MY BEST POST

COMMENTI RECENTI

  • agosto 2017
  • luglio 2017
  • maggio 2017
  • aprile 2017
  • marzo 2017
  • febbraio 2017
  • dicembre 2016
  • novembre 2016
  • ottobre 2016
  • settembre 2016
  • luglio 2016
  • maggio 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • febbraio 2016
  • gennaio 2016
  • dicembre 2015
  • novembre 2015
  • ottobre 2015
  • settembre 2015
  • agosto 2015
  • luglio 2015
  • giugno 2015
  • maggio 2015
  • aprile 2015
  • marzo 2015
  • febbraio 2015
  • gennaio 2015
  • dicembre 2014
  • novembre 2014
  • ottobre 2014
  • settembre 2014
  • agosto 2014
  • luglio 2014
  • giugno 2014
  • maggio 2014
  • aprile 2014
  • marzo 2014
  • febbraio 2014
  • gennaio 2014
  • dicembre 2013
  • novembre 2013
  • ottobre 2013
  • settembre 2013
  • agosto 2013
  • luglio 2013
  • giugno 2013
  • maggio 2013
  • aprile 2013
  • marzo 2013
  • febbraio 2013
  • gennaio 2013
  • dicembre 2012
  • novembre 2012
  • ottobre 2012
  • settembre 2012
  • agosto 2012
  • luglio 2012
  • giugno 2012
  • maggio 2012
  • aprile 2012
  • marzo 2012
  • febbraio 2012
  • gennaio 2012
  • dicembre 2011
  • novembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011
  • aprile 2011
  • marzo 2011
  • febbraio 2011
  • gennaio 2011
  • dicembre 2010
  • novembre 2010
  • ottobre 2010
  • settembre 2010
  • agosto 2010
  • luglio 2010
  • giugno 2010
  • maggio 2010
  • aprile 2010
  • marzo 2010
  • febbraio 2010
  • gennaio 2010
  • dicembre 2009
  • novembre 2009
  • ottobre 2009
  • settembre 2009
  • agosto 2009
  • luglio 2009
  • giugno 2009
  • maggio 2009
  • aprile 2009
  • marzo 2009
  • febbraio 2009
  • gennaio 2009
  • dicembre 2008
  • novembre 2008
  • ottobre 2008
  • settembre 2008
  • agosto 2008
  • luglio 2008
  • giugno 2008
  • maggio 2008
  • aprile 2008
  • marzo 2008
  • febbraio 2008
  • gennaio 2008
  • dicembre 2007
  • novembre 2007
  • ottobre 2007
  • settembre 2007
  • agosto 2007
  • luglio 2007
  • giugno 2007
  • maggio 2007
  • aprile 2007
  • marzo 2007
  • febbraio 2007
  • gennaio 2007
  • dicembre 2006
  • novembre 2006
  • ottobre 2006
  • settembre 2006
  • agosto 2006
  • luglio 2006
  • giugno 2006
  • maggio 2006
  • aprile 2006
  • marzo 2006
  • febbraio 2006
  • gennaio 2006
  • dicembre 2005
  • novembre 2005
  • ottobre 2005
  • settembre 2005
  • agosto 2005
  • luglio 2005
  • giugno 2005
  • maggio 2005
  • aprile 2005
  • marzo 2005
  • febbraio 2005
  • gennaio 2005
  • dicembre 2004
  • novembre 2004
  • ottobre 2004
  • settembre 2004
  • agosto 2004
  • luglio 2004
  • giugno 2004
  • maggio 2004
  • aprile 2004
  • marzo 2004
  • febbraio 2004
  • gennaio 2004
  • dicembre 2003
  • novembre 2003
  • ottobre 2003
  • settembre 2003
  • agosto 2003
  • luglio 2003
  • giugno 2003
  • maggio 2003
  • aprile 2003
  • marzo 2003
  • 27 luglio 2010

    TPW: THE FINAL CUT

    finita la settimana del tpw. molto difficile scrivere di questa esperienza. dico solo che è una cosa che tutti dovrebbero fare, anche e soprattutto quelli che non fanno i fotografi.

    non si parla infatti di fotografia neanche un secondo, si parla per giorni e per venti ore al giorno di come raccontare sè stessi in maniera trasparente e magari sincera, di come percorrere quel cammino sull’orlo dell’abisso che ci porta forse ad abbattere il muro che ci impedisce di volare.

    avrei mille cose da raccontare, mille frasi (marmo, ddc, d, b, m…), mille parole, mille risate, mille lacrime. difficile però, impossibile. meglio forse lasciare spazio alle parole di toni, che ci ha onorato della sua presenza. o al racconto di francesca.

    molto meglio però forse lasciare spazio alle immagini dei miei “sette tizi capitali”, i miei sette meravigliosi studenti (bisogna amarli gli studenti, affinchè scatti l’empatia…) che hanno fatto sette progetti tutti stupendi.

    lasciamo spazio alle loro immagini:

    1. Mirko Merchiori ha detto:

      …grazie della tua testimonianza….
      …Hide ‘n Seek e Abbandono motlo originali…
      …complimenti a tutti…

    2. Andrea Basile ha detto:

      Splendido, splendido, splendido.
      Tutti i progetti sono davvero bellissimi, alcuni mozzafiato. Da pelle d’oca.

      Il lavoro di Marco Cavalli è superlativo per me, divertente giocare a rincorrere il corpo nella fotografia, mi ha emozionato e mi sentivo sotto esame nel trovare la figura umana quasi fosse un test, una prova fra me e il fotografo. Bravo Marco! Ma bravi davvero tutti gli altri!

    3. Monica ha detto:

      Lavori eccezionali! Amo in modo particolare il progetto di Francesca Stella: di un’intensità e di una bellezza disarmanti!

    4. Francesca Stella ha detto:

      Ringrazio anche da qui tutti coloro che mi hanno manifestato in diversi modi/luoghi il proprio apprezzamento per il progetto. Fa uno strano effetto realizzare di essere riuscita a far arrivare a persone sconosciute un messaggio che in origine conoscevo bene solo io. Ed è una bella vertigine vedere un lavoro uscire dalle mura domestiche delle mie certezze.
      Ho scritto ormai un oceano di parole sul TPW e giustamente sarete anche stufi di avermi sempre tra le balle… Dico solo un’ultima cosa, che mi è balzata in mente poco fa, rileggendo una frase del mio blog: “sono certa che nessuno di noi sette d’ora in poi farà le cose allo stesso modo di prima”. Qualche mese fa Settimio, introducendo il suo workshop al TPW, disse queste parole: “dopo, niente sarà più come prima…”. E come direbbe lui, non è che ci siamo mandati un sms per metterci d’accordo…

      Ancora grazie di tutto, Settimio. Un abbraccio forte!

    5. m ha detto:

      complimenti, enormi

    6. Matteo ha detto:

      Complimenti! Bellissimi sono Senza(s)Senza e Scoprimi.

    7. Matteo Oriani ha detto:

      Francesca: sei stata “contagiata” dalle ombre! Mi piace il tuo progetto. Si vede che eri molto coinvolta. Brava.

    8. Marco Cavalli ha detto:

      E’ stata veramente un’esperienza straordinaria, totalmente al di fuori di quello che potevo immaginare.
      Se Stella non mi avesse messo la pulce nell’orecchio qualche mese fa e non avessi partecipato al TPW, ora sarei la stessa persona di sempre, ben diversa da quello che sono ora.
      Sono felice dei progetti di tutti, è stato grande il modo in cui ci siamo arrivati, quanta fatica e impegno ci abbiamo messo!
      E la cosa bella è che abbiamo creato un gruppo, ci siamo aiutati, confrontati, ed ora quel gruppo manca enormemente, come manca quel posto magico.
      Manca Settimio, che ha dato tutto sè stesso, che dal primo giorno si è insediato nelle nostre menti e ci ha fatto da guida, non ci ha insegnato nulla direttamente, ma ci ha messo ogni volta nelle condizioni di capire.
      Manca la simpatia di Giorgio, sempre pronto a dare consigli e condividere le proprie conoscenze.
      Manca la pallavolo. Manca tutto.
      Una delle cose più belle della settimana è stato andare a svegliare Settimio una mattina all’alba per chiedergli un parere sulle foto che avevo fatto… beh, se mi ha mandato a c….. non l’ha fatto direttamente ma comunque anche in questo caso mi ci ha fatto arrivare!! A parte gli scherzi, da questo aneddoto si capisce quanto lui si sia messo a nostra disposizione e lo ringrazio infinitamente, anche per i consigli di vita che mi ha dato, che cercherò in tutti i modi di seguire, coraggio permettendo.
      E comunque nulla si sarebbe potuto realizzare senza la bravura, la pazienza e l’intelligenza di Checchina e Simona, due ragazze che definire solamente “eccezionali” è come usare una stupida scorciatoia.
      Ringrazio tutte le persone che ho conosciuto e ho avuto il piacere di ascoltare, tra le quali Gabriele e Toni, ringrazio chi ha apprezzato il mio progetto azzeccando in pieno il suo senso, e concludo con una cosa delle cose più importanti che ho imparato da questa esperienza, e cioè che alle 5 di mattina non c’è un cazzo di luce 😉

    9. Francesca Stella ha detto:

      @ Matteo Oriani: grazie! Contagio osmotico inevitabile… Ho creduto in quel progetto perchè è arrivato in sorpasso da destra, bruciando in pochi metri l’altra idea che avevo in mente ma che non mi/ci convinceva. Sapevo da dov’era partito e lo vedevo da lontano nello specchietto retrovisore, mentre ero occupata a guardare avanti senza trovare la strada giusta… Quando mi è passato accanto, d’istinto ci sono saltata sopra e in pochissimo tempo mi ha portato a destinazione 🙂

    10. PAOLO ha detto:

      …avevo letto la stupenda (stupenda sottolineato) “recensione-commento” sul blog di Toni Thorimbert scritta con ultrapalpabile sincerità nel pieno del suo schietto stile, ma un piccolo margine di dubbio mi era effettivamente rimasto sul fatto che in pochi giorni si potessero sviluppare dei lavori di tal livello…
      Stavolta Settimio i complimenti te li faccio come “docente”!
      Guardando questi lavori è impossibile non vederci un particolare approccio mentale che ha fatto scaturire l’idea e di conseguenza il risultato! E il merito di ciò è certamente tuo.
      Senza nulla togliere agli altri il lavoro di Francesca… è secondo me eccezionale!
      Come pure le interpretazioni (non solo in questo lavoro) di FrancescaC.
      C’è solo da applaudire!

    Lascia il tuo commento