WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 18 Febbraio 2012

    THE GESTURE

    Without having to mention the erudite exegesis of the of the gesture made by Alessandro Baricco I would like to voice my opinion on the overall effect that is neglected and marginal: the gesture, with which one photographs.

    In my irrepressible presumption I am used to saying that in order to give an opinion on the photographs of a photographer I absolutely do not need to see his portfolio: it is more than enough to see how he poses and how he moves with the camera in his hands. I only need ten seconds.

    It doesn’t seem so absurd to me: doesn’t a chef only need to see how the cook will cut a tomato to judge him? And doesn’t it take to see how a person will put the car into first gear to judge how he will drive?

    The security, the accuracy, the habit of the gesture are made in a way that the very act reveals the precise consequences of its effects. Cause and effect, inextricably linked.

    On this topic I was very impressed with the backstage photograph of a pretty good photographer’s blog, or rather let us say he’s good enough that I think it can be useful also to examine how he does things in order to understand the formula…

    First of all the clothing. I’ve written before about the assistants but of course it also applies to photographers: you have to dress for a photo shoot in a manner adequate to where and what you are shooting. Seems a banality but I can assure you that it is not. If I see someone that is going to work under the scorching sun of the Maldives wearing black jeans (it has happened to me) it is not necessary to pick up a camera in hand to understand the that work will be crap. Going back to our mysterious photographer pictured above, you notice how not only is he equipped for the cold (if you have to shoot all day outdoors in the snow you MUST be organised for the cold!) but also how mimetic he is in relation to the landscape that surrounds him. As a soldier (where he got the pants from…) he is hidden and camouflaged to make the best possible shooting

    But lets get to the core here, at the punctum of the photograph above: obviously its in the feet. The position of the feet! I do not know if I am exaggerating, if I find too much symbolism in the tiny details, if I am always looking for the enough that will tell the whole, rather than decline I prefer a little too much the paradigm of events, if I think to simplistically about the “zen and the maintenance of a motorbike“, if I am always looking for the small lock that opens the big door… etcetera etcetera.. But I can assure you that I read in that position of the feet the secret of the great capabilities of our mysterious photographer. Yes! It’s all there!

    The calm with which he poses, the apparent lack of balance that leads to a rather relaxed solidity. The body following that follows placidly the raids of the mind. The detachment that reveals  deep sense of belonging.

    There it is, the secret of Mr. Thorimbert is all there!

    1. fabrizio ha detto:

      cazzate. prima di tutto non centra un cazzo come uno si veste, saranno pure affari suoi?
      poi prova ad andare a vedere come fotografa Teller….. guarda le foto durante i set suoi, lo vedi e sembra un morto di fame che non li daresti due lire e invece poi fa dei capolavori come toni thorimbert.

    2. roberto ha detto:

      L’avevo notata anch’io questa foto, hai tradotto esattamente i miei pensieri, aggiungerei che a Mr. Thorimbert gli piace anche fare un pò il giovanotto!

      p.s.
      Mi dicono che quando fotografo assomiglio a un cecchino ceceno psicotico…. pensa te!

    3. Matteo Oriani ha detto:

      Buffo. L’uso e il non uso del “gli” in questi 2 interventi. A conferma dei concetti espressi, due grandi intellettuali.

    4. settimio ha detto:

      @matteo: sei sempre il numero uno! 🙂

      ti avrei voluto citare nel mio post, scrivendo “nonostante questo post lo scriverebbe meglio Matteo Oriani, con la sua finezza intellettuale, tocca scriverlo a me!”. più o meno.
      adesso ti tocca dare un tuo, articolato come al solito, contributo sull’argomento del GESTO… 😉

    5. paolo ha detto:

      bo ! e’ cosi importante come ci si veste per fare delle foto ? per altro a cinquant’anni suonati io mi vergognerei anche ad andare a prendere il tram vestito cosi’ (parere personale ovviamente)

    6. Matteo Oriani ha detto:

      È semplice, Settimio. Sai cosa stava fotografando Toni: una motocicletta. Una motocicletta con l’architettura del motore particolare: cilindri a V. Vedi la posizione delle gambe (e dei piedi, di conseguenza) di una persona di una sensibilitá particolarmente sviluppata, è a………V! TT è (anche un ritrattista). Un ritrattista entra in empatia (o in simbiosi) con il soggetto fotografato.

    7. rubens ha detto:

      il focus su quanto sia importante l’abbigliamento per un fotografo è ovviamente puntuale.
      mi sorprende un po’ l’attitudine a giudicare da un particolare iniziale un’intera attitudine, che mi sembra solo la via più diretta verso il preconcetto.
      con lo stesso criterio, dopo la prima riga avrei dovuto dedurre l’assoluta incapacità di scrivere in italiano e dopo il secondo capoverso quella di sviluppare un qualsiasi argomento degno di nota (lasciando stare che baricco può essere parametro di riferimento solo per i gradi di snobismo culturale… chi può).
      cordialità

    8. settimio ha detto:

      @Rubens:
      (lasciando stare che baricco può essere parametro di riferimento solo per i gradi di snobismo culturale… chi può)

      saró io limitato: cosa vuol dire?

    9. Toni Thorimbert ha detto:

      mamma mia! Roberto, tranquillo, quando prenderemo il tram assieme vengo vestito normale! 😉

    10. Toni Thorimbert ha detto:

      scusa, Non è roberto con cui devo prendere il tram, ma Paolo!

    11. Piernicola ha detto:

      ahahahahahah! io metto il piede destro esattamente nella stessa posizione del Sig. Thorimbert e mi hanno sempre detto che è molto poco professionale perchè non posso adattarmi alla’altezza degli occhi del soggetto nè posso conquistare una sicuramente utile stabilità… quindi che faccio continuo così o cambio abitudini? Mettetevi d’accordo e fatemi sapere, ci tengo moltissimo anche perchè ormai mi sono rassegnato, di fotografia vado a parlare su ‘domande e risposte’ yahoo!

    12. Paolo ha detto:

      Ma l omino in questione Toni Thorimbert, secondo me aveva freddo e si e messo così.
      Per quanto riguarda il vestiario, sembra un Gianni Berengo Gardin più moderno(senza offesa).

    13. roberto ha detto:

      Settimio sulla posizione di TT, la sua calma e la disciplina sono perfettamente in accordo con te…voglio ben sperare che un Signor fotografo come TT sappia quello che fà e sul set sia concentrato e tranquillo.

      Circa l’abbigliamento due domande Settimio:

      visto che nel blog di TT ci sono tante sue foto di back stage e mi par di capire che TT vesta così di suo gusto vorrei capire da la necessità di scattare in studio mimetici con pantaloni di taglio militare…..che studio ha TT?

      poi vedo le foto di back stage di Benedusi ai tropici e lo vedo in spiaggia con le scarpe da ginnastica e i calzini della rinascente a mezzo polpaccio stile nerd (tutti gli altri a piedi nudi o in infradito)….cioè così al volo dovrei pensare cosa sulle foto di detto nerd al sole?

      @ Paolo…..scusa ma TT sarà pur libero di vestirsi come vuole o superati i 50 è necessario girare con la badante….giusto per saperlo che mi porto avanti nello scegliere la badante

      ciao

    14. Paolo ha detto:

      @Roberto la badante giovane e di facili costumi (daje finchè puoi)

    15. andrea ha detto:

      Per me gli scappava solo la pipì. 🙂 Credo che la fotografia, come ogni forma di “comunicazione” sia importante per i suoi contenuti e come vengono trasmessi, raccontati; come uno poi si vesta, si muova o si atteggi per sentirsi a suo agio ed esprimere quello che sente, è davvero troppo soggettivo. Certo che dal come uno si muove si può intuire il suo sentirsi “a suo agio” o meno. L’impressione che ho vedendo questa fotografia è che TT stia facendo qualcosa in modo estremamente naturale, che a mio avviso è un’ottima premessa PUNTO. Conosco fotografi che ostentano una grande sicurezza, ma che poi non mi dicono assolutamente nulla. Ne conosco altri che sembra abbiano sempre paura e poi quando vedi le foto rimani lì per qualche minuto ad ammirarne la forza. Non lo so … non condivido fino in fondo Settimio in questo caso.

    16. Corrado ha detto:

      Scusate, ma secondo me questa discussione resterà inconcludente, perché manca un’informazione fondamentale: la foto che è stata scattata.
      La tesi è che basti vedere come uno affetta il pomodoro per capire se sia un grande chef? Bene, per verificare la tesi lo vogliamo assaggiare il piatto finito o no?
      Chiedo al gradissimo Toni: possiamo vedere quella foto?

      ciao a tutti

    17. Marco ha detto:

      A legger certi commenti ho come l’impressione che il mondo di alcune persone manchi di leggerezza.
      Leggerezza che ritrovo nel passo quasi di danza di TT.

      P.S. La foto aveva colpito anche me quando l’ho vista sul blog la prima volta.

    18. Armando ha detto:

      Farei soprattutto i complimenti anche al fotografo che ha immortalato il bel “GESTO” di Toni.
      🙂

    19. Jurij ha detto:

      Condivido in pieno il pensiero di Settimio. Avete mai visto le posizioni di Cartier-Bresson, cercatele si capisce molto…era un grande anche nelle movenze e nelle posizioni più adatte al tipo di scatto. Un professionista sa di cosa stiamo parlando

    20. Giorgio Serinelli ha detto:

      Grazie Armando…stavo perdendo le speranze ormai…

    21. Matteo ha detto:

      Leggendo le varie risposte (alcune anche molto piccate) noto che la gente non c’ha proprio un ca&@o a cui pensare 😉

    22. settimio ha detto:

      e diciamolo: la fotografia del fotografo che fotografa e che racconta così bene la capacità del suddetto fotografo di fotografare è del fotografo Giorgio Serinelli!

    23. Giorgio Serinelli ha detto:

      oh! mi sento molto meglio, grazie Setti

      p.s. Al Paolo dei vestiti: Toni non prende il tram, lo cavalca

    24. settimio ha detto:

      il servizio di Toni è visibile per intero sul suo blog,
      http://tonithorimbert.blogspot.com/2012/02/riders-magazine-february-issue.html
      dove, me ne sono accorto adesso, c’è un commento di Matteo a questo mio post! (yes, è tutto un magnamagna)

      e a proposito del commento di Matteo sul post di Toni che commenta il mio post sul mio blog che commenta un post di Toni ovviamente sul suo blog (!)volevo dire che quando mai io ho detto che per fotografare bisogna essere vestiti BENE?!?!
      mai scritta una cosa del genere! ho solo detto quella che forse è una banalità: per fotografare bisogna vestirsi in maniera adatta a cosa e dove si fotografa. per fare il ritratto al presidente della repubblica ci si deve vestire in maniera diversa rispetto a fotografare abbigliamento da ski in cima al monte bianco. tutto qui!

    25. Ettone ha detto:

      Sono più di dieci anni che quotidianamente, nel mio lavoro di Art Director pubblicitario, “dipingo di santità monaci satanici” e sono più che convinto che l’abito non faccia il monaco.

      Ok, anche io sono il primo a sentirmi a mio agio con chi si veste in modo consono alla professione che pratica, che diamine, sarei falso se dicessi il contrario. Dopotutto se un idraulico si presentasse con una tuta di latex o un cantante lirico salisse sul palco in bermuda, la cosa risulterebbe alquanto fuori luogo… Ma la fotografia fa comunque parte di quel mondo professionale che strizza l’occhio al mondo dell’arte e delle emozioni e si sa che gli artisti sono strani…

      Non vorrei quindi pensare che anche nella fotografia vi siano sommari e prevenuti metodi di selezione o giudizio. Prima dovrebbe contare il lavoro finale, poi la persona che ci sta dietro, no?

      Detto questo, quando vedo professionisti che fanno bene il loro lavoro come è il caso del Sig. TT e che in più lo fanno con una leggerezza e una rilassatezza quasi irreali, non posso far altro che rimanere positivamente colpito, ammaliato e… avere anche un po’ di sana invidia… Per dirla con un esempio è un po’ come il ginnasta che ti fa credere che sollevarsi con la sola forza delle braccia sugli anelli sia facile come portare un bicchiere d’acqua alla bocca…

    26. Francesco ha detto:

      che bello, mi basta leggere il titolo del feed per sapere che ancora una volta Settimio ha scatenato il putiferio.
      …mi butto nella mischia…
      Chi e quando avrebbe dimostrato che la bravura di un fotografo è direttamente proporzionale all’abbigliamento o alla postura nel momento dello scatto? se non fosse per comodità o scomodità in funzione di luogo e condizioni meteorologiche, come detto da Settimio (mille volte!)…
      Penso piuttosto che “fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi ed il cuore. E’ un modo di vivere” (Henry Cartier-Bresson) chi ci riesce, e TT onestamente sembra riuscirci molto bene, si veste come vuole, incrocia i piedi come vuole, prende il tram se vuole, lo cavalca se vuole, e non credo ci sia nessuno accreditato per impedirglielo o per consigliarlo diversamente!
      Con le foto dei backstage di TT ci si può fare un corso, un master, un corso di laurea… e per chi, come me, non è tanto fortunato da fargli da assistente (a me basterebbe anche solo guardare…o passargli l’acqua, sperando che non beva come Celentano!) è tutto oro colato!

    27. Alessandro Di Noia ha detto:

      Però sei veramente cattivello! Lanci certi ami a cui, per alcuni, è veramente difficile non abboccare. Provocatorio e snob al punto giusto per pungolare l’animo del fotografo non ancora affermato. Comincia a pensare se assume la giusta postura, se tiene la macchina nel modo corretto e, soprattutto, se veste in maniera consona….così si dimentica pure la regola dei terzi e gli vengon male le foto.

      Almeno, questo è quello che ho pensato io 😀

    28. Paolo ha detto:

      Mah….. la nuova moda e fotografare come Steve Mccurry che preme il tastino della sua Nikon D3qualcosa con la manina sinistra, il futuro sara fotografare come Massimo Vitali, con quegli accrocchi grossi e molto manegevoli. Buone foto a tutti

    29. Piernicola ha detto:

      si ma il fotografo che ha fotografato il fotografo che fotografava come stava vestito?

    30. Piernicola ha detto:

      Comunque Settimio intende dire che non conta tanto l’abbigliamento in se ma il fatot che l’abbigliamento ‘giusto’ in riferimento al contesto in cui si lavora ti permette poi di poter pensare solo alla foto che stia facendo, senza doverti preoccupare del freddo se hai vestiti troppo leggeri e sei in Alaska, del caldo se gli hia troppo pesanti e sei in Arrica, o degl indios che ti centrano in pieno petto con le cerbottane inbecute di belladonna se ti sei vestito troppo appariscente nella foresta amazzonica. Giusto perchè ogni 5 post pieni di cazzate che scrivo ve ne regalo uno serio e illuminato

    31. sara ha detto:

      secondo me gli scappava la pipì, con quel freddo…

    32. paolo ha detto:

      scusa tutti sti giri di parole per dire che quando fa freddo bisogna coprirsi e quando fa caldo va bene la maglietta??
      ma cosa centra la fotografia , i fotografi la qualita’ delle immagini ? anche uno che pulisce i tombini se il 3 di dicembre lavora con il gessato e le scarpette di vernice pensi che non fara’ esattamente bene quello che deve fare e allora?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *