WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 1 Aprile 2009

    ponte dei sospiri venezia

    i get angry for the nepotism in the fashion world (when it’s in the hospitals or in the universities, even worst…)
    And the packaging they’ve done in milan with porta romana.. But this one beats them all! Thanks to luca soffri’s blog http://www.wittgenstein.it I found out, as you can see above here, that the ponte dei sospiri in venice (which is that little thing in the middle of the photograph) is having a worst time.

    Shame on you!
    We are really a population of dickheads.
    But it is our fault, only ours. Because we are dickheads, ignorant and because of this we are accomplices.
    Actually I would try to take a little step forward: the fashion world, of the hospitals and of the universities is the triumph of nepotism and it is public through the total destruction for a simple fact. Because I, settimio benedusi, am I dickhead ignorant and nepotist, lover of power and the use of every single nefariousness to obtain maximum, at other’s expense.
    Is this perhaps the very first step to hope that things will change?
    The entire body is sick because its core is sick.
    We are not spectators, we are also always actors.
    And accomplices. Always accomplices…

    1. Luca ha detto:

      Caro Settimio, hai perfettamente ragione: condivido molti dei tuoi pensieri che leggo qui sul blog. L’Italia è sempre di più un paese di raccomandati, dove non c’è più meritocrazia. Purtroppo dopo anni di nepotismo e raccomandati vari, i risultati si vedono: la qualità nell’ambito artistico (e non solo) è sempre più scadente, salvo eccezioni di quei pochi sopravvissuti che oltre alla capacità, la professionalità ed il talento, hanno dovuto per forza di cose, con immensa tenacia e perseveranza, sviluppare anche grandi capacità comunicative, di marketing e di commercio (nonchè qualche centimetro di pelo folto sullo stomaco…) Purtroppo, anche loro, me compreso, ci si è dovuto in qualche modo adattare ad un sistema malato e sottostare al gioco sporco, cercando di sporcarsi il meno possibile. Ma se una meravigiosa nobile e limpida cellula vive dentro un corpo fatto di merda non diventa anche lei uno stronzo? E la soluzione qual’è? Andarsene. Andarsene belli lontani, in paesi dove hanno magari altri difetti ma che almeno sono aperti a nuove idee e che premiano l’impegno e gli sforzi di chi si applica veramente con professionalità. La famosa fuga di cervelli e di talenti… E la beffa sai qual’è? Che quando questi italiani, ormai cittadini del mondo, hanno successo lì, improvvisamente diventano il fiore all’occhiello dell’Italia, in quanto comunque “italiani”. Ma chi rimane, hai ragione tu, è complice; sia come spettatore che come attore. Anche se, te lo devo dire: la mia fidanzata è attrice….. poveri loro!…Ce la passiamo meglio noi fotografi!!!

    2. Renato ha detto:

      …Settimo io te l’avevo gia’ buttata lì tempo fa’…fai politica…facciamo politica.
      Tutti dobbiamo farla, e la politica si fa tutti i giorni in ogni luogo ed ogniuno nel proprio mestiere.
      Ieri sera c’era Beppe Grillo ad Exit,in tv, alle nove di sera…erano anni, a parte una veloce comparsata a Sky tg 24 di qualche settimana fa, che Grillo non compariva in tv.
      Io penso che questo sia un segnale positivo.
      Al di la’ che si condividano o meno le battaglie di Grillo penso che su una cosa nessuna possa dire niente, la trasparenza e la reale voglia di fare qualcosa per il paese in modo onesto ed utilizzando gli strumenti a disposizione dei cittadini, quella è incontestabile.
      Io seguo un po’ il blog di Grillo e so che si stanno formano “liste civiche” un po’ in tutti i comuni…beh a Milano ancora nulla!Con questo strumento penso che si possa, forse, fare qualcosa ed infiltrarsi in questo sistema malato andando a curare e sanare proprio le cellule…una sorta di trapianto di cellule servirebbe ed essendo le cellule l’unita’ base degli organismi è necessaria la sostituzione.
      Se un comico puo’ fare queste cose perchè non un fotografo 😉 ?
      I penso che gli artisti possano cambiare il mondo perchè l’arte è uno strumento divino.
      Facciamo un bel partito o lista civica di fotografi, architetti, musicisti…
      Facciamo un manifesto…come i futuristi!
      Che cosa abbiamo da perdere in fondo?…molti di noi per la crisi pare pure che non abbiano un cazzo da fare
      🙂

    3. silvia ha detto:

      Il ponte dei Sospiri che agonizza in quel modo è un chiaro segno di come la nostra società si stia accartocciando su se stessa.
      E’ evidente e non lo si può negare.
      Lo vediamo tutti, ogni giorno, come sia solo il mercato ormai a dettare le regole (scellerate) e a gestire di fatto la vita collettiva.
      Nessuno fa nulla perché è proprio sull’immobilità, l’individualismo, l’indifferenza e la disillusione di fondo, che pone le sue solide fondamenta questo tipo di società del consumo.

      …Il mondo rantola, ma la gente sembra che non se ne accorga…

    4. Matteo ha detto:

      un mio amico mi ha detto che l’unica volta che ha visto Venezia senza nessun cartellone e’ stato a Las Vegas…

    5. Benedusi ha detto:

      l’amico di matteo che dice che l’unica volta che ha visto venezia senza cartelloni pubblicitari è stato a las vegas è semplicemente geniale.

    6. mattia ha detto:

      leggendo da molto tempo questo blog
      conosco la tua forte passione per Vinicio
      e mi permetto di consigliarti un artista altrettanto bravo …

      poco tempo fa ho avuto la fortuna di fotografare
      un cantante della mia città … Correggio.
      non si tratta come al solito di Ligabue
      ma di Frankie Magellano.
      non è famoso, e credo non lo diventerà mai !
      non si trovano i suo dischi sugli scaffali dei negozi
      (gli spaccia i concerti)
      ma si può ammirare qualche suo video su youtube
      è bravo …
      cazzo se è bravo …
      merita più successo,
      e mi ricorda tantissimo Capossela …
      senza esserne la copia.

    7. Matteo ha detto:

      beh, lo scambio di battute era stato un po’ diverso: mi stava facendo vedere le foto del viaggio di nozze tra cui quelle della ricostruzione di venezia a las vegas e io ho detto: “cacchio che tristezza pero’!” e lui “beh in realta’ e’ la prima volta che l’ho vista tutta senza cartelloni pubblicitari…”

    8. Ercole ha detto:

      L’Amore, per una donna è un moto dell’animo decisamente irrazionale ed è forse, proprio per questo, che è il linguaggio preferito dai poeti. A tutti noi, o quantomeno ai più fortunati di noi, sarà sicuramente capitato di dire “Perché proprio lei o lui?”. E te la inquadri nella sua falsità, nella sua ignoranza, nella sua meschinità e in tutta la pochezza del tuo essere. Ma questo equilibrismo della ragione non serve a nulla proprio perché tale, è una battaglia persa. Tutto va a farsi fottere quando la incontri e i neuroni si scatenano, la tempesta emotiva ti travolge. Se non fosse lei sarebbe bello lasciarsi andare.

    9. Benedusi ha detto:

      grazie mattia!
      in effetti non è niente male…

    10. Valeria ha detto:

      Accidenti quanto è vero. Le nostre scelte estetiche (o la nostra accettazione di certe scelte estetiche) ci rendono complici e partecipi del sistema culturale che partorisce quelle scelte estetiche.
      Grave errore, quello di pensare che le cose importanti siano “ben altre”, come direbbe qualcuno.

    11. aleuname ha detto:

      Questa canzone e’ stupenda… il mio fidanzato me l’ha fatta ascoltare in una notte di pioggia ininterrotta… grandissimo Vinicio!

    12. Giancarlo ha detto:

      Ho visto il concerto di Vinicio ieri sera al Sistina di Roma. E’ stato strepitoso..davvero qualcosa più di un concerto. Non mi piace incensare le persone (tra l’altro quelle che già lo sono) ma questa volta mi scappa proprio.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *