MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 16 ottobre 2013

    IMPERIA-MILANO

    circa trent’anni fa, in questo periodo, partivo da imperia direzione milano.

    ho pensato a lungo su come celebrare questa ricorrenza: ci tenevo a farlo, questo cambio di orizzonti/esperienze/amicizie/vita è stato per me fondamentale, nonostante senta le mie origini costantemente dentro me.

    volevo fare qualcosa che fosse per me nuovo, che fosse una sfida, dove ci fossi io, ma l’esserci mi costasse fatica e quasi dolore. e dove, ovviamente ci fossero imperia e milano.

    ad un certo punto, quest’estate, mi è venuta l’idea. o meglio, come dice TT, ho trovato quell’atteggiamento attraverso il quale rapportarmi a imperia e a milano e che potesse diventare un’esperienza da raccontare attraverso i miei mezzi.

    ho fatto una cosa che non avevo MAI fatto in vita mia (voi l’avete mai fatto?) e l’ho fatta sia ad imperia che a milano: sono stato fermo immobile per un’ora.

    ad imperia un po’ più in disparte: allora ero così, un po’ in disparte. a milano decisamente più presente e centrato: probabilmente anche troppo.

    questi filmati di un’ora li ho poi compressi in due filmati di 30 secondi.

    dopo la realizzazione di quello di imperia ho scritto questo testo:

    Ieri ho realizzato un servizio al cui ricordo sono scosso ed emozionato ancora adesso. 
     
    Ho vissuto una percezione della visione che ha dilatato il tempo e lo spazio.
    Ho vissuto, sulla mia pelle, un’esperienza sensoriale totalmente nuova, mai provata prima. 
    Ho realizzato un viaggio nel tempo e nello spazio che non reputavo possibile realizzare, soprattutto non drogandomi e non muovendomi. 
    Mi fanno ancora male i muscoli, i miei occhi rivedono ciò che hanno visto, come se avessero visto per la prima volta, la mia mente rincorre le immagini e le sensazioni, che non riesco nitidamente e definitivamente mettere a fuoco, alternando il vissuto con l’immaginato. 
    Mi è stato possibile vedere nitidamente senza essere visto, pur essendo concretamente presente nel reale in cui ero immerso: ero talmente visibile da diventare invisibile. 
     
    I 28 giga realizzati in un’ora riposano ancora nelle schede, non ho visto nulla. 
    Chissà se il risultato finale mi permetterá di condividere ciò che ho vissuto. 
    Chissá se tutto funzionerá. 
    Da un lato spero di si, dall’altro mi interessa poco. Quei file sono come testimoni di un delitto: il fatto che esistano i testimoni rendono il delitto denunciabile, ma senza testimoni il delitto non sparisce, continua ad esistere. 
    Nei miei workshop dico spesso che in un servizio deve “succedere qualcosa”: ieri è successo qualcosa. Questo conta. Che poi la macchina digitale ne abbia imagazzinato le prove è solo una (auspicabile!) conseguenza.
     
    Non posso e non voglio dire di più, per ora. 

    ecco i due filmati:

     

     

    grazie a Federico Ramella per l’aiuto ad Imperia.

    Tag:

    1. Armando ha detto:

      Con tutti gli uomini-statua che ci sono in corso Vittorio Emanuele, tu eri la più irreale… nessuno ti ha messo qualche centesimo nel cappello?

    2. Herbert ha detto:

      30 anni in un minuto sembra quasi banale, ma tu hai una capacità comunicativa strepitosa. Non conosco bene Imperia, ma il video di Milano mi fa pensare: persone che ti sfrecciano da tutte le parti e nessuno che si ferma a capire cosa sta succedendo. La solitudine di una grande città. Complimenti e auguri

    3. settimio ha detto:

      Armando stiamo parlando di cose serie, non perdiamo tempo in cazzate.

    4. settimio ha detto:

      @Herbert: grazie

    5. Cristiano ha detto:

      essere soli nella folla non è solo un modo di dire

    6. Mirko ha detto:

      A Milano tutto ruota intorno a te mentre ad Imperia è come se tu facessi parte di quel mondo.

    7. fernando ha detto:

      ….è inquietante come ogni giorno accadono cose da cui sempre siamo esuli, incontri, passi , parole ,vite che si intrecciano…e l’unico modo per viverle paradossalmente , almeno nel loro movimento, è FERMARSI e guardare !
      Sign. Benedusi arriva!…arriva!

    8. Alessandro Burato ha detto:

      Davvero una bella idea… Toscani ha detto “non basta avere idee per essere un artista, si devono REALIZZARE — tutti hanno delle idee, metterle in pratica fa la differenza”.
      Ecco, immagino che essere stato te in quelle due ore in luoghi così differenti mi sarebbe piaciuto. Non so se ce l’avrei fatta a rimanere pressoché immobile, non solo per limiti fisici ma anche per …boh, imbarazzo? Senso di nudità assoluta di fronte a tutto e tutti? Probabilmente qualcuno ti ha riconosciuto, ha provato a interagire con te, come hai reagito se è successo? Perché anche quello faceva parte della “performance” no? Quando ti piazzi immobile in mezzo a una folla in movimento, quanto riesci a preservare quella immobilità?
      Molto, molto, molto interessante Settimio, chapeau.

    9. vilma ha detto:

      Nel 1952 John Cage compone un pezzo musicale in tre movimenti (30 secondi, 2 minuti e 23 secondi,1 minuto e 40 secondi) che si intitola 4′33″ (Quattro minuti, trentatré secondi), l’esecuzione prevede che per tutta la durata del brano non suoni nessuno. Contemporaneamente Robert Rauschenberg realizza le sue tele monocrome, una tutta bianca, una tutta nera.
      Un musicista che ‘ascolta’ il silenzio, un pittore che ‘guarda’ il nulla, la rinuncia a qualsiasi intenzione, un viaggio alle radici del senso (della musica, della pittura, e perché no?, della fotografia).
      Questo mi ha fatto venire in mente la tua performance.

    10. Stefano ha detto:

      Io che sono più rimbambito degli altri, ho dovuto guardare due volte il video di Imperia per capire…

      Bella invece l’autocritica sulla presenza, complimenti.

    11. Margherita ha detto:

      Io ho vissuto una simile esperienza. Quasi al contrario.
      Organizzarono un evento qui nella mia zona, una performance live, dove due artisti mi avrebbero ritratta in topless il tutto accompagnato da un tipo matto come un cavallo e bravissimo che suonava e cantava.. e questa sarebbe stata l’attrattiva della serata.
      Stetti quasi immobile (totalmente immobile era impossibile) per due ore e mezza.
      Dopo un po’ di tempo che si sta fermi si è assaliti dalle sensazioni..all’inizio osservi molto bene quello che hai intorno, dopo un po’ la percezione cambia..ti concentri sui suoni, sul tuo corpo, sulle piccole sensazioni, escludi quasi tutto il resto..senti un sacco di cose che solitamente non sentiresti e quello che ti circonda cambia aspetto e queste sensazioni accompagnate dalla musica furono ancor più amplificate.
      A fine serata mi sentivo ubriaca, ma ubriaca di niente.

      Ricevetti tantissimi complimenti..e se ci si pensa sembra così stupido ricevere dei complimenti per non aver praticamente fatto nulla, solo per esser stata immobile..ma è veramente dura come prova sia fisicamente che mentalmente..quindi per un certo verso capisco cosa hai provato, anche se non avevo l’indifferenza della gente intorno..ma la percezione, credo di capirla.

    12. Stefano Landi ha detto:

      Geniale ! Potente come messaggio e come emozione che trasmette, provocatorio ma allo stesso tempo intimo. Il confronto con gli altri e la ricerca di se attraverso un atto di per se banale, essere presenti, ma non così scontato come percezione e come confronto con ciò che ci circonda. Una performance che ritengo sia nata come esperimento ma che ti abbia lasciato molto di più del ricordo fisico. I mie complimenti !

    13. emanuele ha detto:

      dal mare di imperia al mare di milano, questa é comunicazione, forse pìù che il fotografo dovresti fare il pubblicitario

    14. Sophie ha detto:

      Mi fa pensare alla performance “the artist is present” di Marina Abramovic al Moma che per più di 2 mesi durante una retrospettiva a lei dedicata, era lì presente nel museo, tutti i giorni, dall’apertura alla chiusura, seduta faccia a faccia con i visitatori che lo desideravano. Alla fine la presenza qui e ora senza distrazioni e con tanta concentrazione , di un artista, una modella, una persona! .. è la cosa più bella, così semplice ma così difficile da raggiungere.
      Sophie

    Lascia il tuo commento