WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 17 Maggio 2011

    SPORTWEEK DREAMS MODEL PORTRAITS

    In the current issue (and it will be on the shelves till Saturday) of sportweek dreams dedicated entirely to swimwear, besides the “conventional” images of the swimwear I felt like creating, for each model, a shot that could be used, as in fact it was done, for the model sheet, so that it would tell her story with more freely and (I apologise for the bad word) more artistically.

    I also tried to take images that could sum up the ways and styles which I used for each model.

    The theme for Maja’s shoot was the sea, so I liked the idea that her symbolic photograph would be under water at night, using the floodlights of a huge yacht moored in the port. We shot it with a G12 in a waterproof case.

    Natalia’s “conventional” photographs instead are taken amongst rocks. For her symbolic image I wanted to exaggerate even more that spirit, taking the shot where she somehow would blend and camouflage in the midst of rocks:

    Linda was photographed with the swimwear exasperatedly against the sun: the same spirit in her portrait.

    Dayane was shot in the same editorial inside a villa, therefore I took her portrait inside the swimming pool:

    I would like to add something to this last image, which I do find interesting:

    When I finally got home I started looking at it again and again. It reminded me of something. I could not remember what though. And then it strike me!

    I pulled out some boxes with my very old prints and I found this image, taken when I was eighteen years old in Imperia, developed, printed and toned by me:

    I like the idea of putting them close to each other, if you think that thirty two years have gone by…

    1. Stefano ha detto:

      bhe 30 anni di bravura, complimenti (anche se mi rendo conto di essere noioso, sempre complimenti faccio, però mi piace davvero il modo di fare foto di Settimio Benedusi)

    2. Alex ha detto:

      Trovo la foto di linda un capolavoro, al di la’ della tecnica che si da’ per scontata, il momento colto e’ a mio parere fantastico, vedere la foto nel contesto delle altre e’ uno stimolo a crescere fotograficamente….vorrei capirne di piu’ ….e’ per questo che sto cercando di liberarmi per il tpw.

    3. Fra ha detto:

      Bellissima Maya, che sembra proprio un pesce, un tutt’uno con l’elemento marino. Natalia è molto Benedusi style 😉 Ma Linda?! PARLIAMONE!!! Fantastica. Per quanto riguarda il fatto di ritrovare tracce del tuo passato nelle tue foto attuali, mi sembra che non sia la prima volta che ci mostri degli interessanti parallelismi: noi siamo le nostre foto, in ogni tempo 🙂

    4. Fra ha detto:

      Bellissima Maya, che sembra proprio un pesce, un tutt’uno con l’elemento marino. Natalia è molto Benedusi style 😉 Ma Linda?! PARLIAMONE!!! Fantastica. Per quanto riguarda il fatto di ritrovare tracce del tuo passato nelle tue foto attuali, mi sembra che non sia la prima volta che ci mostri degli interessanti parallelismi: noi siamo le nostre foto, in ogni tempo 🙂

    5. Francesco Francia ha detto:

      Sono letteralmente affascinato Settimio. Scatti emozionanti e atmosfere che ti avvolgono.
      Francesco

    6. Emerenziana ha detto:

      Penso che foto come queste oltre che un un’espressione artistica siano anche un atto d’amore nei confronti di “persone” che di mestiere fanno le modelle. Bravo Settimio sei molto generoso …

    7. Matteo Oriani ha detto:

      Mi sembra di aver giá trattato l’argomento “acqua” in altri tuoi post, ma ho deciso di ripetermi.
      Nell’analisi secondo Carl Gustav Jung (Kesswil, 26 luglio 1875 – Küsnacht, 6 giugno 1961), c’è un elemento fondamentale nella introspezione dell’inconscio attraverso il sogno: l’acqua. L’acqua fa parte di quelli che Jung definisce archetipi dell’inconscio collettivo, cioè tutti quei simboli che sono comuni a tutti i popoli di tutte le culture. Se guardiamo in uno specchio d’acqua vediamo la nostra immagine riflessa. Ma quell’immagine è solo la maschera che mostriamo al mondo, dietro la maschera, e cioè nell’acqua, nel profondo dell’acqua, c’è il nostro vero essere: il nostro subconscio. Per affrontare il subconscio, per guardare dentro l’acqua, ci vuole un grande coraggio e molta fatica. I sogni ci aiutano a entrare nell’acqua e a conoscere noi stessi mettendoci al cospetto del nostro subconscio. Spesso questa introspezione fa un male della madonna, ma serve perchè funziona. Noi tutti abbiamo sognato distese d’acqua: mare, lago, piscina, fiume. L’acqua può essere trasparente, tumultuosa, torbida, popolata di pesci gentili e variopinti o mostri orrendi. Addirittura si può sognare di essere sul trampolino di una piscina o in cima ad una scogliera a picco sul mare e desiderare di buttarsi in acqua o sentirsi obbligati a farlo. Può diventare un sogno ricorrente, non ci si butta mai, l’acqua è minacciosa una volta, fredda un’altra volta, e non ci si butta mai, notte dopo notte. E poi un bel giorno, anzi una bella notte, ci si butta, si prova l’ebbrezza del tuffo e ci si immerge in acque accoglienti perchè finalmete diventate invitanti. Il percorso analitico comincia a funzionare e si cresce, si diventa più forti e migliori in una parola consapevoli. Può capitare di sognare uno specchio d’acqua con creature misteriose che popolano i fondali e voler pescare. Magari non si riconoscono quegli nimali e si prova timore, ma anche curiositá e una sorta di attrazione. Ma quando l’acqua finalmente l’acqua diventa limpida, si vede il fondo, si riconoscono le creature che la popolano, allora si è in pace con se stessi si è forti, pronti ad affrontare la vita. Consapevoli, appunto.
      Proviamo adesso, per gioco, a paragonare le fotografie ai sogni ed ecco che si potrebbe dire: le fotografie non vengono mai per caso. Nella “vecchia” foto, il corpo della ragazza è abbastanza distorto dall’effetto dell’acqua, i contorni non sono ben riconoscibili, non si potrebbe riconoscerene con certezza l’identitá. C’è come una mancanza di equilibrio. La foto di oggi è limpidissima, armoniosa, trasmette leggerezza e grande equilibrio. Non è interessante, a questo punto, giudicare quale foto sia più “bella”, ma se ne può leggere un’interpretazione più profonda”, appunto. Per non fermarsi ad un giudizio puramente estetico. Comunque, belle foto!

    8. settimio ha detto:

      Matteo sei grande!
      xxx

    9. Anna ha detto:

      Un post “amarcord”

    10. Claudio ha detto:

      Ricollegandomi al prezioso contributo di Matteo a proposito di Jung e osservando le due foto di Settimio non ho potuto fare a meno di ricollegarle ad un’altra fotografia, scattata però da Franco Fontana nel 1984 dal titolo Swimming pool. L’analisi di Matteo dal punto di vista psicologico è molto interessante e, da parte mia, vorrei aggiungere però qualcosa sull’aspetto puramente estetico. Gli archetipi dell’inconscio collettivo sono immagini primordiali che abitano in ogni uomo e hanno la capacità di svincolarsi prepotentemente dalla coscienza, per questo possono essere ascritti all’interno di quello che Jung chiama la notte dell’ indifferenziato. Il rapporto che l’uomo ha con l’indifferenzaito è ambiguo, da un lato ne siamo attratti perché affascinati dalla nostraorigine, dall’altro lo temiamo perché l’indifferenziato possiede la forza del caos che avendo una potenza latente ben superiore a quella della ragione mina la nostra certezza di essere sani.
      Quegli archetipi e quelle forme sembrano quindi possedere una vita propria e si impadroniscono della nostra ragione creando in noi al contempo uno stato di soddisfazione e turbamento.
      Ecco allora che mi assale un dubbio, se ci fosse veramente un mondo di immagini platoniche capaci di visitarci ed assalirci, nostro malgrado, quando le barriere della ragione si fanno cedevoli ha ancora senso parlare dell’autorialità nelle arti visive? Oppure, il migliore artista è colui che riesce a dare la migliore forma alle immagini del nostro inconscio collettivo? Che cosa è allora l’originalità dello sguardo?
      Un gioco interessante potrebbe essere quello di scovare il maggior numero di immagini che ritraggono donne nude a pelo d’acqua.

      Un caro saluto a tutti

    11. settimio ha detto:

      ammazza che utenti intellettuali che ho!
      😉

    12. Matteo Oriani ha detto:

      Te vist? (in milanese: hai visto?) tu metti lì un paio di donnine biotte e guarda un pò cosa ti salta fuori! 😉

    13. Claudio ha detto:

      E’ che in questi tempi bui l’ispirazione la puoi trovare con le donnine e solo se ben fotografate, del resto è sufficiente guardarsi intorno per sentire l’irrefrenabile desiderio di fare i bagagli e dimenticarsi le proprie origini italiote, oppure trasferirsi al quartiere Sucate in via Giandomenico Puppa…

      … non sono milanese ma la storia di Sucate m’ha fatto scompisciare dalle risate 🙂 🙂

    14. Mirko ha detto:

      ..finalmente, bentornato.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *