe dal mio percorso.
      E scusami della volgarità, ma appunto nel 98 il TPW era uno schifo, e l’unica cosa invariata, sono i prezzi.
      E sentire la difesa a spada tratta di Settimio mi lascia perplesso, dato che per come l’ho vissuto io e per come è lui
      dovrebbe ammettere che sono soldi buttati, forse, dato che ho avuto modo di sentirlo e di vedere dei video di sue lezioni è l’unico a cui i soldi sarebbero spesi bene.
      E non è lecchinaggio ma verità
      Nel 98 parlavano delle solite cose, e francamente mi ha dato l’impressione che il dire troppo fosse motivo di creare altra concorrenza, e lo stare li come docenti fosse solo un modo per attirare molta gente.
      Leggo questo blog e apprezzo Benedusi per i suoi lavori, per essere arrivato, e credo che a livello italiano sia uno dei migliori, e che sopratutto se pur non condividendo spesso i suoi pensieri gli fa onore il confrontarsi con gli altri.
      Una volta tutto questo era impossibile e i nomi blasonati ( fate una ricerca nel 98/99 chi fossero i fotografi del TPW e capirete chi era il grande della polaroid e del banco ottico) erano inavvicinabili e spesso la loro docenza era semplice propaganda per loro, pagata a caro prezzo.
      Oggi non è cosi?
      dimostratelo ma che non si dia dello stronzetto ad altri, perchè se è vero che ci sono parecchi improvvisati che cercano di stare in piedi e arrivare alla pensione, è anche vero ceh esistono delle realtà dove si può imparare e mal che vada non si è rinunciato alle vacanze per un WS a sentire uno pieno di se e che dice un sacco di cazzate!!!

    7. VANESSA ha detto:

      Condivido pienamente!

    8. Giacinto ha detto:

      Parole sante quelle sui workshop da quattro soldi, peccato però che TPW non è per tutti 🙁

    9. Maria ha detto:

      Adolfo apprezzo i tuoi consigli grazie… ma non condido cio’ che dici riguardo il linguaggio,
      l’eleganza anche nel linguaggio fa la differenza…. credimi in un appiattimento totale di burinaggine, l’eleganza della mente che si esprime attraverso il linguaggio , é un segno di distinzione che si apprezza…

      ciao Adolfo…sono una nonnina ma non da ricovero…bisogna vedere rispetto a cosa sono nonnina….!!!! ah ah ah

      Ciao Adolfo

    10. Maria ha detto:

      condivido sorry

    11. Enrico ha detto:

      Ci sto facendo un pensierino – Settimio è tra i miei preferiti – ma non voglio diventare un fotografo professionista e per questo non vorrei togliere un posto importante a qualcun altro. C’è modo di sapere quanti posti ci sono liberi?

    12. Antonella ha detto:

      Settimio, anziché pensare unicamente a come gratificare il tuo Ego smisurato anche ripresentandoti al TPW, pensa alla salute…è l’unica cosa preziosa che ogni essere umano ha! Hai avuto un anno faticoso, riposati tra le mura domestiche.
      Purtroppo il TPW è soltanto un macchina da soldi per chi organizza come tutti i workshop che tanto critichi, tu stesso percepisci piú o meno un pugno di euro al giorno, meno di uno di quei tuoi collleghi che fanno matrimoni per mantenere la famiglia e arrivare a fine mese. Smettila di fare il fenomeno, la vera fotografia, quella dei grandi maestri che tu stesso spesso menzioni nei tuoi discorsi è una cosa completamente diversa da ciò che fai tu! Anzichè presentarti in Toscana a luglio iscriviti ad un workshop di umiltá, hai ampi spazi per poterti migliorare. Antonella

    13. paoletta ha detto:

      e meno male che anche la stampa di settore se ne sta accorgendo. leggi questo articolo, uscito su fotografia reflex di marzo:

      http://www.adolfo.trinca.name/public/2010/04/Claudia_Rocchini_su_Fotografia_Reflex_marzo_2010_workshop.pdf

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *