MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 20 agosto 2012

    DIECI REGOLE PER DIVENTARE E RIMANERE FOTOGRAFO PROFESSIONISTA.

    Circa un anno fa scrissi qui un post che si intitolava IL FOTOMETRO, che forse qualcuno ricorda.
    Sarà che la vacanza mi porta ad essere più meditativo e a scrivere un po’ meno delle solite cagatine-ho fatto questo, ho fatto quello, ho pubblicato qui e lì-, ma mi piacerebbe anche quest’anno dare un ulteriore contributo in quella discussione.
    Cercando di essere (per quanto mi possa essere possibile…) meno stronzo, però.

    Se il fotometro di un anno fa procedeva per negatività (non bisogna fare questo e quello) quest’anno vorrei fare esattamente l’opposto, dando dieci indicazioni di cosa e come fare per diventare e soprattutto rimanere (cosa più difficile) un fotografo professionista.
    Alcune cose le ho già dette in passato, perdonatemi se le ripeterò. E comunque repetita iuvant, si sa.

    Un’ultima cosa prima di incominciare: non per falsa modestia, ma non è assolutamente detto che io abbia mai applicato o applichi scrupolosamente tutti i punti che andrò ad elencare. Lo avessi fatto forse sarei un fotografo migliore di quello che sono.
    Ma sono un fotografo professionista, e vivo solo ed unicamente di questo lavoro: qualità necessaria e sufficiente per sapere come le cose dovrebbero funzionare…

    Ecco le mie dieci regole per diventare e rimanere un fotografo professionista:

    -Sii te stesso. È semplice! Sii te stesso. Sii la tua storia. Per fare le foto alla Terry Richardson non basta fare delle foto mentre una tipa ti fa un pompino: quelle le sanno fare tutti! Devi prima VIVERE come Terry, devi avere la mamma che si fa fare le foto con le tette di fuori ad 80 anni mentre si fa una canna. Le fotografie devono raccontare chi sei: se sei un nerd è molto meglio fare le foto da nerd, quelle da rockstar non ti verranno mai bene.

    -Fotografa cosa vuole il tuo cliente come vuoi tu. Chissà perchè la maggior parte degli esordienti fanno esattamente il contrario, e cioè fotografano cosa vogliono loro alla maniera che vuole il cliente. Cerco di spiegarmi meglio: ogni cliente ha delle esigenze. E sono SACRE. Lui paga, lui cerca una soluzione ad un suo problema e il vostro compito è esattamente risolvere QUEL problema. Mi piace fare metafore culinarie: se siete di corsa alla stazione voi volete un panino semplice, buono ed economico. Se uno vi vuole vendere l’anatra all’arancia laccata, sarà anche l’anatra più buona del mondo ma non va bene per essere mangiata di corsa su un treno. E allora uno si sbatte per aggiustare l’anatra e farla a misura di treno. La vostra cazzo di anatra non la vuole nessuno! Fate quel panino che vi chiedono, ma usando la ricetta che vi ha insegnato vostra mamma. È semplice, no?

    -Fotografa tanto. Se per TUTTE le cose del mondo vale il concetto che si migliora facendole tanto e spesso chissà perchè non dovrebbe valere per la fotografia. Se hai fatto mille frittate è molto probabile che le frittate ti vengano bene. Vi assicuro, vale anche per la fotografia: scattate!

    -Fotografa ciò che conosci. La risaputa e presunta facilità della fotografia porta a pensare che si possa fotografare tutto, così, a cazzo. No! Vuoi andare a fotografare una regata? Devi sapere tutto di barche e vento! Se uno vi desse un foglio e una penna e vi chiedesse di scrivere qualcosa su la città di Ulan Bator voi cosa scrivereste?!? NIENTE! Perchè nulla sapete di questa città della Mongolia! E per quale ragione vi sentireste in grado di andare in quella città e fotografarla?!? Cosa potreste raccontare di una cosa di cui non sapete nulla?!?

    -Sii contemporaneo. Si sente spesso dire: quella cosa lì io la facevo dieci anni fa!!! E bravo coglione! Hai sbagliato esattamente di dieci anni! Tutte le espressioni non dico artistiche, ma diciamo creative, devono avere una grande qualità: essere il racconto del tempo in cui vengono prodotte.


    //////////////////////////////

    Per adesso le prime 5 regole: a seguire le altre.
    PS: ho scritto il tutto con iPad, e quindi in automatico sono uscite le maiuscole, normalmente bandite dal mio blog: per una volta ve le beccate…

    Tag:

    1. Sara Lando ha detto:

      Sei ancora a dieta di quotidiani? Sara’ quello che ti rende positivo nei confronti del mondo?
      Sottoscrivo tutto con il sangue, comunque, e attendo la seconda parte.

      (Ulan Bator per me = Mongol Rally. Se non sai cos’e’ il Mongol Rally, vai su google o youtube. Tra qualche anno mi piacerebbe prendere un camion dei pompieri e caricarlo di fotografi -e un meccanico- e partecipare: se vuoi ti tengo un posto)

    2. Andrea Rossi ha detto:

      Sara, io sono meccanico-elettrauto e mi diletto con la fotografia, inoltre mi piace viaggiare in asia…hai un posto libero? 😀
      Settimio, sarebbe bello unire alle parole anche la voce…che parte mogia mogia per continuare in un crescendo andante veloce e finisce roboante come punteggiatura. Sarebbe bello, ma per ora attendiamo la seconda parte scritta. E’ un blog. 🙂

    3. Roberto ha detto:

      Quotointoto.

    4. vince paolo gerace ha detto:

      mi piacciono le 5 regole, e sono d’accordo…ne avrei anch’io ma sarebbero una serie di cazzatte contro quelli che comprano una mark 2 e te li trovi al tuo fianco a scattare tutto, tutto senza sapere perchè..

    5. Lorenzolofoto ha detto:

      Ammirevole Benedusi, che stavolta visto il clima cerca di non scaldare troppo l’animo sensibilissimo dei fotografi come si deve :p
      Sara, ho il meccanico, poi ti racconto. Cerchiamo il camion :p
      Ma il reportage della cosa te lo scatto alla mia maniera, come voglio io, ovviamente. Ordini.

    6. Gabriele malagoli ha detto:

      Ti stimo sempre di piu…

    7. Gabriele malagoli ha detto:

      Tuttavia sullo scattare tanto non sono d’accordissimo… O meglio sono d’accordo a metà! Conosco gente che scatta tantissimo e non migliora su nulla.. Credo che bisogna scattare tanto ma con criterio e cognizione… Meglio scattare meno ma sapendo cosa si fa a mio avviso!

    8. Lorenzo ha detto:

      A quanto pare, sono stato bannato da questo blog, se utilizzo il mio nome e cognome i miei messaggi non vengon pubblicati, eppure non penso di aver mai detto o fatto qualcosa di scorretto :\

    9. Settimio Benedusi ha detto:

      @Lorenzo: non ho MAI bannato nessuno.

      @Sara: temo di essere un po’ troppo fighetto per quelle cose. Ma ho un amico che quando si parla di moto ed avventura non si tira certo indietro: mando lui… 😉

    10. Francesco Rossi ha detto:

      Bello questo articolo Settimio! E finalmente un po’ giù dallo scranno! Assolutamente condivisibile questo contributo! Sono un giovane fotografo (professionista da quasi 3 anni) e tutto quello che scrive qui Settimio l’ho sperimentato sulla mia pelle, di solito con errori in prima persona pagati tutti con lo scotto.

      Se scatti con in testa quel che il cliente si aspetta finirai per farlo alla meglio come voleva lui, e quindi lui lo considererà poco per aver chiamato un professionista ed investitoci soldi.

      Se non conosci una materia è inutile cimentarvisi, e così ho smesso di fotografare certe cose di cui non so una mazza (paesaggi, natura, molti tipi di reportage, band di musica elettronica o “anni 2000” in generale ecc, ad esempio) concentrandomi su altro.
      La scorsa settimana ero vicino Matera per un lavoro, e una persona mi ha consigliato di partecipare ad un concorso sulla Basilicata, con alcuni temi. Dopo averli letti ho deciso di non farlo, perché non potrei mai arrogarmi la presunzione di descrivere le radici di un popolo con quale non ho niente a che fare semplicemente prendendo due libricini del cazzo o leggendo pagine di Wikipedia. Non è così che funziona.

      Se non sei una certa “persona” alla greca (maschera) non potrai parlare di certe cose: se vuoi fotografare gli zingari perché sono “poetici” o vai a vivere con loro e ne assorbi il mondo o sei un coglione presuntuoso, e lo stesso con la moda, il reportage, qualsiasi genere! L’esempio di Richardson è perfetto, perché la sua fotografia è un corpus, non si possono prendere scatti singoli, che di per sé sono spesso semplicissimi, immediati, replicabili. Se scatta Lindsay Lohan che fa vedere le tette ad una festa con una flashata in bianco e nero assurda e la foto sembra assolutamente perfetta non è perché capitava di lì ed è bravo a fare foto, ma è perché vive da 40 anni immerso nel mondo dell’alternative-radical-hypster-fake-punkrock-system alto borghese east coast, ed è questo ad avergli permesso di sviluppare uno stile ed un mondo linguistico che ritrovi negli scatti. Un altro esempio che si potrebbe fare è per le foto di concerti, che io detesto, non in sé, ma perché quasi sempre sono di una vuotezza esasperante. Se fotografate jazz o hip-hop non è la stessa cosa, e non solo per i colori più sparati e quei maledetti fish-eye, ma perché per poter fotografare un genere musicale lo si deve comprendere, vivere: conoscere i brani, conoscere le biografie dei musicisti, conoscere il sottobosco che si muove attorno a quel genere, eccetera. Tempo fa un bravo fotografo pubblicitario di lungo corso mi parlava di foto di beauty, e mi ha detto una cosa assolutamente vera: “se non conosci il sapore del rossetto sulle labbra, quale consistenza ha, come si scioglie con la saliva, come fai a sapere davvero come farlo mettere da una truccatrice ad una modella per uno scatto? Te lo devi mangiare quel rossetto, per sapere di che parli!”

      E così allo stesso modo vale la cosa di fare tante, tantissime foto, e guardarne altrettante. Se fotografi soprammobili, fosse anche un posacenere di plastica, come fai a non conoscere a memoria il lavoro dello studio Ballo, se fotografi il catalogo di magliette del negozio del tuo paese, come fai a non avere divorato Avedon o Demarchelier, o quella befana della Leibovitz?

      Ma se anche anche questi concetti non vi convincessero, fate una semplice indagine: vedrete che TUTTI i fotografi che sono riusciti e riescono nel loro lavoro rispondono a questi requisiti. Conosco fotografi che si occupano di foto sportive e quando non lavorano partono per una gara di mountain bike dall’altra parte del mondo o un Iron man, fotografi di reportage naturalistico a cui frega più dei prodotti Quechua che dei prodotti Canon, e così via.

      Ecco, finito il pippone. Non so perché ho scritto così tanto, mi ha preso bene!! Adesso che mi sono sfogato mi mangio un ghiacciolo.

    11. Mirko Merchiori ha detto:

      Se Il Fotometro dell’anno addietro mi appariva come un manuale scritto da un filosofo pret-à-penser, le regole di questo post le trovo, invece, molto interessanti e costruttive: finalmente Benedusi ha tolto il mantello (e in questo quoto Francesco).

    12. FAbio Tommasi ha detto:

      Condivisibile alla grande..!
      Però per chi campa di reportage commissionati,
      non è facile raccontare cose già sperimentate e approfondite.
      Quando una testata ti contatta con un anticipo di quattro/cinque giorni per spedirti non si sa bene dove,
      la cosa migliore che puoi fare è studiare una mappa del posto,
      guardare qualche foto sul web e abbandonarsi al destino…
      Mi spiego?

      Buone vacanze, domani parto per le CInque Terre…
      ..non in vacanza, non ci sono mai stato prima.

      Giuro.

    13. Stefano ha detto:

      uh, mi sta invecchiando, diventa buono

    14. Rod ha detto:

      Come già premesso nel post del 3 agosto, non sono fotografo, neppure amatoriale (ovviamente nel senso di poter fornire quel minimo di qualità alle foto per distinguermi dal turista della domenica in gita fuori porta), pur essendo attratto dal mondo della fotografia artistica.
      Credo che queste prime 5 “regole” enunciate siano doverosamente frutto e conseguenza di saggezza ed esperienza (tanta), e, sebbene quasi ovvie, è bene che vengano ricordate e spiegate.
      In particolare mi ha colpito la prima, su Terry Richardson. Verissimo, ma nel caso di Richardson aggiungerei che farebbe comodo vantare nel porfolio anche una foto in cui stringi la mano ad un giovane presidente USA di colore … ma anche una forte dose di carisma personale che porta famose top model e nota gente dello spettacolo ad accettarne lo stile piuttosto disinvolto in quanto a sesso e nudità, fino a diventarne complici. Allegramente, come nei migliori provini di Tinto Brass.
      Alla prossima.

      Rod

    15. umberto ha detto:

      … sei sicuro che ne servano altre cinque???

    16. Giuseppe ha detto:

      Quoto tutto, è come se m’avessi letto nel cervello. E poi anche Cartier-Bresson diceva che le prime 10000 foto sono una merda (devo continuare ancora per molto, sono solo a 7000)

    17. Daniele Calpentras ha detto:

      Molti “fotografers”,
      Pochi Fotografi.

      Manca proprio la cultura..

      🙁

    18. Beppe ha detto:

      Ottimo articolo, fotografare ciò che si conosce è fondamentale sopratutto per la fotografia specialistica o quella sportiva.
      Se non conosci le regole difficile che potrai fare belle foto a qualche evento sportivo, anche se vedo sempre più dilettanti allo sbaraglio. Il che non sarebbe una brutta cosa se poi non ci fossero i media che le prendono perché sono gratis.
      Per il resto quoto tutto.

      @Fabio cosa vuoi sapere sulle 5 terre?

    19. Hilda ha detto:

      E’ davvero un piacere leggerti.
      Grazie.

    20. Luca ha detto:

      Come non quotare Francesco 😉

    21. Alessandro ha detto:

      Decisamente daccordo….anche se il fotometro mer me resta qualcosa di stupendamente in’arrivabile! Una delle più grandi genialità mai scritte su questo blog. Per questo ha fatto incavolare parecchia gente !!! Grande Settimio!!

    22. Luca Giustozzi ha detto:

      Tanti lo odiano, tanti lo ammirano, io adoro il Benedusi per questi articoli. Sacrosante verità, gran bell’articolo.

    23. Stefano ha detto:

      a me viene una domanda, un po’ critica (o stronza), apprezzo molto alcume fotografie di Benedusi fatte a bambini/e e alcune modelle, la domanda é: rispetto al punto “fotografa ciò che conosci”, mi domando quanti fotografi hanno la possibilità di conoscere l’ambiente delle modelle e contemporaneamente quello dei bambini?
      Probabilmente non riceverò risposta da Benedusi, ma è una domanda che mi sono posto e che ha una risposta, altrimenti l’autore sarebbe disoccupato.

    24. Settimio Benedusi ha detto:

      @Stefano: sai che non ho capito la domanda? Cosa vuol dire “l’ambiente delle modelle e contemporaneamente dei bambini”?!? Quello che bisogna conoscere quando si realizza una campagna pubblicitaria è cosa vuole comunicare il brand di cui si sta facendo l’ ADV e comunicarlo efficacemente: l’ambiente delle modelle e dei bambini (!!!) non ha nulla a che fare…

    25. Francesco Rossi ha detto:

      Di nuovo concordo con Settimio. Conoscere la materia non significa conoscere i misteriosi segreti del mondo dei bambini, ma avere ben chiaro in mente il tipo di comunicazione del cliente: come amerebbe venissero veicolati i suoi messaggi (anche secondo la sua “storia editoriale” ed il suo brand), a che pubblico di acquirenti si rivolge (ci sono mamme e mamme a seconda delle marche di abbigliamento per bambini, Benetton non ha le stesse “mamme” di Blumarine), con che modalità ama che vengano fatti i lavori, e così via. Toscani poteva fare le foto in quello stile anche perché dietro aveva il vecchio che lo appoggiava.

      Col tempo, chi fotografa generi ad indirizzo mirato svilupperà anche strutture, skills e conoscenze conseguenti, che vanno dai contatti d’agenzia (anche i bimbi le hanno di solito) a quelli con uffici stampa e via dicendo, non ultimo lo stile.
      Nel mio piccolissimo sto investendo in tecnologie ibride foto e video e set fotografici “to go”, dato che i miei clienti sono sempre più attratti dalla comunicazione via web, e quindi anche filmati eccetera, e spesso hanno bisogno che fotografi in sede anziché da me. E’ quello che avevo in mente aperta la PI? Non del tutto, ma il mercato, una mia inclinazione personale (unita a passione per il montaggio e ingordigia verso il cinema), e il caso mi stanno portando in quella direzione. Ma davvero, sono l’ultimo di un milione (per ora), ne parlo solo per dare la campana opposta a quella di Settimio, cioè del giovane che deve ancora emergere e non del fotografo importante, anche se i meccanismi base sono gli stessi credo.

      Chi fotografa food ha una cucina attrezzata con uno chef in studio, e se l’è costruita con anni di lavoro e contatti d’agenzia in quel senso, fatturazioni e iperspecializzazione, banco ottico, basculabili ecc. Chi fotografa quadri usa luci diverse da chi fotografa fighe, chi fotografa cucine Scavolini ha bisogno di grossi spazi e bank che non servono a reportagisti, chi fa book per agenzie e modelle magari non ha bisogno di dorsi digitali e può investire ad esempio in una “officina da falegname” vera e propria per farsi da sé gli sfondi e le scenografie, e così via all’infinito. Insomma, conscenze, competenze e specializzazione.

      Benedusi è un bravo fotografo commerciale che potrebbe fare un po’ di tutto, ma non per questo fotografa indiscriminatamente lirica alla Scala e il giorno dopo gare di ciclismo al Tour de France: ha sviluppato, immagino al 50% per attitudine/interessi e al 50% per dove la vita l’ha portato, un suo stile che riguarda la fotografia pubblicitaria legata al ritratto, ed in quello è efficace ed affidabile (le due cose che interessano ai clienti) ovvero fa il lavoro bene e non rompe le palle a chi paga, anzi gli risolve i problemi, il che non è per niente scontato. La differenza non è tanto tra “professionista” e “amatore”, ma tra “fotografo che verrà richiamato dal cliente” e “fotografo che invece no” ;-).

      Conoscere una materia non significa sapere dove vanno a bere le modelle la sera (non sono tutte in Brera purtroppo), ma magari che per fare un determinato lavoro non devi affittare un dorso digitale per una settimana facendolo pagare al cliente (perché lo possiedi già), o affittare una sala di posa.

      E detto ciò mi taccio di nuovo. Chiedo scusa a Settimio se gli ingolfo di messaggi lunghissimi questo articolo, ma mi ha pigliato bene e quando mi piglia bene divento loquace!

      😀

      Buon fine agosto a tutti!

    26. Stefano ha detto:

      @Settimio ti ringrazio innanzi tutto per la risposta e mi scuso per il ritardo nella mia replica, ma il lavoro mi sta uccidendo.
      Mi sono reso conto di un paio di cose, la prima semplice semplice, Settimio Benedusi è nato al mare che ama e che spesso è presente nelle sue foto, prima cosa che conosce. Probabilmente ha avuto a che fare con i bambini, se non sbaglio ha un figlio…
      Poi la tua risposta è stata, giustamente, comunque fatta dal fotografo professionista, che deve saper fare le cose che hai spiegato.
      E’ molto più semplice che non avessi compreso io il significato della “regola”, infatti credo che Francesco Rossi abbia “interpretato” la mia domanda e questo conferma che non ho capito io, però mi fa piacere, perchè è comunque motivo di crescita. Per dire, prima di “trovare” Benedusi e il suo blog avevo intenzione di fare foto a una modella in perizoma in fabbrica abbandonata, non l’ho fatto, è trascorso un anno, sto studiando e cercando di capire la fotografia, ma probabilmente non vivendola come lavoro, alcume cose mi sfuggono.
      Grazie ancora per la disponibilità e pure per il “servizio pubblico” 🙂

    27. Luciano ha detto:

      Quanto siete ruffiani tutti quanti !!!

    28. Filippo ha detto:

      Ciao Settimio, hai ragione su tutto ma però……io sto muovendo i primi passi da professionista in un settore che è quello della fotografia di reportage (settore sfigato vista la crisi dell’editoria come ben sai) e, quando si ha commissionati, almeno quel che è capitato a me, ti dicono cosa fotografare (giustamente) e spesso anche in che modo fotografare!
      Insomma io ho un modo di esprimermi che sto costruendo, è in evoluzione ( e spero non si fermi) poi…. mi devo quasi estraniare da me stesso x soddisfare il cliente e fare foto nello stile che vuole il cliente. Finito il lavoro, mi dedico ai miei progetti e mi trovo in uno stato di schizofrenia…chi sono? Sono quello che ha fatto le foto nello stile del cliente o sono quello che fa le foto secondo il mio stile. Se poi il cliente mi richiama significa che ho fatto un buon lavoro ma allora quello che sperimento per conto mio? Non so…..scusa se sono stato un po’ caotico nelle mie riflessioni…..

    29. Viola ha detto:

      Credo che tu abbia detto sante verità… le 10 regole in negativo che avevi scritto a suo tempo mi avevano lasciata un pò perplessa. Leggendo questo post mi trovo completamente in linea. Ti ho visto a San Felice in due occasioni.. ti ho un “pochettino-poco” vissuto a San Felice.. e mi sono trovata in armonia con te, la settimana scorsa, cosa che non è successa la volta prima. Ruffiana? mai.. proprio per DNA.
      Credo proprio che tu abbia scritto 5 sante verità.

    30. bielizna koronkowa ha detto:

      Hi, I read your blogs regularly. Your story-telling style
      is awesome, keep it up!

    31. 101 ha detto:

      Interessante. Bisognerebbe prendere tutte le cose che dice Settimio e cercare di metterle assieme e chiedergli “come la metti assieme questa che hai detto qui con quest’altra che hai detto qui in questo altro posto ed entrambe date come REGOLE, quindi cose oggettive, obiettive, non discutibili, ma che sono in conflitto tra loro?”

      Ad esempio la cosa dell’atarassia con tutto questo 🙂

      Hahahahahah amici 🙂

      La prendo per buona: leggo con piacere le tue OPINIONI, con altrettanto piacere spero di apprendere qualcosa che mi faccia guadagnare un pacco di soldi (ma sono convinto che non ce lo dirai mai, perché non credo che tu sia scemo) … e però faccio come dici “sii te stesso”. Figurati se Benedusi avesse trovato un Benedusi e lo avesse ascoltato e seguito le sue regolette a menadito 🙂

      Quindi grazie per il tuo contributo!
      Sarò felicissimo se continuerai a darne. Sarebbe bello che tu qualche volta considerassi “ho sparato cazzate? può essere! E allora come faccio ad essere così serio e convinto?”.

      Perché sei te stesso e te ne fotti 🙂 E fai bene 😉

    32. Mary ha detto:

      Ciao,
      volevo segnalarti questa pagina in cui ho parlato della mia esperienza relativa a come diventare fotografa di sport a livello professionistico.

      Ho trovato alcuni punti in comune con questo tuo articolo: ti va di leggerla e farmi sapere?
      Grazie in anticipo!
      Mary

    Lascia il tuo commento