WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 13 Febbraio 2012

    TPW 2012

    I have already written extensively in the past of what I think about the workshop argument.

    For 2012 my proposal for TPW takes a split.

    Two different paths with very different purposes and intents but both born with the same desire to improve in a practical and concrete way the quality of the photographic projects of the participants:

    –   in Sicily, from the 9th to the 16th of July: HOW

    We will deal with “HOW” to do a photo shoot.

    It will be a very technical course, to try and teach you how to photograph in order to reach the results I obtained on the sets of Sports Illustrated and Sportweek Dreams: how to make the body of a model look sexy and attractive, through the use of technique, lighting, locations, hair and makeup, post production.. In short  everything that is normally used on set of a real and actual photo shoot for a client. The ultimate goal of this workshop is to provide to its participants with detailed technical knowledge to achieve the results of my work done for magazines and catalogues.

    Info here

    – In tuscany, from the 29th of July to the 4th of August: WHY

    We will deal with “WHY” do a photo shoot.

    In these times of great technical and cultural changes, it is absolutely normal to feel disoriented, loose all (or not finding yet!) the stimuli to produce something intimate and original. Often to us photographers happens that we begin in one direction and in the end we find ourselves in the complete opposite. During this process we loose sight of the reason why we got into the world of photography in the first place. Our vision gets hindered by the complexity of our daily lives, loosing the capability to see and we limit ourselves to only watch. This workshop is aimed at photographers with a certain experience, that want to rediscover their vision through a project, as well as novice photographers, that want to start with a fresh mind and free of old stereotypes about the profession as a photographer.

    The ultimate goal of this workshop is for each student to make each student conceptualise a photographic project, totally and completely structured around him/her: his/her feelings, his/her culture, his/her technique and unique view of the world and life.

    Info here

    I have also renewed the workshop page on my website: for the workshop in Tuscany I did not want to use my images but photographs taken by my students. They were much better than mine. Thank you!

    1. LORIS SAMBINELLI ha detto:

      Bella idea Settimio…davvero…
      ho detto cazzo prenoto subito!!!
      vado a vededere il costo e…1700 escluso tutto???
      caspita so che sei tra i più affermati fotografi italiani ma non è un po tantino ???
      va beh scusa la mia uscita ma mi sarebbe tanto piaciuto poter partecipare
      ma aihmè non è alla portata di tutti…
      anzi di pochi!

    2. eccomi ha detto:

      c’è profonda crisi ragazzi …. la pagnotta costa.

    3. Mirko Merchiori ha detto:

      Il ‘come’ è un progetto molto interessante e che sicuramente attrae (come altrettanto sicuramente attrarrà) l’interesse di molti.
      Ritengo, però, che quest’anno l’organizzazione del TPW, pur preservando la qualità che contraddistingue la propria offerta, avrebbe dovuto rivedere il rating di alcuni (se non di tutti) i ws.
      In ogni caso complimenti per l’iniziativa e a color che se la potranno permettere.

    4. Barbara Taurua ha detto:

      Ma non vi vergognate prr nulla a chiedere somme di questa entità presentandovi con un programma del genere?
      Che triste paese è questo….pieno di gonzi e tonni da pescare…..sigh

    5. Giacomo ha detto:

      Settimio sinceramente davvero mi piacerebbe moltissimo partecipare, e sarebbe davvero un bel sacrificio economico per me, come penso per molti altri che vorrebbero farlo! Non so ancora se parteciperò o no, sta di fatto che ho scritto a TPW per avere almeno un programma molto più dettagliato di quello pubblicato sul sito, la cifra essendo molto alta deve essere ragionata anche a fronte di ciò che realmente si farà, e quello che c’è scritto non spiega molto… Spero un giorno di poter “lavorare” ad un workshop con te, in quanto il tuo “PERCHE'” mi attira moltissimo…
      SALUTI, Giacomo

    6. Ferro.27 ha detto:

      Sinceramente non capisco le polemiche sul prezzo: e’ un workshop chiaramente rivolto a professionisti, quindi da intendersi come “corso di formazione”.
      Cercate un qualsiasi corso di CAD, per dire; ha lo stesso ordine di grandezza di prezzo…

    7. herbert ha detto:

      @Barbara taurua mi spieghi cosa ti ha fatto Settimio? I corsi di aggiornamento o formazione costano tanto in tutti i campi. Se fai la fotografa di professione e vuoi essere aggiornata nel tuo lavoro investi, altrimenti … rimani sempre dove sei. Se ti posso dare un consiglio critica il lavoro di Settimio: tecnica, risultato finale, storia, idea, mezzi utilizzati. Non attaccarlo con stronzate 🙂 p.s. non sono l’avvocato di Settimio, mi occupo di marketing ciao

    8. LORIS SAMBINELLI ha detto:

      Le polemiche sul prezzo….perchè sinceramente un professionista in quanto tale non so se gli sia necessario un workshop con Settmio.
      Forse i workshop sono più rivolti ad aspiranti professionisti che non hanno tempo,età, obblighi extra (mutuo) di fare l’assitente a 0 di studio.
      Per imparare o assistente o workshop—
      Quindi già non si ha i soldi per coltivare questa professione e a malapena si riesce a viverne.
      Ci manca solo che un corso costi un botto!!!
      Forse le mie parole sono solo dettate dall’invidia di chi può permetterseli….
      Settimio perchè non dai una borsa di studio per corsi del genere per lavori davvero meritevoli???

    9. Barbara Taurua ha detto:

      Corsi di aggiornamento e formazione?fotografia di professione?Ma di cosa sei parlando Herbert?
      Credi che un professionista non sappia cosa stia facendo con il proprio lavoro?Professionista vuol dire arrivare alla fine del mese con quello che ti rende la tua produzione,vuol dire saper soddisfare le richieste di un cliente,vuol dire tutto quello che questo workshop vorrebbe insegnare.
      Qui in Italia ci sono ogni settimana tonnellate di workshops fatti da gente incompetente,improvvisati come è nella cultura del nostro paese….finchè c’è qualche panno da strizzare….non a caso questo è il paese di Vanna Marchi e Mago di Arcella!!
      Altro che stronzate

    10. Barbara Taurua ha detto:

      Non ho nulla contro Settimio,anzi mi diverte molto passare di qui ogni tanto a leggere i suoi annunci.
      Perchè è davvero divertente poi leggere i commenti così profondi e strabilianti sotto una serie di foto ad una bella ragazza scattate dentro una camera d’albergo piuttosto che un servizio della bella topa su cime innevate….
      Ma scherzate o davvero credete che la Fotografia,quella da imparare ed apprezzare sia quella?
      Ma scherzate quando si esprimono concetti come idee,storie,anima,essenza sotto le foto dello spumante Ferrari?
      Ma di cosa state parlando?
      Ma avete mai visto o scattato una foto d’arte?Quella che ti rimane nei pensieri e se la rivedi dopo 10 anni sai chi l’aveva scattata?Ma avete mai visto un paio di foto di Erwin Olaf piuttosto che Matteo Basilè o Massimo Vitali?
      Ma per piacere,che ognuno rimanga al proprio posto che di confusione ce ne è già molta.
      Saluti cordiali :-))
      Ps si discute eh? Nulla di polemico…

    11. paolo ha detto:

      concordo in pieno…brava

    12. Barbara Taurua ha detto:

      Ora arriverà il puntuale quanto emblematico

      @Barbara Taurua
      Hai perfettamente ragione,ciao.
      Settimio

      :-))

    13. Piernicola ha detto:

      No ragazzi dai non lamentiamoci sempre! Capire che bisogna raccontare una storia (di fiche aperte) vale molto di più di 1.700,00 euro + IVA!

    14. tiziano ha detto:

      da una parte mi sento di dire, che hanno ragione chi si lamenta del prezzo, dall’altra mi sento di dire che in effetti uno capace che insegna va pagato….

      Ma veniamo a punto, Settimio è un bravo fotografo, uno sponsorizzato, uno che ha un seguito, uno che sfrutta la situazione che oggi arrivato in alto giustamente si fa pagare. Lo preferivo anni indietro, oggi lo trovo di un commerciale esagerato, ma forse è quello che chiede il mercato. Oggi lo vedo scattare in modo banale e tutti che fanno “hoooo” mentre se lo avesse fatto dieci anni fa lo avrebbero schifato, Oggi, ogni suo scatto è considerato bello quando in realtà oggi vedo certe cose che scatterebbe anche mio nipote, io sono grato a settimio che anni fa in piena crisi mistica creativa ed economica scrissi una lettera e lui rispose, lo fece in modo serio e li, capii che non era uno che se la tirava, questo lo porto dentro. A breve fece il botto e scalò le vette e oggi se lo può permettere e fa un po come gli pare ci affianca una bella spiegazione ci mette una “storia” e vende, i suoi lavoro alcuni sono usciti dal quore altri escono da portafoglio del resto ce la crisi!!!
      Poi penso ai troppi, giovani che vogliono fare questo mestiere a tutti quelli che fanno comunicazione alle università, a chi fa lo IED o la BAUER, penso che oggi sia difficile più di ieri, che oggi fotografare è una cosa comune a tutti e che troppi non dentro ai lavori pensano che chi ci vive sia facile. Per arrivare servono davvero questi workshop? io ne feci uno nel 93 con Toscani lo vinsi a un concorso di fotografia con tutti fotografi, e io dico si, serve ma non vale quelloc he costa, ci si arriva lo stesso a certe filosofie magari con strade piu lunghe ma ci si arriva… Poi come tutto del resto un worksho seguito con un maestro che dedica del tempo ha il suo prezzo. 1700 euro dividilo per tre o 4 gg chiama un idraulico a casa per le stesse ore e forse ti costa di più…

    15. Niccolò Chimenti ha detto:

      Posso dire di essere pietrificato dal vedere una MIA fotografia sulla TUA pagina del tpw2012?? O.o

    16. Francesca Stella ha detto:

      Ecco, lo faccio anche quest’anno il mio intervento sul TPW. Due anni fa ho frequentato il ws di Settimio e mentre ero lì ne ho scritto un piccolo diario. Lo scorso anno l’ho raccontato di nuovo, in maniera organica, nel post che Settimio aveva scritto e che potete rileggere tutti. Quello che io racconto è quello che succede là dentro, naturalmente per come l’ho vissuto io. L’estate scorsa ho fatto un TPW con Anders Petersen, un fotografo e un uomo straordinario che porterò sempre nel cuore. Quest’anno per me sarà la volta di Michael Ackerman. No, non ho vinto alla lotteria, e nemmeno mi crescono i soldi sugli alberi. Risparmio sulle stronzate e accumulo quel gruzzolo piano piano e volentieri, perchè quelle che ho vissuto al TPW negli ultimi due anni sono state tra le più interessanti esperienze che abbia mai fatto in vita mia. Ogni volta che torno a casa mi dico “sono stati i soldi meglio spesi dell’anno”.
      Vediamo di capire un paio di cose, anche per rispondere a dei commenti che sono stati fatti qua sopra: innanzitutto, il TPW non è un corso di aggiornamento. Non è neanche una cosa rivolta per forza di cose ai professionisti (io non lo sono e non lo sono nemmeno tanti altri che vi ho conosciuto). Il TPW è una settimana di full immersion nella fotografia, ma soprattutto in se stessi. E’ un momento di ricerca personale profonda, che rilascia i suoi effetti sul lungo termine – ci vogliono mesi e mesi per metabolizzare tutto quello che emerge durante quell’esperienza. Certo, dipende da come uno la vive, se uno va a fare il ws di Settimio per fotografare una bella figa è ovvio che non ha capito nulla. Il TPW è un incontro con grandi fotografi – non è che uno fa un corso con uno solo e sta chiuso in una campana di vetro… incontra anche tutti gli altri, ha l’opportunità di parlarci (e non solo con gli insegnanti, ma anche con gli altri partecipanti nonchè gli assistenti) – ma è soprattutto un incontro con una parte di se stessi che non si conosceva. Se tutto questo non vi interessa e se non siete pronti a farvi tremare la terra sotto i piedi, non fatelo. Avete ragione voi. Altrimenti, iniziate a risparmiare e andateci, non ve ne pentirete.

      Ps nessuno mi paga per dire ‘ste cose, tanto per anticipare il commento che sicuramente arriverà da alcuni

    17. settimio ha detto:

      @Niccolò
      è giusto e doveroso che sia così! Il tuo è stato un lavoro di rara bellezza ed intensità.

      approfitto della circostanza: sarebbe forse interessante volessi raccontare la tua esperienza al TPW.
      NON per dire che è una cosa super figa (basta ed avanza la Stella…grazie!) ma per raccontare a chi non c’è mai stato cos’è. potrebbe essere utile a molti. 😉

    18. luino ha detto:

      quello che nessun fotografo “di successo” vi racconterà mai in nessun workshop è COME è arrivato al “successo”.
      non vi parleranno di nepotismi, amicizie altolocate, maneggi, conoscenze, raccomandazioni vi faranno credere di essere dei geni e di valere 1700eu per un workshop

    19. piernicola ha detto:

      la cosa bella è che sti WS sono rivolti a fotoamatori, fotoamatori evoluti, professionsiti, studenti di fotografia… praticamente a tutti quelli che pagano, cioè ma non riuscite davvero a vergognarvi?!?!?!!?!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *