WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 20 Settembre 2010

    ANALOGICO VS DIGITALE

    In all honesty I would have other things to write about and other things to talk about. But, inevitably, the messing around is part of me in a way that is necessary. So I want to show you something.

    In this day and age of which we think of it as hyper technologic, where you cannot be without the internet, computer, where the newspapers an magazines are read on an ipad, were power is measured in byte and were (we presume!) anyone has at home and above all in the office a personal computer with a decent printer.. In this world of the year two thousand (fuck, we are in the year two thousand!!!) there is someone (in milan!) that sends tiny letters like the one below, which I found in my post box just a week ago:

    1. roberto ha detto:

      Io lo chiamerei!

    2. Matteo ha detto:

      Non rinuncerei per nulla al mondo la possibilita’ di conoscere uno che nel 2010 manda una lettera di lavoro manoscritta, sicuramente e’ un tizio interessante. O per lo meno sa come attirare l’attenzione. Ritiro tutto se la lettera e’ solo una fotocopia.

      P.S.: il margine sinistro che progressivamente aumenta mi fa impazzire, dammi il numero, lo chiamo io!

    3. Antonio ha detto:

      A me pare una dichiarazione d’amore…!?

    4. Bruko ha detto:

      Io adoro le lettere manoscritte, anche se diffido di chiunque usi lo stampatello maiuscolo (aggravato dall’uso del righello per scrivere dritto) e di chi usa le virgole con tanta violenza 🙂

    5. Max Bertoli ha detto:

      L’avrà scritta lui? Le virgole le ha messe dopo? Bisognerebbe indagare!!

      Ciao

    6. Matteo Oriani ha detto:

      Sicuramente intrigante e quasi sicuramente un tentativo di truffa.
      Mi manca un elemento, però, per elaborare un’analisi completa. Vedo della graffette come se ci fosse un biglietto pinzato sul retro. Cosa c’è? Provo comunque a fare la mia analisi.

      1) Quello che ci attira è la scrittura a mano. Ma perché è scritta a mano? Avrebbe un senso se fosse scritta su una carta raffinata, con le cifre del mittente, e con una elegante scrittura in corsivo con un inchiostro speciale. Non mi sembra così. Si riesce a fare qualcosa di più personale ed elegante con il computer o con una Valentine. E allora, a quale pro scrivere (male) a mano? E’ solo un furbo tentativo di attirare l’attenzione.
      2) Esteticamente btuttissima: stampatello maiuscolo, righello per andare dritti, virgole pesanti, “a capo” storti……
      3) Avrebbe senso scrivere a mano se ci fosse almeno l’apparenza che la lettera sia scritta veramente a te. E invece non dice: Gentile/egregio/caro signor Benedusi. No: comincia così, di botto. Brutto. Non c’è nessun tentativo di farla sembrare confidenziale.
      4) Perché non scrive il nome della compagnia? Avresti la possibilità di fare un veloce controllo su internet della reale esistenza o affidabilità della compagnia. Se non lo scrive ci dev’essere un motivo. Quale?
      5) Il signor Gian/ si presenta come agente, ma nell’ “intestazione” c’è scritto Broker. C’è una differenza sostanziale.
      6) Una lettera di presentazione deve essere grammaticamente e sintatticamente corretta, anche se scritta da un assicuratore. Ci sono brutti/strani errori:
      • Italo¬_tedesca è con l’underscore. Sarebbe più naturale scrivere Italo-tedesca.
      • “qualsiasi preventivo di polizze”: errore. Singolare/plurale
      • Preventivo è una ripetizione fastidiosa. Si possono (devono) usare sinonimi come offerta, proposta.
      • Saluta due volte. Una volta con l’odioso distinti e la seconda con il più elegante cordiali. Sembra un errore banale, ma ricordiamoci che è una lettera che dovrebbe essere quasi perfetta. Sembra scritta da un coatto che cerca di essere evoluto.
      • Dopo aver salutato (cordiali e distinti) termina con un bel “in fede”

      E da ultimo: è un linguaggio troppo viscido, falsamente gentile, compiacente.
      Insomma io credo che sia il tentativo di attirare qualcuno che si faccia abbindolare e stipuli una polizza inesistente con una compagnia fantasma. Lui ringrazia, saluta cordialmete, incassa e se ne va.

    7. Nicola ha detto:

      A me sembra il tentativo maldestro e genuino di una persona che non sa come approcciarsi. Condivido l’analisi fatta da Matteo, meno sulla sua interpretazione finale, credo siano errori in buona fede. L’idea di attirare l’attenzione poi mi sembra troppo: una persona che scrive una lettera a mano, con quegli errori, con quella sintassi, senza presentare se stesso e chi rappresenta ed indirizzarla a Settimio Benedusi corre il grosso rischio di non essere considerato, e se il nostro agente sa minimamente chi è Settimio Benedusi un rischio così non lo corre. Ammetto però che quelle virgole mi spaventano.

      P.s. A nessun altri è venuto il dubbio che non sia italiano?

    8. Claudio Rizzolo ha detto:

      Questa persona non ha proprio capito in che mondo viviamo…
      – Le graffette sono come un sigillo: cioé per aprire la lettera devi come “romperla” (probabilmente non era nemmeno dentro una busta), credo che servano solo a tenerla chiusa.
      – Ha ragione Matteo quando dice che, se veramente vuoi fare una lettera scritta a mano per darle un’aria piú “personale”, almeno sforzati di scriverla come si deve.
      – Oggi la credibilitá non la dai con righe scritte a mano: servono design, credenziali, pagine internet, indirizzi, nomi… questa lettera mi sembra una clamorosa stronzata.

      Conclusione: hai un pezzo di carta in più per tener ferma la gamba del tavolo…

    9. Luca ha detto:

      Ciao,

      questa lettera mi ricorda di una “stampante” che ho visto in una fiera, l’ho guardata con molto stupore perché era capace di tenere in mano una stilografica e di scrivere/stampare introducendo anomalie ( come un margine sempre più interno o come la dimensione del testo sempre più piccola).

      Insomma una sorta di digitale che imita l’analogico per distinguersi e farsi notare.
      (con sucesso anchre se non so quanto positivamente.)

      Luca

    10. Manuela Cigliutti ha detto:

      il fatto che abbia messo il righello per scrivere in linea ma abbia però “appiattito” nella parte bassa tutte le lettere denota una forte forte insicurezza. Ma poi, di che azienda assicurativa parla? per chi lavora? è una super truffissima. Però lo chiamerei per convincerlo a farsi fare un bel reportage fotografico (lasciandolo anonimo) che chiamerei : il mago della truffa (come si tira a campare truffando gli altri)

    11. Giampiero ha detto:

      Magari, è avanti con l’ età e non sa/vuole usare un PC.
      Per fare preventivi basta un pallottoliere oppure un foglio ed una penna ;=)
      I Cinesi ci vanno avanti da millenni, con grande maestria.

    12. Andrea Basile ha detto:

      sarà, ma graficamente la trovo un pezzo da museo, bellissima se collocta appunto nel nostro spazio/tempo.

      poi del resto non commento, non ho voce in capitolo

    13. Barbara ha detto:

      io non scrivo una lettera a mano da anni, ma per contattare un cliente che non aveva e-mail ho mandato una bella letterina…. beh, ci ho lavorato e ancora ci lavoro con questo cliente. La lettera ha dato un calore umano che lui ha apprezzato molto. Si sa mai nella vita… 🙂

    14. Maria ha detto:

      …mamma mia che analisi… magari é solo un povero cristo che cerca di sbarcare il lunario esaurito e con famiglia alle spalle a cui gli si é rotta la stampantina…

      pensa… in un mondo che gira sul net e scrive con il computer e stampa con stampantine del “cazzo” scusatemi l’espressione vedere una lettera scritta a mano la trovo affascinante… trovo una cosa molto personale…
      anche una lettera commerciale con errori di ortografia a me colpisce…

      che noia le cose perfette…
      Nel manuale che cito’ qualche tempo fa il maestro Thorimbert “L’errore fotografico (the photographic error)” By Clement Cheroux. A very good manual of “wrong” photography” lessi che c’erano persone che collezionavano le foto errate e lo trovai affascinante…

      nell’appiattimento completo del tutto uguale e perfetto chi si differenzia in qualche modo con qualcosa di molto personale a me piace… siccome so bene cosa é la partita doppia e tutto cio’ che deve essere perfetto per me é quasi una necessita’ fare errori ed essere libera di fare cio’ che desidero
      e chi se ne strafotte se piace la mia calligrafia o meno…
      bisogna chiedere il permesso anche pure per andare al bagno, cercare l’approvazione degli altri a tutti i costi…

      che noia…. che bello essere liberi e lasciare gli altri liberi di esprimersi e fare i cavolacci loro…. anche di scrivere una lettera commerciale a mano nell’era digitale…

      bando alle analisi…. in bagno andiamo tutti nella stessa maniera oppure bisogna analizzare anche come ci sediamo sulla tazza del gabinetto… qualora ci si sieda naturalmente!…sulla destra é un pervertito e sulla sinistra é normale o viceversa…

      oggi giornata molto no… viva la liberta’
      ah… Leonardo scriveva al contrario era un pazzo un pervertito o cosa?

    15. Claudio Rizzolo ha detto:

      Io scrivo “dritto” e sono un pervertito lo stesso…

    16. Maria ha detto:

      Claudio, so che sei un pervertito! … ah ah ah…. la foto che compare aprendo il tuo blog al momento sei tu?

    17. Cristian ha detto:

      Bhe…. sinceramente…. a me è apparso subito chiaro perchè può farti polizze assicurative, sicuramente, inferiori alla tua… 😉 Se risparmiano anche sui pc sono a posto !

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *