MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 11 luglio 2013

    CHECK LIST

     

    check list_ok

    in passato, in varie occasioni, ho scritto qui varie liste per cercare di capire, dall’alto della mia presunzione, come e quanto ognuno si possa definire un buon fotografo. la prima di queste liste, e forse quella più famosa, è stata quella che chiamai fotometro

    cosa devo dirvi, le check-list mi piacciono! e forse mi piacciono ancora di più da quando ho letto un intero libro che di esse si occupa, CHECK LIST, che tantissimo mi è piaciuto.

    ecco adesso una nuova lista, questa volta una vera e propria check-list! quella per giudicare una vostra fotografia.

    allora, diciamo che avete realizzato un servizio fotografico. bene. a voi piace tantissimo. anzi ne siete entusiasti! normale: di massima ciò che noi stessi produciamo ci piace sempre un sacco. apprezziamo un sacco pure le nostre puzzette! 😉

    nonostante però il vostro servizio vi piaccia tantissimo è molto probabile faccia cagare. non perchè abbia scarsa fiducia in voi: semplicemente dato che il 90% di ciò che si vede in giro è spaventosamente brutto diciamo che la statistica non lavora a vostro favore…

    facciamo allora una bella cosa: di questo servizio prendete un’immagine, la stampate (sempre meglio guardarle e giudicarle stampate, le fotografie), la guardate come non fosse vostra, scaricate la mia check-list in alta definizione qui e rispondete con sincerità ai vari punti.

    in base a questa check-list non potremo certo sapere se la vostra fotografia sia una fotografia bella o brutta, ma sapremo se sarà una buona fotografia: e una buona fotografia è anche molto probabile che sia una bella fotografia.

    cominciamo:

    -nella vostra fotografia c’è la vostra storia? si capisce da dove arrivate? si capisce dove sono le vostre radici? non semplicemente nel senso geografico, ma in senso, oserei dire, sociologico. c’è qualcosa che renda quell’immagine veramente vostra?  insomma, in questa vostra fotografia si capisce chi voi siete?

    -nella vostra fotografia c’è un punto di vista assolutamente vostro e quindi nuovo ed originale su una certa cosa? non basta ovviamente che sia semplicemente strano (la linea dell’orizzonte storta la sanno fare tutti…) ma è indispensabile che sia il vostro punto di vista.

    -nella vostra fotografia c’è un qualche giudizio su ciò che avete fotografato? non per forza un giudizio negativo, ovviamente! ma c’è una vostra presa di posizione su ciò che era davanti a voi? dentro alla vostra immagine si capisce cosa pensavate di ciò che avete fotografato?

    -la vostra fotografia piace alla vostra mamma? se piace a vostra mamma vuol dire che non ci siamo, vuol dire che avete prodotto qualcosa di sicuro e tranquillo. la vostra fotografia è, anche poco poco, rivoluzionaria?

    -per realizzare la vostra fotografia avete vissuto una specie di ossessione? la passione (…) quella ce l’hanno tutti per un sacco di cose. tutti hanno la passione per correre, per la figa, per il buon cibo…quello che è difficile è avere l’ossessione di correre 10 ore al giorno, scoparsi una figa al mattino e una alla sera, provare tutti i ristoranti del mondo… quell’immagine che avete tra le mani è stata una vostra ossessione? ci avete pensato giorno e notte?

    -la fotografia che state guardando l’avete prima previsualizzata nella vostra testa? prima di scattarla con la vostra macchina è stata nel vostro cervello?

    -se avete usato una modella, la modella sapeva cosa doveva fare o ha fatto delle pose (termine orrendo!) un po’ a caso che voi avete subìto senza alcun controllo? era lì davanti alla vostra macchina fotografica e ha fatto qualcosa che semplicemente le passava per la testa?

    -nella vostra fotografia si capisce cosa vi piace? a tutti ovviamente piacciono le stesse cose stereotipate (le vacanze, la spiaggia, i regali, i viaggi, i gattini, un caminetto acceso, un bosco mentre nevica e tutte quelle cose lì…) però poi ad ognuno di noi piacciono delle cose che piacciono solo a noi che nella maggior parte dei casi a tutti gli altri (almeno alla maggior parte) fanno orrore. voglio dire, c’è gente a cui piace farsi appendere pesi ai testicoli! ecco, nella vostra fotografia si capisce cosa a voi piace, veramente?

    -nella vostra fotografia si capisce cosa non vi piace? a tutti ovviamente non piacciono le stesse cose (il traffico, i palazzi, lo sporco, la maleducazione, la violenza…). non si capisce però come mai la maggior parte della gente viva in mezzo al traffico, ai palazzi, nello sporco, sia maleducata e violenta. nella vostra fotografia si capisce cosa a voi non piace, veramente?

    -nel realizzare la vostra fotografia avete applicato delle regole? non intendo le regole di tutti, quelle condivise normalmente da tutti, ma intendo delle regole che sono servite solo a voi e solo per questo servizio.

     

    ecco, questa è la mia check-list.

    com’è la vostra fotografia?

    Tag:

    1. Roberto ha detto:

      Le mie foto mi fanno cagare.Ma c’è a chi piacciono.

    2. Cristiano ha detto:

      Le mie foto fanno schifo nella maggior parte dei casi. Però alcune volte le vendo

    3. Sara Lando ha detto:

      bastano i primi tre punti per farmi scartare il 99% delle mie foto.
      Che pero’ mi servono per arrivare a scattare l’1%, che è l’unica ragione per cui non ho ancora venduto la macchina fotografica. Le mie foto buone nascono dai cadaveri di quelle che fan cagare.

    4. Daniele ha detto:

      hai ragione! Si credo proprio che il 99.5% delle mie fotografie faccia cagare! Mi tengo uno 0.5% non perchè ne abbia in quella percentuale di buone, ma perchè ci sto provando. Al momento direi una su 1000 … credo … corrisponda alla check list. Ci provo tutti i giorni, ma la percentuale non sale … forse dovrei smettere e fare altro!

    5. Domenico ha detto:

      C’è molto da lavorare in base a questa check list…

    6. Matteo Oriani ha detto:

      Posso suggerire un’undicesima regola?

      Se qualcuno ha preso ispirazione dalle vostre foto, se vedete citazioni alle vostre foto, insomma se qualcuno vi ha “copiato” vuol dire che le vostre foto sono buone, funzionano e molto probabilmente sono anche belle. A questo punto non vi rimane altro che dimenticarvi di quelle foto-copiate e inventarvene altre. Ma dovete essere inflessibili con voi stessi: siete sicuri che quel fetente vi ha copiato? Oppure quel fetente ha avuto il vostro stesso approccio e quindi, automaticamente, le vostre foto non sono originali, uniche, vostre. Allora tornate al punto 2.

    7. Domenico ha detto:

      Matteo, molto interessante la tua idea. E si, devo dire che quando qualcuno inizia ad ispirarsi a te è un ottimo metro di giudizio. E anche ciò che dici del necessario rinnovamento.

    8. Francesco ha detto:

      Specialmente quando scatto le MIE foto, questa check list riflette al 90% il mio modo di pensare e realizzare la foto.
      L’OSSESSIONE (mai termine fu più azzeccato), il punto di osservazione, l’applicazione delle MIE regole, il mio giudizio, e soprattutto la previsualizzazione devono essere alla base dello scatto.
      Avendo uno stampo molto classico, io faccio finta sempre di scattare comunque con il rullino, ed ho un solo scatto per realizzare quello che voglio esprimere e che ho immaginato se pur dai contorni sfumati nella mia testa e mi ha COSTRETTO a scattare quella foto per liberarmi da quella temporanea espressione della mia ossessione.
      Francesco

    9. Francesco ha detto:

      Check list che mi permetto di dire, è una sintesi della basi della fotografia e della semiologia, rivisitata ad arte da un grande divulgatore.

    10. Domenico ha detto:

      Si Francesco, devo dire che ho volutamente conservato la idea di scattare con la pellicola. E’ un punto di vista contestato da molti miei colleghi, ma preferisco che ciò che osservo coincida con la mia idea di immagine che si è formata nella testa. Altri coleghi, come mi capita sovente di osservare, preferiscono scattare senza soluzione di continuità. Sul grande divulgatore siamo perfettamente d’accordo

    11. Francesco Francia ha detto:

      https://www.facebook.com/photo.php?fbid=599077613447973&set=pb.100000372185344.-2207520000.1374582413.&type=3&theater

      Esempio: ora non so se posso mettere un link ma rispetto alle foto che faccio questa è una di quelle pubblicabili che parla un pò di me. un secondo iphon usato come torcia ha compensato la limitata latitudine di posa del mio i-phone

      Se disturba cancellate pure

    12. Francesco Francia ha detto:

      solo dopo averla scattata (senza averla studiata tanto dato il contesto che potete ben immaginare, ho ripendato alla check di Settimio

    13. Valentina ha detto:

      Blog provocatorio e ricco di spunti ed esercizi interessanti.

    Lascia il tuo commento