WWW.BENEDUSI.IT

I MIEI POST PREFERITI

COMMENTI RECENTI

archive

  • Maggio 2019
  • Gennaio 2019
  • Novembre 2018
  • Settembre 2018
  • Agosto 2018
  • Giugno 2018
  • Aprile 2018
  • Febbraio 2018
  • Gennaio 2018
  • Dicembre 2017
  • Novembre 2017
  • Settembre 2017
  • Agosto 2017
  • Luglio 2017
  • Maggio 2017
  • Aprile 2017
  • Marzo 2017
  • Febbraio 2017
  • Dicembre 2016
  • Novembre 2016
  • Ottobre 2016
  • Settembre 2016
  • Luglio 2016
  • Maggio 2016
  • Aprile 2016
  • Marzo 2016
  • Febbraio 2016
  • Gennaio 2016
  • Dicembre 2015
  • Novembre 2015
  • Ottobre 2015
  • Settembre 2015
  • Agosto 2015
  • Luglio 2015
  • Giugno 2015
  • Maggio 2015
  • Aprile 2015
  • Marzo 2015
  • Febbraio 2015
  • Gennaio 2015
  • Dicembre 2014
  • Novembre 2014
  • Ottobre 2014
  • Settembre 2014
  • Agosto 2014
  • Luglio 2014
  • Giugno 2014
  • Maggio 2014
  • Aprile 2014
  • Marzo 2014
  • Febbraio 2014
  • Gennaio 2014
  • Dicembre 2013
  • Novembre 2013
  • Ottobre 2013
  • Settembre 2013
  • Agosto 2013
  • Luglio 2013
  • Giugno 2013
  • Maggio 2013
  • Aprile 2013
  • Marzo 2013
  • Febbraio 2013
  • Gennaio 2013
  • Dicembre 2012
  • Novembre 2012
  • Ottobre 2012
  • Settembre 2012
  • Agosto 2012
  • Luglio 2012
  • Giugno 2012
  • Maggio 2012
  • Aprile 2012
  • Marzo 2012
  • Febbraio 2012
  • Gennaio 2012
  • Dicembre 2011
  • Novembre 2011
  • Ottobre 2011
  • Settembre 2011
  • Agosto 2011
  • Luglio 2011
  • Giugno 2011
  • Maggio 2011
  • Aprile 2011
  • Marzo 2011
  • Febbraio 2011
  • Gennaio 2011
  • Dicembre 2010
  • Novembre 2010
  • Ottobre 2010
  • Settembre 2010
  • Agosto 2010
  • Luglio 2010
  • Giugno 2010
  • Maggio 2010
  • Aprile 2010
  • Marzo 2010
  • Febbraio 2010
  • Gennaio 2010
  • Dicembre 2009
  • Novembre 2009
  • Ottobre 2009
  • Settembre 2009
  • Agosto 2009
  • Luglio 2009
  • Giugno 2009
  • Maggio 2009
  • Aprile 2009
  • Marzo 2009
  • Febbraio 2009
  • Gennaio 2009
  • Dicembre 2008
  • Novembre 2008
  • Ottobre 2008
  • Settembre 2008
  • Agosto 2008
  • Luglio 2008
  • Giugno 2008
  • Maggio 2008
  • Aprile 2008
  • Marzo 2008
  • Febbraio 2008
  • Gennaio 2008
  • Dicembre 2007
  • Novembre 2007
  • Ottobre 2007
  • Settembre 2007
  • Agosto 2007
  • Luglio 2007
  • Giugno 2007
  • Maggio 2007
  • Aprile 2007
  • Marzo 2007
  • Febbraio 2007
  • Gennaio 2007
  • Dicembre 2006
  • Novembre 2006
  • Ottobre 2006
  • Settembre 2006
  • Agosto 2006
  • Luglio 2006
  • Giugno 2006
  • Maggio 2006
  • Aprile 2006
  • Marzo 2006
  • Febbraio 2006
  • Gennaio 2006
  • Dicembre 2005
  • Novembre 2005
  • Ottobre 2005
  • Settembre 2005
  • Agosto 2005
  • Luglio 2005
  • Giugno 2005
  • Maggio 2005
  • Aprile 2005
  • Marzo 2005
  • Febbraio 2005
  • Gennaio 2005
  • Dicembre 2004
  • Novembre 2004
  • Ottobre 2004
  • Settembre 2004
  • Agosto 2004
  • Luglio 2004
  • Giugno 2004
  • Maggio 2004
  • Aprile 2004
  • Marzo 2004
  • Febbraio 2004
  • Gennaio 2004
  • Dicembre 2003
  • Novembre 2003
  • Ottobre 2003
  • Settembre 2003
  • Agosto 2003
  • Luglio 2003
  • Giugno 2003
  • Maggio 2003
  • Aprile 2003
  • Marzo 2003
  • 31 Marzo 2011

    WORKSHOP

    The two words that I despise the most in a photographic context are workshop and glamour, and it is not by chance that often enough they are found together.

    Let’s (unquestionably) leave glamour behind us and concentrate on workshop: I wonder how or why it is that nowadays Italy is saturated with them! Everyone is doing workshops!

    I wouldn’t want to be the usual egocentric pompous dickhead dude (all of which, we know, I am.. ), I would like to mind my own business, here and there.. But I can’t: know that, almost all (99%) the workshops that you see around are worth nothing, waste of time and money, held by complete amateurs (if they don’t know how to act how is it possible that they know how to teach?!?)! Here, I said it.

    One of the few professional spots in Italy where they can teach what can be taught in photography is the TPW

    .

    Also this year I will be there, towards the end of July

    : don’t come to me! There are much better teachers than me! Seriously!

    But in case you do want to take part in my course (last year my pupils created some amazing work

    !), to try and get you to understand what it is all about I asked Francesca Stella

    , a pupil of mine from last year, to write about her own experience. Her words:

    Never change the winning team: there where the content will be different as well as the teacher that I will follow this summer, I didn’t have a doubt in choosing again the TPW for another voyage within myself through photography. Last year Settimio was my Virgil, in a workshop about female nude, a genre I was exploring for the first time. The location was the Sant’Anna in Camprena monastery, forgotten in the timeless Tuscan hills. Thinking about it, my mind goes back to that little white room with the baked clay floors, the wooden furniture and the arched ceiling, where every night, despite the late hours and the tiredness setting in, I found myself writing what I called the “Letters from TPW”: moments to be engraved in my memory, mental notes that have since marked my approach to photography, knots that have tightened around the extraordinary people that I’ve met. I will report some excerpts, with the intent of giving back the authenticity of some sensations that I felt during that week.

    Day 1.

    I am anxiously waiting for what will happen inside me in only a week which announces itself to be rich in ideas and reflections. What do I expect? To bring back home photographs which will carry a deep meaning for myself, to put myself strongly under discussion and confront myself with other people with all their different experiences. I know it will also be a lot of fun – tonight we had already tears in our eyes for Settimio and Giorgio, his assistant, stories from their latest shoots – and now I am certain that I will never forget these days, all for me.

    Day 2

    My head was so bombarded today that has dropped, exhausted, all its tired weight on my legs. To think that, besides the group run we had this morning, I have been sitting practically all day. Settimio is a rare pearl, a light beacon, a shock wave. He stares right into you and turns you inside out. Stirs up, unties the knots, unravels the skein of doubts and all other questions you have always asked yourself, providing you with a key for reading, a universal formula.

    The project which I have in mind takes shape and starts developing hour after hour. I have to concentrate, close everything else outside and have silence inside me. What happened today in the lemon room (our “operating room” in the monastery) is not even far away imaginable for who was not there. One needs to take away all superstructures: remove, remove and remove more. Casting off, coming out in the open.

    Day 3

    Today I tasted the abyss. I saw it from afar, I took a run up and I jumped without a parachute: I took the most intense, heart felt and beautiful shots I have ever done. The aesthetic outcome is only a consequence of the fact that there is a deeper meaning that exists within what we photograph, and it cannot be otherwise. I am not here to use well my subjunctive and conditional, I am done with taking photographs for the sake of it and wonder around without compass. Now I have the key, the language and the connection with myself.

    Day 4

    An uninterrupted day of “psychoanalysis”. We are devastated… Settimio has consumed himself to the bone. Crisis, reflections on the final project, unexpected guests, disturbances, friendly voices, new hugs. Max Casting at sunset. And, at the end of the day, “the oak” by night: Vinicio Capossela at full blast, the moon with a million stars, a century old oak, high grass and soft hills. Unforgettable.

    Day 5

    I’ve shot for about an hour and a half in the middle of the fields, by the oak, and immediately after I ran to the lemon room to download the photos. Selected 14 shots, retouched quickly in black and white. They have such a strong energy and at the same time a disarming delicacy. Settimio presented them to the other lecturers as the best project by his group and I cannot contain the joy for this completely unexpected result. In a few hours there is the showcase with the other 44 participants to the TPW and I am already feeling the melancholy for the end of this unforgettable experience.

    Day 6

    I am on the Chiusi-Roma train, coming back from the TPW to the world XYZ, which I now see in a different light because I have a fourth dimension inside me. My legs are full of scratches, my feet prickled by brambles, my skin sun kissed, my shoes covered with crumbs from Tuscany. My clothes still savor the hugs from the group of new friends, my computer holds jealously the fruit of the “blood” that ran through this past week, the laughter and the irritations, the thousands of words shared for at least twenty hours daily with my fellow travelers. Everything that I experienced in Tuscany is now echoing in me with the force of a grand stadium. I saw the white of the light and the black of the shadows, I tasted the sweetness of a smile and the saltines of tears, sank my feet in the humid ground and waved my arms in the sky.

    I knew Settimio already, but obviously spending an entire week together, from the early morning volleyball game to the evening chit chat going through the thick sieve of his daily “didactic” sessions in the lemon room… well, it’s a whole different thing. I adore his sympathetic and witty ways but also harsh and very sharp, they way he throws in your face things shaking you from your usual mental attitudes full of cobwebs. He has thrown himself in the game in ways that he has never experimented himself, with the sole purpose to get his message across effectively.

    The phrase with which he opened the workshop was “I have two news for you, a good one and a bad one. The bad one is that I will not teach you anything. The good one is that you have nothing to learn”. We exchanged a lot, but Settimio has never shown imposed attitudes or didactic intentions: everything came out of us thanks to his maieutics. He offered us the vision of a complete turnaround of our attitudes towards photography – even though the subject carries on beyond the latter – and I am convinced that from now on we will do things in a completely different way than before. The concept of planning and the sense of telling a story are definitely the elements that will stay with me the most. Settimio’s strength is in his extreme sincerity in his way of carrying himself, in the transparency of his thoughts, in the capacity of mixing the highs and lows without ever getting bored. Thanks to this affectionately harsh guide I have overcome the point of no return, laying another important piece in my formation as a photographer and not just.

    1. MatteoF ha detto:

      io pensavo che odiassi anche “progetto”!
      beh, quello di ghettofotografia di Sara e’ stato bello, almeno ora vedo Ikea e Briko sotto una luce diversa! 😀

    2. settimio ha detto:

      quelli di sara lando, ragazza sveglia ed intelligente, fanno sicuramente parte di quell’uno per cento…

    3. Francesca Stella ha detto:

      Quest’anno vado di Anders Petersen, ma è la settimana prima del tuo e di Gabriele… facciamo che mi butto malata in ufficio e m’infilo clandestinamente nelle vostre aule! Mi mancherete 🙁 Baci!

    4. Stefano ha detto:

      Io mi sono preiscritto, se qualche pezzo di merda dei miei clienti mi pagasse pure, faccio sto bonifico e posso toccare Settimio Benedusi, cioè stringergli la mano 🙂

    5. Roberto ha detto:

      Settimio
      una domanda….posto che sono perfettamente d’accordo con te sui workshop (dove poi in realtà molti sono dei models sharing) tenuti da sedicenti fotografi “professionali” e professionisti in quanto titolare di partita IVA (per molti pare basti la PI per essere pro) che sono poi gli stessi che vendono/svendono i test shooting alle modelle imbelinandole millantando contatti e conoscenze presso agenzie di modelle (per poi scoprire che con le modelle vere e le agenzie manco ci hanno mai lavorato)……mi domando, anzi ti domando….ma parchè un odio verso il glamour? per l’uso a sproposito che viene fatto della parola (per molti docenti di workshop pare che anche il porno e l’erotico o il nudo da macellaio si possano mettere nel contenitore del glamour) o proprio per il concetto stesso di glamour? mi incuriosisce la cosa. Ciao e grazie.

    6. Lorenzo ha detto:

      Glamour Workshop e non dimentichiamoci di Fashion. Più di chi li organizza io non riesco a reggere chi vi partecipa, compra una fotocamera ed inizia a sentirsi un artista su modelshoot. Anche su Facebook è un fiorire di fotoamatori che si fanno chiamare “maestro”, da amici “invidiosi” e ragazzette che non hanno minimamente i requisiti di modella.

    7. Lela Porta ha detto:

      Provo a vendere un rene su ebay e poi mi iscrivo! 😉

    8. Anna ha detto:

      Quando fai così Benedusi sei proprio simpatico!

    9. Matteo Oriani ha detto:

      Il termine che piú mi infastidisce (o ridere, dipende dalla situazione) nel mio lavoro é Home Economist. Per chi non é del mestiere, con questo termine, in Italiano o forse solo in milanese, si indica una persona che prepara i piatti, i cibi per i servizi fotografici. La cosa piú imbarazzante é spiegare ad un anglofono cosa significa Home Economist in italiano!
      Buon workshop a tutti!

    10. Roberto ha detto:

      Matteo in effetti hai ragione….avendo parecchi amici nella foto di food mi par di capire che in molte/i ora si professano food stylist….non sò quale dei due sia peggio 🙂
      Settimio resto in curiosa attesa del glamour 🙂

      ciao

    11. Stella Bonasoni ha detto:

      Oddio grazie! Finalmente ritrovo i miei pensieri condivisi e messi per iscritto da qualcuno (tutti voi) che sa VERAMENTE lavorare. Persone a cui la foto fatta per “fare la foto” perché si è in possesso di una reflex fa venire ribrezzo e orticaria; persone per cui la ricerca e il lavoro profondamente costruito sono pilastri del racconto fotografico. Faccio i salti mortali, economici e non, per incrementare costantemente la mia formazione… e mi ritrovo a colloqui in cui il “fotografo” mi chiede con che luci ho fatto le mie foto, come ho ottenuto certi risultati, asserendo che il mio contributo al suo lavoro (?) sarà gratuito. La mia frustrazione ha trovato un leggero sollievo!

    12. Paolo ha detto:

      Ciao Settimio, ciao ragazzi/e, io mi sono iscritto semplicemente perchè mi riconosco in molte delle affermazione che ha fatto Settimio e che ho sentito nei vari video sparsi per la rete.
      Quindi, oltre che per la sua professionalità, mi sono iscritto anche per la persona, anche se non la consco, ma mi fido dei miei istinti!
      Ci si vede ad agosto!!!
      Paolo

    13. tatiana ha detto:

      …BELLISSIMO…

      ‘Sono sul treno Chiusi-Roma, di ritorno dal TPW al mondo XYZ, che ora guardo in modo diverso perché ho dentro una quarta dimensione. Le mie gambe sono piene di graffi, i miei piedi punzecchiati dai rovi, la mia pelle riscaldata dal sole, le mie scarpe ricoperte di briciole di Toscana. I miei vestiti hanno ancora il sapore degli abbracci di un folto gruppo di nuovi amici, il mio computer custodisce gelosamente il frutto del “sangue” scorso in quest’ultima settimana, delle risate e dei turbamenti, delle mille parole condivise almeno venti ore al giorno con i miei compagni di viaggio. Tutto ciò che ho vissuto in Toscana mi risuona dentro con la potenza di un impianto da stadio. Ho visto il bianco della luce e il nero delle ombre, assaporato il dolce di un sorriso e il salato delle lacrime, affondato i piedi nella terra umida e librato le braccia nel cielo.’

    14. corrado a. ha detto:

      Anche amemi provoca al 99% allergia il termine uorksciop…
      ne consegue che glamour ne sia la fase acuta.

      ciao

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *